La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli italiani e il risparmio Sintesi dei risultati Sondaggio realizzato da Abacus per ACRI in occasione della 77a Giornata Mondiale del Risparmio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli italiani e il risparmio Sintesi dei risultati Sondaggio realizzato da Abacus per ACRI in occasione della 77a Giornata Mondiale del Risparmio."— Transcript della presentazione:

1 Gli italiani e il risparmio Sintesi dei risultati Sondaggio realizzato da Abacus per ACRI in occasione della 77a Giornata Mondiale del Risparmio

2 2 Premessa ACRI rappresenta a livello nazionale le Fondazioni bancarie e le Banche del Sistema delle Casse di Risparmio e Banche del Monte italiane. In occasione della 77a Giornata Mondiale del Risparmio che si svolgerà il 31 ottobre, ACRI presenterà i risultati di unindagine di opinione presso un campione della popolazione italiana adulta. ACRI ha chiesto ad Abacus di condurre lindagine, il cui obiettivo sintetico è fornire indicazioni su opinioni e atteggiamenti dei risparmiatori in generale e in questo momento di estrema incertezza. Una sezione è inoltre dedicata agli effetti attesi dallintroduzione dellEuro.

3 3 In particolare, si desidera indagare: La propensione nei confronti del risparmio La reazione alle incertezze attuali sui mercati finanziari Come sono cambiati i comportamenti in materia di risparmi e di investimenti Gli italiani a fronte del passaggio dalla Lira allEuro: timori ed informazione La percezione del futuro, personale e delleconomiaObiettivi

4 4 Scheda tecnica Seconda settimana di Ottobre interviste presso un campione rappresentativo della popolazione italiana di età pari e superiore ai 18 anni, stratificato in base ai seguenti criteri: area geografica per ampiezza del centro sesso per età In corso di elaborazione dei risultati si è proceduto ad una ponderazione degli stessi al fine di riprodurre esattamente luniverso di riferimento. Periodo di rilevazione Tecnica di rilevazione Campione Ponderazione dei risultati Interviste telefoniche con tecnologia CATI – Computer Assisted Telephone Interviews

5 5 Caratteristiche del campione

6 6 Area geograficaAmpiezza centri Base: Totale Campione (1.000)

7 7 EtàSesso Età media: 46 anni 25% 75% Capofamiglia Caratteristiche del campione Base: Totale Campione (1.000)

8 8 Professione Titolo di studio OCCUPATI 48% Caratteristiche del campione Base: Totale Campione (1.000)

9 9 Percettori di reddito Caratteristiche del campione Casa di proprietà Base: Totale Campione (1.000)

10 10 Mutuo Caratteristiche del campione Previdenza privata Base: Totale Campione (1.000)

11 11 Propensione e atteggiamento nei confronti del risparmio

12 12 Note di commento Quasi la metà del campione intervistato (48%) dichiara di essere riuscito a risparmiare una parte del proprio reddito netto annuale degli ultimi 12 mesi. In realtà, analizzando nel dettaglio chi è riuscito a risparmiare qualcosa, scopriamo che: - -per la metà di costoro, la porzione accantonata non è superiore al 10% del reddito percepito - - il 38% ha limpressione di essere riuscito a risparmiare meno rispetto allanno precedente, a fronte di un 21% che dichiara di aver risparmiato di più. Abbiamo rilevato anche una percentuale non indifferente di italiani che hanno speso più di quanto risparmiato, andando quindi ad intaccare il proprio capitale pregresso (10%) o addirittura ricorrendo a prestiti (3%). Per quanto riguarda le attese di risparmio per il prossimo anno, la situazione non è lineare: - -a totale campione la percentuale di chi pensa di riuscire a risparmiare di più rispetto a questanno è superiore a quella dei pessimisti (27% contro 24%) - - se restringiamo lanalisi a chi è effettivamente riuscito a risparmiare nel 2001, scopriamo che gli ottimisti cedono il passo a chi si attende invece una riduzione dei propri risparmi. Probabilmente questo è dovuto allesperienze effettivamente vissuta negli ultimi 12 mesi dove, come indicato in precedenza, cè da parte dei risparmiatori la sensazione di aver accantonato meno dellanno precedente.

