La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Capitolo 6 LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Capitolo 6 LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA."— Transcript della presentazione:

1 1 Capitolo 6 LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA

2 2 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La cultura è: Un sistema di segni dotati di significato (prospettiva semiotica) Una rappresentazione simbolica del mondo e un dispositivo per attribuire significato alla realtà (significazione) La cultura è comunicazione

3 3 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La cultura è un prodotto dellinterazione umana: gli esseri umani creano cultura e devono interpretarla. Pertanto, le manifestazioni culturali sono atti di comunicazione La comunicazione costituisce il tramite intrinseco fra gli aspetti esterni e interni della cultura: trae origine dallintenzione comunicativa interna e si manifesta in termini verbali e non verbali

4 4 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Cultura come significazione e produzione di senso La cultura è fatta di significati: È linsieme delle condizioni materiali, psichiche e sociali per generare significati attraverso processi di convenzionalizzazione

5 5 Antropologia interpretativa (Geertz, 1983) Fattore costitutivo della cultura Esterno alla mente delle persone Dotato di esistenza propria Psicologia della cultura Interno ai soggetti, protagonisti dei processi di generazione, conservazione e innovazione dei significati Il sistema di significati Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA

6 6 La cultura come attività di significazione La produzione di significati (significazione) consente agli uomini di condividere una dimensione simbolica interdipendenza intrinseca tra cultura e dimensione simbolica

7 7 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La significazione Le relazioni producono i significati e i significati qualificano le relazioni Significazione = capacità di generare significati in modo congiunto fra i comunicanti La significazione istituisce una relazione complessa tra simbolo (segno linguistico), referente (oggetto significato) e referenza (rappresentazione mentale delloggetto significato)

8 8 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Il diagramma di significazione Il simbolo non ha rapporto diretto con la realtà (referente), ma solo con lidea mentale (referenza) Ogni simbolo è un prodotto culturale REFERENZA SIMBOLO REFERENTE

9 9 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La significazione non avviene nel vuoto, ma richiede lazione congiunta e partecipata dei membri di una comunità, cioè di un gruppo di persone che condivide un sistema di credenze, valori, pratiche e convenzioni La significazione (continua)

10 10 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Proprietà delle convenzioni Attività prevedibili che forniscono regolarità per la gestione delle relazioni interpersonali tra i membri di una comunità Distribuzione non uniforme nella popolazione: esperti delle convenzioni Organizzazione gerarchica delle convenzioni in funzione dellimportanza: Simboli culturali = convenzioni dense di significato che esprimono i cardini di un sistema di credenze

11 11 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Proprietà delle convenzioni (continua) Risultato di un processo di cooperazione, coordinazione e negoziazione continua fra i membri di una comunità Fondate sul principio della salienza condivisa: selezione dei tratti ritenuti essenziali e più importanti per la costruzione del significato di un oggetto/evento

12 12 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Proprietà di una lingua naturale Esito del processo di significazione Strumento per la manifestazione di significati e intenzioni comunicative Caratterizzata da composizionalità: - sistematicità - produttività - possibilità di dislocazione Rete di significati che consente ai parlanti di condividere una certa visione del mondo

13 13 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La plasticità del significato Il significato non è ununità fissa e omogenea, ma, al contrario, un costrutto mentale eterogeneo e scomponibile in diverse componenti (proprietà) semantiche, gerarchicamente disposte Componenzialità del significato

14 14 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Tipi di proprietà semantiche 1.Proprietà essenziali: proprietà comuni a tutte le occorrenze che condividono un certo significato; chi non le possiede è escluso da quel significato Es. uccello: - oviparo - con il becco

15 15 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA 2.Proprietà tipiche: proprietà specifiche aggiunte, soggette a eccezioni e cancellabili senza distruggere il significato in oggetto Es: uccello: - vola (struzzi) - ha le piume (pinguini) - ha le ali (kiwi) Tipi di proprietà semantiche (continua) Graduabilità semantica del significato

