La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Standard OHSAS 18001:2007 e matrice di corrispondenza con il Modello Organizzativo del Decreto Legislativo 81/08 Armando Romaniello Certiquality Roma,

Copie: 1
Sistemi di gestione della sicurezza OHSAS 18001: corrispondenze con il Modello Organizzativo del Decreto Legislativo 81/08 Paolo Giuiuzza Claudia Gistri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Standard OHSAS 18001:2007 e matrice di corrispondenza con il Modello Organizzativo del Decreto Legislativo 81/08 Armando Romaniello Certiquality Roma,"— Transcript della presentazione:

1

2 Standard OHSAS 18001:2007 e matrice di corrispondenza con il Modello Organizzativo del Decreto Legislativo 81/08 Armando Romaniello Certiquality Roma, 10 luglio 2008

3 ARGOMENTI: INTRODUZIONE MODELLI DISPONIBILI PER I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO CORRISPONDENZE TRA IL MODELLO ORGANIZZATIVO INDICATO DAL D.LGS 81/08 E LO STANDARD OHSAS 18001:07 CONSIDERAZIONI FINALI

4 CONTENUTI: INTRODUZIONE MODELLI DISPONIBILI PER I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO CORRISPONDENZE TRA IL MODELLO ORGANIZZATIVO INDICATO DAL D.LGS 81/08 E LO STANDARD OHSAS 18001:07 CONSIDERAZIONI FINALI

5 La Legge 123/07, entrata in vigore il 25 agosto 2007, ha esteso il campo di applicazione del D.Lgs. 231/01 (art. 25-septies) ai reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela delligiene e della salute sul lavoro. E inoltre in fase di predisposizione lestensione del campo di applicazione del D.Lgs. 231/01 ad alcune tipologie di reati ambientali. LA LEGGE 3 agosto 2007, n. 123

6 A seguito della attività normativa avvenuta nel 2007, anche il nuovo testo sulla sicurezza e salute sul lavoro del 2008 si ricollega al D.Lgs. 231/01, fornendo indicazioni su un modello di organizzazione e gestione per la sicurezza così definito: modello organizzativo e gestionale per la definizione e lattuazione di una politica aziendale per la salute e sicurezza, ai sensi dellarticolo 6, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, idoneo a prevenire i reati di cui agli articoli 589 e 590, comma 3, del codice penale, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute sul lavoro DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 E MODELLO ORGANIZZATIVO

7 CONTENUTI: INTRODUZIONE MODELLI DISPONIBILI PER I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO CORRISPONDENZE TRA IL MODELLO ORGANIZZATIVO INDICATO DAL D.LGS 81/08 E LO STANDARD OHSAS 18001:07 CONSIDERAZIONI FINALI

8 Testo Unico e sistemi di gestione della sicurezza Decreto legislativo /4/08 di attuazione dellart.1 della legge n. 123/2007 in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro Art. 30 – Titolo I - Modelli di organizzazione e di gestione 1. Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, deve essere adottato ed efficacemente attuato, assicurando un sistema aziendale per ladempimento di tutti gli obblighi giuridici relativi: a) al rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi a attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici; b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti; c) alle attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo soccorso, gestione degli appalti, riunioni periodiche di sicurezza, consultazioni dei rappresentanti per la sicurezza;

9 Testo Unico e sistemi di gestione della sicurezza d) alle attività di sorveglianza sanitaria; e) alle attività di informazione e formazione dei lavoratori; f) alle attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei lavoratori; g) alla acquisizione di documentazioni e certificazioni obbligatorie di legge; h) alle periodiche verifiche dellapplicazione e dellefficacia delle procedure adottate. 2 Il Modello organizzativo e gestionale deve prevedere idonei sistemi di registrazione … ecc 3 Il Modello organizzativo deve prevedere.. una articolazione di funzioni che assicuri le competenze tecniche e i poteri necessari per la verifica, valutazione, gestione, e controllo del rischio, nonché un sistema disciplinare … ecc

10 Testo Unico e sistemi di gestione della sicurezza 4 Il Modello organizzativo deve prevedere un idoneo sistema di controllo sullattuazione.. e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità… …riesame del modello organizzativo sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro 5. In sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) del 28 settembre 2001, o al British Standard OHSAS 18001:2007 si presumono conformi ai requisiti di cui ai commi precedenti per le parti corrispondenti. Agli stessi fini ulteriori modelli di organizzazione e gestione aziendale possono essere indicati dalla Commissione ex art 6.

11 QUALI SONO I MODELLI DISPONIBILI PER I SGSSL ? NORME CERTIFICABILi NORME CERTIFICABILi LINEE GUIDA UNI INAIL ISPESL PARTI SOCIALI Linee Guida per un sistema di gestione della sicurezza e salute sul lavoro BS OHSAS 18001: 2007 Occupational health and safety management systems - Requirements

12 CORRISPONDENZE TRA OHSAS E UNI-INAIL(..):2001 (cfr. Appendice 6 RT-12 Sincert) Non si segnalano aree di significativa differenza. Un sistema di gestione SSL strutturato come indicato dalla OHSAS sarà pertanto compatibile con la linea guida UNI-INAIL. Gli Organismi di Certificazione accreditati da Sincert devono valutare che vi sia la conformità ai requisiti OHSAS interpretati sulla base della linea guida UNI INAIL. Le linee guida UNI INAIL aggiungono alcuni elementi di dettaglio.