13 13 La maggioranza degli italiani (60%) si identifica in un risparmiatore tranquillo, non è disponibile a troppe rinunce per poter accumulare un capitale. E interessante osservare come, proprio allinterno di questo gruppo, si concentri la maggior parte di chi effettivamente è riuscito a mettere da parte qualcosa negli ultimi 12 mesi. Al contrario, chi vive il risparmio in modo più ansioso, spesso non è riuscito a risparmiare nellultimo anno. In questo gruppo troviamo, in particolare, le donne e le persone più anziane. Le cicale rappresentano soltanto il 12% del campione. Ma perchè risparmiano gli italiani? Su questo il campione si divide: - -per circa la metà il risparmio è fine a se stesso, puro incremento del proprio capitale (in particolare le persone più anziane) - - per laltra metà esiste un progetto più o meno definito per cui risparmiare. In particolare, per questo secondo gruppo, il futuro dei propri figli e la casa di proprietà rappresentano gli obiettivi prioritari. Non indifferente è anche la preoccupazione per il proprio avvenire: la garanzia di una vecchiaia serena e la capacità di far fronte agli imprevisti della vita. Note di commento

14 14 Risparmio negli ultimi 12 mesi A1. Negli ultimi 12 mesi Lei/ la sua Famiglia è riuscito/a a risparmiare parte del reddito guadagnato? Base: Totale Campione (1.000)

15 15 Porzione del reddito 2001 risparmiata Meno del 10% del reddito: 50% Tra il 10% e il 20% del reddito: 25% Oltre il 20%:18% Non indica7% A2 Quanto è riuscito a risparmiare del suo reddito annuale netto? Base: percettori di reddito che hanno risparmiato (373)

16 16 Risparmio 2000 – 2001 A3. Nel corso del 2001, Lei pensa di riuscire a risparmiare di più o di meno rispetto allanno scorso, cioè al 2000? Base: percettori di reddito che hanno risparmiato (373)

17 17 Risparmio A4. E nel corso dei prossimi 12 mesi, cioè nel 2002, Lei pensa di riuscire a risparmiare di più o di meno rispetto a questanno? Base: hanno risparmiato nel 2001 (475) Base: Totale Campione (1.000)

18 18 Atteggiamento verso al risparmio A5. In fatto di risparmio, quale di queste 3 affermazioni descrive meglio il Suo pensiero?… Donne :32% Over 55: 35% Ha risparmiato nel 2000: 73% Base: Totale Campione (1.000)

19 19 Obiettivi del risparmio A8. Mi potrebbe dire quali delle seguenti affermazioni si avvicina di più ai motivi per cui risparmia? A7. In generale, Lei risparmia e reinveste per incrementare il tenore di vita … oppure ha un progetto specifico per il quale risparmia…? Per garantire il futuro dei miei figli39% Per acquistare una proprietà immobiliare/ fondiaria33% In caso di problemi o imprevisti30% Per una vecchiaia serena e tranquilla27% Per un acquisto importante 14% Per avere un'attività autonoma/ in proprio (azienda / negozio.)7% Base: Chi risparmia per un progetto specifico ( 361) Base: percettori di reddito (741) Over 55: 56%

20 20 Gli investimenti

21 21 Note di commento E piuttosto singolare il fatto che circa la metà (47%) di chi percepisce un reddito ritenga di non reinvestire i propri risparmi ma preferisca tenerli sul conto corrente. La propensione allinvestimento sembra essere direttamente correlata al livello di istruzione. Nella scelta degli investimenti, i criteri guida sono dominati da una tendenziale avversione al rischio che si declina come preferenza per attività sicure e protette e facilmente liquidabili. Il guadagno a lungo termine è inoltre lievemente più considerato rispetto al mordi e fuggi che sembra essere più gradito da chi ha una bassa propensione al risparmio. Questa avversione al rischio si conferma attraverso lanalisi di altri 2 parametri: - - il 77% degli italiani, di fronte a una scelta secca, preferirebbe un reddito sicuro e basso ad uno alto ma incerto - - nel dare un giudizio di accordo su alcune affermazioni relative agli investimenti, si denota una certa diffidenza nei confronti delle azioni (sono una scommessa, si adattano solo a chi ha molti soldi) In questo stesso ambito emergono i primi effetti delle recenti incertezze sui mercati finanziari. Una buona percentuale di risparmiatori si sente confusa (36%) e la metà ritiene di doversi affidare a professionisti per affrontare un periodo difficile come quello attuale. Chi invece pensa che nei periodi incerti sia meglio essere più coraggiosi nella scelta degli investimenti, sembra parlare con poca cognizione di causa: si tratta soprattutto di persone con bassa propensione al risparmio e meno istruite.