16 16 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA SignificatoContesto Qualsiasi significato è legato a un contesto (context-bound) Fenomeno della risemantizzazione contestuale (Violi, 1997): attribuzione provvisoria di alcuni tratti semantici a un oggetto/evento che di per sé non li possiede, ma che li acquisisce grazie a una specifica situazione contingente Es: Non occupare la mia sedia (indicando un tavolo, in mancanza di sedie libere)

17 17 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA I processi precedenti illustrano la plasticità dei significati, ossia limpiego dei significati in modo flessibile e adattabile in funzione delle intenzioni comunicative dei parlanti, dei vincoli e delle opportunità offerte dal contesto Processo continuo di rimodellamento semantico

18 18 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA A.Semantica vero-condizionale o logico-filosofica: significati come entità astratte, universali e oggettive, indipendenti dai parlanti (condizioni di verità) Il significato come comprensione dellesperienza B.Psicologia della cultura: significati dipendenti dallelaborazione e dalluso che ne fanno i parlanti; strettamente interconnessi con le rappresentazioni mentali che i soggetti si fanno della propria esperienza: i significati sono accomunati da una teoria della comprensione

19 19 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Il significato di qualunque entrata linguistica rimanda allenciclopedia delle conoscenze a disposizione dei parlanti La formazione delle conoscenze enciclopediche si basa su diversi processi mentali: - percezione - costruzione di script - costruzione di schemi mentali - inferenza

20 20 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Linguaggio e cultura Il linguaggio costituisce unespressione fondamentale e privilegiata della cultura di riferimento: la lingua incarna la cultura Il linguaggio è stato oggetto di riflessione sistematica: A. teoria universalista del linguaggio (teoria della grammatica universale di Chomsky) B. teoria della relatività linguistica (ipotesi di Sapir-Whorf)

21 21 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA A.La teoria universalista del linguaggio Universali linguistici = aspetti invarianti e comuni dei processi comunicativi, condivisi dalle lingue naturali oggi esistenti. Forme costanti e ricorrenti, che concernono sia il livello grammaticale che semantico.

22 22 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La teoria della grammatica universale (o generativa) di Chomsky Assunto di base: esistenza di una uniformità della competenza linguistica negli esseri umani, in modo indipendente dalla lingua che parlano Omogeneità dei processi linguistici Organo del linguaggio geneticamente definito (Language Acquisition Device o LAD) Concezione innatista del linguaggio e della comunicazione

23 23 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Metodo formale: metodo che, senza fare ricorso al significato, ma solo in base alla forma esterna dei morfemi e alla loro disposizione, intende fornire tutto quanto è pertinente allanalisi linguistica Grammatica come calcolo matematico: partendo da pochi elementi semplici è in grado di generare una lingua nelle sue infinite sequenze grammaticali e accertare la grammaticalità degli enunciati prodotti

24 24 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA I presupposti della grammatica generativa a)La lingua è un insieme infinito di frasi b)La frase è lunità fondamentale della lingua ed è costruita a partire da un insieme finito di elementi o alfabeto (presupposto formale o composizionale) c)Tale alfabeto è composto da elementi primitivi, quali i fonemi, i morfemi, le parole ecc. (presupposto elementarista) d)La grammatica è un sistema astratto di regole che generano frasi unicamente equivalenti fra loro

25 25 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA e)La grammatica è indipendente da ogni altro sistema cognitivo (supremazia della sintassi) f)La grammatica è indipendente dalla semantica g)Esistono due livelli di rappresentazione della frase, uno superficiale e uno profondo, e una serie di trasformazioni consente di passare da un livello a un altro h)I processi mentali che sono alla base della grammatica sono quelli dellastrazione e del ricorso a modelli ideali i)Linterpretazione semantica delle frasi è basata unicamente sulla loro struttura superficiale

26 26 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Parole Prestazione Impiego concreto e contingente di una lingua in una data situazione Langue Competenza Capacità generale (di solito non consapevole) di usare una lingua; fa riferimento a una conoscenza perfetta posseduta da un parlante ideale De Saussure I-language lingua internalizzata; astrazione linguistica al fine di formulare ipotesi sulla mente umana E-language lingua esternalizzata; studiata da coloro che sono interessati alluso contingente della lingua Chomsky