13 COSA E IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SGS? CHE COSE UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO? PARTE DEL SISTEMA DI GESTIONE CHE FACILITA LA GESTIONE DEI RISCHI DELLA SICUREZZA ASSOCIATI CON LE ATTIVITA DELLORGANIZZAZIONE Comprende struttura organizzativa, attività di pianificazione (inclusi, ad esempio, la valutazione dei rischi e la definizione di obiettivi), responsabilità, prassi, procedure, processi e risorse, per sviluppare e attuare la Politica della Sicurezza e Salute dellOrganizzazione e per gestirne i rischi. SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA

14 QUALI SONO GLI ELEMENTI DI UN SISTEMA SSL? MODELLO PDCA Miglioramento continuo Politica 4.2 Pianificazione 4.3 Attuazione e funzionamento Attuazione e funzionamento 4.4 Verifica 4.5 Riesame della Direzione Riesame della Direzione 4.6 SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA

15 CONTENUTI: INTRODUZIONE MODELLI DISPONIBILI PER I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO CORRISPONDENZE TRA IL MODELLO ORGANIZZATIVO INDICATO DAL D.LGS 81/08 E LO STANDARD OHSAS 18001:07 CONSIDERAZIONI FINALI

16 QUALE STRUTTURA PER UN SISTEMA DI GESTIONE ? I Sistemi di Gestione più evoluti operano sulla base del processo dinamico: pianificazione, attuazione, verifica, riesame (Ciclo di Deming - PDCA) Anche il Modello indicato dal DLgs 81/08 orienta in tal senso SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA

17 ORDINANDO I PUNTI DEL TITOLO I ART. 30 … Modelli di organizzazione e di gestione c.1 b) attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti; c.1 a) rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi a attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici; c.1 g) acquisizione di documentazioni e certificazioni obbligatorie di legge; c.1 c) attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo soccorso, gestione degli appalti, riunioni periodiche di sicurezza, consultazioni dei rappresentanti per la sicurezza; c.1 d) attività di sorveglianza sanitaria; c.1 e) attività di informazione e formazione dei lavoratori; c. 2) sistemi di registrazione; c. 3) articolazione di funzioni c.1 f) attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei lavoratori; c.1 h) periodiche verifiche dellapplicazione e dellefficacia delle procedure adottate. c.4) idoneo sistema di controllo c.4) riesame del modello organizzativo P D C P – D – C – A A

18 La gestione della sicurezza, intesa come un elemento imprescindibile su cui sviluppare le decisioni strategiche delle imprese, richiede ladozione di un approccio sistemico per lidentificazione dei pericoli e la valutazione e controllo dei rischi connessi a tutte le attività aziendali, in modo da fornire ad una organizzazione la garanzia non soltanto di essere conforme oggi a determinati requisiti specificati, ma anche di continuare ad esserlo in futuro. QUALE E LINDIRIZZO DEL NUOVO D.LGS.?

19 Requisiti Modello Organizzativo Requisiti OHSAS 18001:07 LOrganizzazione ha individuato i processi/attività sensibili esposti al rischio di commissione di reati? 4.3.1, L'Organizzazione deve definire e attuare procedure per individuare i pericoli per il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SG SSL) connessi ai propri processi/attività e valutarne i rischi. LOrganizzazione ha preparato, divulgato e tenuto aggiornato un codice etico che abbia come obiettivo la promozione di comportamenti positivi basati sul principio di legalità individuando rispetto a ciascuna area di rischio la condotta raccomandata? 4.2 L'Alta Direzione dell'Organizzazione deve definire, documentare e sottoscrivere la Politica per la Salute e la Sicurezza (parziale) CORRISPONDENZA PER MACRO AREE (1/5) A B

20 Requisiti Modello Organizzativo Requisiti OHSAS 18001:07 LOrgano Dirigente ha assicurato che i protocolli del Modello Organizzativo siano definiti allo scopo di programmare la formazione? L'Organizzazione deve assicurare la competenza delle persone sulla base di istruzione, addestramento ed esperienza, e deve mantenere registrazioni. CORRISPONDENZA PER MACRO AREE (2/5) C

21 Requisiti Modello Organizzativo Requisiti OHSAS 18001:07 LOrgano Dirigente ha assicurato che i protocolli del Modello Organizzativo siano definiti allo scopo di attuare le decisioni in relazione ai reati da prevenire? L'Organizzazione deve stabilire attuare e mantenere attivi obiettivi documentati e programmi per la loro realizzazione Struttura e responsabilità Formazione consapevolezza e competenza Consultazione e comunicazione Documentazione Controllo dei dati e della documentazione Controllo operativo Preparazione per lemergenza e risposta 4.6 Riesame della Direzione CORRISPONDENZA PER MACRO AREE (3/5) D

22 Requisiti Modello Organizzativo Requisiti OHSAS 18001:07 LOrganizzazione ha determinato, fornito e mantenuto attive procedure necessarie per assicurare la gestione delle risorse finanziarie idonee a prevenire la commissione dei reati? L'Organizzazione ha previsto l'obbligo di informazione nei confronti dell'organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli? 4.5, Con riferimento ai propri pericoli ed al proprio SGSSL, lorganizzazione deve definire, attuare e mantenere attive procedure per controllare e misurare le prestazioni SSL, LOrganizzazione deve definire, attuare e mantenere attive procedure per la comunicazione interna e con le parti interessate, per la partecipazione e la consultazione. (parziale: no OdV) CORRISPONDENZA PER MACRO AREE (4/5) E F

