La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ENERGIA ELETTRICA. Generalmente la produzione di energia elettrica, o meglio corrente elettrica, avviene mediante opportune macchine elettriche dette.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ENERGIA ELETTRICA. Generalmente la produzione di energia elettrica, o meglio corrente elettrica, avviene mediante opportune macchine elettriche dette."— Transcript della presentazione:

1 ENERGIA ELETTRICA

2 Generalmente la produzione di energia elettrica, o meglio corrente elettrica, avviene mediante opportune macchine elettriche dette alternatori. Gli alternatori trasformano l’energia cinetica di un asse in rotazione in energia elettrica.

3 Nella quasi totalità dei casi la rotazione dell’asse dell’alternatore è generata da una turbina. La turbina può essere spinta da acqua, ed allora parliamo di energia idrica(centrali idroelettriche,centrali a maree

4 Dal vapore ed allora parliamo di energia termica(centrali termoelettriche, geotermiche, nucleari),

5 Dal vento ed allora parliamo di energia eolica (centrali eoliche).

6 Discorso a parte meritano le centrali elettriche che utilizzano i pannelli solari fotovoltaici i quali trasformano direttamente l’energia solare in energia elettrica.

7 In tema di difesa dell’ambiente e risparmio energetico (considerando gli attuali costi del petrolio e i vincoli del protocollo di Kyoto sulla quantità di gas serra da immettere nell’atmosfera) importanza fondamentale hanno le centrali elettriche che funzionano con fonti di energia rinnovabili, le centrali idroelettriche, le termoelettriche, l’energia eolica e quella solare.

8 CHI GESTISCE L’ENERGIA ELETTRICA?

9 Il Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. (GME) è la società, costituita dal Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale S.p.A. (attualmente Gestore dei Servizi Energetici - GSE S.p.A.), a cui è affidata l’organizzazione e la gestione economica del mercato elettrico, secondo criteri di neutralità, trasparenza, obiettività e concorrenza tra produttori e che assicura, inoltre, la gestione economica di un’adeguata disponibilità della riserva di potenza CHI È IL GME?

10 CHI GESTISCE LA RETE?

11 Terna è il primo operatore indipendente in Europa e sesto al mondo per chilometri di linee elettriche gestiti. L' assetto societario di Gruppo è costituito dalla holding, Terna Spa, da cui dipendono due società operative interamente controllate: Terna Rete Italia e Terna Plus, ciascuna con un proprio Consiglio di Amministrazione. Il servizio svolto da Terna in Italia è indispensabile per il funzionamento dell'intero sistema elettrico e per assicurare l'energia elettrica a tutti, cittadini e imprese. Il ruolo da protagonista svolto rende Terna responsabile del servizio verso l'intera collettività nazionale anche se gli utenti finali del servizio elettrico non sono clienti diretti dell'Azienda, ma delle società di distribuzione e vendita dell'energia elettrica. Il senso di responsabilità per un servizio di interesse generale è parte fondamentale della cultura lavorativa aziendale CHI È TERNA?

12 DA RICORDARE AL CLIENTE IN FASE DI VENDITA: Il cambio operatore non comporta alcun intervento sul contatore ed alcun costo addizionale Il cliente ha la possibilità di cambiare GRATUITAMENTE operatore in ogni momento POST-VENDITA: Riceverà una Raccomandata di benvenuto. IL PASSAGGIO EFFETTIVO AL NUOVO OPERATORE AVVIENE OLTRE 3 MESI DOPO L’INSERIMENTO DEL CONTRATTO (ad es. contratto inserito l’8/5/2013 diventa attivo con Eni dal 01/09/2013) E LA NUOVA BOLLETTA ARRIVA AL CLIENTE OLTRE 4 MESI DOPO TALE DATA

13 Fasce Orarie (F1, F2, F3) Queste sono le tre fasce orarie nelle quali l’energia ha costi differenti: F1: fascia più costosa per le utenze domestiche. Corrisponde agli orari in cui l’energia è utilizzata per lo più dalle attività produttive. Corrisponde infatti agli orari lavorativi: dal lunedì al venerdi dalle 8 alle 18. F2 e F3: nelle bollette di utenze domestiche in genere queste due fasce vengono accorpate, e sono le fasce orarie in cui l’energia costa di meno. Nei giorni infrasettimanali è dalle 19 alle 7 e tutte le intere giornate di sabati, domeniche e festivi.

