La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI 2007 - 2013. GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI Gli orientamenti sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI 2007 - 2013. GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI Gli orientamenti sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale."— Transcript della presentazione:

1 ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI

2 GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI Gli orientamenti sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale dellUnione europea (GUCE) serie L 291 del 21 ottobre Gli Orientamenti Strategici definiscono i principi e le priorità della politica di coesione e suggeriscono gli strumenti per permettere alle Regioni europee di sfruttare a pieno le risorse dei fondi strutturali. In base a tali orientamenti, le autorità nazionali elaboreranno le rispettive priorità e i piani strategici per il periodo , i cosiddetti Quadri strategici di riferimento nazionali (QSRN).

3 GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI Considerando n.17: Gli orientamenti strategici rappresentano un contesto unico indicativo che gli Stati membri e le regioni sono invitati a utilizzare per lelaborazione di programmi nazionali e regionali, specialmente per valutare il loro contributo agli obiettivi della Comunità in termini di coesione, crescita e occupazione. Strategici. Ogni Stato membro dovrebbe preparare il proprio quadro strategico di riferimento nazionale e i programmi operativi risultanti,tenendo conto degli orientamenti.

4 GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI Si articolano in due sezioni: 1.Orientamenti per la politica di coesione La dimensione territoriale della politica di coesione

5 Gli orientamenti per la politica di coesione LOBIETTIVO GENERALE Il Consiglio europeo di primavera del 2005 ha ribadito che la Comunità dovrebbe mobilitare tutte le risorse appropriate a livello nazionale ed europeo, compresa la politica di coesione, per perseguire gli obiettivi dellagenda di Lisbona rinnovata. Le risorse limitate di cui dispone la politica di coesione, quindi, dovrebbero concentrarsi sulla promozione della crescita sostenibile, della competitività e delloccupazione, tenendo conto dellagenda di Lisbona rinnovata.

6 Gli orientamenti per la politica di coesione LE PRIORITA investimenti nellinnovazione ed economia della conoscenza, nuove tecnologie dellinformazione e della comunicazione, occupazione e capitale umano, imprenditorialità, sostegno alle PMI,e accesso al capitale di rischio.

7 Gli orientamenti per la politica di coesione I PRINCIPI (1/3) Un maggiore coinvolgimento a livello territoriale associando i soggetti a livello regionale e locale e le parti sociali, in particolare, nei settori in cui è essenziale una maggiore prossimità. La stabilità macroeconomica e le riforme strutturali a livello nazionale. Una serie di altre condizioni che favoriscono gli investimenti, compresa unefficace attuazione del mercato interno, riforme amministrative,una buona governance, un contesto favorevole alle aziende e la disponibilità di una manodopera altamente qualificata.

8 Gli orientamenti per la politica di coesione I PRINCIPI (2/3) La presa in conto del ruolo della politica di coesione nella realizzazione di altre politiche comunitarie,delle necessità in termini di investimenti sia nelle aree urbane sia in quelle rurali,della protezione e del miglioramento dellambiente nel preparare le strategie nazionali. Linserimento nelle strategie della parità uomo-donna e della prevenzione della discriminazione basata su sesso, razza o origine etnica, religione e convinzioni personali, disabilità, età e orientamento sessuale. Una buona governance e cioè un partenariato di ampio respiro e la qualità ed efficienza nel settore pubblico.

9 Gli orientamenti per la politica di coesione I PRINCIPI (3/3) Le risorse non dovrebbero provenire solo dalle sovvenzioni ma, ove possibile, anche dal settore privato e da prestiti erogati, ad esempio, dalla Banca europea per gli investimenti(BEI). Per il prossimo periodo, le autorità degli Stati membri responsabili del programma potranno avvalersi maggiormente delle consulenze della BEI per preparare progetti adeguati ai finanziamenti europei nel quadro delliniziativa Jaspers.