23 Requisiti Modello Organizzativo Requisiti OHSAS 18001:07 LOrganizzazione ha introdotto un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle prescrizioni del Modello Organizzativo? LOrganizzazione dispone di un Organismo di vigilanza CORRISPONDENZA PER MACRO AREE (5/5) G H

24 D.LGS. 81/08 E SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA D.LGS. 231 / L. 123 SISTEMI DI GESTIONE - CODICE ETICO/POLITICA -SIST. ORGANIZZATIVO -PROCEDURE -COMUNICAZIONE INTERNA -FORMAZIONE ANALISI RISCHI 231 ASPETTI ECONOMICO FINANZIARI (POTERI DI FIRMA E CONTROLLO DI GESTIONE) SISTEMA DISCIPLINARE SANZIONATORIO INTERNO ORGANISMO DI VIGILANZA

25 ELEMENTI DI RACCORDO TRA OHSAS E MODELLO ORGANIZZATIVO 231 ANALISI RISCHI 231 Analisi dei reati ipotizzabili nella struttura in essere allinterno delle attività/processi a rischio (identificazione pericoli e valutazione dei rischi). Prevedere una chiara attribuzione delle responsabilità Prevedere una chiara descrizione dei compiti. Il sistema delle deleghe e procure deve essere coerente con le responsabilità organizzative e gestionali. (NB: data certa delle deleghe e del DVR)

26 ELEMENTI DI RACCORDO TRA OHSAS E MODELLO ORGANIZZATIVO 231 SISTEMA DISCIPLINARE SANZIONATORIO INTERNO Riguarda, anche per la sicurezza, sia i soggetti apicali sia i soggetti sottoposti allaltrui direzione. E opportuno fare riferimento allo statuto dei lavoratori e ai vigenti CCNL per i lavoratori dipendenti.

27 ELEMENTI DI RACCORDO TRA OHSAS E MODELLO ORGANIZZATIVO 231 ORGANISMO DI VIGILANZA La vigilanza sulla funzionalità e sulla corretta applicazione del Modello deve essere affidata ad un apposito Organismo di Vigilanza. Qualora non sia istituito, le nomine possono essere fatte, tenendo sempre presente il requisito dellautonomia e dellindipendenza, sulla base delle competenze specifiche: - legislazione su salute e sicurezza sul lavoro - processi aziendali - tecniche di prevenzione e protezione LOdV necessita di avere proprie regole di funzionamento (Regolamento dellOdV). LOdV si avvale di informazioni derivanti anche da audit per la sicurezza di primo e secondo livello.

28 ELEMENTI DI RACCORDO TRA OHSAS E MODELLO ORGANIZZATIVO ASPETTI ECONOMICO FINANZIARI (procedure necessarie per assicurare la gestione delle risorse finanziarie idonee a prevenire la commissione dei reati) Tracciabilità dellattribuzione di risorse per la prevenzione e controllo dei rischi e del loro concreto e reale utilizzo (presupposto dellinteresse- vantaggio).

29 28 …ALCUNI DATI STATISTICI

30 Fonte:Osservatorio D.Lgs. 231 – La responsabilità amministrativa delle Società – ed 2007 MODELLI 231 – INDAGINE STATISTICA 2007 Lindagine ha riguardato 88 società non quotate, appartenenti ai seguenti settori: - edilizia n. 6 - energia n. 6 - manifatturiero n trasporti n servizi finanziari n. 7 - servizi n. 28

31 Adozione del modello organizzativo Delle 88 società non quotate esaminate: - il 62,5% ha formalmente adottato un proprio modello organizzativo 231; - il 25% è in fase di definizione del modello; - nel restante 12,5% dei casi non sono state intraprese iniziative in tal senso Fonte:Osservatorio D.Lgs. 231 – La responsabilità amministrativa delle Società – ed 2007

32 Tra le strutture aziendali coinvolte nella predisposizione del modello quelle più ricorrenti sono la funzione Legale e quella dellInternal Audit. Prendono parte alla sua realizzazione anche la funzione Organizzazione, Risorse Umane e la Direzione Generale. Nella predisposizione del modello si rileva altresì, il ricorso a professionalità esterne (68%) che tipicamente svolgono delle attività di supporto alle funzioni sopra citate, soprattutto in conseguenza dellesigenza di disporre di una valutazione indipendente e tecnico-professionale del modello o dellinesistenza nella struttura di risorse professionali adeguate. Caratteristiche del modello modello organizzativo Fonte:Osservatorio D.Lgs. 231 – La responsabilità amministrativa delle Società – ed 2007

33 Dallindagine emerge che ladozione del modello 231 comporta: a.una revisione/integrazione delle procedure nelle aree a rischio nel 78% dei casi; b.una revisione del contenuto dei codici etici nel 72% dei casi, prevedendo regole comportamentali specifiche sia per relazioni intrattenute con la PA, sia per le attività di supporto alla commissione dei reati; in alcuni casi, lintroduzione del modello ha comportato la definizione ex novo del codice etico/di condotta; c.una integrazione del sistema dei flussi informativi (71%); d.ladeguamento del sistema delle deleghe e delle responsabilità (61%); e.la definizione di un sistema disciplinare ad hoc per la 231 (58%) Caratteristiche del modello organizzativo Fonte:Osservatorio D.Lgs. 231 – La responsabilità amministrativa delle Società – ed 2007

34 MODELLI 231 – INDAGINE STATISTICA 2008 Lindagine ha riguardato 300 società (37% quotate e 63% non quotate), di cui 82% appartenenti a un gruppo. Fonte:Il Sole 24 Ore – mercoledì 19 marzo 2008 – N 78 – ricerca Assonime

35 Risultati dellindagine statistica Fonte:Il Sole 24 Ore – mercoledì 19 marzo 2008 – N 78 – ricerca Assonime Il 70% degli enti considerati ha adottato un modello organizzativo. Nel 42% dei casi il modello è stato predisposto dallorgano amministrativo. Il 90% ha coinvolto consulenti esterni.

