La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INFERMIERISTICA OSTETRICA Docente FEDERICA PANCETTI 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INFERMIERISTICA OSTETRICA Docente FEDERICA PANCETTI 2009."— Transcript della presentazione:

1 INFERMIERISTICA OSTETRICA Docente FEDERICA PANCETTI 2009

2 PROGRAMMA LEZIONI Concetti fondamentali della pianificazione familiare: problematiche sociali, etiche ed economiche La funzione dei consultori familiari Analisi dei metodi contraccettivi con particolare riguardo a programmi di educazione sanitaria Interventi assistenziali di competenza infermieristica, in collaborazione con il medico e lostetrica, sui problemi legati alla sterilità e infertilità di coppia La gravidanza: igiene della gravidanza,cure e profilassi prenatale Rapporto tra lavoro e gravidanza Malattie infettive in gravidanza Incompatibilità materno-fetali Malattie della gravidanza Anomalie della gravidanza (placeta previa, gravidanza extrauterina) La gravidanza a rischio Interruzione di gravidanza (legge 194/78) Il parto Assistenza alla pz in ginecologia

3 La contraccezione La contraccezione può essere definita come una varietà di metodi,mezzi e comportamenti tesi ad impedire lunione dei gameti.

4 LA GRAVIDANZA Linizio della gravidanza reso possibile dal verificarsi di una serie di eventi, quali: Migrazione degli spermatozoi; Capacitazione degli spermatozoi: fenomeno mediante il quale il gamete maschile acquisisce la possibilità di fecondare lovocita; Captazione dellovocita; Trasformazione dellambiente biochimico tubarico, in modo da renderlo idoneo a favorire la fecondazione dellovocita; Interazione e fusione dei due gameti; Trasporto dellembrione verso la cavità u terina; Arrivo dellembrione in cavità uerina allo stadio di blastocisti e suo annidamento nella mucosa uterina (impianto ).

5 La contraccezione Attuare la prevenzione implica cambiare ottica e programmazione sanitaria,passare da strutture e cultura di cura ad una in termini di servizi tra cui la prevezione, linformazione e leducazione sanitaria. Linformazione è spesso ambigua,contraddittoria, spesso fatta da giornali non specializzati, che non hanno una legittimazione culturale tale da convincere ad utilizzare i metodi contraccettivi. Obiettivo fondamentale e nostra missione è quello di correggere errori culturali ed educare ad utilizzare mezzi che impediscano una garvidanza indesiderata.

6 La contraccezione Il bisogno di controllare la propria sessualità a fini riproduttivi vi è da sempre presente negli esseri umani. Imposizioni sociali come letà per il matrimonio ed i limiti di età per lunione tra uomo e donna sono un esempio. Lesigenza di dividere la vita sessuale dalla riproduzione e controllare le nascite è sempre esistito presso tutte le civiltà, con controlli individuali, con il coito interrotto, con decotti, misture, intrugli,strumenti magici e rituali ecc.

7 La contraccezione In Italia fino al 1971 larticolo 553 del codice penale vietava la diffusione e la propaganda dei metodi contraccettivi. Nel 1971 la Corte Costituzionale,motivandola con un costume sociale mutato e perciò con una presa datto della diversa morale comune,dichiarò contrario alla carta costituzionale tale articolo,ed il titolo decimo del codice penaleDelitti contro lintegrità della stirpe di vago sapore nazista e razzista. Da allora sono seguiti una serie di avvenimenti importanti. Nel 1974 la Conferenza dellONU sulla popolazione mondiale invita a rispettare il diritto della coppia e del singolo/a a determinare in piena libertà il numero della prole ed incoraggiare leducazione ad una maternità responsabile e cosciente,mettendo a disposizione di chiunque la desideri consigli e metodi per attuarla.

