La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Provincia di Milano e BIC La Fucina 2° Salone della Responsabilità Sociale – Dal Dire al Fare SEMINARIO Donne e Responsabilità Sociale dImpresa: come conciliare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Provincia di Milano e BIC La Fucina 2° Salone della Responsabilità Sociale – Dal Dire al Fare SEMINARIO Donne e Responsabilità Sociale dImpresa: come conciliare."— Transcript della presentazione:

1 Provincia di Milano e BIC La Fucina 2° Salone della Responsabilità Sociale – Dal Dire al Fare SEMINARIO Donne e Responsabilità Sociale dImpresa: come conciliare famiglia, lavoro e carriera Venerdì 29 Settembre 2006 Claudio Minoia Interventi della Provincia di Milano in merito ai servizi per linfanzia

2 La Provincia di Milano per il sociale Competenze di collaborazione e programmazione su area vasta nei temi del sociale - Istituzione di osservatori tematici e sociali - Formazione operatori sociali - Interventi per i disabili sensoriali - Partecipazione alla programmazione sociale locale

3 La Provincia di Milano e i servizi di 2° livello Supporto ai Comuni per la realizzazione dei Piani di Zona e partenariato attivo per la realizzazione di progetti (100 azioni avviate) Madre Segreta, linea verde e prog Arianna Spazio Neutro e consulenza ai genitori separati Sostegno alle famiglie monoparentali in difficoltà

4 La Provincia di Milano e i servizi di 2° livello Coordinamento interventi sociali degli sportelli stranieri in collaborazione con Sportello Unico Prefettura e Questura di Milano Sostegno ai caregiver e formazione delle badanti/assistenti familiari per interventi di sistema Mappatura asili nido 633 asili nido (autorizzazioni 2002/05 di 220 asili nido nuovi) Nuovo bando per investimenti in conto capitale per la realizzazione servizi per linfanzia

5 Invito a presentare progetti per la realizzazione o ampliamento asili nido e servizi per linfanzia da attivarsi nei Comuni della provincia di Milano

6 Bando asili nido e servizi per la prima infanzia FINALITA: sostenere interventi istituzionali per ampliamento offerta asili nido Realizzazione percorsi e servizi formativi innovativi (0-36 mesi) Aumento complessivo numero posti a disposizione nel sistema offerta provinciale

7 3 Contributi in conto capitale per gli anni 2006/2009 a fondo perduto erogati dalla Provincia di Milano ai Comuni che presenteranno,dintesa con terzo settore e coop sociali, progetti di avvio nuovi servizi o ampliamento servizi esistenti saranno sostenuti interventi strutturali e/o di acquisto di edifici o attrezzature di beni durevoli per servizi destinati alla prima infanzia (0-36mesi)

8 Soggetti ammissibili Beneficiari del contributo: Comuni del territorio della Provincia di Milano, singoli o associati ( due o più - in questo caso allinterno degli Ambiti territoriali/Distretti socio-sanitari ex L.328/00) Forme di associazione: ai sensi del TUEL (unione comuni,consorzi,convenzioni,ecc) oppure intese, protocolli,ATS utilizzate a livello locale (con il terzo settore o privato sociale ) e formalizzate entro 90 gg.

9 Priorita (alcune) Forme gestionali innovative Soluzioni locali- adeguatamente motivate- per affrontare carenze del sistema integrato di offerta esistente e presenti nella programmazione locale Soluzioni innovative nelledilizia, nel risparmio energetico,nel rispetto dellambiente Integrazione di minori portatori di svantaggio o di disabilità Progetti che prevedano qualità e monitoraggio

10 Iniziative agevolabili Asili nido Micro nidi Nidi realizzati con la collaborazione del sistema produttivo locale e dei servizi (aziende, cooperative, ecc.) Centri prima infanzia, tempo delle famiglie, servizi integrativi rispondenti alla normativa regionale e a progetti flessibili e finalizzati alla conciliazione del tempi di lavoro e della città Spazi gioco, ludoteche o altri servizi ammissibili dalla normativa per utenti 0-36 mesi con la presenza di un adulto

11 Iniziative agevolabili 2 Interventi dovranno essere conformi agli strumenti urbanistici vigenti e agli standard regionali di riferimento Gli immobili o beni interessati dal progetto dovranno essere sottoposti al vincolo di destinazione o duso decennale a partire dalla fine dei lavori I progetti dovranno rispettare un vincolo temporale di realizzazione (18/24 mesi)

12 Spese ammissibili Acquisto aree, edifici Costo lavori appaltati o realizzati in economia Acquisto arredi e interventi di allacciamenti interni Iva, se non recuperata Spese tecniche (10% max) Spese gestione in conto corrente max 10% del contributo

13 Tipologia e importo contributo Max 50% delle spese riconosciute Max se progetto di un Comune o max se progetto di due o più Comuni

14 Domande di contributo Presentate dai Comuni ( entro 60 giorni dalla pubblicazione del bando) in forma cartacea e su supporto informatico secondo la modulistica scaricabile dal sito web Provincia

15 Valutazione ammissibilità e graduatorie Valutazione a cura di un comitato tecnico Secondo due criteri fondamentali: qualità delle soluzioni progettuali ( ad es. fattibilità del progetto,entità del cofinanziamento e peso dellautofinanziamento richiesto, tempi di realizzazione, costi di realizzazione, quantificazione rette,rapporto costo arredi/n.utenti) corrispondenza dei progetti alle priorità (coerenza con programmazione locale, innovazione costruttiva,soluzioni innovative gestionali valutate dalla Provincia, integrazione soggetti in condizione di svantaggio o disabilità) Graduatorie per bando ammessi e finanziati, ammessi e non finanziati e non ammessi

16 Procedure tecniche di liquidazione, ispezione ed eventuale revoca Liquidazione del 30% alla dichiarazione avvio progetto e presentazione piano esecutivo dei costi Ulteriore due rate del 30% a dimostrazione avvenuta spesa 10% a saldo dopo approvazione della rendicontazione che dovrà avvenire entro 120 giorni dal termine temporale approvato per la realizzazione del progetto Entro tre anni dallerogazione dei contributi saranno possibili verifiche tecniche e amministrative con possibilità di revoca totale o parziale

17 Donne che lavorano e bambini in asilo nido Paese (fonte Ocse) Impiego donne c/bambin i -3 anni Utenti degli asili nido c/bambini -3 anni PaeseImpiego donne c/bambini -3 anni Utenti degli asili nido c/bambini - 3 anni Danimarca 76,583,0 Regno Unito 70,826,0 Svezia 72,066,0 Italia 51,118,7 Stati Uniti 52,138,0 Irlanda 53,115,0 Olanda 59,429,0 Austria 71,910,0 Francia 49,227,0 Germania 47,88,6


Scaricare ppt "Provincia di Milano e BIC La Fucina 2° Salone della Responsabilità Sociale – Dal Dire al Fare SEMINARIO Donne e Responsabilità Sociale dImpresa: come conciliare."

Presentazioni simili


Annunci Google