36 Organismo di Vigilanza Fonte:Il Sole 24 Ore – mercoledì 19 marzo 2008 – N 78 – ricerca Assonime a.79% è la percentuale di società che ha dichiarato di possedere un ODV costituito in forma collegiale. b.21% ha scelto una forma monocratica

37 Organismo di Vigilanza Fonte:Il Sole 24 Ore – mercoledì 19 marzo 2008 – N 78 – ricerca Assonime a.12% è la percentuale di società che ha dichiarato di aver affidato lorganismo di vigilanza a componenti dellinternal audit. b.84% ha preferito stabilire funzioni ad hoc da attribuire a professionisti esterni spesso con la presenza di figure interne con la caratteristica di indipendenza richiesta per i membri dellODV.

38 CONTENUTI: INTRODUZIONE MODELLI DISPONIBILI PER I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO CORRISPONDENZE TRA IL MODELLO ORGANIZZATIVO INDICATO DAL D.LGS 81/08 E LO STANDARD OHSAS 18001:07 CONSIDERAZIONI FINALI

39 PERCHE APPLICARE UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (SSL)? Per eliminare - o minimizzare - e tenere sotto controllo i rischi per gli addetti e per lealtre parti interessate che possano essere esposte a pericoli generati dalla attività; Per realizzare, mantenere e migliorare continuamente le prestazioni in materia di gestione della sicurezza; Per perseguire e assicurare la conformità e la coerenza con gli impegni stabiliti in Politica della Sicurezza; Per ottenere la certificazione del proprio sistema di gestione da parte di una organizzazione esterna oppure Effettuare una auto dichiarazione di conformità con i requisiti dello standard preso a riferimento

40 COSA DEVE FARE UNAZIENDA INTERESSATA AD ADEGUARE IL PROPRIO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLAMBITO DELLAPPLICAZIONE DEL DLGS 81/08 ? Percorso utile per ladeguamento: Adottare un Sistema di Gestione OHSAS (può certificarlo), attivarsi sulla completa implementazione del Sistema e sul suo continuo aggiornamento. Completare il Modello Organizzativo con gli aspetti non contemplati dallo standard volontario (principalmente la gestione delle risorse finanziarie, il sistema sanzionatorio interno, in parte il codice etico). Istituire o integrare lOrganismo di Vigilanza. Verificare nel tempo lefficace funzionamento del Modello.

41 CERTIQUALITY HA PREDISPOSTO UNO SCHEMA COMPARATIVO TRA D.Lgs. 231/01, L.123/07 E OHSAS 18001, E DISPONE DI UN PROTOCOLLO UTILIZZABILE IN VERIFICHE DI CHECK UP. TALE PROTOCOLLO CONSENTE DI SVOLGERE LAUDIT NEI SEGUENTI CASI: -VERIFICA DI CONFORMITA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AL D.LGS. 231 /01 PER LA SOLA PARTE AMMINISTRATIVA -VERIFICA DI CONFORMITA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AL D.LGS. 231 /01 PER LA SOLA PARTE DEDICATA ALLA SICUREZZA -VERIFICA DI CONFORMITA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AL D.LGS. 231 /01 COMPLETO E CONSENTE DI TENERE CONTO DELLA PRESENZA O MENO DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO OHSAS CERTIFICATO DLGS 231/01, +LEGGE 123/07 E SISTEMI DI GESTIONE SSL

42 Le aziende certificate (ISO 9001/ISO14001/OHSAS18001) sono già predisposte in termini organizzativi alla chiara attribuzione e formalizzazione di ruoli e responsabilità, alla formazione del personale, alla documentazione delle attività svolte ed al controllo del rispetto delle procedure aziendali. Per le altre, i Sistemi Volontari di Gestione costituiscono un valido supporto alla realizzazione di un modello organizzativo. Per tutte, è necessaria una verifica nel tempo della reale applicazione del modello. CONCLUSIONI

43 ALLEGATI

44 CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001) 1.L'Organo Dirigente dell'Organizzazione ha adottato, in via preventiva, e efficacemente attuato, un modello organizzativo e di gestione idoneo a prevenire i reati contemplati dal DLgs231/01 e smi? (rif. OHSAS 18001: per la parte documentale, cfr. 4.1, 4.4.4, 4.4.5; per la parte attuativa, cfr. tutti i requisiti successivi)

45 4.4.4 DOCUMENTAZIONE LOrganizzazione dovrà raccogliere e conservare le informazioni utilizzando un mezzo adeguato (ad esempio mediante archivio cartaceo o in forma elettronica) che: descriva gli elementi chiave del Sistema di Gestione e le sue interazioni; fornisca indicazioni sulla relativa documentazione. NOTA: E importante che la documentazione sia mantenuta al minimo necessario per assicurare funzionalità ed efficienza.