14 è sui servizi di vendita che si gioca la concorrenza e quindi la possibilità di risparmiare a seconda delle offerte commerciali dei diversi fornitori sul mercato libero. Sui servizi di rete, invece, non c'è concorrenza perché il trasporto e la distribuzione dell'energia avvengono attraverso infrastrutture che non possono essere replicate e che vengono utilizzate da tutti i fornitori per servire tutti i consumatori Composizione del prezzo Energia

15 Sono la principale voce di costo della bolletta dell'utente domestico tipo (con consumi annui pari a 2700 kWh e potenza pari a 3 kW) residente e servito in maggior tutela. Comprendono tutti i servizi e le attività svolte dal fornitore per acquistare e rivendere l'energia elettrica ai clienti. Sono suddivisi in tre principali voci di spesa: prezzo dell'energia prezzo commercializzazione e vendita prezzo del dispacciamento Il prezzo dell'energia corrisponde al costo per l'acquisto dell'energia elettrica, comprensivo delle perdite sulle reti di trasmissione e di distribuzione. I clienti che dopo il 1° luglio 2007 hanno cambiato fornitore passando al mercato libero, pagano i servizi di vendita in base alla soluzione commerciale scelta. Per coloro che non hanno cambiato fornitore e usufruiscono del servizio di maggior tutela, è l'Autorità a fissare e aggiornare il "prezzo energia" (PE) ogni tre mesi, con una metodologia che tiene conto di quanto speso dall'Acquirente Unico (l'organismo incaricato degli acquisti per i clienti in maggior tutela) per approvvigionarsi sul mercato all'ingrosso, fino al momento dell'aggiornamento trimestrale, e delle stime su quanto prevede di spendere nei mesi successivi. Servizi di Vendita

16 …. prezzo commercializzazione e vendita prezzo del dispacciamento Il prezzo di commercializzazione e vendita si riferisce alle spese che le società di vendita sostengono per rifornire i loro clienti. Per i clienti serviti in maggior tutela questa voce viene fissata dall'Autorità sulla base dei costi sostenuti mediamente da un operatore del mercato libero Il prezzo del dispacciamento si riferisce alle attività per il mantenimento in costante equilibrio del sistema elettrico. Il dispacciamento assicura che ad ogni quantitativo di elettricità prelevato dalla rete per soddisfare i consumi, corrisponda un quantitativo uguale immesso dagli impianti produttivi. I clienti in maggior tutela pagano per questo servizio in proporzione ai consumi, secondo un valore aggiornato ogni tre mesi dall'Autorità; nei contratti di mercato libero può essere previsto diversamente. Servizi di Vendita

17 I servizi di rete sono le attività di trasporto dell'energia elettrica sulle reti di trasmissione nazionali, di distribuzione locale e comprendono la gestione del contatore. Per i servizi di rete non si paga un prezzo (come per l'energia) ma una tariffa fissata dall'Autorità sulla base di precisi indicatori, con criteri uniformi su tutto il territorio nazionale, tenendo conto dell'inflazione, degli investimenti realizzati e degli obiettivi di recupero di efficienza. La differenza fra servizi di vendita e servizi di rete è sostanziale. Infatti, è sui servizi di vendita che si gioca la concorrenza e quindi la possibilità di risparmiare a seconda delle offerte commerciali dei diversi fornitori sul mercato libero. Sui servizi di rete, invece, non c'è concorrenza perché il trasporto e la distribuzione dell'energia avvengono attraverso infrastrutture che non possono essere replicate e che vengono utilizzate da tutti i fornitori per servire tutti i consumatori All'interno dei servizi di rete, si pagano gli oneri generali di sistema che vengono dettagliati in bolletta in modo puntuale una volta l'anno per ragioni di semplificazione. Servono per pagare oneri introdotti da diverse leggi e decreti ministeriali (tra questi, i più rilevanti sono il decreto legislativo n. 79/99, il decreto del 26 gennaio 2000 del Ministro dell'industria e le leggi n. 83/03 e n. 368/03). Servizi di Rete