22 22 Note di commento Pochi hanno piena fiducia in se stessi su come investire i propri risparmi. Solo l1% si considera un vero esperto e solo il 10% dice di cavarsela. Si tratta in particolare di chi ha anche una propensione al rischio più alta della media, di chi ha più mezzi da investire e di chi non di rado decide in piena autonomia gli impieghi del proprio risparmio. In generale la maggioranza dei percettori di reddito ha scarsa fiducia nei propri mezzi. In questo gruppo sono più rappresentate le donne e gli abitanti delle regioni centrali. Questa situazione genera un alta propensione a confrontarsi o ad affidarsi a figure professionali nelle proprie decisioni di investimento. Solo il 10% decide in piena autonomia, mentre la maggior parte ritiene doveroso consigliarsi con altre persone: in particolare le figure con cui ci si consiglia si trovano sia nellambito familiare (83%), sia al di fuori di esso (84%), con una forte sovrapposizione. Inoltre, un 20% del nostro campione rinuncia completamente a decidere dei propri investimenti, affidando del tutto la gestione a terze persone (spesso al di fuori della famiglia). Questa situazione genera un notevole spazio per i consulenti delle banche: il 38% dei risparmiatori consulta queste figure, ed un 9% si affida completamente ad essi. Nel valutare il proprio risparmio la metà dei percettori di reddito considera solamente aspetti legati al puro rendimento. Non è tuttavia indifferente la percentuale di chi, almeno a livello dichiarato, denota attenzione anche al come: in particolare sono i giovani, sono persone ottimiste sul proprio futuro, ma anche preoccupate per levolvere della situazione economica internazionale. Essi desiderano non finanziare attività illecite, e sono interessati a poter contribuire ad alcune realtà transnazionali (25% coop. nel terzo mondo, org. benefiche, finanza etica, agricoltura biologica) ed alla ricaduta locale degli effetti del proprio risparmio (24%) più che a quella nazionale (18%): in altre parole si profila un atteggiamento glocal.

23 23 Dal risparmio allinvestimento A6. In generale, Lei reinveste almeno una parte dei suoi risparmi, oppure li mantiene liquidi, sul conto corrente? Base: Percettori di reddito (741) Bassa istruzione: 53% Laurea: 34%

24 24 Criteri generali di scelta degli investimenti Posizione media (posizione 1a – 4a) B4. Quando Lei decide di investire i suoi risparmi a quali di questi aspetti dà maggior valore? E poi…? (In ordine dal più importante – 1 a posizione - al meno importante – 4 a posizione) % della 1a posizione 38% 39% 14% 9% Bassa propensione al risparmio: 18% Base: Totale Campione (1.000)

25 25 Avversione al rischio D9. Lei preferirebbe un reddito… 18/34 anni: 21% Base: Totale Campione (1.000)

26 26 Atteggiamenti verso linvestimento TOP 3: % di voti B5. Per ciascuna frase Lei mi dica quanto è daccordo usando una scala da 1 a 10 dove 10 significa che Lei è completamente daccordo e 1 che non è assolutamente daccordo Bassa prop. risp.: 44% Elem./ Medie: 40% Reinveste molto: 23% Laurea: 17% Base: Totale Campione (1.000)

27 27 Esperienza negli investimenti B6. In materia di investimenti, Lei si considera … Fiducia in sé stesso come investitore: 42% Reinveste gran parte: 54% Propensi al rischio: 49% Poca fiducia in sé stesso come investitore: 58% Centro: 64% Donne: 64% Base: Percettori di reddito (741)