46 4.4.4 DOCUMENTAZIONE Manuali operativi ed istruzioni DESCRIVE COME SUL POSTO DI LAVORO Registri e registrazioni DOCUMENTI CHE DEFINISCONO COME LE REGOLE SONO STATE APPLICATE MOSTRA CHI, COME E QUANDO LE COSE SONO STATE FATTE Procedure e Piani DOCUMENTI CHE STABILISCONO LE REGOLE DEL SGS STABILISCE CHI, COME, QUANDO, DOVE, FARE LE COSE DEFINISCE LORGANIZZAZIONE, LA POLITICA E GLI IMPEGNI, LORGANIZZAZIONE E LA RESPONSABILITA E LE MODALITA DI APPLICAZIONE DEI CRITERI DELLE NORME COGENTI O VOLONTARIE DEL SGS Manuale

47 E la guida per il funzionamento del Sistema. E simile al manuale ambientale o di qualità e può anche esserne parte integrante. Dovrebbe contenere tutte le informazioni e le istruzioni rilevanti per la Sicurezza e trattare i provvedimenti di emergenza. Manuale del SGS DOCUMENTAZIONE

48 Come per le procedure ambientali, occorre avere documenti che assicurino la corretta esecuzione delle attività previste per la realizzazione della Politica della Sicurezza. Si possono integrare i requisiti del SGS in molte delle procedure ambientali e/o preparare procedure dedicate. Occorrono procedure per assicurare che ciascuno conosca quello che si è stabilito di fare e lo faccia in modo adeguato Altra documentazione DOCUMENTAZIONE

49 4.4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI LOrganizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per il controllo di tutti i documenti e dati richiesti da questa specifica OHSAS per assicurare che: essi possano essere localizzati; essi vengano periodicamente riesaminati, rivisti ove necessario ed approvati da personale autorizzato in merito alla loro adeguatezza; la versione aggiornata dei principali documenti e dati sia disponibile in ogni luogo ove vengano svolte operazioni essenziali per lefficace funzionamento del sistema della Sicurezza; i documenti e dati obsoleti vengano prontamente rimossi da tutti i punti di distribuzione e utilizzo o messi al sicuro in altro modo per evitare usi non intenzionali; i documenti e i dati da conservare per ragioni legali o per la conservazione delle conoscenze siano adeguatamente identificati.

50 CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001) 2.LOrganizzazione ha individuato i processi/attività sensibili esposti al rischio di commissione di reati ? 3.LOrganizzazione ha individuato le possibili modalità attuative dei reati allinterno dei processi identificati? (rif. OHSAS 18001: cfr , 4.3.2)

51 4.3.1 PIANIFICAZIONE PER LIDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI E PER LA VALUTAZIONE ED IL CONTROLLO DEI RISCHI LOrganizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per lidentificazione continua dei pericoli, per la valutazione dei rischi e per lattuazione delle necessarie misure di controllo. Tali procedure dovranno, tra laltro, includere: le attività di routine e non routinarie; le attività di tutto il personale che ha accesso allambiente di lavoro (incluse le Imprese esterne ed i visitatori); i comportamenti e altri fattori umani i pericoli che si originano allesterno le infrastrutture, le attrezzature sul posto di lavoro, sia fornite dallOrganizzazione che da terzi i cambiamenti e nellorganizzazione, attività, materiali, e le modifiche di operazioni, processi, attività - (da farsi prima dellintroduzione della modifica) la progettazione dei luoghi di lavoro, processi, installazioni, macchinari ecc. e lorganizzazione del lavoro.

52 4.3.1 PIANIFICAZIONE PER LIDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI E PER LA VALUTAZIONE ED IL CONTROLLO DEI RISCHI LOrganizzazione dovrà assicurare che i risultati di queste valutazioni e gli effetti di tali controlli vengano presi in considerazione per la definizione degli obiettivi del SGS. LOrganizzazione dovrà documentare e tenere aggiornate tali informazioni. La metodologia adottata dovrà consentire lidentificazione, la definizione di priorità, la documentazione dei rischi valutati e dei controlli adottati. Le misure per la gestione del rischio dovranno prevedere i seguenti principi nellordine: eliminazione del pericolo ove praticabile, riduzione del rischio, sia mediante riduzione della probabilità di danno che tramite riduzione della severità degli effetti potenziali controlli tecnici segnaletica, avvisi, e/o interventi procedurali l'adozione di dispositivi di protezione individuale come ultima risorsa

53 4.3.2 REQUISITI DI LEGGE ED ALTRI REQUISITI DI SICUREZZA LOrganizzazione dovrà instaurare e mantenere una procedura per identificare ed accedere ai requisiti di legge ed agli altri requisiti della Sicurezza applicabili; LOrganizzazione dovrà mantenere aggiornate queste informazioni e comunicare al proprio personale ed alle altre parti interessate le informazioni relative ai requisiti di legge ed agli altri requisiti applicabili.

54 Legge Quadro o Testo Unico Atto di Indirizzo Atto di Indirizzo Legge fondamentale Leggi derivate Decreti Attuativi Decreti Attuativi Decreti Attuativi Decreti Attuativi Decreti Attuativi Decreti Attuativi Aggiorn. Adeg. Aggiorn. Adeg. Aggiorn. Adeg. Aggiorn. Adeg REQUISITI DI LEGGE ED ALTRI REQUISITI DI SICUREZZA

55 4. LOrgano Dirigente ha assicurato che i protocolli del Modello Organizzativo siano definiti allo scopo di programmare la formazione? CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001) (rif. OHSAS 18001: cfr )

