La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sovrappeso ed obesità in Emilia-Romagna Claudia Cortesi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sovrappeso ed obesità in Emilia-Romagna Claudia Cortesi."— Transcript della presentazione:

1 Sovrappeso ed obesità in Emilia-Romagna Claudia Cortesi

2 Stato nutrizionale e abitudini alimentari Lo stato nutrizionale è un determinante importante delle condizioni di salute di una popolazione. L eccesso di peso: - rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali patologie croniche -è correlato con una riduzione di aspettativa e qualità di vita nei paesi industrializzati in cui la povertà fa ingrassare Il consumo di frutta e verdura gioca un ruolo protettivo (progetto five a day).

3 Situazione nutrizionale della popolazione Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=2.449) BMI = peso in Kg/(statura in m) 2 sottopeso BMI <18.5 normopeso BMI sovrappeso BMI obeso BMI >= 30

4 Popolazione con eccesso ponderale Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=2.449) Sovrappeso %(IC95%) Obesi % (IC95%) 31,429,5-33,411,29,8-12,5 Classi di età ,314,2-20,45,23,4-7, ,428,0-35,010,58,2-12, ,839,3-46,316,714,1-19,3 Sesso uomini 38,335,3-41,211,89,9-13,8 donne 24,622,0-27,110,58,6-12,4 Istruzione nessuna/elementare 44,138,3-49,920,816,1-25,6 media inferiore 35,7*31,9-39,513,210,5-15,9 media superiore 27,324,4-30,18,76,8-10,6 laurea 22,617,7-27,75,02,4-7,6 Difficolt à economiche molte 31,324,7-37,914,19,3-19,0 qualche 32,429,0-35,812,810,4-15,2 nessuna 30,928,2-33,59,67,9-11,4

5 Emilia-Romagna: 42,6 (40,6-44,6) Pool PASSI: 42,9 (42,1-43,8) % persone in eccesso ponderale In regione, non differenze statisticamente significative relative alleccesso ponderale (range:38% Parma - 48% Ferrara) (40%) (45%) Confermato il gradiente nord-sud

6 Percezione della proprio peso Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=2.441)

7 Quello che mangia fa bene alla sua salute? Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=2.428)

8 Numero di porzioni di frutta e verdura consumate al giorno Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=2.451)

9 Adesione al 5 a day Caratteristiche Adesione al 5 a day ° % (IC95%) Totale 11,410,0-12,7 Classi di et à ,95,7-10, ,8*8,6-13, ,712,2-17,3 Sesso uomini 9,47,6-11,1 donne 13,411,3-15,5 Istruzione nessuna/elementare 13,69,5-17,6 media inferiore 10,68,2-13,0 media superiore 11,08,9-13,1 laurea 12,18,3-15,9 Difficolt à economiche molte 11,77,1-16,4 qualche 11,69,3-14,0 nessuna 11,29,4-13,0 Stato nutrizionale sotto/normopeso 10,89,0-12,6 sovrappeso 10,78,4-13,0 obeso 16,1*11,3-21,0

10 Emilia-Romagna: 11,4 (10,0-12,7) Pool PASSI: 10,4 (10,0-10,9) % persone che aderiscono al five a day

11 Emilia-Romagna: 41,9 (38,2-45,6) Pool PASSI: 36,7 (35,1-38,2) % di persone in eccesso ponderale che hanno ricevuto il consiglio di fare attività fisica

12 % di persone in sovrappeso/obese che hanno ricevuto il consiglio di perdere peso da un operatore sanitario Emilia-Romagna: 58,8 (55,3-62,3) Pool PASSI: 57,3 (55,7-58,9)

13 Attuazione della dieta in rapporto a percezione del proprio peso e ai consigli degli operatori sanitari Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=1.054)

14 Cambiamenti ponderali negli ultimi 12 mesi Emilia-Romagna - PASSI 2007 (n=2.411)

15 Conclusioni e raccomandazioni In letteratura è ampiamente documentata una sottostima nel rilevare la prevalenza delleccesso ponderale attraverso indagini telefoniche analoghe a quelle condotte nel sistema di Sorveglianza PASSI; nonostante ciò, in Emilia-Romagna quasi una persona adulta su due presenta un eccesso ponderale. Particolare attenzione nei programmi di prevenzione va posta, oltre alle persone obese, a quelle in sovrappeso. Nei soggetti in sovrappeso emerge infatti una sottostima del rischio per la salute legato al proprio peso: meno di una persona su due percepisce il proprio peso come troppo alto, la maggior parte giudica la propria alimentazione in senso positivo quasi una persona su quattro è aumentata di peso nellultimo anno.

16 Conclusioni e raccomandazioni Nelle persone in eccesso ponderale solo il 22% pratica una dieta per ridurre o controllare il peso è praticata mentre è più diffusa la pratica di unattività fisica moderata (79%). La maggior parte delle persone consuma giornalmente frutta e verdura: circa la metà ne assume oltre 3 porzioni, ma solo una piccola quota assume le 5 porzioni al giorno raccomandate per unefficace prevenzione delle neoplasie. Rilevante risulta il consiglio ed il sostegno del Medico di Medicina Generale, spesso il primo operatore chiamato a confrontarsi con il problema legato al peso del proprio assistito (ma essenziale può essere anche la figura del Pediatra in un processo di responsabilizzazione della famiglia).

17 Conclusioni e raccomandazioni Vi è necessità di interventi multisettoriali per promuovere unalimentazione corretta accompagnata da un'attività fisica svolta in maniera costante e regolare. Un approccio multidisciplinare è fondamentale per aumentare lefficacia degli interventi e la Sanità Pubblica può avere un ruolo fondamentale nel promuovere alleanze e integrazioni. Si assiste ad una moltiplicazione di stili alimentari, le componenti culturali dominano l'alimentazione, gusti ed abitudini mutano in continuo. In questo scenario l'obiettivo è promuovere una maggiore consapevolezza che, nel rispetto di gusti e sensibilità individuali, consenta di operare scelte ragionate. Un corretto comportamento alimentare garantisce una vita più sana, ma si può seguire uno stile di vita sano e un comportamento alimentare corretto solo se si vive in un contesto sociale che permette questa scelta: rendere facili scelte salutari.

18 La vita è troppo breve per bere vini mediocri (W.Goethe)


Scaricare ppt "Sovrappeso ed obesità in Emilia-Romagna Claudia Cortesi."

Presentazioni simili


Annunci Google