La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sportello Carcere Centro per l Impiego di Torino Torino, giugno 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sportello Carcere Centro per l Impiego di Torino Torino, giugno 2011."— Transcript della presentazione:

1 Sportello Carcere Centro per l Impiego di Torino Torino, giugno 2011

2 UNITA TERRITORIALI CENTRO PER LIMPIEGO bacino territoriale di almeno abitanti CENTRO PER LIMPIEGO bacino territoriale di almeno abitanti In Provincia di Torino ci sono 13 Centri per lImpiego 15 SEDI In Provincia di Torino ci sono 13 Centri per lImpiego 15 SEDI

3 C.P.I. Torino C.P.I. Via Castelgomberto 73 C.P.I. Via Bologna 153 Sportello Carcere

4 1995 Regione Piemonte avvia la sperimentazione dei Gruppi Operativi Locali di contrasto alla devianza e criminalità per coordinare gli interventi tra le diverse istituzioni pubbliche e del privato sociale 2004Istituzione formale del GOL locale da parte della Provincia di Torino 2007 Protocollo di intesa sottoscritto tra Provincia di Torino e Direzione della Casa Circondariale Lo Russo e Cotugno di Torino Istituzione dello Sportello Carcere 2008Estensione del Protocollo di intesa alla Camera di Commercio di Torino 2009 Estensione del Protocollo di intesa alla Direzione Ufficio Esecuzione Penale Esterna 2010 Regione Piemonte aderisce allAccordo per lattuazione del Progetto Interregionale-Transnazionale-Interventi per il miglioramento dei servizi per linclusione socio-lavorativa dei soggetti in esecuzione penale Storia in breve Lo sportello si colloca allinterno di lungo processo di sperimentazione di interventi in rete per linclusione socio-lavorativa per le persone con problemi di giustizia

5 Assicurare la fruizione dei diritti di cittadinanza Agevolare la preparazione e la messa in opera di percorsi individualizzati di reinserimento socio-lavorativo avviati durante lultimo periodo di pena Realizzare interventi volti a integrare e valorizzare le progettualità già presenti, ottimizzare risorse, consentire agli operatori delle diverse organizzazioni di riconoscersi come comunità professionale Rendere disponibili e con modalità daccesso semplificate: Finalità dello Sportello Carcere del CPI informazioni risorse professionali, materiali, strumentali e finanziarie conoscenze

6 Lo sportello assicura interventi a supporto delle attività ordinarie del CPI con caratteristiche di maggior Flessibilità e Adattabilità. Capacità di sperimentare soluzioni e connessioni anche innovative nellambito del sistema di certificazione di qualità di cui tutto il servizio è dotato. Garantire la continuità e la tracciabilità degli interventi sul Sistema Informativo Lavoro Regionale Due Operatori CPI di riferimento e un servizio di supporto alle attività svolto da un RTI composto da consorzi di cooperative sociali e agenzie formative già attivi da tempo allinterno del carcere (individuazione attraverso procedura negoziata). Presenza con ruolo di regia ai tavoli di coordinamento operativo istituzionale aperti ai soggetti istituzionali e del privato sociale che intervengono dentro e fuori dal carcere a favore del reinserimento socio –lavorativo di detenuti ed ex detenuti. Modello organizzativo

7 Segnalazioni effettuate dallArea Trattamentale Persone inserite in Sezioni dimittendi Altre sezioni (femminile …) Da SAD La presa in carico viene effettuata da RTI con presenze settimanali nei padiglioni. Definizione insieme alla persona del percorso più opportuno secondo le disponibilità individuali/grado di occupabilità. Condivide presa in carico con altri servizi territoriali eventualmente coinvolti. Iscrizione al CPI – Firma Patto di Adesione Definizione PAI – Inserimento azioni in SILP Beneficiari e modelli di intervento (1) Detenuti a fine pena (con permesso di soggiorno se non comunitari) Il percorso prosegue allesterno a seguito della scarcerazione