27 27 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Criptotipi Struttura profonda Categorizzazione linguistica non direttamente percepibile ma necessaria per spiegare la struttura superficiale; è sostanzialmente identica in tutte le lingue naturali Fenotipi Struttura superficiale Articolazione apparente e acusticamente percepibile di una frase; può variare da lingua a lingua Whorf Universali sostantivi Inventari universali di nozioni come nome, verbo, aggettivo ecc. Universali formali Sistema universale di regole profonde che governa e vincola tutte le grammatiche Chomsky

28 28 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Limiti del modello di Chomsky Impossibilità di confronto fra categorie linguistiche senza una metalingua che stabilisca a priori tutte le necessarie distinzioni Impossibilità di ipotizzare una struttura profonda in mancanza di un lavoro di raccordo e confronto fra le strutture superficiali delle diverse lingue Riluttanza ad affrontare il livello psicologico e sociologico della spiegazione dei fenomeni linguistici Il modello rischia di essere un esercizio astratto sulla logica della mente umana, fuori da ogni riferimento contestuale e da ogni verifica empirica. Paradosso di una lingua che non serve per comunicare

29 29 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA B.La teoria della relatività linguistica Accento sulla pluralità delle culture e sulle modalità di influenza fra linguaggio e cultura La cultura, attraverso il linguaggio, influenza il modo in cui pensiamo, in particolare il modo in cui categorizziamo la nostra esperienza Imparare una lingua straniera significa anche acquisire un nuovo punto di vista sulle cose Le strutture semantiche delle diverse lingue sono incommensurabili fra loro; di conseguenza, i parlanti elaborano modi di pensare differenti tra loro

30 30 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Lipotesi di Sapir-Whorf Premessa epistemologica: gli esseri umani segmentano la natura secondo le linee indicate dalla loro lingua materna […]; il mondo si presenta come un flusso caleidoscopico di impressioni che deve essere organizzato dalle nostre menti e ciò avviene attraverso i sistemi linguistici delle nostre menti

31 31 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Lipotesi di Sapir-Whorf Relatività linguistica: gli esseri umani usano la loro lingua materna in modo sostanzialmente inconsapevole. Questi modelli automatici e involontari della lingua non sono gli stessi per tutti gli uomini ma sono specifici per ogni lingua […]. Da qui deriva il principio della relatività linguistica secondo il quale i parlanti di lingue diverse sono orientati dalla loro lingua verso differenti tipi di osservazione e differenti valutazioni di eventi esterni simili; di conseguenza, essi giungono, in qualche modo, a una differente visione del mondo.

32 32 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Il Sillogismo di Whorf a)dato che esistono differenze nelle categorie linguistiche nelle varie lingue naturali, b)dato inoltre che le categorie linguistiche determinano alcuni aspetti del pensiero degli individui, c)ne consegue che questi aspetti del pensiero differiscono nelle diverse comunità culturali in funzione della lingua che esse parlano

33 33 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Il sillogismo di Whorf è stato in seguito interpretato come un forte apporto allipotesi del determinismo linguistico = la lingua determinerebbe le forme del pensiero dei parlanti medesimi nei riguardi della loro esperienza Versione forte del determinismo: i concetti possono essere concepiti e attivati soltanto se sono formulati attraverso il linguaggio. È insostenibile, in quanto il pensiero è assai più complesso di ciò che il linguaggio può esprimere (percezione, rappresentazioni senso-motorie, immaginazione, esperienze emotive…) Versione debole del determinismo: i concetti codificati attraverso il linguaggio sono favoriti in quanto più accessibili e più facili da ricordare

34 34 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La revisione della teoria della relatività linguistica Teoria della relatività linguistica come applicazione della relatività culturale (Clark, Hanks, Haviland, Gumperz, Levinson, Slobin) Le esperienze vanno codificate a livello cognitivo in modo da poter poi essere verbalizzate La diversità delle lingue naturali è connessa alla presenza di distinzioni semantiche che si riflettono nelle distinzioni culturali che, a loro volta, influenzano la categorizzazione cognitiva e affettiva dellesperienza