8 La contraccezione In Italia nel 1975 si arriva allapprovazione della Legge sui Consultori Familiari, segue la Legge sulla tutela della lavoratrice madre a completamento dello statuto dei lavoratori,infine il 1978 è il momento della Legge 194 da qui segue un iter tortuoso.associazioni tipo lAIED UNICEMP CISA ed altre insieme a partiti politici (soprattutto partito socialista,radicale e comunista)iniziano confronti talvolta aspri con il mondo cattolico per una regolamentazione dellaborto.nel 1981 viene indetto un Referendum con il desiderio di abolire la Legge 194 ma più del 70% dei votanti respinge questo tentativo di riportare le donne verso laborto clandestino.

9 La contraccezione Nel 1994 Conferenza sulla pianificazione familiare al Cairo Organizzazione Mondiale della Sanità Dalla Conferenza del Cairo sono emersi concetti importanti tra cui luguaglianza dei sessi, il diritto delle donne alla dignità, i diritti riproduttivi, lapertura del concetto di famiglia verso quello dellindividuo superando il concetto di famiglia univoco ed eterosessuale.

10 La contraccezione In Italia abbiamo circa 19 milioni di donne in età fertile un terzo di queste non sono a rischio di gravidanza 20-24% sono in gravidanza o cercano un figlio 20-22% sono in menopausa chirurgica o sono sterili, 50%non ha rapporti sessuali. Restano 9-10 milioni di donne che hanno il problemadi prevenire una gravidanza non desiderata al momento.

11 La contraccezione Ancora oggi è troppo poco diffusa la contraccezione in Italia. Delle donne fertili: 16% pillola 24% profilattico 3% spirale (IUD) 4.5% diaframma 3.5% metodi naturali 26% coito interrotto e addirittura 23% nessun metodo contraccettivo.

12 La contraccezione LItalia è tra i paesi europei uno di quelli dove è meno diffusa la contraccezione ormonale e dove più diffuse sono false informazioni e preconcetti sulla pillola e su tutte le metodiche contraccettive, oltre a numerose resistenze culturali religiose e reticenze individuali. Da tener presente che ben il 53% delle giovani affrontano il primo rapporto sessuale senza alcuna protezione contraccettivo, che il 30% si affida al coito interrotto e soltanto l11%ha usato il profilattico si ha come conseguenza che più dell80%dei primi rapporti sessuali sono a rischio di una gravidanza indesiderata. Di queste donne ricordiamo hanno avuto nel 70% dei casi il primo rapporto sessuale intorno ai anni, soltanto il 40% arriva ad una contraccezione sicura entro i primi due anni di rapporti sessuali

13 La contraccezione La contraccezione o,meglio,il blocco temporaneo della capacità riproduttiva della donna può essere oggi attuato con mezzi farmacologici, meccanici,chirurgici o comportamentali, miranti ad inibire la produzione dei gameti o a impedire la fecondazione.

14 La contraccezione I METODI CONTRACCETTIVI SI SUDDIVIDONO IN: metodi contraccettivi naturali metodi contraccettivi meccanici metodi contraccettivi di barriera metodi contraccettivi ormonali e metodi di intercezione post-coitali

15 La contraccezione L efficacia contraccettivo di un metodo viene espressa dallindice di Pearl, definito come numero di fallimenti per 100 anni-donnedi esposizione ad un determinato metodo contraccettivo. Un metodo contraccettivo è ritenuto valido se lindice di Pearl ha un valore compreso tra 0 e 2 ed è tanto pi affidabile quanto più tale indice tende a 0. La tabella I mostra lefficacia dei metodi disponibili. I requisiti richiesti ad un buon metodo contraccettivo sono Efficacia Sicurezza Reversibilità Basso costo Praticità duso

16 La contraccezione EFFICACIA CONTRACCETTIVA DI DIVERSI METODI Metodo contraccettivoIndice di PEARL Indice di PEARL corretto CONTRACCETIVI orali PROGESTINICI ORALI50.5 DISPOSITIVI SOTTOCUTANEI 0.16 Spermicidi266 Diaframma spermicidi206 IUD AL RAME COITO INTERROTTO194 METODI NATURALI201-9 STERILIZZAZIONE FEMMINILE 0.5 CONDOMS143