28 28 Processo decisionale dellinvestimento B7/8/9. In materia di investimenti, Lei … Con la Famiglia83% Con altri84% …tra cui col consulente della Banca 44% Base: si consiglia(500) Delega a familiari27% Delega ad altri73% …tra cui al consulente della Banca44% Base: si affida(151) Sul totale dei percettori di reddito, il 38% considera comunque lopinione del consulente della Banca Base: Percettori di reddito (741) Non risponde 3%

29 29 Interesse verso come sono impiegati i risparmi B10 Nel momento in cui investe dei risparmi, Lei si interessa principalmente di quanto rendono, oppure tiene in considerazione anche dove verrà investito il suo denaro? B11.Lei considera importante dove verrà investito…. Mi potrebbe dire con quale delle seguenti affermazioni si trova più daccordo? No attività illecite Contributo...alle coop. nel terzo mondo, le org. benefiche, finanza etica, agricoltura biologica Contributo allo sviluppo della zona in cui risiedo Contributo allo sviluppo economico dell'Italia Non finanziare industrie ed attività che non condivido 18/34 anni: 52% Base: Percettori di reddito (741) Base: Considerano dove verranno investite i propri risparmi (299)

30 30 Reazione allincertezza

31 31 Note di commento Abbiamo già potuto appurare come lincertezza di questi giorni abbia modificato gli atteggiamenti nei confronti dei mercati azionari, ed abbia generato una certa apprensione sul cosa fare (ultimamente mi sento un po confuso su come investire…). Sollecitato direttamente, una parte del campione (22%) ritiene di far fronte alle nuove preoccupazioni risparmiando di più, contro un modesto 7% che considera sia più opportuno risparmiare meno. La grande maggioranza (2/3 del campione) non varierà comunque il proprio comportamento in quanto a risparmio. Analoga situazione per quanto riguarda linvestimento: il 20% ritiene sia il momento giusto per investire, in particolare le persone con più fiducia in se stesse come investitori e – ovviamente – gli ottimisti sul futuro delleconomia mondiale. Il 12% sembra essere colto da timori, e considera lopzione più gettonabile quella di liberarsi dei propri investimenti; in particolare ciò è vero per le persone con minore livello di istruzione, e per quelli già poco propensi ad investire. Al campione abbiamo chiesto di indicare che impiego conviene dare ai propri risparmi in questo frangente di estrema incertezza. Vince il mattone, con il 39% delle indicazioni, seguito logicamente dal gruppo degli strumenti finanziari più sicuri, in primis i Titoli del debito pubblico. Agli ultimi posti i fondi, assimilati per rischio e incertezza alle azioni. Rispetto ad altre rilevazioni condotte da Abacus precedentemente alle ultime vicende internazionali, le differenze più significative consistono in un incremento di chi ritiene sia meglio mantenere i risparmi sul conto corrente e di chi consiglia di spendere i propri soldi.

32 32 Risparmio e investimento nellincertezza B3 Ed in questo momento conviene investire o disinvestire? A9. In questi giorni di grande incertezza sul futuro delleconomia mondiale, Lei cercherà di risparmiare… Bassa istruione.: 18% Bassa Prop. al risp. 20% Fiducia in sè come inv: 26% Fiducia economia mond. 24% Base: Percettori di reddito (741)

33 33 Come investire il risparmio nellincertezza? B2. Come investire al meglio i risparmi in una situazione di incertezza? Base: Totale Campione (1.000)

