La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

METASTASI UTERINA DI CARCINOMA LOBULARE DELLA MAMMELLA IN POLIPO ENDOMETRIALE TAMOXIFEN- ASSOCIATED. M. Bisceglia (1), M. Castelvetere (1), C. DAddetta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "METASTASI UTERINA DI CARCINOMA LOBULARE DELLA MAMMELLA IN POLIPO ENDOMETRIALE TAMOXIFEN- ASSOCIATED. M. Bisceglia (1), M. Castelvetere (1), C. DAddetta."— Transcript della presentazione:

1 METASTASI UTERINA DI CARCINOMA LOBULARE DELLA MAMMELLA IN POLIPO ENDOMETRIALE TAMOXIFEN- ASSOCIATED. M. Bisceglia (1), M. Castelvetere (1), C. DAddetta (2). Dipartimento di Patologia Clinica, Divisione di Anatomia Patologica (1), e Dipartimento di Oncoematologia, Divisione di Oncologia (2), IRCCS-Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo.

2 Benché di rado, il carcinoma della mammella può ben dar luogo a metastasi in sedi non convenzionali. Il carcinoma che più spesso dà origine a metastasi in sedi non convenzionali è senza dubbio quello di istotipo lobulare. Tra le sedi inusuali si annoverano superfici sierose cavitarie, retroperitoneo, meningi, midollo osseo, e alcuni siti viscerali (stomaco, intestino, tratto genitale femminile). Tra le metastasi al tratto genitale femminile, le più frequenti sono quelle alle ovaia, mentre quelle allutero sono decisamente più rare. In generale, lutero rappresenta il sito di deposito solo nel 10% di tutte le metastasi al tratto genitale femminile, a partenza da tumori di qualsiasi sede extragenitale. Introduzione.

3 Lutero può essere coinvolto a livello del corpo e a livello della cervice, come sedi distinte di localizzazione. Al corpo uterino le metastasi possono essere miometriali, endometriali (le più rare), ed endomiometriali. Occasionalmente sono state osservate metastasi a polipi uterini endometriali. Sono stati pubblicati sinora solo 4 articoli (1-4), per un totale di 5 casi, relativi a metastasi di carcinoma in polipi endometriali, in pazienti con storia nota di carcinoma mammario, già operato. Presentiamo qui un caso aggiuntivo da noi osservato.

4 Paziente di anni 56, operata 6 anni prima – per un carcinoma lobulare invasivo - di mastectomia, con 26 linfonodi ascellari asportati dai 3 livelli, tutti metastatici (pT4,pN1biii, M1 con metastasi ossee sincrone). Esegue chemioterapia e quindi ininterrottamente terapia adiuvante con tamoxifene. 4 anni dopo viene documentata – previo biopsia endoscopica al colon ascendente e su un sospetto clinico di neoplasia primitiva intestinale - una infiltrazione neoplastica della mucosa colica da parte di carcinoma a cellule ad anello con castone. Caso clinico.

5 Ancora, 2 anni dopo, a seguito di sanguinamento genitale, viene riscontrato un polipo endometriale, che viene asportato per curettage, e viene esaminato.

6 Frammenti del polipo endometriale aspeortato per curettage.

7 Nello stroma del polipo, risultano presenti cellule sparse di carcinoma, attribuite sulla base del profilo morfologico e immunofenotipico a metastasi del primitivo mammario.

8 Cellule di carcinoma, a tratti scarse, a tratti numerose, comunque non riconoscibili a piccolo e medio ingrandimento.

9 PAS-D CK-7

10 Il tamoxifene viene adoperato, con successo, come adiuvante nella terapia del carcinoma mammario per le sue proprietà anti-estrogeniche. A volte il tamoxifene, però, può esercitare un debole effetto estrogenico, cui si è ipotizzato di attribuire la causa della insorgenza di condizioni di iperplasia endometriale, di polipi endometriali (cosiddetti tamoxifen-associated), di polipi-cancro (adenocarcinomi insorti in polipi sporadici), di adenocarcinomi usuali, di tumori misti mulleriani, benigni e maligni, e di sarcomi (dello stroma endometriale e del miometrio), tutti riportati come associati al trattamento. Discussione

11 La metastasi di un carcinoma mammario a un polipo endometriale è stata sinora descritta in totale in 5 casi (1-4): in 3 casi si è trattato di un carcinoma lobulare, e in 2 casi di carcinoma duttale (1 duttale- NOS, 1 apocrino). In 3 di questi casi (2 casi di carcinoma lobulare e 1 apocrino) è riportata esplicitamente la storia di un trattamento con tamoxifene, negli altri 2 casi il dato non è riportato.

12 Linfiltrazione neoplastica del carcinoma mammario nello stroma del polipo endometriale può essere discreta e non essere notata o essere interpretata diversamente. La diagnosi differenziale si può porre con le atipie delle cellule stromali dellendometrio indotte dal tamoxifene stesso.

13 Non è chiaro se la propensione del carcinoma mammario lobulare a infiltrare lendometrio sia favorita dal tamoxifene. Tuttavia, questo evento possibile va considerato ogni qualvolta venga esaminato un campione di polipo endometriale in una paziente con storia di carcinoma mammario, in trattamento con tamoxifene. Conclusione

14 1.Sullivan LG, Sullivan JL, Fairey WF. Breast carcinoma metastatic to endometrial polyp. Gynecol Oncol. 1990;39:96-8.Sullivan LGSullivan JLFairey WF 2.Aranda FI, Laforga JB, Martinez MA. Metastasis from breast lobular carcinoma to an endometrial polyp. Report of a case with immunohistochemical study. Acta Obstet Gynecol Scand. 1993;72:585-7.Aranda FI, Laforga JB, Martinez MA. 3.Lambot MA, Eddafali B, Simon P, Fayt I, Noël JC. Metastasis from apocrine carcinoma of the breast to an endometrial polyp. Virchows Arch. 2001;438:517-8.Lambot MAEddafali BSimon PFayt INoël JC 4.Houghton JP, Ioffe OB, Silverberg SG, McGrady B, McCluggage WG. Metastatic breast lobular carcinoma involving tamoxifen-associated endometrial polyps: report of two cases and review of tamoxifen-associated polypoid uterine lesions. Mod Pathol. 2003;16: casiHoughton JPIoffe OBSilverberg SGMcGrady B McCluggage WG Bibliografia.


Scaricare ppt "METASTASI UTERINA DI CARCINOMA LOBULARE DELLA MAMMELLA IN POLIPO ENDOMETRIALE TAMOXIFEN- ASSOCIATED. M. Bisceglia (1), M. Castelvetere (1), C. DAddetta."

Presentazioni simili


Annunci Google