17 La contraccezione METODI CONTACCETTIVI DI BARRIERA sfruttano l azione meccanica che consente di impedire la penetrazione degli spermatozooi nel canale cervicale o nella vagina: -condom -diaframma -spugne vaginali -spermicidi

18 La contraccezione Condom (profilattico) La comparsa dellHIV,nella nostra epoca, ha riportato in primo piano il profilattico se non come contraccettivo sicuramente come mezzo per prevenire la malattie sessualmente trasmesse. È molto utile anche per evitare gravidanze indesiderate ha una sicurezza contraccettiva se usato e conservato correttamente dell85-90%. Ha trovato la massima approvazione da parte della popolazione giovane in quanto facilmente reperibile,facile da utilizzare,poco costoso. Ne esistono vari tipi: in lattice (la maggior parte) in poliuretano (per soggetti allergici al lattice) ed in silicone. All efficacia contraccettivo si associa anche una sicura protezione contro le malattie sessualmente trasmesse ed in particolare contro la trasmissione di HPV (agente virale interessato nella patogenesi prima del condiloma acuminato e delle displasie della cervice e poi del carcinoma della portio) e di HIV. In molti casi luso del condor viene associato a creme o gel spermicidi anche se è dubbio c Il rischio è invece quello di alterare la flora vaginale creando dismicrobismi e di conseguenza infezioni genito-urinarie ricorrenti. Le percentuali di fallimento sono legate all uso errato e solo una piccola percentuale(1-8%) alla rottura.

19 La contraccezione Diaframma: Come tutti i metodi di barriera il diaframma è scevro da interferenze sistemiche. Euna calotta di lattice sottile con un bordo più spesso montato su un anello flessibile. Esistono varie morfologie di diaframma e le loro dimensioni oscillazione tra 50 e 105 mm di diametro. Si può scegliere il diaframma perché non si tollerano gli ormoni, non si vogliono gli altri contraccettivi,oppure si desidera un contraccettivo gestito dalla donna. È un dispositivo che viene applicato nella parte distale della vagina a contatto con la portio uterina. Anche in questo caso lefficacia contraccettivo del dispositivo dipende dal suo corretto uso: è importante utilizzare il diaframma della misura più adatta, rimuoverlo dopo almeno 6 ore dallavvenuto rapporto, pulirlo e conservarlo al riparo dal caldo e dalla luce solare. Lobesità ed il prolasso genito-urinario spesso creano problemi di posizionamento del diaframma rappresentando controindicazioni al suo uso. Viene utilizzato molto spesso in associazione a creme spermicide.

20 La contraccezione Spugne vaginali creme spermicidi: sono in uso negli USA e el Nord Europa in Italia si è tentata qualche sperimentazione ma con scarso successo. Il loro comune scopo è quello di impedire agli spermatozooi di attraversare il canale cervicale,le spugne per assorbimento le creme per distruzione dello spermatozoo stesso. Hanno scarsa efficacia contraccettiva che può aumentare se associati ad altri dispositivi tipo il diaframma.

21 La contraccezione METODI CONTACCETTIVI di TIPO MECCANICO La contraccezione si realizza intoducendo nellutero opportuni dispositivi che impediscono lannidamento dellembrione. La spirale è un dispositivo contraccettivo intrauterino, il nome internazionale è IUD (intra uterine device) sono dispositivi di plastica di varie misure lunghi circa 27-40mm dal peso di pochi grammi, sulla parte in plastica è avvolto un filo che fuoriesce dallorifizio uterino necessario sia per il controllo che per la rimozione. Meccanismi dazione sono molteplici -inibizione dellannidamento -modificazioni della mucosa uterina (anche se lovulo venisse fecondato non troverebbe terreno adatto per lannidamento) -variazione della funzionalità tubarica -riduzione della capacità fecondante degli spermatozooi -modificazione del muco cervicale (IUD medicate al progesterone)