35 35 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Ogni comunità tende a elaborare il proprio codice (speech community e idioculture): creazione di un forte senso di appartenenza che diventa esclusione per gli altri A volte si ha la creazione di un vero e proprio codice criptato che, in qualità di gergo, discrimina lin-group rispetto allout-group. Eteroglossia = espressione della voce differente di una minoranza rispetto alla lingua ufficiale della maggioranza culturale

36 36 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Numerose prove a sostegno di questa impostazione: La concezione dello spazio varia in funzione della lingua in modo rilevante: sistema assoluto o geocentrico, sistema relativistico o egocentrico (Bali, India, Nepal), sistema intrinseco (tzeltal) I movimenti spaziali: le medesime azioni sono categorizzate in modo diverso, per esempio, in inglese e in coreano Nellapprendere la lingua di una cultura, un bambino impara modi particolari di pensare per parlare

37 37 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Gli aspetti indessicali: indicatori linguistici ed extra-linguistici per definire la posizione sociale dei partecipanti (Tu/Lei), latteggiamento affettivo o epistemico con cui intendere lenunciato (quantificatori, indicatori di sicurezza, dubbio ecc.). Variano da una cultura allaltra (ad esempio, nel sud-est asiatico i colloqui di selezione assumono la struttura tipica della supplica) La struttura grammaticale: la concezione del tempo, per esempio, in inglese è quella di una realtà continua, mentre in hopi il tempo si configura in eventi ricorrenti

38 38 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Il repertorio lessicale e le entrate dizionariali di una lingua presentano variazioni culturali significative: la cultura si esprime nelle parole di cui si serve nella vita quotidiana per le varie attività Specificità lessicale di una cultura: esistono parole che esprimono significati esclusivi di una certa cultura. Ad esempio, il termine giapponese Amae, ossia il desiderio di essere dipendente in modo passivo allinterno di una relazione affettivamente positiva nei confronti di un superiore che sappia prendersi cura e mostrare benevolenza; in quanto tale, lamae è lespressione più importante dello spirito di dipendenza dei giapponesi [Doi, 1981]

39 39 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Cultura e narrazione Narrazione = modalità di percepire, organizzare e comunicare la realtà attraverso un processo di interpretazione e di attribuzione di significati Modalità culturale di base, poiché implica la capacità di produrre un percorso di senso e un testo dotato di coerenza e organizzazione tematica In ogni narrazione vi sono dei personaggi e una trama, che prevede un inizio, un punto di mezzo e una fine La narrazione costituisce il principale dispositivo di partecipazione culturale nelle culture orali

40 40 Pensiero logico-scientifico Finalizzato alla categorizzazione della realtà Tipico del ragionamento scientifico Orientamento verticale, poiché mette in relazione il caso singolo con le categorie generali Nomotetico, cioè volto alla ricerca di leggi generali secondo enunciati indipendenti dal contesto Pensiero narrativo Finalizzato alla comunicazione e allinterpretazione dellesperienza Tipico del ragionamento quotidiano Produce racconti plausibili, anche se non necessariamente veri, con la funzione di dare forma allesperienza Idiografico, cioè connesso con il linguaggio figurato Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA

41 41 Pensiero logico-scientifico Paradigmatico, cioè le proposizioni sono collegate fra loro per equivalenza Regolato dal principio di non contraddizione e dal procedimento della falsificabilità Impostazione estensionale, poiché si basa su proposizioni di portata generale, a vantaggio di ampia estensione e applicabilità Particolarmente sviluppato nelle società tecnologicamente avanzate Pensiero narrativo Sintagmatico, cioè le proposizioni sono collegate fra loro per contiguità spaziale e temporale Enunciati strettamente dipendenti dal contesto Impostazione intensionale, in quanto cerca di costruire un quadro completo di un caso singolo per coglierne loriginalità Fondamentale nelle società non alfabetizzate Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA

