La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRINCIPI, MATERIALI E TECNICHE per dialisi peritoneale a cura di Maria Corino e GM Iadarola.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRINCIPI, MATERIALI E TECNICHE per dialisi peritoneale a cura di Maria Corino e GM Iadarola."— Transcript della presentazione:

1 PRINCIPI, MATERIALI E TECNICHE per dialisi peritoneale a cura di Maria Corino e GM Iadarola

2 Le sostanze potenzialmente tossiche che si accumulano nellorganismo del paziente uremico sono varie decine. Ad esse vengono attribuiti in diversa misura i segni e i sintomi caratteristici dello stato uremico conclamato Premessa 1

3 Il trattamento dialitico ha lo scopo di allontanare dallorganismo tutte o almeno una gran parte delle tossine uremiche, in modo sufficiente a far scomparire le manifestazioni cliniche che possono interessare vari organi e gli apparati. Premessa 2

4 Peritoneo parietale (ME x 100) Atlas of Peritoneal Hystology, N. Di Paolo, G. Sacchi et al. Perit Dial Int Vol. 20, Suppl. 3, 2000 Il Peritoneo

5 La Dialisi Peritoneale La dialisi peritoneale è una metodica di trattamento dialitico alternativa allemodialisi che si basa sullutilizzo della membrana peritoneale come filtro depurativo E un tipo di trattamento adatto ad essere eseguito a domicilio

6 Tipi di trattamento La Dialisi Peritoneale CAPD: Dialisi Peritoneale Ambulatoriale Continua APD: Dialisi Peritoneale Automatizzata –CCPD: Dialisi Peritoneale Ciclica Continua –NIPD: Dialisi Peritoneale Notturna Intermittente –COPD: Dialisi Peritoneale Continua Ottimizzata –IPD: Dialisi Peritoneale Intermittente

7 Cavità peritoneale La Dialisi Peritoneale

8 La membrana peritoneale è costituita da: un monostrato di cellule piatte su una membrana basale uno strato di tessuto connettivale di variabile spessore e struttura che comprende allinterno di una matrice connettivale cellule vasi sanguigni vasi linfatici fibre nervose La membrana peritoneale La Dialisi Peritoneale

9 Un filmato sulle Dialisi Peritoneale Schematicamente…

10 Una membrana semipermeabile La membrana peritoneale CapillariCavità peritoneale Tempo 0

11 Una membrana semipermeabile La membrana peritoneale CapillariCavità peritoneale Al termine periodo di permanenza

12 Diffusione e Osmosi La membrana peritoneale Diffusione: scambio di soluti attraverso una membrana semipermeabile per raggiungere lequilibrio di concentrazione dei soluti Osmosi: passaggio di fluido da un lato allaltro di una membrana semipermeabile per permettere il raggiungimento dellequilibrio di concentrazione dei soluti

13 H: alti trasportatori HA: medio-alti trasportatori LA: medio-bassi trasportatori L: bassi trasportatori Tipi di trasporto peritoneale

14 La teoria dei tre pori Secondo la teoria dei tre pori: attraverso i pori di piccole dimensioni sarebbe prevalente il passaggio puro di acqua attraverso i pori di medie dimensioni (40-50Å) avvengono principalmente i meccanismi diffusivi attraverso quelli di grosse dimensioni avverrebbe il passaggio convettivo

15 La teoria dei tre pori

16 Tipo I raggio 4-5 Å: canali intracellulari ad alta numerosità che permettono il passaggio dellacqua mediante acquaporine Tipo II raggio Å: situati negli spazi intercellulari capillari, meno numerosi, permettono il passaggio di H 2 O e soluti Tipo III raggio Å: situati negli spazi intercellulari venulari, meno numerosi, permettono il passaggio di macromolecole tra cui lalbumina La teoria dei tre pori

17 Capillare peritoneale Atlas of Peritoneal Hystology, N. Di Paolo, G. Sacchi et al. Perit Dial Int Vol. 20, Suppl. 3, 2000 Capillare peritoneale

18 I materiali per la dialisi peritoneale

19 Materiali per dialisi peritoneale Catetere peritoneale Set di connessione Sistemi doppia sacca per CAPD Sistemi di sacche e linee per APD Cycler per scambi automatizzati APD

20 Il catetere peritoneale Il catere peritoneale è il dispositivo meccanico permanente per mezzo del quale è possibile accedere alla cavità peritoneale ed eseguire gli scambi dialitici peritoneali.