22 La contraccezione gli IUD si distinguono in NON medicati e medicati. I dispositivi medicati possono rilasciare il Rame si avvale di modificazioni biochimiche e morfologiche dellendometrio e del muco cervicale. Progesterone induce la decidualizzazione dellendometrio e latrofia delle ghiandole endometriali inibisce la capacitazione dello spermatozoo e ne ostacola la sopravvivenza e determina unispessimento del muco cervicale. Levonorgestrel rilascia un progestinico per una durata di 5 anni è lultimo sistema di IUD. Tutte le donne possono farsi applicare lo IUD ma è sconsigliato nelle donne che non hanno avuto gravidanze può infatti dare infezioni tubariche e aumentare il rischio di gravidanze extrauterine

23 La contraccezione Le controindicazioni sono di ordine medico: Infiammazioni pelviche,Sospetta gravidanza, Neoplasie, Morbo di Wilson, Cisti ovariche, Malformazioni uterine, Miomatosi uterine, Menometrorragie ripetute,Endometriosi NB prima di inserire lo IUD è necessario una visita ginecologica accurata, Pap-test. I giorni di flusso mestruale sono i migliori per lapplicazione. Come detto in precedenza gli IUD hanno un filo che fuoriesce dal canale cervicale che va cercato per gli auto-controlli mensili. Lefficacia dello IUD ( levonorgestrel) è simile a quella della sterilizzazione, ma con piena reversibilità della fecondità al moment della sua estrazione. La sua efficacia non dipende dalla compliance della paziente e, fatta eccezione di casi di espulsione, la sicurezza contraccettivo risulta sovrapponibile a quella della pillola contraccettiva Lattività della spirale è immediata e dura ininterrottamente da due a cinque anni. Ha un efficacia contraccettiva del 98%

24 La contraccezione METODI NATURALI LOMS definisce Metodi Naturali quei metodi per pianificare o evitare la gravidanza basati sullosservazione dei segni e dei sintomi naturali della fase fertilee infertile del ciclo mestruale: i più conosciuti sono: -metodo del muco cervicale o metodo di Billings -metodo della temperatura basale -metodo sintotermico -metodo del calendario o Ogino-Knaus - coito interrotto

25 La contraccezione Metodo Billings: si basa sul presupposto che le secrezioni cervicali subiscono variazioni apprezzabili dalla donna stessa sotto linflusso degli ormoni sessuali. Infatti la secrezione che nella fase postmestruale è densa,vischiosa,giallastra,nella fase preovulatoria diventa più fluida,filante trasparente,acquosa, (assomiglia al bianco duovo). Questo non può essere generalizzato,infatti anche se gli aspetti descritti del muco cervicale sono presenti nel 70% delle donne non sempre è semplice distinguerle in maniera corretta;la donna deve acquisire consapevolezza ed esperienza per sentirsi asciutta o bagnata e deve percepire bene la diversa sensazione tra viscosità e lubrificazione. Il periodo in cui non si devono avere rapporti per evitare la gravidanza va dal giorno in cui il muco diventa fluido,filante,sino a 4 giorni dopo quando lovulazione è avvenuta. Quando si associa questo metodo con quella della misurazione della temperatura basale si ha il metodo sinto termico.

26 La contraccezione Metodo della temperatura basale: la temperatura basale del corpo,presenta nella donna normale che ha unovulazione con corpo luteo, un particolare andamento bifasico. Durante lemorragia mestruale e nella fase successiva proliferativa la temperatura si mantiene più bassa. Al momento della deiscenza follicolare si ha il punto più basso della curva termica. Verso il 14°-16° giorno, se il ciclo è di 28 giorni, si verifica un aumento di circa 0,5°C. questo si abbassa nuovamente allinizio della mestruazione. Dopo che la temperatura avrà raggiunto i valori più alti e vi è rimasta per circa 72 ore, è giustificato pensare che il concepimento sia poco probabile Probabile nel periodo che va fino allinizio della successiva mestruazione. È fondamentale tener conto che la temperatura si può rialzare per molti motivi es processi infettivi in corso ma anche viaggi cambio di abitudini etc Poiché questo metodo segna solo lovulazione i rapporti dovrebbero essere intrapresi solo nel periodo post-ovulatorio,cioè dopo almeno 3-4 dallipertermia.