8 Segnalazioni effettuate da UEPE: Invio al CPI di Torino con appuntamento La presa in carico viene effettuata da RTI con presenze settimanali o da operatore CPI Definizione insieme alla persona del percorso più opportuno secondo le disponibilità individuali/grado di occupabilità e presentato in incontri mensili di coordinamento con operatori UEPE Condivisione presa in carico con altri servizi territoriali eventualmente coinvolti. Avvio congiunto CPI-RTI ricerca opportunità di inserimento lavorativo Accompagnamento e tutoraggio tirocinio Erogazione incentivo alla partecipazione Iscrizione al CPI – Firma Patto di Adesione – Definizione PAI – Inserimento azioni in SILP Persone in carico a UEPE (con permesso di soggiorno se non comunitari) Beneficiari e modelli di intervento (2)

9 Accessi spontanei al Centro per lImpiego Persone sottoposte a misure restrittive della libertà individuale che dichiarano limmediata disponibilità al lavoro Ex detenuti che dichiarano limmediata disponibilità al lavoro La presa in carico viene effettuata da RTI con presenze settimanali o da operatore CPI Definizione insieme alla persona del percorso più opportuno secondo le disponibilità individuali/grado di occupabilità. Condivisione presa in carico con altri servizi territoriali eventualmente coinvolti e/o UEPE. Avvio congiunto CPI-RTI ricerca opportunità di inserimento lavorativo Accompagnamento e tutoraggio tirocinio Erogazione incentivo alla partecipazione Iscrizione al CPI – Firma Patto di Adesione – Definizione PAI – Inserimento azioni in SILP Beneficiari e modelli di intervento (3)

10 Servizi a supporto delloperatività dello sportello in carcere e preso la sede del CPI Rilevazione ed analisi dei problemi Individuazione di soluzioni nellottica di prassi operative efficaci e personalizzate Rielaborazione dellesperienza nellottica del miglioramento continuo Partecipazione ai tavoli di coordinamento Elaborazione di progettualità parallele coerenti e contigue alle attività dello Sportello Composizione RTI: Consorzio Sociale Abele Lavoro – Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri onlus – Consorzio Kairos – Consorzio SELF – Consorzio Sinapsi Collaborazione con RTI

11 RTI come partner propositivo Progettualità integrate SPORTELLO SPIN (sportelli informativi e di accompagnamento al reinserimento sociale territoriale) Bando Regionale L.R. 1/2004 art. 51 Promozione iniziative a favore di detenuti ed ex-detenuti (Bando GOL ) USCITA IN SICUREZZA (screening e accompagnamento sociale detenuti delle sezioni dimittendi) Bando Provinciale finanziamento Progetti in materia di sicurezza integrata L.R. 23/ LIBERARE GLI AFFETTI (sostegno psicologico a detenuti e loro familiari) Bando Regionale L.R. 1/2004 art. 51 Promozione iniziative a favore di detenuti ed ex-detenuti (Bando GOL ) 2011 INTEGRABILE (presa in carico di detenuti a fine pena con disabilità) Bando Provinciale Progetti a sportello a valere sul Fondo Regionale Disabili 2011 USCITA SICURA (persone in carico a UEPE e SERT) Bando Regionale Sovvenzione globale-POR FSE Asse III.8 OB.2 Competitività e Occupazione. Azione2 Sportello Carcere

12 Nellambito del PAI definito con ciascun beneficiario, sono stati attivati percorsi a valere sul Bando Provinciale 2009 relativo alle azioni di Formazione Continua a domanda Individuale (POR FSE attività IV.i.12 ) allinterno della Casa Circondariale realizzati da Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri onlus Luglio 2010 – Giugno 2011 Interventi integrati con la Formazione Corsi attivati: Aggiornamento Taglio e Cucito Aggiornamento Informatica di base Aggiornamento Informatica di base con elementi di CAD Tecniche di Pulizia Specializzazione Edile – Scagliolista stuccatore n. 59 Detenuti partecipanti Euro costo complessivo dei corsi 20% sul totale del budget assegnato al CPI di Torino per interventi di Formazione continua a domanda individuale a favore di disoccupati

