La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTERVENTI INTEGRATI PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE DI DETENUTI ED EX DETENUTI (SPERIMENTAZIONE NELLAMBITO DEI PROGETTI ATTIVATI A SEGUITO DEL.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTERVENTI INTEGRATI PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE DI DETENUTI ED EX DETENUTI (SPERIMENTAZIONE NELLAMBITO DEI PROGETTI ATTIVATI A SEGUITO DEL."— Transcript della presentazione:

1 INTERVENTI INTEGRATI PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE DI DETENUTI ED EX DETENUTI (SPERIMENTAZIONE NELLAMBITO DEI PROGETTI ATTIVATI A SEGUITO DEL PROVVEDIMENTO DI INDULTO – LEGGE 241/2006)

2 Supporto metodologico ed operativo a disposizione di equipe trans-disciplinari che operano nellambito della progettazione e realizzazione di interventi integrati finalizzati al reinserimento lavorativo e sociale di persone in esecuzione penale ed ex detenuti. COSA SONO LE LINEE GUIDA :

3 Gli interventi previsti dalle Politiche volte allinserimento lavorativo e sociale delle fasce deboli e, in particolare, le azioni definite nel Programma Operativo Regionale FSE CAMPO DI APPLICAZIONE :

4 I progetti attivati a seguito del provvedimento di indulto (Legge 241 del 31/07/2006) RIENTRANO NEL CAMPO DI APPLICAZIONE :

5 altre iniziative, a favore di detenuti ed ex detenuti, promossa da soggetti privati e del privato sociale che intendano coordinare i propri interventi con quelli promossi dalle reti locali nellambito delle politiche volte allinserimento lavorativo e sociale di persone svantaggiate POSSONO RIENTRARE NEL CAMPO DI APPLICAZIONE

6 Il modello operativo di seguito illustrato sarà sperimentato nellambito della realizzazione dei Progetti a favore dei beneficiari dellindulto attivati nel territorio della provincia di Torino AMBITO DELLA SPERIMENTAZIONE

7 SCHEMA ORGANIZZATIVO (Principi generali) si ispira ad un approccio integrato; delinea una modalità di intervento fortemente centrata : A ) sul coordinamento interistituzionale (nel rispetto delle reciproche competenze) e condivisione di risorse/opportunità B) sulla trans-disciplinarità dellequipe operativa.

8 Gruppo Inter-istituzionale SCHEMA ORGANIZZATIVO (Gruppi di Lavoro e relativi componenti) Equipe operativa trans-disciplinare Dirigente del settore formazione e lavoro o suo/a delegato/a Dirigente Assessorato Regionale Welfare o suo/a delegato/a Dirigente/responsabile CPI o suo/a delegato/a Direzione Area Trattamentale Interna o suo/a delegato/a per adulti e minori Direzione UEPE o suo/a delegato/a Direzione/responsabile o suo delegato/a USSM – Cgm Garante dei diritti delle persone private della libertà personale o suo/a delegato/a Direzione/Responsabile Comune di Torino Divisione Lavoro Direzione/Responsabile Comune di Torino Divisone Adulti in difficoltà Coordinatrice GOL di Torino operatori di: CPI territorialmente competenti, Direzione Trattamentale Interna, U.E.P.E./SP.IN., servizi sociali, servizi sanitari (in particolare con gli operatori dei SER.T.), soggetti attuatori (Agenzie di formazione, orientamento e inserimento lavorativo, Cooperative Sociali, Imprese, Associazioni culturali, Associazioni sportive, …..)

9 Gruppo Inter-istituzionale SCHEMA ORGANIZZATIVO (Funzioni) Equipe operativa trans-disciplinare Coordinamento generale e supervisione Progettazione e gestione integrata degli interventi ( diagnosi e presa in carico globale dei bisogni dei Beneficiari degli interventi )

10 FLUSSO OPERATIVO DELLE ATTIVITA 1 Presa in carico di detenuti in procinto di uscire dal carcere per indulto o fine pena 2 Presa in carico di detenuti indultati o detenuti a fine pena