42 42 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Le proprietà della narrazione È specificata da due scenari: - quello delle azioni, che riguarda gli ambienti, i fatti, gli episodi (aspetto dei contenuti) - quello della coscienza, che concerne gli stati mentali interni dei protagonisti (credenze, emozioni, intenzioni, desideri…) Al loro interno: diacronicità: gli episodi hanno una durata e sono disposti secondo un tempo umano referenzialità concreta: la narrazione rinvia ad avvenimenti specifici; non contano tanto i valori di verità degli enunciati, quanto gli aspetti di verosimiglianza generati dai rapporti di coerenza del racconto

43 43 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Le proprietà della narrazione (continua) Intenzionalità: i personaggi agiscono in modo intenzionale per raggiungere determinati scopi e soddisfare desideri Canonicità: attore, azione, scopo, scena e strumento sono i criteri canonici che devono essere considerati; tuttavia, la violazione di uno di questi, come accade nella comparsa di un evento problematico, costituisce un aspetto ricorrente e saliente della narrazione

44 44 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Le proprietà della narrazione (continua) Componenzialità ermeneutica: i personaggi e gli eventi della narrazione costituiscono gli ingredienti di un intreccio che li contiene. Linterdipendenza parti-tutto sostiene il circolo ermeneutico, dove il significato è basato sulla rete di rapporti parti-tutto e sulle categorie interpretative culturali Appartenenza a un genere: Bruner (2002) ha individuato tre generi: - narrative legali - narrative letterarie - narrative autobiografiche

45 45 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Comprensione e inferenza nei processi di narrazione La comprensione del testo narrato consiste nellinterpretazione e attribuzione di un significato personale a tale testo, ponendolo in relazione coi propri modelli culturali e con le conoscenze già acquisite

46 46 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Comprensione come rappresentazione mentale del testo narrativo Modello della situazione (approccio connessionista- Kintsch e van Dijk, 1983):scomposizione del racconto in proposizioni coerenti e subordinate fra loro, successivamente organizzate in una rete di proposizioni: Microstrutture (definiscono il significato di una frase) Macrostrutture (forniscono il significato globale) selezione generalizzazione costruzione Le macrostrutture sono generate anche dalle conoscenze culturali e dalle esperienze dei partecipanti, che attivano una serie di nodi fra le conoscenze enciclopediche precedenti e le singole microstrutture

47 47 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA I processi inferenziali della comunicazione narrativa Processi inferenziali: scoperta dei nessi causali che connettono azioni, personaggi, contesto in una trama unica dotata di senso Ambiente Evento Risposta del protagonista Mezzi Scopo Catena causale: ossatura della narrazione e specchio della concezione del mondo di una cultura (o subcultura) Inferenze metatestuali: riguardano le intenzioni dellautore, la sua morale e le differenti interpretazioni della sua produzione narrativa

48 48 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Lo script e la grammatica delle storie La mente umana, nella segmentazione dellesperienza, individua unità chiuse di sequenze routinarie di azioni, caratterizzate da un ordine canonico, unorganizzazione coerente e gerarchica, un contesto spazio-temporale standardizzato e regolare Schema mentale o script: rappresentazione mentale di queste unità routinarie, intesa come struttura cognitiva astratta, flessibile e coerente La canonicità della narrazione è in linea con la canonicità degli script

49 49 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Grammatica delle storie: sottolinea lorganizzazione causale delle azioni finalizzate al raggiungimento di uno scopo. Prevede: definizione di unambientazione definizione di un episodio, articolato in: - evento iniziale - risposta interna del protagonista - tentativi messi in atto per raggiungere lo scopo - conseguenza (positiva o negativa) - risposta finale In sintesi, la narrazione è un incontro di menti e di esperienze fra i partecipanti alla ricerca di un percorso di senso e di una interpretazione degli accadimenti in funzione degli standard culturali di riferimento

50 50 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Comunicazione non verbale e cultura Principio della sintonia semantica e pragmatica: il significato finale di un enunciato è dato dal contributo e dalla convergenza sinergica di una molteplicità di componenti semantiche linguistiche ed extra- linguistiche, che godono di una relativa autonomia I vari sistemi di significazione e segnalazione sono assemblati in modo coerente nella produzione del significato attraverso il processo di interdipendenza semantica