13 Interventi integrati con il lavoro penitenziario Papili Factory onlus scs. – attività prevalente di produzione borse nella Sezione Femminile - sostegno allo sviluppo di impresa interno al carcere (percorso formativo + inserimenti lavorativi) Pausa cafe scs– attività prevalente torrefazione caffè e cacao e catering esterno - sostegno allo sviluppo di impresa allesterno del carcere( inserimenti lavorativi) Puntoacapo scs – attività prevalente produzione di elementi per larredo urbano e avvio attività di lavanderia – sostegno allo sviluppo di impresa (formazione + inserimenti lavorativi) Sportello Carcere

14 Interventi integrati con la Camera di Commercio di Torino Aziende che hanno ricevuto il contributo di Euro 5000 previsto dalla Camera di Commercio per laccoglienza della durata di almeno 5 mesi di un beneficiario delle attività dello sportello 5 cooperative sociali 1 cooperativa di produzione e lavoro 4 aziende piccole/medie 40% dei beneficiari sono stati stabilizzati

15 Interventi integrati ai sensi dellart.33,commi 1-7, L.R. n.34/2008 Sostegno allinserimento di lavoratori svantaggiati Anno n. 16 Progetti di Inserimento Lavorativo curati dal Centro per lImpiego di Torino con conseguenti assunzioni a Tempo Indeterminato a favore di: condannati (già in misura alternativa alla detenzione o nei termini per ottenere le misure alternative o beneficiario di misure sostitutive) detenuti (ammessi o in attesa di ammissione al lavoro esterno, in libertà condizionale, in attesa di giudizio da almeno 6 mesi).

16 PREVISTIREALIZZATI n.110 Screening a persone ristrette a fine pena n.212 Screening a persone ristrette a fine pena n. 70 progetti individuali n. 162 progetti individuali di cui 92 interrotti n.15 tirocini con borsa lavoro (450 Euro per 5 mesi) n.15 tirocini con borsa lavoro + 4 assunzioni Esiti Linea di Intervento 5 Misura B1 del POR Piemonte – Ob.3 FSE 2000/2006 Risorse impegnate e rendicontate: Euro Euro ,85 ( borse lavoro ) Aziende contattate n. 65

17 PREVISTIREALIZZATI n. 75 Screening a persone ristrette a fine pena n.102 Screening a persone ristrette a fine pena n. 43 progetti individuali n. 66 progetti individuali di cui 23 interrotti n. 20 tirocini con borsa lavoro (500 Euro per 6 mesi) n.27 tirocini con borsa lavoro di cui 9 interrotti e 5 assunzioni successive Esiti Asse III – Inclusione sociale del POR OB.2 Competitività Regionale e Occupazione – FSE 2007/2013 della Regione Piemonte Risorse impegnate e rendicontate: Euro ,80 + Euro (borse lavoro) Aziende contattate n. 74

18 Flussi complessivi di attività Attività complessive dello sportello con il supporto dellRTI e dei servizi ordinari dei CPI (presa in carico, orientamento, incontro domanda offerta, tirocini con borsa lavoro a carico dellazienda o a valere su fondi non FSE) Persone prese in carico Tirocini attivati Percorsi formativi Rapporti di lavoro Aziende contattate

19 Prospettive Con il servizio di supporto garantito da un RTI fino al 31/12/2012 Estensione dellintervento allIstituto di Pena di Ivrea Aumento della disponibilità di borse lavoro a sostegno dellinserimento in tirocinio (previste 200 borse lavoro di 500 Euro mensili per una durata media di 4 mesi) Disponibilità di un servizio sperimentale del rafforzamento delloccupabilità e di accompagnamento nellinserimento socio lavorativo di soggetti particolarmente svantaggiati presenti sul territorio provinciale LO SPORTELLO CARCERE SI CONSOLIDA A valere su Programma Operativo Provinciale per lattuazione delle azioni di politica del lavoro di cui allasse III – Inclusione Sociale del POR Obiettivo 2 Competitività Regionale ed Occupazione FSE 2007 – 2013 della Regione Piemonte. Periodo 2008/2010

20 A cura di Provincia di Torino – Servizio Centro per lImpiego di Torino Dirigente Cristina Romagnolli Responsabile Centro per lImpiego Torino sede sud Maria Grazia Matta Informazione e promozione immagine dei CPI Mascia Manzon Realizzazione Grafica Claudio Mangiantini


Scaricare ppt "Sportello Carcere Centro per l Impiego di Torino Torino, giugno 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google