21 Il set di connessione

22 Il sistema di sacche FIGURA doppia sacca

23 Dialisi peritoneale Poco materiale Manovre semplici Pochi rischi SICUREZZA

24 Caratteristiche CAPD (sistema di sacche) Sistema a doppia sacca Sistema a Y sulla linea sacche Tappino monouso

25 Cosa è la CAPD? (Dialisi Peritoneale Ambulatoriale Continua) Metodica dialitica peritoneale continua Sostituzione intermittente del dialisato in periodici momenti della giornata Metodica manuale quindi senza necessità di monitor automatizzati

26 MANUALE MANUALE DIALISI PERITONEALE

27 Materiale occorrente Mascherina Sacca Tappino 2 pinze Telino Sapone liquido Disinfettante per mani

28 Lavare le mani

29 Indossare la mascherina

30 Pulire la postazione dialisi

31 Preparare il materiale

32 Aprire la sacca

33 Lavare le mani

34 Togliere il tappino

35 Togliere la protezione dalla linea

36 Effettuare la connessione

37 Aprire il set

38 Scaricare

39 Chiudere il set

40 Spezzare il cono a frattura

41 Aprire la linea di scarico per il lavaggio

42 Aprire il set e caricare

43 Chiudere il set

44 Chiudere la linea di carico

45 Aprire il tappino nuovo

46 Sconnettere

47 Prendere il tappino

48 Chiudere il set

49 I materiali per la dialisi peritoneale Come sono composte le soluzioni?

50 I vari tipi di soluzione Materiali per dialisi peritoneale Classiche Glucosio - tampone lattato –Glucosio 1.36% e 1.5% –Glucosio 2.27% e 2.3% e 2.5% –Glucosio 3.86% e 4.25% e 4.0% Alternative Icodestrine 7.5% Aminoacidi 1% Glucosio - tampone bicarbonato –Misto (25-15 mmol/l) –Puro (38mmol/l)

51 DIALISI PERITONEALE AUTOMATIZZATA

52 Metodica dialitica peritoneale continua o intermittente Seduta dialitica peritoneale prevalentemente notturna con possibile riempimento diurno Metodica automatizzata con lausilio di monitor (le sostituzioni del liquido sono gestite dalla macchina) Cosa è la APD? (Dialisi Peritoneale Automatizzata)

53 Materiale occorrente Mascherina Sacche Linee Tappino Telino Sapone liquido Disinfettante per mani

54 Rimuovere linvolucro e controllare integrità, concentrazione e scadenza della sacca

55 Posizionare la sacca sul riscaldatore

56 Posizionare le sacche necessarie per il trattamento

57 Aprire la confezione delle linee

58 Accendere la macchina e premere START, sul display compare la scritta MONTARE IL SET

59 Lavare le mani

60 Inserire la cassetta del set

61 Posizionare lorganizer sullapposito supporto

62 Posizionare il peduncolo della sacca per effettuare la connessione

63 Rimuovere la linea dallorganizzatore

64 Connettere le sacche

65 Rompere i coni a frattura

66 Procedere con il riempimento delle linee

67 Togliere il tappino di protezione e collegare la linea

68 Aprire la linea

69 Procedere con lo scarico iniziale

70 Effettuare il trattamento

71 Al termine della seduta compare la scritta FINE TRATTAMENTO

72 Chiudere il set paziente

73 Aprire il tappino

74 Disinfettarsi le mani

75 Sconnettersi

76 Controllare il volume totale dell ultrafiltrato che compare sul display

77 Sconnettere le linee dal set paziente

78 Conclusioni La dialisi peritoneale è una metodica dialitica che si integra con successo allemodialisi e al trapianto nel trattamento sostitutivo della funzione renale Il trattamento dialitico peritoneale si basa sullutilizzo ai fini dialitici di una membrana semipermeabile vivente che non e valutabile a priori. Richiede pertanto una notevole adattabilità alle diverse situazioni in termini di personalizzazione del trattamento giovandosi dei diversi tipi di soluzione a disposizione.

79 Conclusioni La dialisi peritoneale si presta in modo particolarmente adeguato per i trattamenti domiciliari Si basa sullutilizzo di due tipi principali di trattamento: la CAPD (manuale) e lAPD (automatizzata) Per una buona riuscita del trattamento è fondamentale il rispetto della corretta esecuzione delle procedure tecniche descritte precedentemente.


Scaricare ppt "PRINCIPI, MATERIALI E TECNICHE per dialisi peritoneale a cura di Maria Corino e GM Iadarola."

Presentazioni simili


Annunci Google