11 DIAGRAMMA DI FLUSSO : Presa in carico di detenuti in procinto di uscire dal carcere per indulto o fine pena Referente del caso Equipe trans-disciplinare AttivitàNote Altri membri Equipe Operatore CPI A7 Operatori D.A.T. A6 A1 Individuazione detenuti in uscita A3 Compilazione scheda anagrafica-professionale A5 Trasmissione scheda rilevazione fabbisogni e scheda anagrafica-professionale a Equipe trans-disciplinare A2 Raccolta interesse/disponibilità e compilazione scheda rilevazione fabbisogni A6 Analisi schede e individuazione Referente del caso A4 A8 Presa in carico e costruzione del progetto di reinserimento e sottoscrizione Patto di Servizio A11 Stesura report periodico per Equipe trans-disciplinare A11 A1 A4 Trasmissione scheda anagrafica-professionale allEquipe Direzione Area Trattamentale (D.A.T.) A2 A3 A5 Soggetti Attuatori Azioni A7 Diagnosi congiunta (Operatori D.A.T., Op. CPI,altri membri Equipe, Referente caso) e definizione delle indicazioni generali sul percorso di reinserimento (ed eventuale individuazione soggetto/i attuatore/i) Beneficiari Finali A9 A9 Attivazione azioni/interventi A10 Coordinamento e monitoraggio azioni/interventi A10 A7 Si precisa che non sempre in questa fase è possibile individuare il soggetto attuatore degli interventi in quanto le procedure di evidenza pubblica per l assegnazione degli interventi stessi potrebbero non essere ancora espletate o laffidamento non ancora perfezionato A3 La compilazione della scheda anagrafica-professionale è a cura del CPI A8 La costruzione del progetto potrà essere effettuata attraverso lutilizzo dellapposito strumento PROGETTI allinterno del sistema SILP. Ciò garantirà un più agevole coordinamento e controllo dellavanzamento dellintervento e una costante valutazione della sua efficacia. A8 A2 A3

12 DIAGRAMMA DI FLUSSO : Presa in carico di detenuti indultati o fine pena Referente Del caso Equipe trans-disciplinare AttivitàNote Altri membri Equipe Operatore CPI Operatori U.E.P.E. SP.IN. A5 A1 Accoglienza/informazione detenuti indultati/fine pena A3 Compilazione scheda anagrafica-professionale (se non compilata in carcere) A4 Trasmissione scheda rilevazione fabbisogni a equipe trans- disciplinare esterna A2 Raccolta interesse/disponibilità e compilazione scheda rilevazione fabbisogni (se non compilata in carcere) A5 Analisi scheda rilevazione fabbisogni, verifica compilazione scheda anagrafica – professionale e individuazione Referente del caso A10 Stesura report periodico per Equipe trans-disciplinare A10 A1 A2 A3 A4 Soggetti Attuatori azioni Beneficiario Finale A8 A8 Attivazione azioni/interventi A9 A6 Si precisa che non sempre in questa fase è possibile individuare il soggetto attuatore degli interventi in quanto le procedure di evidenza pubblica per l assegnazione degli interventi stessi potrebbero non essere ancora espletate o laffidamento non ancora perfezionato A3 La compilazione della scheda anagrafica-professionale è effettata presso gli sportelli dei CPI A6 A7 A6 Diagnosi congiunta (Operatori U.E.P.E., Op. CPI, altri membri Equipe, Referente caso) e definizione delle indicazioni generali sul percorso di reinserimento (ed eventuale individuazione soggetto/i attuatore/i) A7 Presa in carico e costruzione del progetto di reinserimento e sottoscrizione Patto di Servizio A7 La costruzione del progetto potrà essere effettuata attraverso lutilizzo dellapposito strumento PROGETTI allinterno del sistema SILP. Ciò garantirà un più agevole monitoraggio dellavanzamento dellintervento e una costante valutazione della sua efficacia. A9 Coordinamento e monitoraggio azioni/interventi A7 A2 A3 A1


Scaricare ppt "INTERVENTI INTEGRATI PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE DI DETENUTI ED EX DETENUTI (SPERIMENTAZIONE NELLAMBITO DEI PROGETTI ATTIVATI A SEGUITO DEL."

Presentazioni simili


Annunci Google