18 In ordine di incidenza sulla bolletta sono: incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate (componente A3) incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate promozione dell'efficienza energetica (componente UC7) oneri per la messa in sicurezza del nucleare e compensazioni territoriali (componenti A2 e MCT). regimi tariffari speciali per la società Ferrovie dello Stato (componente A4) compensazioni per le imprese elettriche minori (componente UC4) sostegno alla ricerca di sistema (componente A5), copertura del bonus elettrico (componente As), Il denaro raccolto per queste componenti viene trasferito alla Cassa conguaglio per il settore elettrico in un apposito Conto di gestione il cui utilizzo e gestione sono disciplinati dall'Autorità. Fanno eccezione la componente A3, il cui gettito affluisce per circa il 98% direttamente al Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) e la componente As (bonus elettrico). Servizi di Rete

19 Con la bolletta dell'energia elettrica si pagano: l'imposta nazionale erariale di consumo (accisa) e l'Iimposta sul valore aggiunto (IVA) L'accisa si applica alla quantità di energia consumata indipendentemente dal contratto o dal venditore scelto. I clienti domestici con consumi fino a 1800 kWh godono di un'agevolazione per la fornitura nell'abitazione di residenza anagrafica a riduzione di questa imposta. L'IVA si applica sul costo totale della bolletta (servizi di vendita+servizi di rete+accise). Attualmente l'IVA per i clienti domestici è pari al 10%; per i clienti con "usi diversi" è pari al 22%. Imposte

20 UNITA’ DI MISURA DELL’ENERGIA CONSUMI kWhKilowattora1.000 Wh MWhMegawattora1.000 kWh GWhGigawattora kWh TWhTerawattora kWh Il Wattora (Wh) è l’energia fornita dalla potenza di 1 Watt per il periodo di un’ora Il Kilowattora (kWh) è comunemente utilizzato per la misura dell’energia elettrica prodotta e consumata in ambito domestico e industriale POTENZA kWKilowattes. 6 kW MWMegawattes. 0,006 MW PREZZO €Cent/kWhcentesimi di € al kWhes. 9 €Cent/kWh €/kWh€ al kilowattoraes. 0,09 €/kWh €/MWh€ al megawattoraes. 90 €/MWh TENSIONE VVoltes. 380 V

21 I CONTATORI Esistono 4 tipi di contatori per la misurazione dei consumi di energia elettrica: CONTATORE ELETTRONICO GESTITO PER FASCE (EF) È il contatore elettronico in grado di misurare l'energia consumata nelle diverse fasce orarie (F1, F2 e F3). fasce CONTATORE ELETTRONICO GESTITO ORARIO (EO) È il contatore elettronico in grado di misurare l'energia consumata ora per ora. CONTATORE ELETTRONICO GESTITO MONORARIO (EM) È il contatore elettronico che non ancora riprogrammato e quindi non in grado di misurare l'energia consumata distinguendo tra le diverse fasce orarie o ore della giornata. CONTATORE TRADIZIONALE È il contatore non elettronico che non è in grado di misurare l'energia né per singole fasce né per ora.

