La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La D.G.R. stabilisce di ricondurre tutte le R.S.A. a rispettare ed adeguarsi ai requisiti minimi generali e specifici di cui all’art.1 del D.P.R. 14 gennaio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La D.G.R. stabilisce di ricondurre tutte le R.S.A. a rispettare ed adeguarsi ai requisiti minimi generali e specifici di cui all’art.1 del D.P.R. 14 gennaio."— Transcript della presentazione:

1 La D.G.R. stabilisce di ricondurre tutte le R.S.A. a rispettare ed adeguarsi ai requisiti minimi generali e specifici di cui all’art.1 del D.P.R. 14 gennaio 1997, ferme restando le prescrizioni contenute nella normativa nazionale, regionale e nei regolamenti edilizi comunali. D.G.R del REQUISITI PER AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO E ACCREDITAMENTO DELLA R.S.A. Pubblicata sul BURL n°1 del gennaio 2002 ASL DI BERGAMO – SERVIZIO DI VIGILANZA

2 D.P.R. 14 GENNAIO 1997 REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E TECNOLOGICI nuclei Capacità recettiva non inferiore a 20 e non superiore, in via eccezionale, a 120 posti articolata in nuclei da 10/20 soggetti AREA DESTINATA ALLA RESIDENZIALITA’ AREA DESTINATA ALLA VALUTAZIONE E ALLE TERAPIE AREA DI SOCIALIZZAZIONE AREE GENERALI DI SUPPORTO

3 AREA DESTINATA ALLA RESIDENZIALITA’  camere da 1,2,3,4. letti; all’interno di ogni camera garantita la privacy e l’accesso ed il movimento di carrozzine;  servizi igienici attrezzati per la non autosufficienza;  ambulatorio-medicheria;  locale controllo personale con servizi igienici annessi;  cucina attrezzata;  spazi soggiorno/gioco-TV/spazio collettivo;  armadi per biancheria pulita;  locali deposito biancheria sporca;  locale per vuotatoio e lava padelle;  locale deposito per attrezzature, carrozzine e materiale di consumo, ecc.  attrezzature particolarmente adatte ad ospiti non deambulanti e non autosufficienti (letti, materassi e cuscini antidecubito, etc.).

4 AREA DESTINATA ALLA VALUTAZIONE E ALLE TERAPIE  locali e attrezzature per prestazioni ambulatoriali e per valutazioni specifiche;  area destinata all’erogazione delle attività specifiche di riabilitazione;  locali e palestra con attrezzature per le specifiche attività riabilitative previste.

5 AREA DI SOCIALIZZAZIONE  angolo bar;  sale e soggiorno polivalenti;  locale per servizi all’ospite;  servizi igienici.

6 AREE GENERALI DI SUPPORTO  ingresso con portineria, posta e telefono;  uffici amministrativi;  cucina, dispensa e locali accessori (se non appaltate all’esterno);  magazzini;  camera ardente;  depositi pulito e sporco.

7 I GESTORI DELLE STRUTTURE GIA’ AUTORIZZATE E/O ACCREDITATE DOVRANNO PRESENTARE A:  A.S.L.  PROVINCIA ENTRO IL TERMINE MASSIMO DEL 30 OTTOBRE 2002  dichiarazione autocertificativa, con la quale si attesti il possesso dei requisiti di autorizzazione di cui alla D.G.R. 7435/01  in caso di non possesso degli stessi, un PIANO delle OPERE DI ADEGUAMENTO della durata massima di 5 ANNI (entro gennaio 2007)

8 L’ASL Approva con la Provincia il Piano delle Opere di Adeguamento, sulla realizzazione del quale vigila con facoltà di revoca del parere positivo nel caso che gli interventi e i tempi di adeguamento non rispettino il Piano approvato Verifica e vigila circa il possesso ed il mantenimento dei requisiti, di cui alla D.G.R. 7435/01, per l’accreditamento Verifica periodicamente l’appropriatezza delle prestazioni erogate

9 LA PROVINCIA dal 30 ottobre 2002 CONFERMA DI AUTORIZZAZIONE nel caso in cui le Strutture siano già in possesso dei requisiti di autorizzazione previsti dalla D.G.R. EMISSIONE DI AUTORIZZAZIONE Provvisoria supportata da Piano di adeguamento ai requisiti previsti REVOCA DELL’AUTORIZZAZIONE al funzionamento, con conseguente piano di dimissioni programmate, nel caso in cui i Gestori non ottemperino a quanto richiesto entro il 30 settembre 2002

10 LE R.S.A. DI NUOVA ATTIVAZIONE che richiederanno l’autorizzazione al funzionamento dopo il gennaio 2002: PRESENTANO A:  A.S.L.  PROVINCIA  dichiarazione autocertificativa, con la quale si attesti il possesso dei requisiti di autorizzazione di cui alla D.G.R. 7435/01 N.B. QUANTO SOPRA ESPOSTO VALE ANCHE PER L’ATTIVAZIONE DI NUOVI NUCLEI DI AMPLIAMENTO DI STRUTTURE ESISTENTI!