27 La contraccezione Metodo Ogino-Knaus o del calendario: è necessaria innanzitutto la registrazione della data di 12 cicli mestruali. Quindi bisogna sottrarre 18 dal numero dei giorni del ciclo più corto ed 11 dal numero del ciclo più lungo del periodo osservato. Si ottengono così due numeri che stanno ad indicare per ogni ciclo,il primo e lultimo giorno del periodo fecondo,del periodo di astinenza. Più il ciclo è regolare più il metodo diventa sicuro e più breve il periodo di astinenza

28 La contraccezione Coito interrotto: il rischio di questo metodo è che degli spermatozooi possono essere presenti in piccole quantità nel liquido preeiaculatorio che compare nel meato uretrale del pene in erezione. Lattuazione di questo metodo non garantisce contro gravidanze indesiderate. Lindice di insuccesso è molto elevato15/17,tra le coppie ben allenate 20/25 tra tutti coloro che lo praticano. A questo metodo si associano tecniche di rapporto sessuale errate e può dare nella donna stati di congestione pelvica dovuta al ripetersi cronico del mancato raggiungimento dellorgasmo e quindi della relativa detumescenza degli organi pelvici. Possono così insorgere sintomi quali dolori pelvici disordini mestruali stati infiammatori ed annessiali.

29 La contraccezione METODI ORMONALI: La contraccezione ormonale rappresenta attualmente il metodo di controllo della fertilità più sicuro, efficace e reversibile. Si tratta della somministrazione di estro-progestinici o del solo progestinico. Generalmente gli steroidi vengono somministrati per via orali ma per ipreparati contenenti solo il progestinico esistono altre vie di somministrazione.

30 La contraccezione Pillola associata: La metodica si basa sulla somministrazione della pillola, costituita dall associazione di un estrogeno con progestinico, è ancora la metodica più sicura di contraccezione. Leffetto contraccettivo è il risultato di più azioni esplicate a vari livelli nellapparato riproduttivo. Lovulazione viene soppressa fin dal primo ciclo di assunzione a livello periferico si verificano modificazioni molto evidenti della mucosa endometriale e del muco cervicale. Durante lassunzione della pillola si hanno metrorragie cicliche ( pseudo ciclo mestrale )dovute ad una caduta del picco estrogenico. Azione contraccettiva: blocco ovulatorio variazione della motilità tubarica modificazione endometriale: ostacolo allannidamento dell embrione modificazione del muco cervicale NB: lazione fondamentale di tutti questi prodotti si realizza,con limpiego di dosaggi correlati alla loro potenza specifica, attravero un blocco dellovulazione determinato a livello ipotalamico,con linibizione della produzione dei fattori di rilascio per le gonodotropine,per cui nellovaio non avviene né la maturazione né tantomeno,lo scoppio del follicolo.

31 La contraccezione Raccomandazioni per la prescrizione dei contraccettivi per via orale: prima di prescrivere un contraccettivo orale si dovrebbe sempre tener conto che gli inibitori dellovulazione non sono gli unici metodi contraccettivi disponibili linformazione sui metodi contraccettivi deve essere comunque condotta in modo individuale. Prima dellinizio della terapia: esclusione delle controindicazioni con una anamnesi precisa e con una visita medica controllo palpatorio degli organi pelvici esame con lo speculum della portio e pap-test palpazione delle mammelle misurazione pressione arteriosa esami ematochimici con attenzione alla funzionalità epatica alla coagulazione

32 La contraccezione Durante la terapia:è consigliabile eseguire controlli ginecologici una volta allanno NB particolare attenzione è richiesta in caso di: tromboflebite nella anamnesi varicosi accentuata Epilessia ipertensione con cardiopatia Diabete Fumo Tetania Motivi che inducono a sospendere la terapia: comparsa di cefalee disturbi visivi acuti manifestazioni epilettiformi sintomatologia trombo-embolica comparsa di ittero forme di incremento della pressione arteriosa incremento di miomi immobilizzazione prolungata(ad es dopo interventi chirurgici o infortuni)

33 La contraccezione Inoltre è bene tener presente che i requisiti fondamentali e richiesti sono: 1)che sia ben tollerata 2)che permetta alla sua dimissione un flusso ematico simil-mestruale regolare 3)che non dia perdite ematiche durante la somministrazione.