34 34 Euro

35 35 Note di commento Gli italiani sembrano attendere con sempre maggiore fiducia e tranquillità larrivo della moneta unica europea. In questo linformazione gioca un ruolo fondamentale, come per altro confermato da altri studi recentemente condotti da Abacus e da altri Istituti italiani di primario livello. Gli anelli deboli – in questo contesto – sembrano essere soprattutto le donne (che risultano anche meno informate) e le persone meno istruite. Ma che effetto avrà lEuro sui nostri risparmi? In generale i nostri intervistati sanno che i risparmi avranno lo stesso valore, poiché riconoscono il passaggio dalla Lira allEuro come una semplice conversione nominale. Solo una modesta parte ritiene che i risparmi perderanno di valore: sono in generale persone preoccupate dalla poca stabilità dellEuro, dai rischi inflazionistici, dalle ansie collegate al problema degli arrotondamenti ed al rischio di truffe e confusione. Cè anche un 12% di ottimisti che ritengono possibile un incremento di valore dei risparmi, dovuto al fatto che considerano leuro una moneta forte e stabile, ed hanno una sorta di fiducia nel cambiamento, magari collegato allampliarsi del mercato. Il nostro campione non ritiene che lintroduzione dellEuro possa generare una variazione nel risparmio, oltre il 70% dichiara che non muterà le proprie abitudini. Cè quindi un clima di generale ottimismo verso i benefici effetti dellEuro sullItalia, magari stemperato da qualche rischio inflazionistico (31% degli intervistati, ma solo il 21% presso i laureati), e dalla bassa fiducia che lintroduzione dellEuro possa avere un effetto positivo sulloccupazione, pur inducendo una maggiore competitività delle imprese italiane. Secondo il nostro campione saranno soprattutto le grandi aziende e le banche a beneficiare dellintroduzione dellEuro. Le categorie ritenute meno favorite saranno, in modo quasi pregiudiziale, i lavoratori dipendenti, i pensionati e i consumatori in genere. Chi attende lEuro con fiducia crede in un guadagno di efficienza dei settori finanziari più di quanto faccia la media degli intervistati: in particolare sono più ottimisti sui vantaggi che la moneta unica porterà sia agli investitori, sia a chi necessita di un finanziamento.

36 36 Euro: Fiducia ed Informazione C0. Lei attende lintroduzione dellEuro…?C0. E quanto si ritiene informato? Donne: 49% Elementari /Medie: 43% Informati: 63% Non informati: 37% Uomini: 75% Fiducia Euro: 79% Base: Totale Campione (1.000)

37 37 Euro: effetto sul valore del risparmio C2. Secondo Lei con lintroduzione dellEuro, i nostri risparmi avranno …? C2bis. Perché? Moneta più forte e più credibile 23% Moneta più stabile / Meno inflazione19% Fiducia nel cambiamento12% Ci sarà un mercato più vasto 9% L'Italia sarà al livello degli altri / sarà più forte7% Euro poco stabile / rischio inflazione /svalutazione16% Paura per gli arrotondamenti15% Confusione / errori / truffe9% Moneta debole / perde valore6% Poca fiducia / paura / inutile5% E' lo stesso / solo un cambio contabile / non c'è differenza / cambia solo l'unità di misura 75% Ho fiducia 1,6% Non so: 14% Base: Totale Campione (1.000)

38 38 Euro: effetto sulla propensione al risparmio C3. E lei ritiene che dopo lintroduzione dellEuro, risparmierà di più o di meno? Base: Totale Campione (1.000)

39 39 Euro: conseguenze C4. Le leggerò ora una serie di conseguenze che potrebbe avere lintroduzione dellEuro sulla vita di tutti. Mi dica quanto è daccordo con ciascuna affermazione su una scala da 1 a 10, dove 10 significa completamente daccordo e 1 per niente daccordo MEDIA SU SCALA 1 (per niente daccordo) - 10 (totalmente daccordo) Base: Totale Campione (1.000)

40 40 Euro: conseguenze C4. Le leggerò ora una serie di conseguenze che potrebbe avere lintroduzione dellEuro sulla vita di tutti. Mi dica quanto è daccordo con ciascuna affermazione su una scala da 1 a 10, dove 10 significa completamente daccordo e 1 per niente daccordo Top 3 = % giudizi Laureati: 21%Elem. medie: 24% Investe: 44% Eurofiducioso: 36% Base: Totale Campione (1.000)

41 41 Euro: chi ci guadagna? C5. Vorrei ora sapere chi sarà avvantaggiato o svantaggiato dallintroduzione dellEuro. Iniziamo con … saranno più avvantaggiato o più svantaggiate. Base: Totale Campione (1.000), Fiduciosi (625)

42 42 Euro: chi ci perde? C5. Vorrei ora sapere chi sarà avvantaggiato o svantaggiato dallintroduzione dellEuro. Iniziamo con … saranno più avvantaggiato o più svantaggiate. Base: Totale Campione (1.000), Fiduciosi (625)