56 4.4.2 FORMAZIONE-ADDESTRAMENTO, CONSAPEVOLEZZA E COMPETENZA Il personale dovrà avere la necessaria competenza per eseguire azioni che possano avere un impatto sulle problematiche della Sicurezza dellambiente di lavoro. La competenza dovrà essere definita in termini di istruzione, formazione-addestramento ed esperienza adeguate. LOrganizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure che assicurino che il proprio personale operante nelle principali funzioni e livelli sia consapevole: dellimportanza della conformità alla Politica, alle procedure ed ai requisiti del Sistema di Gestione della Sicurezza; del proprio ruolo e responsabilità nel raggiungimento della conformità alla Politica e alle procedure della Sicurezza ed ai requisiti del Sistema di Gestione della Sicurezza, inclusi i requisiti per la preparazione e la risposta in caso di emergenza (vedi punto 4.4.7) delle potenziali conseguenze derivanti da deviazioni dalle procedure operative specificate; delle conseguenze della Sicurezza, reali o potenziali, delle proprie attività lavorative e dei benefici della Sicurezza, derivanti dal miglioramento delle prestazioni personali. ATTENZIONE A: livello di responsabilità, capacità, lingua, e rischi specifici

57 5. LOrgano Dirigente ha assicurato che i protocolli del Modello Organizzativo siano definiti allo scopo di attuare le decisioni in relazione ai reati da prevenire? CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001) (rif. OHSAS 18001: cfr , 4.4)

58 4.3.3 OBIETTIVI LOrganizzazione dovrà stabilire e documentare gli obiettivi relativi alla tutela della salute occupazionale e della Sicurezza, per ciascuna funzione o livello rilevante nellambito dellOrganizzazione stessa. Durante le fasi di definizione e revisione dei propri obiettivi, lOrganizzazione dovrà considerare: i requisiti di legge e gli altri requisiti della Sicurezza applicabili; i pericoli ed i rischi della Sicurezza connessi con le proprie attività, le proprie possibilità tecnologiche; i propri requisiti finanziari, operativi e commerciali e le opinioni delle parti interessate. Gli obiettivi dovranno essere coerenti con la Politica della Sicurezza, incluso limpegno al miglioramento costante. Gli obiettivi dovrebbero essere misurabili, ove praticabile.

59 4.3.3 PROGRAMMA(I) DI GESTIONE DELLA SICUREZZA LOrganizzazione dovrà predisporre e mantenere (un) programma/i di Gestione della Sicurezza per il raggiungimento dei propri obiettivi. Tale programma/i dovrà includere la documentazione relativa a: attribuzione delle responsabilità e delle autorità per il raggiungimento degli obiettivi per ogni principale funzione e livello dellOrganizzazione; mezzi necessari e scadenze temporali entro le quali gli obiettivi dovranno essere raggiunti. Il programma di Gestione della Sicurezza dovrà essere rivisto regolarmente, ad intervalli pianificati. Ove necessario dovrà essere modificato per tener conto delle variazioni delle attività, dei prodotti, dei servizi o delle condizioni operative dellOrganizzazione.

60 4.4 ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO Politica della Sicurezza Politica della Sicurezza Pianificazione Attuazione e funzionamento Verifica Riesame della Direzione Riesame della Direzione Miglioramento continuo Risorse, ruoli, responsabilità, impegno e autorità Competenza, addestramento e consapevolezza Comunicazione, partecipazione e consultazione Documentazione Controllo dei documenti Controllo operativo Preparazione e risposta alle emergenze

61 La responsabilità finale per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro ricade sullalta direzione. Lalta direzione deve dimostrare limpegno a rendere disponibili le risorse essenziali (umane, tecnologiche, finanziarie, comprese le infrastrutture organizzative) I ruoli, le responsabilità, le deleghe e lautorità del personale che gestisce, esegue e verifica le attività che hanno un effetto sui rischi della sicurezza delle attività, delle attrezzature e dei processi dellorganizzazione, dovranno essere definiti, documentati e comunicati per facilitare la gestione della sicurezza. Lorganizzazione dovrà nominare un membro dellalta direzione con particolari responsabilità per garantire che il sistema di gestione della sicurezza sia implementato in maniera appropriata ed operi secondo i requisiti in tutte le sedi ed ambiti di attività dellorganizzazione RISORSE, RUOLI, RESPONSABILITA, IMPEGNO E AUTORITA

62 4.4.2 FORMAZIONE-ADDESTRAMENTO, CONSAPEVOLEZZA E COMPETENZA (già trattata)

63 4.4.3 COMUNICAZIONE, PARTECIPAZIONE E CONSULTAZIONE LOrganizzazione dovrà disporre di procedure che assicurino lo scambio di informazioni in merito agli aspetti della Sicurezza con il personale e le altre parti interessate. I metodi di coinvolgimento e di consultazione del personale dovranno essere documentati e segnalati alle parti interessate. Il personale dovrà essere: coinvolto nella identificazione dei pericoli e valutazione dei rischi, nel riesame della politica e obiettivi, e nella definizione delle procedure per il controllo e la gestione dei rischi; coinvolto nella analisi degli incidenti; consultato in caso di variazioni che abbiano effetti nellambito della Sicurezza e della tutela della salute; rappresentato nellesame delle problematiche connesse alla tutela della salute e della sicurezza; informato sulle persone che ricoprono ruoli, livelli e funzioni.

64 4.4.3 COMUNICAZIONE, PARTECIPAZIONE E CONSULTAZIONE LOrganizzazione dovrà disporre di procedure che assicurino lo scambio di informazioni in merito agli aspetti della Sicurezza con i contractors e i visitatori. I contractors dovranno essere consultati in caso di modifiche che li coinvolgono.