22 Nel Mercato Libero si possono trovare molteplici tipologie di offerta. Esse possono distinguersi tra loro per: LE OFFERTE SUL MERCATO LIBERO PREZZOTARIFFAALTRI ONERI FISSO (12/24 MESI) INDICIZZATO P.U.N. NDICIZZATO ITEC NDICIZZATO TEK9 ALTRI INDICI SBILANCIAMENTO COSTI DI ATTIVAZIONE CERTIFICATI RECS... MONORARIA (F0) MULTIORARIA (F1-F2-F3) BIORARIA (F1 - F2:F3) PEAK - OFF PEAK

23 ANDAMENTO MERCATO DELL’ENERGIA

24 CONSUMI DEL MERCATO DELL’ENERGIA

25 IL PUN NEL MERCATO DELL’ENERGIA

26 IL MERCATO DEL GAS NATURALE:

27 Composizione del prezzo del gas alle utenze domestiche in Italia (%)

28 COS’È IL GAS NATURALE Il gas naturale è prodotto dalla decomposizione anaerobica di materiale organico. In natura si trova comunemente allo stato fossile, insieme al petrolio, al carbone o da solo in giacimenti di gas naturale. Viene però anche prodotto dai processi di decomposizione correnti, nelle paludi (in questo caso viene chiamato anche gas di palude), nelle discariche, durante la digestione negli animali e in altri processi naturali. Viene infine liberato nell'atmosfera anche dall'attività vulcanica. DALLA PRODUZIONE ALLA VENDITA

29 POTERE ENERGETICO La combustione di un metro cubo di gas naturale di tipo commerciale generalmente produce circa 0,03852 GJ, ossia 10,6 kWh. DALLA PRODUZIONE ALLA VENDITA

30 L’importo della bolletta del gas naturale è proporzionale al numero di standard metro cubo (Smc) consumati: ma cos’è un Smc e perchè usarlo come unità di misura? Lo Standard metro cubo esprime la quantità di gas contenuta in un metro cubo alla temperatura di 15 C° e pressione atmosferica.

31 DALLA PRODUZIONE ALLA VENDITA

32 Perchè pagare Smc e non mc? Il contatore del gas di un utente misura il volume consumato in metri cubi (mc) a temperature e pressione diverse al variare dell’ubicazione geografica, quindi a parità di energia prelevata dalla rete gas a due utenti, ubicati in zone diverse del territorio, corrispondono due volumi di gas diversi. Se il gas si pagasse a mc ci sarebbero utenti economicamente più avvantaggiati di altri. Se invece si converte il consumo in mc in Smc tutti gli utenti, a parità di energia prelevata pagano, lo stesso prezzo. Come si convertono i consumi da mc a Smc? Gli Smc fatturati in bolletta si ottengono moltiplicando i mc misurati dal contatore per un coefficiente di conversione (C), definito per ogni località in funzione dei parametri geografici quali ad esempio l’altitudine, zona climatica e i giorni di esercizio di riscaldamento nel comune. DALLA PRODUZIONE ALLA VENDITA

33 La principale difficoltà nell'utilizzo del gas naturale è il trasporto. I gasdotti sono economici, ma non permettono l'attraversamento di oceani e spesso, quando si tratta di gasdotti internazionali, passano in territori di altri stati, i quali potrebbero interromperne il flusso per motivi politici o altro. Vengono utilizzate anche navi per il trasporto di gas naturale liquefatto, definite metaniere, ma hanno costi più alti e problemi di sicurezza. STOCCAGGIO E TRASPORTO

34 In molti casi, come ad esempio nei pozzi petroliferi in Arabia Saudita, il gas naturale che viene recuperato durante l'estrazione del petrolio, non potendo essere venduto con profitto, viene bruciato direttamente sul posto. Questa dispendiosa pratica è illegale in molti stati, poiché rilascia nell'atmosfera terrestre gas serra inutilmente. Invece di venire bruciato, il gas, viene sempre più frequentemente re-iniettato nel giacimento petrolifero per mantenerne alta la pressione e quindi consentire l'estrazione di tutto il petrolio in esso contenuto. Il gas naturale viene compresso per essere immagazzinato. STOCCAGGIO E TRASPORTO

35 ProduttoreRiserveProduzione annuaVita media riserve (anni) Russia ,61 74 Iran ,41202 Qatar ,97198 Arabia Saudita ,7799 Emirati Arabi Uniti ,09119 Stati Uniti ,15 13 Principali produttori di gas naturale (espresso in km³ nel 2010). NB: 1 km³= m³.