34 La contraccezione VIE DI SOMMINISRAZIONE NON ORALI DI ESTROPROGESTINICI. CEROTTO TRANSDERMICO Il cerotto transdermico è stato inizialmente progettato nel contesto della terapia ormonale sostitutiva della donna in menopausa. Attualmente lassunzione transdermica di steroidi è stata proposta anche in campo contraccettivo. La dismissione transdermica prevede infatti lapplicazione di un cerotto a settimana per tre settimane. Questa via di assunzione consente di saltare il primo ciclo gastroenterico e di evitare oscillazioni giornaliere dei livelli di steroidi circolanti le cui concentrazioni risultano costanti. Lefficacia del contraccettivo riportata è molto elevata pari all83%. Bassa è lincidenza di spotting e di intermestrual bleeding, un effetto questo da ricondursi allassenza di fluttuazioni dei livelli ormonali circolanti.

35 La contraccezione ANELLO VAGINALE Una via alternativa di somministrazione degli steroidi a scopo contraccettivo è quella vaginale. Attualmente disponibile un anello vaginale in plastica che dismette giornalmente etonogestrel e etinilestradiolo. Lassociazione con questo tipo di progestinico permette un buon controllo della fertilità con un indice di Pearl pari al I vantaggi dellanello vaginale rispetto ai contraccettivi orali sono molteplici e per la maggior parte conseguenti alle modalità di assorbimento. Il fatto che gli steroidi vengano assorbiti direttamente dalla mucosa vaginale esclude eventuali oscillazioni sieriche degli stessi secondarie a problematiche gastrointestinali; pertanto episodi occasionali di vomito e diarrea non influenzeranno lefficacia contraccettivo del preparato e donne con malattie infiammatorie croniche potranno giovare di unarma contraccettiva in più. La sostituzione trisettimanale dellanello, peraltro molto pratico da inserire in quanto molto flessibile, migliora la compliance e luso e le dimenticanze nellassunzione rispetto alla pillola. Lincidenza di vaginiti è risultata sovrapponibile a quella di donne non utilizzatrici. Gli eventi avversi di questo contraccettivo ormonale quale la sensazione di corpo estraneo, linterferenza con il coito, lespulsione dellanello sono stati riportati nel 4,4% dei casi.

36 La contraccezione DISPOSITIVI SOTTOCUTE In Italia è disponibile un dispositivo sottocutaneo che rilascia basse quantità di etonorgestrel. Si addice a quelle donne che richiedono una protezione contraccettivo prolungata dal momento che il dispositivo ha durata triennale. La presenza del solo progestinico lo rende adatto per quelle donne nelle quali è controindicato luso di estrogeni sintetici. Lefficacia contraccettivo che dipende dalla completa inibizione dellovulazione e dalle modificazione fisico-chimiche del muco cervicale, è elevatissima essendo lindice di Pearl prossimo allo zero. Questo tipo di contraccettivo può determinare amenorrea, pertanto la donna deve essere adeguatamente informata in modo da ottenere la massima compliance. Lassorbimento transderminco evita il primo passaggio epatico determinando minor impatto sul fegato. Linserimento del dispositivo, sebbene richieda lintervento del medico, risulta semplice e rapido.

37 La contraccezione VANTAGGI non CONTRACCETTIVI DELLA CONTRACCEZIONE ORMONALE I contraccettivi ormonali offrono una serie di vantaggi per la donna indipendenti dalla contraccezione. Riducono lincidenza di tumori ginecologici, in particolare dellovaio e dellendometrio con una protezione che cresce proporzionalmentte con la durata della terapia. Esercitano un effetto protettivo sul tumore del colon retto e sulle patologie benigne della mammella. Migliorano le irregolarità mestruali e lacne. Hanno un effetto importante sul metabolismo del calcio, soprattutto nelle donne amenorroiche, nonché nelle donne in età perimenopausale La somministrazione prolungata previene infine la formazione di cisti ovariche funzionali.