10 Gli orientamenti per la politica di coesione I CONTENUTI PRIORITARI Rendere lEuropa e le sue regioni più attraenti per gli investimenti e loccupazione Promuovere la conoscenza e linnovazione a favore della crescita Posti di lavoro migliori e più numerosi

11 Gli orientamenti per la politica di coesione Priorità 1 RENDERE LEUROPA E LE SUE REGIONI PIÙ ATTRAENTI PER GLI INVESTIMENTI E LOCCUPAZIONE 1.1.1Potenziare le infrastrutture di trasporto 1.1.2Rafforzare le sinergie tra tutela dellambiente e crescita 1.1.3Affrontare luso intensivo delle fonti energetiche tradizionali in Europa

12 Gli orientamenti per la politica di coesione POTENZIARE LE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO Promozione di trasporti pubblici puliti e sostenibili, in particolare nelle zone urbane. Potenziamento delle reti di trasporto secondarie, mediante il miglioramento dei collegamenti con le reti TEN-T, con gli snodi ferroviari, gli aeroporti e i porti regionali o con le piattaforme multimodali; mediante la creazione di collegamenti radiali con le principali linee ferroviarie; mediante la promozione delle vie navigabili interne regionali e locali e del trasporto marittimo a corto raggio.

13 Gli orientamenti per la politica di coesione RAFFORZARE LE SINERGIE TRA TUTELA DELLAMBIENTE E CRESCITA Stimolo agli investimenti per il recupero dell'ambiente fisico, inclusi i siti e i terreni contaminati, desertificati e la riconversione di siti industriali in abbandono promozione dello sviluppo di infrastrutture connesse alla biodiversità e di investimenti in siti Natura 2000, ove ciò contribuisca allo sviluppo economico sostenibile e/o alla diversificazione delle zone rurali sviluppo di piani e misure volti a prevenire e gestire i rischi naturali (ad es. la desertificazione, la siccità, gli incendi e le alluvioni) e i rischi tecnologici tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale a sostegno dello sviluppo socioeconomico e promozione dei beni naturali e culturali in quanto potenziale per lo sviluppo del turismo sostenibile.

14 Gli orientamenti per la politica di coesione RAFFORZARE LE SINERGIE TRA TUTELA DELLAMBIENTE E CRESCITA Lart. 52 del Reg Gen. 1083/2006, prevede che la partecipazione dei Fondi può essere modulata in funzione di una serie di elementi tra cui, per quanto riguarda lobiettivo Competitività regionale e occupazione, la copertura delle zone di montagna, quali definite dalla legislazione nazionale dello Stato membro.

15 Gli orientamenti per la politica di coesione RAFFORZARE LE SINERGIE TRA TUTELA DELLAMBIENTE E CRESCITA LArticolo 10 del Reg. del FESR 1080/2006, prevede: I programmi regionali cofinanziati dal FESR che includono zone caratterizzate da svantaggi geografici e naturali ai sensi dellarticolo 52, lettera f) del regolamento (CE) n..../…, prestano particolare attenzione al superamento delle difficoltà specifiche di queste zone. Fatti salvi gli articoli 4 e 5, il FESR può in particolare contribuire al finanziamento di investimenti volti a migliorare laccessibilità, a promuovere e sviluppare le attività economiche connesse al patrimonio culturale e naturale, a incentivare luso sostenibile delle risorse naturali e a incoraggiare il turismo sostenibile.

16 Gli orientamenti per la politica di coesione RIDURRE LUSO INTENSIVO DELLE FONTI ENERGETICHE TRADIZIONALI IN EUROPA Promozione dellefficienza energetica e della produzione di energie rinnovabili e dello sviluppo di sistemi efficienti di gestione dell'energia

17 Gli orientamenti per la politica di coesione Priorità 1.2 PROMUOVERE LA CONOSCENZA E LINNOVAZIONE A FAVORE DELLA CRESCITA 1.2.1Aumentare e indirizzare meglio gli investimenti nellRST 1.2.2Facilitare linnovazione e promuovere limprenditorialità 1.2.3Promuovere la società dellinformazione per tutti 1.2.4Migliorare laccesso al credito