51 51 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La comunicazione non verbale (o comunicazione extra- linguistica) assume una funzione fondamentale per ottenere un elevato grado di efficacia comunicativa La comunicazione non verbale si articola in sistemi di significazione e segnalazione che variano profondamente in relazione alla cultura di riferimento

52 52 Comunicazione a bassa contestualizzazione codice esplicito, modalità diretta e formulazione precisa degli enunciati poco affidamento sulle informazioni contestuali, segnali non verbali evidenti fornisce allinterlocutore tutte le conoscenze necessarie per comprendere il messaggio tipica delle culture occidentali individualistiche Comunicazione ad alta contestualizzazione stile indiretto, modalità implicita, spesso vaga il parlante dà per scontato che linterlocutore conosca già la sua intenzione fa molto affidamento sulle informazioni contestuali indizi non verbali contenuti e spesso accennati libertà allinterlocutore di intendere il discorso in atto tipica delle culture orientali collettivistiche Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Contesto e tempo nella comunicazione non verbale

53 53 Culture monocroniche prospettiva temporale orientata al futuro, pianificazione di un traguardo a medio e lungo termine (obiettivo distale) vincoli temporali forti e organizzazione di unattività per volta (monocronia) culture con alto grado di industrializzazione, clima freddo, orientamento allindividualismo e al successo predomina una comunicazione a bassa contestualizzazione Culture policroniche prospettiva temporale orientata al presente, senza lesigenza di una programmazione anticipata verso un esteso arco temporale (obiettivi prossimali) diverse attività svolte nello stesso tempo (policronia) culture con modesto livello di industrializzazione, clima caldo, orientamento alla collettività e allarmonia. predomina una comunicazione ad alta contestualizzazione Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA

54 54 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Ogni soggetto è portatore di uno specifico ritmo personale Teoria dellaccomodazione comunicativa (Communication Accommodation Theory o CAT): Adattamento degli atti comunicativi a quelli del partner attraverso segnali linguistici ed extra-linguistici secondo due direzioni - convergenza: le modalità comunicative degli interlocutori diventano simili - divergenza: le differenze diventano più grandi e si crea un processo di scismogenesi

55 55 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Culture individualistiche: maggiore orientamento accomodativo nei confronti dellout-group Culture collettivistiche: bassa accomodazione verso lout-group, poiché è considerata una sorta di tradimento nei confronti dellin- group Teoria dellaccomodazione comunicativa (continua)

56 56 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Variabilità culturale nella comunicazione non verbale Sguardo: condizione fondamentale di qualsiasi rapporto sociale Es: un contatto oculare prolungato è considerato: - gesto di sfida e maleducazione in Giappone e nelle culture nordiche - segno di attenzione e sincerità nella cultura araba Gesti: rilevanti variazioni culturali Es: la mano a borsa significa: - interrogazione e perplessità in Italia meridionale - buono in Grecia, paura in Francia, lentamente in Tunisia - gesto sconosciuto in Inghilterra

57 57 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Variabilità culturale nella comunicazione non verbale (continua) Sorriso: copre una gamma estesa di fenomeni sociali Es: il sorriso sociale esprime: - in nord America gioia, contentezza e benessere personale, anche quando non corrisponde alla realtà (obligatory cheerfulness) - in Giappone, esigenza di mostrarsi gentili con linterlocutore per non metterlo a disagio Prossemica: uso dello spazio personale - Culture della distanza (Nord-Europa, Asia, India): grande distanza interpersonale, ogni riduzione spaziale è percepita come invasione - Culture della vicinanza (Arabia, Sud-America, culture latine): distanza interpersonale ridotta, distanza valutata come freddezza e ostilità

58 58 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Variabilità culturale nella comunicazione non verbale (continua) Aptica: azioni di contatto corporeo nei confronti degli altri - Culture del non contatto (culture nordiche, giapponese e indiana): contatto percepito come costrizione e mancanza di rispetto; reazioni negative di fastidio e irritazione - Culture del contatto (cultura araba e latina): contatto accettato favorevolmente, anche se rimane un atto comunicativo ambiguo che trasmette diversi valori semantici

