La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIPARTIMENTO DI CHIMICA E MICROBIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI ARPAV ROVIGO COMUNE DI BADIA POLESINE DI FERRARA ASSESSORATO ALLAMBIENTE CAMPAGNA DI BIOMONITORAGGIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIPARTIMENTO DI CHIMICA E MICROBIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI ARPAV ROVIGO COMUNE DI BADIA POLESINE DI FERRARA ASSESSORATO ALLAMBIENTE CAMPAGNA DI BIOMONITORAGGIO."— Transcript della presentazione:

1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA E MICROBIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI ARPAV ROVIGO COMUNE DI BADIA POLESINE DI FERRARA ASSESSORATO ALLAMBIENTE CAMPAGNA DI BIOMONITORAGGIO AMBIENTALE NEL COMUNE DI BADIA POLESINE PER LA RICERCA DI MICRO INQUINANTI NELLARIA

2 Aspetti generali della tecnica DI Bevilacqua Melissa Pellegrinelli Alice Ranzi Arianna Romani Elisa

3 INQUINAMENTO ATMOSFERICO Con il termine generico di inquinamento atmosferico si indica il degrado dellaria causato dallimmissione di sostanze che ne alterano le naturali caratteristiche chimico-fisiche. Queste sostanza producono effetti sullessere umano, sulla vegetazione o sui diversi materiali e di solito non sono presenti nella normale composizione dellaria, oppure lo sono ad un livello di concentrazione inferiore.

4 Gli inquinanti vengono generalmente distinti in due gruppi principali: ANTROPICI cioè prodotti dalluomo. NATURALI

5 CONTAMINANTI ATMOSFERICI I contaminanti atmosferici possono anche essere classificati in primari, cioè liberati direttamente nellambiente, e secondari, che si formano successivamente in atmosfera attraverso delle reazioni chimico-fisiche. I principali inquinanti primari sono quelli emessi da processi di combustione di qualsiasi natura, ovvero il monossido di carbonio, il biossido di carbonio, gli ossidi dazoto, le polveri e gli idrocarburi incombusti. Tali inquinanti sono soggetti a fenomeni di diffusione e trasporto e subiscono trasformazioni chimico-fisiche; di queste ultime particolarmente importante è la serie di reazioni che avvengono fra gli ossidi di azoto (NOx) e gli idrocarburi in presenza di luce solare. Questa catena di reazioni, infatti, porta alla produzione di ozono (O 3 ) e di altre specie chimiche anche in fase particellare. Linsieme dei prodotti di tali reazioni è una delle forme di inquinamento più dannose per lecosistema ed è nota come smog fotochimico o smog estivo.

6 FONTI DI INQUINAMENTO Linquinamento atmosferico maggiore è quello che luomo produce per soddisfare le proprie necessità civili ed industriali. Anche se è linquinamento originato dalluomo è quello che risulta più imputato nel peggioramento della qualità dellaria, non bisogna dimenticare limportanza dellinquinamento di origine naturale.

7 INQUINANTI DELL ARIA Gli inquinanti naturali dellaria sono sempre stati parte della storia delluomo. Le polveri e i vari gas emessi dai vulcani, dagli incendi delle foreste e dalla decomposizione dei composti organici entrano in atmosfera ad intervalli più o meno regolari e in qualche caso a livelli che possono causare degli effetti negativi a carico del clima. In ogni caso bisogna sottolineare che gli inquinanti naturali non rappresentano necessariamente un serio problema come possono esserlo gli inquinanti generati dalle attività umane perché risultano spesso notevolmente meno pericolosi dei composti prodotti dalluomo e non si concentrano mai sulle grandi città.

8 PRINCIPALI INQUINANTI ATMOSFERICI I composti chimici che causano linquinamento dellaria sono numerosi e con effetti diversificati sulla salute delluomo e sullambiente urbano. Tra questi i principali sono: il biossido di zolfo (SO2), gli ossidi di azoto (NOx), il monossido di carbonio (CO), l'ozono, il benzene, gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), le polveri, il piombo e altri metalli pesanti.

