La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ASPETTI MALERBOLOGICI Sistemi colturali risicoli Tecniche di coltivazione e di gestione dei residui colturali a confronto Sistemi colturali risicoli Tecniche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ASPETTI MALERBOLOGICI Sistemi colturali risicoli Tecniche di coltivazione e di gestione dei residui colturali a confronto Sistemi colturali risicoli Tecniche."— Transcript della presentazione:

1 ASPETTI MALERBOLOGICI Sistemi colturali risicoli Tecniche di coltivazione e di gestione dei residui colturali a confronto Sistemi colturali risicoli Tecniche di coltivazione e di gestione dei residui colturali a confronto

2 Tecniche di coltivazione e di gestione dei residui colturali a confronto Aspetti Malerbologici Destino ambientale del propanile Dinamica delle comunità di malerbe

3 Destino ambientale del propanile Motivazioni allo studio di tale molecola impiegata da moltissimo tempo (a partire dagli anni 60) utilizzata a dosi relativamente elevate ancora di notevole importanza per coltivazione del riso informazioni sul destino ambientale relativamente scarse Acque di sommersione Sedimento (interfaccia suolo-acqua) Dinamica della presenza della molecola in: Acque in entrata-uscita dalle camere

4 Destino ambientale del propanile Considerate 3 condizioni colturali Aratura AUT LIQ ASC ingresso acqua basso medio alto uscita acqua Dopo il trattamento prelievo campioni in 3 posizioni delle camere sedimento (da subito) acqua di sommersione (dopo reimmissione acqua in camera) analisi: propanile 3-4 dicloroanilina (metabolita del propanile) OTT Distribuzione liquame Aratura APRGIUMAGLUGAGO Applicazione Propanile Semina OTTAPRGIUMAGLUGAGO Applicazione Propanile Semina OTT Aratura APRGIUMAGLUGAGO Applicazione Propanile Semina in asciutta

5 2004 AUT LIQ ASC Giorni dal trattamento 3,4 - dicloroanilina propanile Concentrazioni (µg / litro) Contenuto propanile e 3-4 dicloroanilina acque di sommersione

6 AUT LIQ ASC Giorni dal trattamento 3,4 - dicloroanilina propanile Concentrazioni (µg / litro) 2005 Contenuto propanile e 3-4 dicloroanilina acque di sommersione

7 AUT LIQ ASC Giorni dal trattamento 3,4 - dicloroanilina propanile Concentrazioni (µg / litro) 2006 Contenuto propanile e 3-4 dicloroanilina acque di sommersione

8 AUT LIQ ASC Giorni dal trattamento 3,4 - dicloroanilina propanile Concentrazioni (mg / kg) 2004 Contenuto propanile e 3-4 dicloroanilina sedimento

9 AUT LIQ ASC Giorni dal trattamento 3,4 - dicloroanilina propanile Concentrazioni (mg / kg) 2005 Contenuto propanile e 3-4 dicloroanilina sedimento

10 AUT LIQ ASC Giorni dal trattamento 3,4 - dicloroanilina propanile Concentrazioni (mg / kg) 2006 Contenuto propanile e 3-4 dicloroanilina sedimento

11 Effetto posizione campionamento (es. camera AUT, 2006) 3-4 dicloroanilina propanile Concentrazioni (µg / litro) ingresso acqua uscita acqua basso medio alto

12 Gestione delle infestanti: prodotti, dosi ed epoche di intervento

13 Flora reale – Densità delle infestanti in aree testimoni non diserbate in % rispetto a condizione di riferimento (AUT: aratura autunnale) Asciutta tendenza aumento densità Rotazione aumento ECHCG aumento Ammania ? densità inferiori ad AUT In quasi tutte le condizioni

14 Flora reale – Contributo % delle specie più importanti (aree testimoni nel riso)

15 Flora reale – Biomassa infestanti alla fioritura del riso (2005) infestanti riso peso verde (g / m 2 ) peso verde (g / m 2 )

16 Flora reale – Biomassa infestanti alla fioritura del riso (2005) infestanti riso peso secco (g / m 2 ) peso secco (g / m 2 )

17 Flora reale (piante presenti sulle aree testimoni non diserbate) Effetti sulla composizione della comunità di malerbe comunità di molte specie, ciascuna con pochi individui (assenza di specie dominanti) Condizione favorevole alla gestione delle malerbe La presenza di specie dominanti può essere valutata attraverso vari indici Esempio Indice di Shannon (H) se alto: molte specie, con simile numero di individui effetti limitati e variabili LIQ, PRI e ROT1 tendenziale incremento indice Indice Shannon (H)

18 Banca semi Flora potenziale Banca semi 2006 (semi/m 2 ) Variazione percentuale soprattutto ECHCG

19 Conclusioni Comportamento ambientale del propanile Rapida degradazione a 3-4 dicloroanilina in tutte le condizioni densità infestanti (flora reale) Più bassa in quasi tutti i sistemi alternativi ad AUT evoluzione comunità di malerbe LIQ, PRI e ROT1 tendono a una flora più equilibrata banca semi nel complesso STABILE Conc. inferiori al limite di sensibilità dopo c.a. 20 gg dal trattamento Rapida sparizione di 3-4 dicloroanilina Tendenzialmente in aumento in ASC e ROT

20 Hanno collaborato: Dario Sacco, Simone Pelissetti, Carlo Grignani, Aldo Ferrero, Francesco Vidotto, Franco Tesio 1, Marco Romani, Gianluca Beltarre 2, Filippo Conti 3, Alberto Turletti 4. Si ringraziano: Silvio Falco, Daniele Toffanin, Enzo Vaccari 3. 1 Dip. Agronomia, Selvicoltura e Gestione del Territorio – Università di Torino 2 Ente Nazionale Risi, Centro Ricerche sul Riso – Castello DAgogna (PV) 3 Istituto Tecnico Agrario G. Ferraris - Vercelli 4 Regione Piemonte - Assessorato allAgricoltura, Tutela della Fauna e della Flora


Scaricare ppt "ASPETTI MALERBOLOGICI Sistemi colturali risicoli Tecniche di coltivazione e di gestione dei residui colturali a confronto Sistemi colturali risicoli Tecniche."

Presentazioni simili


Annunci Google