La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’ACQUA in poesia… Guarda l’acqua del mare com’è celeste ma essa ci mente, perchè in realtà è trasparente … L’acqua è l’oro blu ma ogni ora manca di più.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’ACQUA in poesia… Guarda l’acqua del mare com’è celeste ma essa ci mente, perchè in realtà è trasparente … L’acqua è l’oro blu ma ogni ora manca di più."— Transcript della presentazione:

1

2 L’ACQUA in poesia… Guarda l’acqua del mare com’è celeste ma essa ci mente, perchè in realtà è trasparente … L’acqua è l’oro blu ma ogni ora manca di più. Acqua, un bene che porta vita ma purtroppo è inquinata per la cattiveria infinita e dev’ esser curata 

3 Operazioni “ACQUOSE’’ ACQUA+ UOMO+ UOMO= UOMO= BONTA’= ACQUA ACQUA PULITA INQUINATA

4 LUCCIA LA GOCCIA La storia di una goccia d’acqua che affronta un mondo inquinato

5 Presentazioni… Sono al calduccio davanti al camino di casa mia quando,all’improvviso,la mia attenzione è distolta dal fuoco per un tuono. Mi avvicino alla finestra: è in corso un burrascoso temporale. Una goccia cade sulla mia finestra e inizia a parlare:”Ciao, sono Luccia la Goccia’’.La guardo stupito e balbettando rispondo:’’Cosa? Una goccia che parla?’’. “Si, hai sentito bene. Sono una giovane Goccia che ha già un lungo passato avventuroso alle sue spalle!”Dice Luccia.Allora intervengo io: “Ciao, mi chiamo Giorgio, ma tu puoi chiamarmi Giò.Sono un ragazzo di dodici anni, mi piace scrivere e ascoltare storie. Potresti raccontarmi la tua?’’ Sono al calduccio davanti al camino di casa mia quando,all’improvviso,la mia attenzione è distolta dal fuoco per un tuono. Mi avvicino alla finestra: è in corso un burrascoso temporale. Una goccia cade sulla mia finestra e inizia a parlare:”Ciao, sono Luccia la Goccia’’.La guardo stupito e balbettando rispondo:’’Cosa? Una goccia che parla?’’. “Si, hai sentito bene. Sono una giovane Goccia che ha già un lungo passato avventuroso alle sue spalle!”Dice Luccia.Allora intervengo io: “Ciao, mi chiamo Giorgio, ma tu puoi chiamarmi Giò.Sono un ragazzo di dodici anni, mi piace scrivere e ascoltare storie. Potresti raccontarmi la tua?’’

6 Al Mare … Al Mare … “Certo che si ’’ Risponde, e dopo una pausa Luccia inizia il suo racconto: “Tutto cominciò quel giorno d’estate rovente al mare … Ero con i miei genitori ed era il momento di evaporare, quando una nave iniziò a cacciare fumo. L’effetto del Sole mi fece volare in alto velocemente e mi ritrovai sola in un cielo limpido mentre la mia famiglia, rimasta indietro, si ritrovò in una bufera nera di fumo. “Certo che si ’’ Risponde, e dopo una pausa Luccia inizia il suo racconto: “Tutto cominciò quel giorno d’estate rovente al mare … Ero con i miei genitori ed era il momento di evaporare, quando una nave iniziò a cacciare fumo. L’effetto del Sole mi fece volare in alto velocemente e mi ritrovai sola in un cielo limpido mentre la mia famiglia, rimasta indietro, si ritrovò in una bufera nera di fumo.

7 Un Diamante … I venti mi spostarono in un luogo freddo,dove una volta diventata nuvola,feci nuove conoscenze fino a diventare soffice,candida,cristallina e brillante come un diamante. Caddi dolcemente accarezzata da una brezza mattutina su una montagna come una foglia che cade in un giorno d’autunno, su di un ramoscello secco e da lì mi addormentai. Mi svegliai col leggiadro raggio di Sole che danzandomi intorno,mi sciolse caldamente e caddi su una foglia verde, e da lì scivolando piano piano,traboccai in un pozzo. Mi ritrovai sul suo fondo e venni raccolta da un oggetto strano, fu un uomo a prendermi, per gettarmi poi in un lavandino. I venti mi spostarono in un luogo freddo,dove una volta diventata nuvola,feci nuove conoscenze fino a diventare soffice,candida,cristallina e brillante come un diamante. Caddi dolcemente accarezzata da una brezza mattutina su una montagna come una foglia che cade in un giorno d’autunno, su di un ramoscello secco e da lì mi addormentai. Mi svegliai col leggiadro raggio di Sole che danzandomi intorno,mi sciolse caldamente e caddi su una foglia verde, e da lì scivolando piano piano,traboccai in un pozzo. Mi ritrovai sul suo fondo e venni raccolta da un oggetto strano, fu un uomo a prendermi, per gettarmi poi in un lavandino.

8 Ed arrivai qui … Attraversai diverse tubature e arrivai in una specie di lago sporchissimo chiuso tra più mura anch’esse sporche. Trascinata dalle correnti trovai buste di spazzatura, pantofole, sigarette,tovaglioli sporchi … all’improvviso, si sentì uno scoppio e fui risucchiata all’esterno su di una melma verdastra. Il Sole,battè forte su questo “fango” e quindi volando mi ritrovai ad essere una nuvola e precipitai qui.’’ Giò risponde applaudendo: “ Wow, che bellissima storia! Né scriverò un racconto...’’ Attraversai diverse tubature e arrivai in una specie di lago sporchissimo chiuso tra più mura anch’esse sporche. Trascinata dalle correnti trovai buste di spazzatura, pantofole, sigarette,tovaglioli sporchi … all’improvviso, si sentì uno scoppio e fui risucchiata all’esterno su di una melma verdastra. Il Sole,battè forte su questo “fango” e quindi volando mi ritrovai ad essere una nuvola e precipitai qui.’’ Giò risponde applaudendo: “ Wow, che bellissima storia! Né scriverò un racconto...’’

9 SVOLTO DA: Ilenia Del Gaudio & Mariarosaria Ferraioli


Scaricare ppt "L’ACQUA in poesia… Guarda l’acqua del mare com’è celeste ma essa ci mente, perchè in realtà è trasparente … L’acqua è l’oro blu ma ogni ora manca di più."

Presentazioni simili


Annunci Google