36 L’Autorità fissa le componenti CCR, Cpr, GRAD, QOA, QVD fissa, QVD variabile, Qtint, QT mcv, QTpsv e disciplina le nuove modalità di fatturazione. Con la deliberazione 196/2013/R/gas, l’Autorità definisce la seconda fase della riforma delle condizioni economiche del mercato di Tutela del gas naturale. In particolare, a decorrere dal 1 ottobre 2013, viene modificato l’intero assetto delle componenti applicate ai Clienti del mercato di Tutela del gas, al fine di allineare il costo di ogni componente al servizio cui essa si riferisce. Il quadro di dettaglio previsto indica gli importi fatturati separandoli per categoria: servizi di vendita, servizi di rete e imposte; nello specifico la riforma prevede che il rivenditore riporti in bolletta, ai Clienti del servizio di Tutela tutte le componenti. L’AUTORITÀ

37 Pfor, elemento a copertura dei costi di approvvigionamento del gas naturale QTint, elemento a copertura dei costi di natura infrastrutturale sostenuti fino all’immissione del gas in Rete Nazionale, nonché di quelli per il servizio di stoccaggio strategico. QTpsv, elemento a copertura dei costi di trasporto dalla frontiera italiana al PSV*. QTmcv, elemento a copertura degli elementi a maggiorazione del corrispettivo unitario variabile CV applicato nell’ambito del servizio di trasporto ai volumi immessi in rete a monte del PSV*. *PSV= Punto di Scambio Virtuale MATERIA PRIMA DEL GAS NATURALE Cmem

38 C MEM a copertura dei costi di approvvigionamento della materia prima; CCR a copertura dei costi connessi alle attività di approvvigionamento; QVD fissa a copertura dei costi di commercializzazione; QVD variabile a copertura dei costi di commercializzazione; GRAD per la gradualità nell’applicazione della riforma; QOA a copertura degli oneri aggiumtivi; C PR a copertura del meccanismo per la rinegoziazione dei contratti di lungo periodo; COMPONENTI DEL GAS NATURALE

39 COMPOSIZIONE DI UNA FATTURA SERVIZI DI VENDITA: Prezzo della materia prima Gas (moltiplicato per il consumo fatturato) Quota vendita e distribuzione fissa (QVD, quota fissa mensile decisa dal distributore) Quota vendita e distribuzione variabile (QVD, quota variabile moltiplicata per il consumo fatturato) Componente GRAD (moltiplicata per il consumo fatturato, la GRAD comprende anche la CPR) Componente CCR (moltiplicato per il consumo fatturato)

40 COMPOSIZIONE DI UNA FATTURA SERVIZI DI RETE: QT Quota Trasporto (moltiplicata per il consumo fatturato) UG1/2 e la Componente variabile a copertura di eventuali squilibri dei sistemi di perequazione e a copertura di eventuali conguagli. (moltiplicata per il consumo fatturato) RS Componente variabile a copertura degli oneri relativi alla qualità dei servizi gas (moltiplicata per il consumo fatturato) RE Componente variabile a copertura degli oneri relativi alle misure ed interventi per il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore del gas naturale (moltiplicata per il consumo fatturato)