9 SORGENTI DI INQUINAMENTO Le sorgenti naturali di biossido di zolfo comprendono i vulcani, le decomposizioni organiche e gli incendi delle foreste. Le sorgenti naturali di ossidi di azoto includono i vulcani, gli oceani, le decomposizioni organiche e lazione dei fulmini. Linquinamento dellaria di origine antropogenica si sprigiona dalle grandi sorgenti fisse (industrie, impianti per la produzione di energia elettrica ed inceneritori); da piccole sorgenti fisse (impianti per il riscaldamento domestico) e da sorgenti mobili (il traffico veicolare). Molte di queste sorgenti sono strettamente legate alla produzione e dal consumo di energia, specialmente combustibili fossili.

10 BIOSSIDI DI ZOLFO Le principali sorgenti di biossidi di zolfo (SOx) sono gli impianti di produzione di energia, gli impianti termici di riscaldamento, alcuni processi industriali e in minor misura, il traffico veicolare, con particolare riferimento ai motori diesel. Cè anche una fonte naturale di emissione: i vulcani. Gli SOx possono essere considerati uno dei principali agenti del processo di acidificazione dellatmosfera, con effetti negativi sia sullecosistema sia sui monumenti e i manufatti.

11 OSSIDI DI AZOTO Gli ossidi di azoto (NOx) si formano principalmente dai processi di combustione che avvengono ad alta temperatura. Le principali sorgenti di ossidi dazoto (NOx, NO2) sono gli impianti di riscaldamento civile e industriale, il traffico autoveicolare, le centrali di produzione di energia ed un ampio raggio di processi industriali. Gli ossidi di azoto contribuiscono ai fenomeni di eutrofizzazione, allo smog fotochimico e sono composti che causano la formazione di inquinanti secondari come ozono e particolato fine secondario e alle piogge acide.

12 MONOSSIDO DI CARBONIO La principale sorgente di CO è rappresentata dai gas di scarico dei veicoli a benzina. Altre sorgenti sono la combustione in impianti di riscaldamento alimentati con combustibili solidi, liquidi e gassosi ed i processi industriali come la produzione dellacciaio, della ghisa e la raffinazione del petrolio. Il monossido di carbonio può provocare insufficienza respiratoria. I soggetti più a rischio sono i bambini perché il CO tende a depositarsi a livello del terreno.

13 OZONO Lozono è di origine sia antropica che naturale ed è un inquinante secondario cioè si produce per effetto della radiazione solare in presenza di inquinanti primari quali gli ossidi dazoto (NOx) e i composti organici volatili (COV). Il complesso dei fenomeni che porta a elevate concentrazioni di ozono viene denominato 'smog fotochimico'.

14 PM 10 E BENZENE Con il termine PM10 si indica una frazione delle polveri sottili. Particelle così piccole sono capaci di entrare nellapparato respiratorio, neutralizzando tutte le difese e i tentativi del corpo umano di farle uscire. Una volta entrate nei polmoni possono quindi arrivare, e stazionare a tempo indeterminato, fino al livello degli alveoli polmonari, dove avviene lo scambio di ossigeno e anidride carbonica nel sangue. In questa posizione possono provocare il cancro. Le emissioni di benzene derivano principalmente dalluso della benzina nei trasporti, sia come prodotto di combustione sia di evaporazione, in secondo luogo da alcuni processi produttivi e dai sistemi di stoccaggio e distribuzione dei carburanti. Lalto indice di motorizzazione dei centri urbani e la accertata cancerogenicita' fa del benzene uno dei più importanti inquinanti nelle aree metropolitane.

15 EFFETTI DELLINQUINAMENTO SULLA SALUTE DELLUOMO Linquinamento atmosferico comporta spesso numerose conseguenze a carico della salute, soprattutto nei casi in cui si verifichi un brusco innalzamento delle concentrazioni dei comuni contaminanti dellaria (inquinamento acuto). In questi casi, laumentata esposizione a vari irritanti atmosferici provoca la riduzione della funzionalità polmonare, laumento delle malattie respiratorie nei bambini, gli attacchi acuti di bronchite e laggravamento dei quadri di asma; il tutto comporta un forte incremento nel numero dei decessi fra le persone più sensibili a determinati inquinanti, come gli anziani o le persone affette da malattie respiratorie e cardiovascolari.

