La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stucchi tradizionali e stucchi epossidici a confronto Seminario di restauro ligneo "Dalle antiche vernici ai moderni trattamenti di pulitura" Villar Focchiardo,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stucchi tradizionali e stucchi epossidici a confronto Seminario di restauro ligneo "Dalle antiche vernici ai moderni trattamenti di pulitura" Villar Focchiardo,"— Transcript della presentazione:

1 Stucchi tradizionali e stucchi epossidici a confronto Seminario di restauro ligneo "Dalle antiche vernici ai moderni trattamenti di pulitura" Villar Focchiardo, 4 Maggio 2007 C.T.S. S.r.l.

2 IL PROBLEMA DEGLI STUCCHI L'applicazione degli stucchi sui manufatti lignei è una delle operazioni di routine, ma che raramente è stata studiata. In presenza di una lacuna nellopera lignea un intervento tradizionale è quello dellinserimento di un tassello di legno, con caratteristiche simili a quello originale. Problematiche della tassellatura: necessità di una manualità elevata differente risposta del tassello alle variazioni termoigrometriche inevitabile perdita di materiale originale. doppio aspetto del tassello: una massa, che va a riempire la cavità, ed un adesivo che tiene vincolato il tassello al manufatto originale. Questi due aspetti coesistono negli stucchi, e la loro composizione riflette questa esigenza, suddividendo i compiti tra gli inerti (bulking agents), che devono riempire lo spazio, ed i leganti (binders), con proprietà adesive.

3 Definizione di stucco Uno stucco (in inglese filler) è definito come un materiale dalle seguenti proprietà: consistenza pastosa, che acquista durezza in breve tempo discrete proprietà adesive minimo ritiro con lessiccamento discreta lavorabilità al termine dellessiccamento buone proprietà di durata nel tempo inerzia chimica nei confronti del substrato Altre proprietà desiderabili, ma non strettamente necessarie, sono: facilità di utilizzo inattaccabilità da parte dei microrganismi facilità di colorazione buona definizione (caso delle riproduzioni in stampi in silicone)

4 Selezionare uno stucco Nella selezione di uno stucco devono essere valutate: la possibilità che il legno sia sottoposto in futuro a movimenti stress sullinterfaccia della stuccatura. la resistenza meccanica del manufatto. I movimenti possono essere causati da: omovimenti della struttura di un edificio. oVariazioni di temperatura (irraggiamento, riscaldamenti uso civile,...). oVariazioni di umidità relativa (risalite capillari, riscaldamenti uso civile,...). oMovimenti dovuti all'utilizzo del manufatto

5 Uno stucco molto rigido e tenace, inserito in un oggetto fragile e destinato a muoversi, porterà ad una rottura del manufatto stesso. In questo caso è meglio orientarsi su di uno stucco non- strutturale elastico e sicuramente poco adesivo, cosicché al momento del movimento si abbia un analogo movimento dello stucco, o al limite un suo distacco. Stucco strutturale o non-strutturale (estetico)? dipende dalla resistenza del legno Funzione strutturale = possiede la capacità di sostenere un peso, tenere uniti due pezzi, ecc...

6 Stucchi tradizionali Tipo di stuccoProblematiche Proteico (colla dossa, di coniglio, caseina) Presenza dacqua Ritiro Scarsa adesione al supporto A gommalaccaPiccole stuccature A ceraSolo estetico Migrazione del legante A olio di lino e biaccaEccessiva rigidità Inerti: gesso da doratori, carbonato di calcio, caolino, polvere di alabastro, polvere di legno, o una miscela degli stessi

7 Stucchi moderni Tipo di stuccoVantaggiProblematiche Vinilico (Modostuc) Facilità di impiego Presenza dacqua Ritiro Irrigidimento del legante PoliuretanicoCompatti: rigidità Schiume: degrado Poliestere (Sintolegno) Rapidità di catalisi Elevata rigidità Vetrosità (impossibilità di intaglio) Epossidico (Araldite SV 427 Epo 127) No ritiro Elevata resistenza Eccessiva rigidità e resistenza Irreversibilità

8 Balsite: i vantaggi Estrema leggerezza (0,55 Kg/lt). Reversibilità meccanica e chimica. Minimo ritiro (<1%) nella fase di indurimento. Inerzia chimica ed elevata stabilità nel tempo. Impermeabilità e minima sensibilità alle variazioni termoigrometriche. Buon potere adesivo. Facilità di utilizzo ed elevata modellabilità. Ottima intagliabilità una volta indurita. Bassa tossicità per loperatore. Possibilità di colorazione dellimpasto e di effettuare finiture superficiali (verniciature, ammanniture,...). Bassa rigidità e modulo elastico vicino a quello del legno.