38 La contraccezione Contraccezione maschile: Si realizza bloccando la produzione degli spermatozooi,inibendo la loro capacità fertilizzante degli o bloccando chirurgicamente il passaggio degli spermatozooi attraverso il deferente. STERILIZZAZIONE CHIRURGICA: È irreversibile Non è legale in molti paesi Le metodiche si possono applicare sia nelluomo che nella donna

39 Legge 194 Legge 22 maggio 1978 n°194 norme per la tutela sociale della maternità e sullinterruzione volontaria della gravidanza

40 Legge 194 Art 1:lo stato tutela la vita umana fin dal suo inizio e riconosce il valore sociale della maternità. Livg non è il mezzo per controllare le nascite. Lo stato promuove iniziative per evitare che livg sia usata come mezzo per controllare le nascite.

41 Legge 194 Art 2: i consultori familiari informano la donna sui servizi di cui può usufruire; su i diritti sul lavoro,cercando di ridurre le cause che spingono la donna a ricorrere allivg. Art 3: finanziamenti notevoli per lo sviluppo dei consultori familiari

42 Legge 194 Art 4: per livg entro i 90 giorni: consentita quando esistono circostanze che comportino un serio pericolo per la salute fisica o psicofisica della donna(stato di salute della donna,condizioni economiche,sociali o familiari,circostanze in cui è avvenuto il concepimento previsioni di anomalie del prodotto del concepimento). La donna si rivolge ad un medico di fiducia oppure ad un consultorio o ad una struttura socio-sanitaria abilitata dalla Regione

43 Legge 194 Art 5: il consultorio deve: Fare accertamenti medici necessari,esaminare la donna e con il padre del concepito(ove la donna lo consenta)le possibili soluzioni ai problemi che la inducano allivg;informandola su i suoi diritti sul lavoro e in quanto madre offrire aiuti per la gravidanza e la maternità

44 Legge 194 Art 5: il medico di fiducia deve: Fare gli accertamenti necessari,esaminare con la donna e con il padre (ove la donna lo consenta) le possibili soluzioni ai problemi che la inducono allivg, informandola su i suoi diritti……..

45 Legge 194 Art 5: se il medico di fiducia o del consultorio o della struttura socio-sanitaria valuta urgente livg rilascia alla donna un certificato con cui essa può recarsi ad una delle sedi autorizzate e sottoporsi allivg. Se non è riscontrata urgenza il medico rilascia copia di un certificato che attesta lo stato di gravidanza e lavvenuta richiesta di ivg. Dopo 7 gg la donna può recarsi in una delle sedi autorizzate e sottoporsi a ivg.

46 Legge 194 Art 6: l ivg dopo i 90 gg Può essere praticata quando la gravidanza o il parto comportino un grave pericolo di vita per la donna,quando siano accertati processi patologici(es anomalie fetali) che determinano un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna.

47 Legge 194 Art 7:i processi patologici di cui allart 6 vengono accertati da un medico della sede in cui verrà praticata livg. Il medico deve fornire la documentazione sul caso al Dir.Sanitario. Se livg è necessaria per imminente pericolo di vita per la donna può essere praticata anche senza le procedure precedenti e fuori dalle di cui allart 8. In tal caso il medico provinciale deve essere informato. Se sussiste la possibilità di vita autonoma per il feto livg può essere praticata solo nel caso di grave pericolo di vita della donna.

48 Legge 194 Art 9 obiezione di coscienza. Il personale sanitario ed esercente le attività ausiliarie non è tenuto a prendere parte alle procedure di cui allart 5 e 7 ed agli interventi per livg quando sollevo obiezione di coscienza, con preventiva dichiarazione. NB lobiezione di coscienza non può essere invocata dal personale sanitario,quando data la particolarità delle circostanze,il loro personale intervento è indispensabile per salvare la vita della donna in imminente pericolo.