11 LE R.S.A. CHE:  hanno già ottenuto una concessione edilizia  sono già oggetto di interventi non soggetti a concessione edilizia (D.I.A.) PRESENTANO A:  A.S.L.  PROVINCIA  dichiarazione autocertificativa, con la quale si attesti il possesso dei requisiti di autorizzazione di cui alla D.G.R. 7435/01  un piano delle opere di adeguamento da concludersi entro gennaio 2007, in caso di non possesso dei requisiti richiesti dalla D.G.R. 7435/01

12 D.G.R. 7435/01 La D.G.R. 7435/01 Allegato A individua  REQUISITI DI QUALITA’ OBBLIGATORI PER L’ACCREDITAMENTO DI TUTTE LE R.S.A. raccomanda  ULTERIORI REQUISITI DI QUALITA’ OBBLIGATORI PER LE STRUTTURE ACCREDITATE DAL 1 LUGLIO 2004

13 REQUISITI OBBLIGATORI PER L’ACCREDITAMENTO (allegato A D.G.R. 7435/01) per le R.S.A. esistenti – già accreditate Documentazione attestante le quantità di personale necessaria per la gestione delle R.S.A. 1. DA SUBITO Protocolli di utilizzo e piano delle manutenzioni per attrezzature e impianti definiti pericolosi nella relazione sulla valutazione dei rischi ex d.lgs 626/94 2. ENTRO 6 MESI Gestione dell’emergenza Piano di formazione teorico e pratica del personale 3. ENTRO 6 MESI Carta dei Servizi 4. ENTRO 9 MESI Fascicolo sanitario e sociale per ogni ospite 5. ENTRO 6 MESI

14 Adozione di specifiche linee guida 6. P.A.I. 7. ENTRO 12 MESI ENTRO 6 MESI ARREDI ed ATTREZZATURE (letti a 3 snodi, materassi e cuscini antidecubito) 8. ENTRO 36 MESI SEGNALETICA e Cartellonistica per favorire l’orientamento degli ospiti 9. ENTRO 6 MESI SEGNALETICA sonora e/o visiva e/o vocale per richiesta di assistenza 10. LOCALE per il CULTO 11. ENTRO 5 ANNI

15 SERVIZIO DI BARBIERE E PARRUCCHIERE 12. ENTRO 6 MESI SISTEMA INFORMATIVO ENTRO 6 MESI 13.

16 ULTERIORI REQUISITI DI QUALITA’ RACCOMANDATI per le RSA già accreditate OBBLIGATORI per le strutture accreditate dal 1° luglio 2004 Tipologia di camere solo a 1 o 2 p.letto con servizi igienici, attrezzati di ausilii per la non autosufficienza e collegati con le camere da letto Camere a 1 letto sup. minima mq 12 Camere a 2 letti sup. minima mq 18 Salottino di ricevimento per nucleo Impianto di aria primaria Corridoi con larghezza minima 2 mt Locale o spazio attrezzato per attività occupazionali per nucleo Percorsi verticali che consentano via di fuga in caso di incendio Palestrina di piano Centralizzazione impianto di ossigeno

17 ACCREDITAMENTO dall’allegato “A” REQUISITI SPECIFICI ULTERIORI INDIVIDUATI dall’allegato “A” REQUISITI D.P.R. ’97 (=AUTORIZZAZIONE) + OBBLIGATORI RACCOMANDATI

18 FUNZIONE PROMOZIONALE DEL SERVIZIO DI VIGILANZA PARERIPREVENTIVI SUI PIANI DI ADEGUAMENTOCONSULENZE PER CARTA DEI SERVIZI

19 Strutture già ACCREDITATE e/o AUTORIZZATE, che hanno già ottenuto C.E. o che hanno già presentato D.I.A. ( punto 2 D.G.R. ) Capacità recettiva del NUCLEO tra 10 e 30 p.l. Per le camere sono consentiti ancora 4 p.l. con adeguamento entro 5 anni ai parametri previsti dallo standard programmatorio del P.S.A. Capacità recettiva COMPLESSIVA della struttura anche > 120 p.l.


Scaricare ppt "La D.G.R. stabilisce di ricondurre tutte le R.S.A. a rispettare ed adeguarsi ai requisiti minimi generali e specifici di cui all’art.1 del D.P.R. 14 gennaio."

Presentazioni simili


Annunci Google