9 Caratteristiche chimico-fisiche *legno dabete sano, stagionato, asciutto BalsiteEpo 127Araldite SV427 Aspettopasta tixotropica Coloremarrone chiaromarrone Densità apparente0,55 g/cm 3 0,77 g/cm 3 0,6 g/cm 3 Tempo di lavorabilità a 20°C40 a 20°C Tempo di presa24 h a 20°C140' a 20°C12 h a 20°C Tg65°C ca. Resistenza a flessione 14 MPa>25 MPa20-25 MPa Resistenza compressione 13 MPa>30 MPa20-25 MPa Aderenza su legno*<8 MPa>8 MPa

10 Reversibilità Grazie alla sua particolare formulazione la Balsite ® presenta una bassa resistenza meccanica e può essere rimossa con estrema facilità tramite sgorbie, bisturi, micromotori. La reversibilità della Balsite ® può essere ottenuta anche tramite solventi polari: il suo rigonfiamento è molto graduale, e per questo si consiglia lutilizzo di solventi con evaporazione lenta, come il dimetilsolfossido.

11 Restauro di una cornice Studio Carlotta Beccaria Milano (2006)

12

13

14 Tassellatura Balsa-Balsite Cristo ligneo - Maria Vittoria Saccarello - Viterbo ° Fase: regolarizzazione della superficie precedentemente consolidata con Paraloid B-72

15 Tassellatura Balsa-Balsite 2° Fase: inserimento dei tasselli di balsa trattati con Paraloid B-72 e incollati con Balsite

16 Tassellatura Balsa-Balsite 3° Fase: inserimento dei pezzi mancanti

17 Croce astile della Collegiata di SantOrso in Aosta Diploma OPD di Barbara Pinto Folicaldi – Relatore Giorgio Pieri (2003)

18 Croce astile della Collegiata di SantOrso in Aosta

19

20 Ricostruzione elementi lignei Tesi di diploma ICR di Chiara Munzi e Cristiana Ciocchetti Diluizione con il 12% di alcool etilico denaturato

21

22

23 Bibliografia Canocchi G., Gigli M.C., Mazzoni M.D., Stiberc P.; La lacuna nella scultura lignea. Problematiche dintervento in Lacuna, Ed.Edifir, Firenze, Grattan D.W., Barclay R.L.; A study of gap-fillers for wooden objects Studies in Conservation, 33 (1988), Turco A.; Coloritura, verniciatura e laccatura del legno, 1995, Ed.Hoepli, Milano Podmaniczky M.S.; Structural fills for large wood objects: contrasting and complementary approaches Journal of American Institute for Conservation, (1998), Vol.37, n°1, Castelli C.; Santacesaria A.; Il restauro dei supporti lignei in Dipinti su tavola, Ed.Edifir, Firenze. Barandiaran M. et al.; Estudio de materiales de relleno Restauración & Rehabilitación, Storch P.S.; Fills for bridging structural gaps in wooden objects, Journal of American Institute for Conservation, (1994), Vol.33, n°1, Megna B. et al.; Luso delle cariche cellulosiche per migliorare la compatibilità col legno dei materiali polimerici utilizzati nella stuccatura delle fessure III Congresso Nazionale GI-IIC, Palermo, Settembre 2005,


Scaricare ppt "Stucchi tradizionali e stucchi epossidici a confronto Seminario di restauro ligneo "Dalle antiche vernici ai moderni trattamenti di pulitura" Villar Focchiardo,"

Presentazioni simili


Annunci Google