49 Legge 194 Art 10: Sono a carico della regione tutte le spese per eventuali accertamenti,cure e degenze necessarie per il compimento della gravidanza nonché per il parto,riguardanti anche le donne che non hanno diritto allassistenza mutualistica.

50 Legge 194 Art 12: la richiesta di interruzione della gravidanza secondo le procedure della presente è fatta dalla donna. Se la donna è di età inferiore ai 18 anni, per livg è richiesto lassenso di chi esercita la potestà o la tutela

51 Legge 194 Art 13: se la donna è interdetta per infermità di mente,la richiesta di cui agli art 4 e 6 può essere presentata, oltre che da lei personalmente,anche dal tutore o dal marito non tutore, che non sia legalmente separato. Il medico trasmette al giudice tutelare la richiesta.

52 I consultori familiari Istituzione: Legge 405/75 Consultorio: struttura territoriale di prevenzione e cure primarie che opera in modo interdisciplinare nel campo della salute sessuale e riproduttiva……

53 Legge 405/75 Lanalisi delle legge 405 deve prendere in considerazione molti aspetti che possono essere identificati in 3 tematiche: 1) Contesto politico e socio-culturale 2) Aspetto tecnico-organizzativo e utilizzo congruo delle risorse previste e disponibili 3) Volontà e capacità degli operatori e lappoggio delle rispettive organizzazioni nellattuare gli obiettivi previsti per legge

54 Legge 405/75 Art 1: Il servizio di assistenza alla famiglia e alla maternità ha come scopi: a) lassistenza psicologica e sociale per la preparazione alla maternità ed alla paternità responsabile e per i problemi della coppia e della famiglia,anche in ordine alla problematica minorile; b) La somministrazione dei mezzi necessari per conseguire le finalità liberamente scelte dalla coppia e dal singolo in ordine alla procreazione responsabile nel rispetto delle convinzioni etiche e dellintegrità fisica degli utenti c) La tutela della salute della donna e del prodotto del concepimento d) La divulgazione delle informazioni idonee a promuovere ovvero a prevenire la gravidanza consigliando i metodi ed i farmaci adatti a ciascun caso

55 Legge 405/75 Attività strutturata in 6 settori chiave: 1) Educazione sessuale e spazio giovani 2) Prevenzione della gravidanza indesiderata/prevenzione malattie sessualmente trasmesse 3) Percorso nascita 4) Relazione di coppia,di famiglia e disagio familiare 5) Prevenzione oncologica 6) menopausa

56 Legge 405/75 A queste sei grandi aree di lavoro sulla prevenzione dovrebbero essere affiancate le attività di diagnosi e cura (ginecologia e ostetricia di base,consulenza psicologica e psicoterapia ecc)

57 Legge 405/75 Peculiarità dei consultori: Servizio gratuito Distribuzione omogenea sul territorio al fine di garantire i LEA

58 Legge 405/75 Servizi offerti: Contraccezione e follow-up Procedure burocratiche per IVG Assistenza a pz con mutilazioni genitali Assistenza alla donna che ha subito violenza Servizi per la riabilitazione del pavimento pelvico Assistenza alla coppia con problemi di sterilità Ginecologia medica e preventiva Individuazione del rischio MTS Prevenzione oncologica Counselling in menopausa Uroginecologia Endocrinologia Supporto alla gravidanza ed allattamento al seno

59 Legge 405/75 Figure professionali che operano nel CI: Ginecologico territoriale Ruolo epidemiologico in ginecologia,contraccezione,gravidanza Continua relazione con medicina dellevidenza. Stretta collaborazione con ostetrica e infermiere,partecipazione a studi randomizzati, formulazione di linee guida territoriali da condividere con le strutture ospedaliere. Informazione e promozione della salute. Diagnosi strumentale di I°livello

60 Legge 405/75 Linfermiere e ostetrica nel consultorio… Attività regolamentata dai relativi …Profili Professionali DM739 DM740


Scaricare ppt "INFERMIERISTICA OSTETRICA Docente FEDERICA PANCETTI 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google