65 4.4.4 DOCUMENTAZIONE CONTROLLO DEI DOCUMENTI (già trattati)

66 4.4.6 CONTROLLO OPERATIVO LOrganizzazione dovrà identificare le operazioni e le attività connesse ai pericoli identificati, per i quali devono essere applicate misure di controllo per gestire i rischi SSL. Questo include la gestione delle modifiche. LOrganizzazione dovrà pianificare queste attività, inclusa la manutenzione, per assicurare che esse siano condotte in base a specifiche condizioni mediante: attuazione di controlli operativi (da integrare nel sist. di gestione complessivo); attuazione di controlli su merci, attrezzature e servizi acquistati e/o utilizzati; attuazione di controlli su contractors e altri visitatori; istituzione e mantenimento di procedure documentate e criteri operativi per coprire le situazioni ove la loro mancanza potrebbe condurre a deviazioni rispetto alla Politica ed agli obiettivi della Sicurezza; (ad esempio, procedure per la progettazione degli ambienti di lavoro, dei processi, delle installazioni e macchinari, procedure operative di organizzazione del lavoro ecc.).

67 LOrganizzazione definirà procedure per controllare i propri rischi operativi, documentando le situazioni dove la mancata applicazione delle stesse potrebbe dare luogo ad incidenti, infortuni od altre deviazioni dalla Politica e dagli obiettivi della Sicurezza. Sono incluse, senza peraltro esaurire gli ambiti di applicazione, le aree dove sono tipicamente presenti rischi e per le quali sono prescritte misure di controllo, ovvero: CONTROLLO OPERATIVO

68 Manutenzione di Sicurezza di impianti ed installazioni disponibilità, controllo e manutenzione di adeguati dispositivi di protezione individuale (DPI): limitazione e controllo degli accessi; ispezione e verifica delle installazioni correlate alla Sicurezza ed altri sistemi di protezione come: ripari e protezioni fisiche; sistemi di arresto; installazioni di rivelazione e soppressione incendi; apparecchi di sollevamento; sorgenti radioattive e sistemi di salvaguardia; dispositivi essenziali di monitoraggio; servizi ed attrezzature sanitarie CONTROLLO OPERATIVO

69 Acquisto o trasporto di materiali e servizi ed uso di risorse esterne: approvazione allacquisto od al trasferimento di prodotti e sostanze chimiche; valutazione e revisione periodica della competenza sulla Sicurezza dei fornitori esterni; approvazione di progetti per attrezzature di Sicurezza per nuovi impianti ed installazioni. Gestione di attività pericolose: predeterminazione ed approvazione di metodi di lavoro; prequalificazione del personale per incarichi pericolosi; sistemi di permessi di lavoro e procedure di blocco/intercettazione. Gestione di sostanze pericolose: identificazione dei dati di inventario e delle aree di stoccaggio; controllo accessi e sistemi di Sicurezza per lo stoccaggio; sistemi per laccesso alle schede di Sicurezza ed alle altre informazioni rilevanti CONTROLLO OPERATIVO

70 4.4.7 PREPARAZIONE E RISPOSTA ALLE EMERGENZE LOrganizzazione dovrà sviluppare e mantenere piani e procedure per identificare il potenziale per, e la risposta a, incidenti e situazioni di emergenza e per prevenire e ridurre le probabili infermità e lesioni che potrebbero essere associate a tali eventi, tenendo in considerazione i vicini e i servizi di emergenza esterni LOrganizzazione dovrà riesaminare i propri piani e procedure di allarme e di risposta in caso di emergenza, in particolare dopo che siano occorsi incidenti o situazioni di emergenza. LOrganizzazione dovrà inoltre verificare periodicamente queste procedure, coinvolgendo le parti interessate, e alla luce degli esiti sottoporre a riesame e, se necessario, revisione le procedure.

71 Un esempio: lequipaggiamento di emergenza Dovranno essere identificate le necessità di equipaggiamento di emergenza, che dovrà essere disponibile in quantità adeguata, tenendo presente ev. servizio emergenza esterno; es.: sistemi di allarme; idoneità accessi esterni illuminazione di emergenza e generatori di emergenza; vie di fuga; rifugi di Sicurezza; valvole di isolamento critiche, interruttori e sezionatori; equipaggiamento antincendio interno / esterno; equipaggiamento di primo soccorso (comprese docce di emergenza, lavaocchi, etc.); sistemi di comunicazioni di emergenza. Lequipaggiamento di emergenza dovrà essere testato ad intervalli specificati, per garantirne loperatività PREPARAZIONE E RISPOSTA PER LEMERGENZA

72 6.LOrganizzazione ha assicurato la disponibilità delle risorse e delle informazioni necessarie per supportare il funzionamento del Modello Organizzativo ed il monitoraggio da parte dellOrganismo di Vigilanza? (rif. OHSAS 18001: cfr , 4.4.2) CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001)

73 4.4.1 RISORSE, RUOLI, RESPONSABILITA, IMPEGNO E AUTORITA FORMAZIONE-ADDESTRAMENTO, CONSAPEVOLEZZA E COMPETENZA (già trattati)

74 7.LOrganizzazione ha determinato, fornito e mantenuto attive procedure necessarie per assicurare la gestione delle risorse finanziarie idonee a prevenire la commissione dei reati? CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001) (rif. OHSAS 18001: ///)

75 8.LOrganizzazione ha individuato un Organismo indipendente (avente preferibilmente composizione collegiale con presenza di figure anche esterne allazienda) dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo? CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001) (rif. OHSAS 18001: ///)