41 COMPOSIZIONE DI UNA FATTURA IMPOSTE: Con la bolletta del Gas si pagano: l'imposta nazionale erariale di consumo (accisa) e l'imposta sul valore aggiunto (IVA) L'accisa si applica alla quantità di Gas consumato indipendentemente dal contratto o dal distributore scelto. I clienti Che fanno parte del settore del commercio godono di un'agevolazione per la fornitura del 90% sul totale del consumo fatturato (come disposto dalla Confcommercio). L'IVA si applica sul costo totale della bolletta (servizi di vendita + servizi di rete + accise). Attualmente l'IVA per i clienti domestici è pari al 22%; per i clienti con "usi diversi" è pari al 22%, ad alcuni clienti " usi diversi " godono dell’agevolazione del 10%.

42 Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica Da lasciare al cliente

43 Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica Da lasciare al cliente Condizioni Generali di Fornitura

44 Contratto Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica Da lasciare al cliente e da portare al back office x attivazione Dati Tecnici Dati Bancari

45 Dati catastali Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica Da lasciare al cliente e da portare al back office x attivazione CE Condizioni Economiche Modulo IVA aggevolata

46 Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica: Da lasciare al cliente Modulo reclami

47 DOCUMENTI NECESSARI PER LA SOTTOSCRIZIONE DI UN CONTRATTO Copia CI e CF F/R del leg. rappr. o del titolare del contratto se Copia ultima bolletta Visura camerale recente (solo se il cliente PG ha diritto allo riduzione o esenzione sulle accise/iva)

48 Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Gas Naturale Da lasciare al cliente

49 Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica Da lasciare al cliente Condizioni Generali di Fornitura

50 Contratto Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica Da lasciare al cliente e da portare al back office x attivazione Dati Tecnici Dati Bancari

51 Dati catastali Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica Da lasciare al cliente e da portare al back office x attivazione CE Condizioni Economiche Modulo IVA / accisa aggevolata / esenzione

52 Gli elementi che compongono un contratto di fornitura di Energia Elettrica: Da lasciare al cliente Modulo reclami

53 DOCUMENTI NECESSARI PER LA SOTTOSCRIZIONE DI UN CONTRATTO Copia CI e CF F/R del leg. rappr. o del titolare del contratto se Copia ultima bolletta Visura camerale recente (solo se il cliente PG ha diritto allo riduzione o esenzione sulle accise/iva)

54 COMPILAZIONE CONTRATTI ENERGIA ELETTRICA

55 Compilazione Contratti Luce P.IVA e DOM

56

57 Compilazione Dati Tecnici Moltipod Luce P.IVA

58 Compilazione Dati Bancari Luce P.IVA

59 Compilazione CE Luce P.IVA

60 Compilazione C.G.F. Luce P.IVA

61 Compilazione IVA Ridotta Luce P.IVA

62 Compilazione Dati Catastali Luce P.IVA

63 Compilazione Reclamo Luce P.IVA

64 COMPILAZIONE CONTRATTI GAS NATURALE

65 Compilazione Contratti Gas P.IVA

66

67 Compilazione Contratti Gas DOM

68

69 Compilazione CE Luce P.IVA

70 Compilazione Dati Bancari Gas P.IVA

71 Compilazione C.G.F. Gas P.IVA

72 Compilazione C.G.F Gas DOM

73 Compilazione Accisa Ridotta/Esenzione Gas P.IVA

74

75

76 Compilazione Riduzione IVA Gas P.IVA

77 Compilazione Dati Catastali Gas P.IVA

78 Compilazione Reclamo Gas P.IVA

79 Compilazione Moduli per chiusura contatore

80 Compilazione Moduli per richiesta rata costante bimestrale

81 Compilazione Moduli per richiesta rata costante mensile

82 Compilazione Moduli per subentro


Scaricare ppt "ENERGIA ELETTRICA. Generalmente la produzione di energia elettrica, o meglio corrente elettrica, avviene mediante opportune macchine elettriche dette."

Presentazioni simili


Annunci Google