16 EFFETTI DELLINQUINAMENTO SULLAMBIENTE Lazione operata dagli inquinanti dellaria nei confronti dellambiente è sotto gli occhi di tutti. Il declino inesorabile del patrimonio animale, forestale ed agricolo, la degradazione degli ecosistemi, i danni provocati alle strutture metalliche, alle opere darte, alle pitture, ai fabbricati, ai materiali tessili ed in genere ai diversi materiali usati dalluomo e per finire la riduzione della visibilità, sono tutti aspetti del complesso problema generato dallinquinamento operato dalluomo. Il meccanismo di aggressione operato dagli inquinanti può essere estremamente rapido o prolungato nel tempo, a seconda del gran numero di fattori che possono essere implicati nel fenomeno. Gli inquinanti possono agire a livello locale magari distruggendo unarea boschiva relativamente piccola, oppure possono agire a livello globale, interessando tutte le popolazioni della terra.

17 Con il termine di Biomonitoraggio si intende il monitoraggio dell'inquinamento mediante organismi viventi. Le principali tecniche di biomonitoraggio consistono nell'uso di organismi: Bioaccumulatori: organismi in grado di sopravvivere in presenza di inquinanti che accumulano nei loro tessuti. Bioindicatori: organismi che subiscono variazioni evidenti nella fisiologia, nella morfologia o nella distribuzione spaziale sotto l'influsso delle sostanze presenti nell'ambiente. Il biomonitoraggio, rispetto alle tecniche analitiche tradizionali, ha il vantaggio di fornire stime degli effetti inquinanti sugli esseri viventi.

18 BIOMONITORAGGIO E MISURE STRUMENTALI I bioindicatori possono mettere in evidenza alterazioni causate da diversi fattori: la risposta di un bioindicatore a una perturbazione deve essere quindi interpretata e valutata in quanto sintetizza lazione sinergica di tutte le componenti ambientali. Tramite il biomonitoraggio è possibile quindi rilevare gli effetti di impatti non evidenti quali la presenza cronica di sostanze inquinanti non individuabili separatamente tramite le analisi strumentali. Il biomonitoraggio fornisce tuttavia stime indirette che hanno una minore oggettività delle misure strumentali: ad esempio, un bioindicatore può adattarsi allinquinamento attivando meccanismi di espulsione rapida delle sostanze tossiche, falsando così il risultato dellanalisi. Le attività di monitoraggio devono quindi tener conto delleventuale dinamismo interno del bioindicatore, della sua velocità di risposta allo stimolo sotto monitoraggio e delle eventuali fluttuazioni nel tempo del fattore di stress.

19 BIOMONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELLARIA Il biomonitoraggio della qualità dell'aria si basa sulla valutazione degli effetti prodotti dall'inquinamento atmosferico sugli organismi e sulle loro comunità. Gli organismi possono essere impiegati nel monitoraggio della qualità dell'aria sia come bioindicatori (piante vascolari, muschi e pollini), sia come bioaccumulatori (piante vascolari, licheni, muschi e pollini). Le tecniche di misura basate sulle categorie di organismi comunemente utilizzati sono: Piante vascolari Muschi Licheni Aeroplancton ed altri organismi

20 BIOMONITORAGGIO MEDIANTE LUTILIZZO DI LICHENI I licheni sono organismi simbionti composti da un fungo ascomicete, e da unalga verde e/o un cianobatterio. La simbiosi tra alga e fungo risulta vantaggiosa per entrambi gli organismi: il fungo usufruisce delle sostanze organiche prodotte dalla fotosintesi dellalga che riceve dal fungo protezione, acqua e sali minerali. I licheni sono in grado di colonizzare gli ambienti molto diversi anche in condizioni di vita estreme, dove, da soli, fungo e alga non potrebbero sopravvivere. Attualmente, lutilizzo dei licheni come biomonitor è molto diffuso sia come bioindicatori come bioaccumulatori sfruttando la loro capacità di accumulare inquinanti aerodispersi.