76 9.L'Organizzazione ha previsto l'obbligo di informazione nei confronti dell'organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli? CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001) (rif. OHSAS 18001: 4.4.3, 4.5)

77 4.4.3 COMUNICAZIONE, PARTECIPAZIONE E CONSULTAZIONE (già trattato)

78 4.5 VERIFICA Misura delle prestazioni e monitoraggio Valutazione della conformità Analisi degli incidenti, non conformità, azioni correttive e preventive Controllo delle registrazioni Audit interni Politica della Sicurezza Politica della Sicurezza Pianificazione Attuazione e funzionamento Verifica Riesame della Direzione Riesame della Direzione Miglioramento continuo

79 4.5.1 MISURAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MONITORAGGIO LOrganizzazione dovrà sviluppare e mantenere procedure per controllare e misurare su base regolare le prestazioni della Sicurezza. Tali procedure dovranno predisporre: misurazioni qualitative e quantitative, appropriate alle necessità dellOrganizzazione; il monitoraggio del livello di raggiungimento degli obiettivi della Sicurezza; Il monitoraggio dellefficacia dei controlli (sia sulla salute sia sulla sicurezza); misure pro-attive delle prestazioni che verifichino la conformità al programma di Gestione della Sicurezza, ai criteri operativi ed ai requisiti di legge applicabili; misure reattive delle prestazioni per controllare infortuni, malattie, incidenti (inclusi near-misses, danni alle cose) ed altre evidenze storiche di prestazioni della Sicurezza insufficienti; un numero sufficiente di registrazioni di dati e di risultati di monitoraggio e misurazione per facilitare la successiva analisi delle azioni correttive e preventive.

80 4.5.2 VALUTAZIONE DELLA CONFORMITA LOrganizzazione dovrà sviluppare e mantenere procedure per valutare su base regolare (periodicamente) la conformità ai requisiti legislativi applicabili. Devono essere mantenute registrazioni di questa attività.

81 4.5.3 ANALISI DEGLI INCIDENTI, NON CONFORMITA, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Si dovranno preparare procedure documentate per garantire che tutte le parti interessate comprendano cosa è richiesto per riportare ed indagare su di un infortunio, incidente o non conformità. La procedura richiederà che vengano intraprese azioni immediate o quanto prima praticabili. Un quasi incidente dovrà essere considerato come un evento accidentale effettivo e dovrà essere riportato. Queste procedure potranno anche essere utilizzate per suggerimenti sui miglioramenti della Sicurezza.

82 4.5.3 ANALISI DEGLI INCIDENTI, NON CONFORMITA, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE LOrganizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per la definizione delle responsabilità e dellautorità per: la gestione e le indagini degli: infortuni, incidenti, non conformità; le azioni da adottare per ridurre le conseguenze di un infortunio, incidente o non conformità; lavvio e il completamento delle azioni correttive e preventive; la conferma dellefficacia delle azioni correttive e preventive intraprese. Tali procedure dovranno prevedere che tutte le azioni correttive e preventive proposte siano riesaminate mediante un processo di valutazione dei rischi prima della loro implementazione. Ogni azione correttiva o preventiva adottata per eliminare le cause di non conformità reali o potenziali dovrà essere adeguata alla dimensione del problema e commisurata al rischio della Sicurezza evidenziato. LOrganizzazione dovrà implementare e registrare ogni variazione nelle procedure documentate risultante dalle azioni correttive e preventive.

83 4.5.4 CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI LOrganizzazione dovrà stabilire e mantenere procedure per lidentificazione, la manutenzione e la disposizione di registrazioni della Sicurezza, nonché dei risultati degli audit e dei riesami. Le registrazioni della Sicurezza dovranno essere leggibili, identificabili ed attribuibili alle attività coinvolte. Le registrazioni della Sicurezza dovranno essere conservate e mantenute in modo che esse siano rapidamente recuperabili, protette contro danneggiamenti, deterioramenti o perdita. Dovrà essere stabilita e registrata la durata della loro permanenza in archivio. Le registrazioni dovranno essere conservate in maniera appropriata al Sistema e alla Organizzazione, per dimostrare la conformità a questa norma.

84 4.5.5 AUDIT INTERNI LOrganizzazione dovrà definire e mantenere un programma di audit e procedure di verifiche ispettive periodiche del Sistema di Gestione della Sicurezza, al fine di: determinare se il sistema di Gestione della Sicurezza sia o non sia: riesaminare i risultati delle verifiche ispettive precedenti; fornire informazioni sui risultati delle verifiche ispettive alla Direzione conforme alle disposizioni pianificate per la Gestione della Sicurezza, inclusi i requisiti di questa norma; implementato e mantenuto in maniera adeguata; efficace per il conseguimento della Politica e degli obiettivi dellOrganizzazione;

85 10.LOrganizzazione ha introdotto un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle prescrizioni del Modello Organizzativo? (rif. OHSAS 18001: ///) CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001)

86 11.LOrganizzazione ha preparato, divulgato e tenuto aggiornato un codice etico che abbia come obiettivo la promozione di comportamenti positivi basati sul principio di legalità individuando rispetto a ciascuna area di rischio la condotta raccomandata? CORRISPONDENZA DI DETTAGLIO (ELEMENTI PRINCIPALI RICOPERTI DA OHSAS 18001) (rif. OHSAS 18001: 4.2)


Scaricare ppt "Standard OHSAS 18001:2007 e matrice di corrispondenza con il Modello Organizzativo del Decreto Legislativo 81/08 Armando Romaniello Certiquality Roma,"

Presentazioni simili


Annunci Google