43 43 Euro: saldo tra chi perde e chi guadagna C5. Vorrei ora sapere chi sarà avvantaggiato o svantaggiato dallintroduzione dellEuro. Iniziamo con … saranno più avvantaggiato o più svantaggiate. Le grandi aziende Le banche I commercianti / autonomi Le piccole imprese Chi investe in Borsa I piccoli risparmiatori Chi ha denaro a prestito I consumatori Dipendenti e i pensionati Base: Totale Campione (1.000), Fiduciosi (625)

44 44 Aspettative per il futuro

45 45 Note di commento Allargando la prospettiva alle opinioni generali in materia economica, scopriamo che 2 italiani su 3 sono, tutto sommato, molto o abbastanza soddisfatti della propria attuale situazione economica. I più appagati sembrano essere gli uomini, gli abitanti delle regioni del Nord Est e chi nel corso degli ultimi 12 mesi è riuscito a risparmiare parte del proprio reddito E per il futuro? La percezione che gli intervistati hanno è nella maggior parte dei casi (53%) di una sostanziale stabilità della propria condizione. Gli ottimisti prevalgono comunque sui pessimisti. I giudizi tendono invece a polarizzarsi maggiormente spostando lottica dal personale al nazionale e allinternazionale. Diminuisce progressivamente la percentuale di chi prevede stabilità, aumenta il numero di chi prevede un peggioramento ma soprattutto di chi vede il futuro con ottimismo. Infatti, oltre la metà del campione (53%), ipotizza che la propria situazione economica personale rimarrà più o meno uguale, contro un 37% che prevede dei miglioramenti e solo il 7% dei peggioramenti; per quanto riguarda la situazione dellItalia, il 44% si attende un miglioramento, ed il 13% un peggioramento; analogamente, gli ottimisti riguardo alla situazione economica internazionale sono il 40%, contro un 14% di pessimisti. Inoltre osserviamo un progressivo aumento di chi non fornisce indicazioni man mano che si allontana dalla propria ottica personale: solo il 4% non riesce a formulare aspettative sul proprio futuro, contro il 18% che non ha idea dellevoluzione economica internazionale. Trasversalmente ai livelli, i più ottimisti sono gli abitanti del Sud Italia e gli uomini; i giovani viceversa hanno una chiara percezione di andare incontro ad un miglioramento personale (ottimismo), mentre la loro percezione della situazione italiana e mondiale non differisce da quella delle persone più anziane. Questo tendenziale ottimismo giovanile e stemperato da una maggiore apprensione riguardo al proprio futuro dopo la cessazione dellattività lavorativa. Se in generale il 15% della popolazione è preoccupata per la pensione, tra i giovani questa percentuale sale al 21%

46 46 Soddisfazione riguardo la propria attuale situazione economica D1. Lei quanto è soddisfatto della Sua attuale situazione economica? Soddisfatti: 65% Abbastanza Molto Poco Per niente Insoddisfatti: 35% Base: Totale Campione (1.000)

47 47 Aspettative per i prossimi 3 anni D2. Se pensa ai prossimi 3 anni, Lei pensa che la Sua situazione economica … D3. E sempre nei prossimi 3 anni, Lei pensa che la situazione economica italiana…) D4. E sempre nei prossimi 3 anni, Lei pensa che la situazione economica internazionale… Base: Totale Campione (1.000)

48 anni: 56% Aspettative per i prossimi 3 anni D2. Se pensa ai prossimi 3 anni, Lei pensa che la Sua situazione economica … D3. E sempre nei prossimi 3 anni, Lei pensa che la situazione economica italiana…) D4. E sempre nei prossimi 3 anni, Lei pensa che la situazione economica internazionale… Base: Totale Campione (1.000) …migliorera

49 49 Preoccupazione per la pensione D7. Lei quanto è preoccupato del Suo futuro economico dopo il pensionamento? 18/34: 21% Preoccupati per lEuro: 22% Base: Percettori di reddito (741)


Scaricare ppt "Gli italiani e il risparmio Sintesi dei risultati Sondaggio realizzato da Abacus per ACRI in occasione della 77a Giornata Mondiale del Risparmio."

Presentazioni simili


Annunci Google