21 I LICHENI COME BIOINDICATORI I licheni possiedono caratteristiche peculiari che li rendono adatti all'impiego come bioindicatori: sensibilità agli agenti inquinanti (mancando di una cuticola superficiale e di aperture stomatiche, gli scambi con l'atmosfera interessano tutta la superficie); resistenza agli stress ambientali ( variazioni di temperatura, mancanza di acqua); ubiquitarietà riuscendo a crescere ovunque salvo condizioni di inquinamento che ne impediscano lo sviluppo; accrescimento lento e grande longevità La presenza di sostanze inquinanti nell'aria provoca effetti dannosi sui licheni, ed in particolare col tempo diminuisce il numero di specie. Questa caratteristica è utilizzata per stabilire un indice di qualità dell'aria.

22 I LICHENI COME BIOACCUMULATORI La capacità di assorbire e accumulare sostanze inquinanti può essere sfruttata per il monitoraggio dei contaminanti persistenti presenti in atmosfera in bassissime concentrazioni. Inquinanti come i metalli pesanti, i fluoruri, gli idrocarburi clorurati sono difficilmente rilevabili nell'aria in concentrazioni apprezzabili tramite gli strumenti di analisi e risulta molto difficile studiarne i meccanismi di diffusione nel territorio. Il lichene, funzionando da bioaccumulatore, consente di misurare l'abbondanza relativa di questi inquinanti spesso molto pericolosi e di individuare le aree di maggior deposito al suolo. Le proprietà che fanno di un lichene un buon bioaccumulatore sono le seguenti: elevata tolleranza alla sostanza in esame. capacità di accumulare la sostanza esaminata in misura indefinita possibilità di definire l'età del tallo lichenico esaminato ( le parti del tallo più vecchie tenderanno ad avere concentrazioni di inquinante più elevate rispetto alle parti più giovani,per cui è opportuno raffrontare porzioni di tallo della stessa età. presenza di molti esemplari di lichene nell'area di studio.

23 I LICHENI NELLA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELLARIA I licheni epifiti ( licheni che crescono sulla corteccia degli alberi) rappresentano i biondicatori più utilizzati nella valutazione della qualità dell'aria; questi pur non essendo capaci di discriminare tra i diversi tipi di inquinanti, sono in grado di stimare la qualità complessiva dell'aria risultando sensibili all'effetto di tutti gli inquinanti contemporaneamente, oltre a quelli derivanti dall'accumulo di sostanze non facilmente rilevabili con normali mezzi di analisi chimica. I licheni possono essere utilizzati per la valutazione della qualità dell'aria secondo due tipi di approcci diversi: l'approccio indiretto (licheni come bioindicatori) e l'approccio diretto (licheni come bioaccumulatori). bioindicatoribioaccumulatori

24 BIOMONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELLARIA MEDIANTE MUSCHI Il termine muschio è il nome comune di un gruppo di piante di piccole dimensioni appartenenti al phylum delle Briofite. Gli studi di bioaccumulo mediante muschi sono effettuati con specie con unalta tolleranza alle sostanze tossiche aerodisperse che permettono di rilevare picchi elevati di concentrazione di inquinanti. I muschi possiedono inoltre la capacità di accumulare le sostanze esaminate in misura indefinita: in effetti, la piantina accumula le sostanze in maniera proporzionale sia alla concentrazione di inquinanti in ambiente sia al tempo di esposizione; di conseguenza, a parità di concentrazione di inquinante, la contaminazione risulta essere più alta nel tallo più vecchio. In particolare, i muschi sono efficienti accumulatori passivi di metalli pesanti (piombo, cadmio, rame, zinco ecc.) grazie allelevata capacità di scambio cationico della loro parete cellulare.

25


Scaricare ppt "DIPARTIMENTO DI CHIMICA E MICROBIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI ARPAV ROVIGO COMUNE DI BADIA POLESINE DI FERRARA ASSESSORATO ALLAMBIENTE CAMPAGNA DI BIOMONITORAGGIO."

Presentazioni simili


Annunci Google