18 Gli orientamenti per la politica di coesione AUMENTARE E INDIRIZZARE MEGLIO GLI INVESTIMENTI NELLRST Rafforzamento delle capacità regionali di R&ST e innovazione direttamente legate agli obiettivi regionali di sviluppo economico tramite il sostegno a centri di competenza industriali o operanti su specifiche tecnologie; tramite la promozione della R&ST nellindustria, delle PMI e del trasferimento di tecnologie; tramite lo sviluppo della previsione tecnologica e della valutazione comparativa internazionale delle politiche volte a promuovere linnovazione; tramite il sostegno alla collaborazione tra le imprese e alle politiche congiunte in materia di R&ST e innovazione

19 Gli orientamenti per la politica di coesione FACILITARE LINNOVAZIONE E PROMUOVERE LIMPRENDITORIALITÀ Stimolo all'innovazione e all'imprenditorialità in tutti i settori dell'economia regionale e locale, tramite il sostegno all'immissione in commercio di prodotti, processi e servizi nuovi o migliorati da parte delle PMI; tramite il sostegno alle reti e agli agglomerati di imprese; tramite un migliore accesso a finanziamenti da parte delle PMI; tramite la promozione di reti di cooperazione tra le imprese e appropriati istituti di istruzione terziaria e di ricerca; tramite un migliore accesso delle PMI ai servizi di sostegno alle imprese e il sostegno all'integrazione di tecnologie più pulite e innovative nelle PMI;

20 Gli orientamenti per la politica di coesione FACILITARE LINNOVAZIONE E PROMUOVERE LIMPRENDITORIALITÀ Promozione dellimprenditorialità, in particolare agevolando lo sfruttamento economico delle nuove idee e favorendo la creazione di nuove imprese da parte di istituti di istruzione terziaria e altri istituti di ricerca interessati e delle imprese esistenti

21 Gli orientamenti per la politica di coesione PROMUOVERE LA SOCIETÀ DELLINFORMAZIONE PER TUTTI Promozione dellaccesso alle TIC, della loro adozione e della loro utilizzazione efficace da parte delle PMI, tramite il sostegno allaccesso alle reti, alla creazione di punti di accesso pubblici a Internet, alla dotazione di attrezzature e allo sviluppo di servizi e applicazioni, inclusa in particolare, la creazione di piani d'azione destinati alle imprese molto piccole e alle imprese artigianali.

22 Gli orientamenti per la politica di coesione MIGLIORARE LACCESSO AL CREDITO Creazione di strumenti di ingegneria finanziaria e incubatori che facilitino la capacità di ricerca e di sviluppo tecnologico delle PMI e promuovano limprenditorialità e la creazione di nuove aziende, in particolare di PMI ad alto contenuto di conoscenza.

23 Gli orientamenti per la politica di coesione NUOVI E MIGLIORI POSTI DI LAVORO 1.3.1Far sì che un maggior numero di persone arrivi e rimanga sul mercato del lavoro e modernizzare i sistemi di protezione sociale 1.3.2Migliorare ladattabilità dei lavoratori e delle imprese e rendere più flessibile il mercato del lavoro 1.3.3Aumentare gli investimenti nel capitale umano migliorando listruzione e le competenze 1.3.4Capacità amministrativa 1.3.5Contribuire a mantenere in buona salute la popolazione attiva

24 la dimensione territoriale della politica di coesione LA DIMENSIONE TERRITORIALE DELLA POLITICA DI COESIONE –Nel contesto della politica di coesione, la geografia è un fattore importante. –Per questo, al momento di elaborare i programmi e di concentrare le risorse sulle priorità fondamentali, gli Stati membri e le regioni dovrebbero rivolgere unattenzione particolare a queste circostanze territoriali specifiche.