59 59 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Variabilità culturale nella comunicazione non verbale (continua) Silenzio: modo strategico di comunicare che presenta una poliedricità contingente di significati; è governato da un insieme complesso di standard culturali definiti come le regole del silenzio Il silenzio è associato a situazioni sociali in cui la relazione fra i partecipanti è incerta, poco conosciuta, vaga o ambigua Il silenzio è un atto comunicativo associato a situazioni sociali in cui vi è una distribuzione nota e asimmetrica di potere sociale fra i partecipanti

60 60 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Culture della parola (africane, sudamericane e latine) caratterizzate da una comunicazione a bassa contestualizzazione e da una successione rapida dei turni di parola i tempi di latenza delle pause sono assai ridotti e il silenzio è considerato come una minaccia e una mancanza di cooperazione per la gestione della conversazione Culture del silenzio (cultura giapponese, paliyan, apache, navajo) caratterizzate da una comunicazione ad alta contestualizzazione e da lunghe pause di silenzio, in quanto segnale di riflessione e ponderatezza il silenzio è spesso indicatore di fiducia, confidenza armonia e intesa

61 61 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Conversazione e cultura La conversazione rappresenta un sistema comunicativo universale, in quanto si ritrova presso tutte le culture: essa dimostra la natura sociale e interattiva della specie umana. Tuttavia, emergono rilevanti e sistematiche variazioni culturali

62 62 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA La gerarchia sociale: - le differenze di status sociale sono molto sentite in India, presso le società asiatiche influenzate dal confucianesimo e a Bali; - in culture individualistiche, come quelle occidentali, dove vige unideologia egalitaria, limpiego dei titoli e degli onorifici si è molto diradato nelle conversazioni quotidiane La gestione delle coppie adiacenti e, in particolare, i saluti: - tra i wolof è il superiore che deve salutare per primo; in altre culture, come in certe comunità rurali, avviene il contrario - nella maggioranza delle culture occidentali i saluti sono accompagnati da domande rituali circa lo stato di salute (Come va?) - in Giappone tali domande sono notevolmente indiscrete, mentre in Vietnam sono sostituite da domande sul benessere gastronomico (Ha mangiato riso?)

63 63 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Le formule di chiusura e, in particolare, di ringraziamento: - in molte culture occidentali al ringraziamento si risponde con un segnale di ricezione (Prego) - presso diverse società orientali (come Corea e Giappone) e africane (come lo Zaire) le formule di ringraziamento sono strettamente proibite fra i parenti prossimi, come se fossero un insulto; in particolare, in Giappone assumono il valore di scusa La sovrapposizione dei turni: - gli italiani e i francesi hanno una soglia di tolleranza piuttosto elevata, in quanto le sovrapposizioni parziali forniscono ritmo, vivacità e spontaneità alla conversazione - i tedeschi e le popolazioni scandinave hanno un maggior rispetto dei turni, poiché gli episodi di sovrapposizione sono ritenuti sgradevoli e scorretti

64 64 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA In sintesi, la conversazione costituisce un sistema comunicativo universale che presenta proprietà di base comuni; tuttavia, le diverse culture elaborano e sviluppano dei sistemi locali di conversazione. Tali differenze conducono inevitabilmente a malintesi e fraintendimenti; questa condizione diventa oggi particolarmente importante in società sempre più multiculturali e globalizzate

65 65 Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 6. LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA Considerazioni conclusive Emerge uninterdipendenza intrinseca fra cultura e comunicazione: da un lato, la cultura produce e si esprime attraverso i sistemi di comunicazione; dallaltro, la comunicazione genera e seleziona i modelli culturali La comunicazione linguistica è strettamente intrecciata coi significati che sono alla base della cultura; essa quindi rende possibile la realizzazione di quella dimensione simbolica che costituisce il cuore della cultura stessa


Scaricare ppt "1 Capitolo 6 LINGUAGGIO, COMUNICAZIONE E CULTURA."

Presentazioni simili


Annunci Google