25 Priorità 2 DIMENSIONE TERRITORIALE 2.1Contributo delle città alla crescita e alloccupazione 2.2Sostegno alla diversificazione economica delle aree rurali, delle aree di pesca e di quelle con svantaggi naturali 2.3Cooperazione 2.4Cooperazione transfrontaliera 2.5Cooperazione transnazionale 2.6Cooperazione interregionale

26 la dimensione territoriale della politica di coesione CONTRIBUTO DELLE CITTÀ ALLA CRESCITA E ALLOCCUPAZIONE La Comunicazione al Consiglio e al Parlamento «Cohesion Policy and cities: the urban contribution to growth and jobs in the regions» [COM(2006) 385 def. del ], sottolinea che più del 60 % della popolazione nellUnione europea vive in aree urbane con più di abitanti.

27 la dimensione territoriale della politica di coesione 2.1CONTRIBUTO DELLE CITTÀ ALLA CRESCITA E ALLOCCUPAZIONE (1/3) Le azioni possibili: 2.1.1azioni volte a promuovere le città in quanto motori di sviluppo regionale. Tali azioni dovrebbero mirare anzitutto a migliorare la competitività, ad esempio tramite la formazione di raggruppamenti di imprese. Le azioni sostenute includono misure finalizzate a promuovere limprenditorialità, linnovazione e lo sviluppo dei servizi, compresi quelli alle imprese. È anche importante attrarre e mantenere personale altamente qualificato (attraverso misure volte a promuovere laccessibilità, lofferta di servizi culturali ecc.).

28 la dimensione territoriale della politica di coesione 2.1CONTRIBUTO DELLE CITTÀ ALLA CRESCITA E ALLOCCUPAZIONE (2/3) Promuovere la coesione interna alle aree urbane che cercano di migliorare la situazione dei quartieri a rischio. In questo contesto servono misure che cerchino di recuperare lambiente fisico, di riconvertire le aree dismesse, soprattutto nelle vecchie città industriali, e di conservare e promuovere il patrimonio storico e culturale con potenziali ricadute positive sul turismo, al fine di creare città più attraenti in cui la popolazione vuole vivere. Il risanamento degli spazi pubblici esistenti e dei siti industriali può contribuire in misura considerevole ad evitare la crescita disordinata di sobborghi, aiutando così a creare le condizioni necessarie per uno sviluppo economico sostenibile Migliorare la pianificazione, la progettazione e la gestione degli spazi pubblici. In questo modo le città possono allontanare la criminalità, contribuendo a rendere le strade, i parchi e gli spazi aperti attraenti, sicuri e percepiti come tali. Nelle aree urbane gli aspetti ambientali, economici e sociali sono fortemente interconnessi. Una qualità elevata dellambiente urbano contribuisce a conseguire lobiettivo derivante dalla priorità della strategia di Lisbona rinnovata di rendere lEuropa un luogo più interessante in cui lavorare, vivere o investire.

29 la dimensione territoriale della politica di coesione 2.1CONTRIBUTO DELLE CITTÀ ALLA CRESCITA E ALLOCCUPAZIONE (3/3) 2.1.4A zioni miranti a promuovere uno sviluppo più equilibrato e policentrico, sviluppando la rete urbana a livello nazionale e comunitario con collegamenti tra le città economicamente più importanti e le altre aree urbane, compresi i centri piccoli e medi. Ciò richiede scelte strategiche che individuino e rafforzino i poli di crescita e che creino reti capaci di legarli sia in termini fisici (infrastrutture, tecnologie dellinformazione ecc.) sia umani (azioni per promuovere la cooperazione ecc.). Poiché questi poli servono territori più vasti, compreso limmediato hinterland rurale, essi contribuiscono a uno sviluppo sostenibile ed equilibrato dello Stato membro e della Comunità nel loro complesso.

30 la dimensione territoriale della politica di coesione 2.2SOSTEGNO ALLA DIVERSIFICAZIONE ECONOMICA DELLE AREE RURALI, DELLE AREE DI PESCA E DI QUELLE CON SVANTAGGI NATURALI La politica di coesione può anche contribuire in misura determinante alla rigenerazione economica delle zone rurali, integrando gli interventi sostenuti dal nuovo fondo di sviluppo rurale (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale FEASR). Questapproccio complementare dovrebbe cercare di sostenere la ristrutturazione e la diversificazione delleconomia nelle aree rurali europee.

31 la dimensione territoriale della politica di coesione 2.2SOSTEGNO ALLA DIVERSIFICAZIONE ECONOMICA DELLE AREE RURALI, DELLE AREE DI PESCA E DI QUELLE CON SVANTAGGI NATURALI È opportuno favorire le sinergie tra politiche strutturali, occupazionali e di sviluppo rurale. In questo contesto gli Stati membri dovrebbero assicurare la sinergia e la coerenza tra le azioni che saranno finanziate dal FESR, dal Fondo di coesione, dallFSE, dal Fondo europeo per la pesca (FEP) e dal FEASR in un dato territorio e in un dato settore di attività. Gli orientamenti principali relativi alla linea di demarcazione e ai meccanismi di coordinamento tra gli interventi finanziati dai vari Fondi andrebbero definiti a livello del quadro strategico di riferimento nazionale o del piano strategico nazionale.

32 2.3Cooperazione Una cooperazione più stretta fra le regioni dellUE dovrebbe aiutare ad accelerare lo sviluppo economico e il conseguimento di una crescita più elevata. Nel contesto transfrontaliero e transnazionale, i trasporti, la gestione delle risorse idriche e la tutela dellambiente sono un chiaro esempio di sfide per le quali occorre un approccio mirato integrato che vada al di là dei confini nazionali.

33 2.4Cooperazione transfrontaliera Lobiettivo della cooperazione transfrontaliera in Europa è di integrare le zone separate dai confini nazionali con problemi comuni che richiedono soluzioni comuni. Le sfide in questione sono fronteggiate da tutte le regioni frontaliere dellUnione, come risultato della frammentazione dei mercati del lavoro e dei capitali, delle infrastrutture, delle capacità fiscali e delle istituzioni. Oltre a rafforzare la competitività delle regioni di confine, la cooperazione transfrontaliera dovrebbe contribuire allintegrazione economica e sociale, specialmente quando esistono forti disparità economiche tra le zone situate da una parte e dallaltra del confine.

34 2.5 Cooperazione Transnazionale Nelle zone transnazionali è necessario rafforzare lintegrazione e la coesione socioeconomiche. Scopo dei programmi di cooperazione transnazionale è promuovere la cooperazione tra gli Stati membri per le questioni di importanza strategica. Andrebbero pertanto sostenuti gli interventi volti a migliorare linterconnessione fisica dei territori (ad esempio gli investimenti nel trasporto sostenibile) e i collegamenti immateriali (reti, scambi tra le regioni e tra le parti interessate). Fra le azioni possibili figurano la realizzazione di corridoi di trasporto europei (segnatamente le sezioni transfrontaliere) e le azioni per la prevenzione dei rischi naturali (incendi, siccità e inondazioni), la gestione dellacqua a livello dei bacini idrici, la cooperazione marittima integrata, la promozione dello sviluppo urbano sostenibile e la creazione di reti di R&S/innovazione.

35 2.6 Cooperazione interregionale I programmi di cooperazione interregionale dovrebbero concentrarsi sulla strategia di Lisbona rinnovata: rafforzare linnovazione, le PMI e limprenditorialità, lambiente e la prevenzione dei rischi. Si promuoveranno inoltre gli scambi di esperienze e di buone prassi in materia di sviluppo urbano, la modernizzazione dei servizi pubblici (tra cui luso delle TIC nelle strutture sanitarie e nella pubblica amministrazione), i programmi di cooperazione, gli studi e la raccolta di dati. La cooperazione interregionale può inoltre essere incentivata nellambito di programmi a favore della Convergenza e della Competitività regionale ed occupazione.


Scaricare ppt "ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI 2007 - 2013. GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI COMUNITARI Gli orientamenti sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale."

Presentazioni simili


Annunci Google