La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Eccentricità e 1 a legge I pianeti descrivono orbite leggermente ellittiche: il sole occupa un fuoco. Ellisse: luogo geometrico in cui la somma delle.

Copie: 1
Per il 75% idrogeno Per il 20% elio Per il 5% altri elementi (Stella di II generazione)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Eccentricità e 1 a legge I pianeti descrivono orbite leggermente ellittiche: il sole occupa un fuoco. Ellisse: luogo geometrico in cui la somma delle."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Eccentricità e 1 a legge I pianeti descrivono orbite leggermente ellittiche: il sole occupa un fuoco. Ellisse: luogo geometrico in cui la somma delle distanze da un punto della figura dai due fuochi è costante. AB linea degli apsidi A periapside (perielio) B apoapside (afelio) Newton dimostrò che la traiettoria seguita da un corpo in movimento ma vincolato ad un altro (fermo) da una forza che varia con il quadrato della distanza è una conica (lellisse è una conica, la circonferenza è unellisse con e=0)

4 Leleborazione matematica dei dati portò Keplero ad esprimere lo strano comportamento dei pianeti come: 2 a legge Il raggio vettore descrive aree uguali in tempi uguali. dS/dt=K Le osservazioni e i dati raccolti da Keplero mettevano in evidenza il fatto che la velocità di rivoluzione varia inversamente alla distanza (r) dal sole. Newton spiegò il fenomeno considerando la conservazione del momento angolare (allepoca luniverso era ritenuto statico, immutabile): L=mvr se la massa m è costante, una variazione del raggio r comporta una variazione inversa della velocità v.

5 3 a legge Il rapporto tra il quadrato del tempo di rivoluzione e il cubo del raggio (distanza media dal sole) è costante. T 2 /r 3 =K Newton spiegò il fenomeno considerando luguaglianza tra la forza di gravità, centripeta, e quella centrifuga dovuta allaccelerazione periferica causata da un moto circolare. =m 1 v 2 /r Il confronto tra distanze (r) e tempi di rivoluzione (T) dei vari pianeti portò a enunciare la

6

7 La Via lattea Radiazione con λ=21,1 cm Spin paralleli energia più alta Spin antiparalleli energia più bassa λ=21,1 cm microonda E chiaro che più quantità di H cè in una determinata zona dello spazio, tante più microonde verrano prodotte da quella zona. Captando tale segnale elettromagnetico, dalla sua intensità è possibile risalire, quindi, alla distribuzione di H in tutto lo spazio galattico forma della via Lattea spirale barrata. 1 atomo di H ogni 10 7 anni Lidrogeno neutro è presente in maggior percentuale nelluniverso. Esso è costituito da un nucleo contenente protone (eventualmente accompagnato ad un neutrone) ed un elettrone. p ed e - possono avere spin paralleli o antiparalleli

8

9 Per il 75% idrogeno Per il 20% elio Per il 5% altri elementi (Stella di II generazione)

10

11 Il nòcciolo (nucleo), con 15 milioni di °K e 500 miliardi di atm, è allo stato di plasma. È sede di reazioni protone-protone e, in minor percentuale di quella ciclo C, N, O. Entrambe producono He. Neutrino Positrone

12 La zona radiattiva è invasa dalle radiazioni gamma prodotte dal nòcciolo. I fotoni gamma collidono caoticamente contro nuclei ed elettroni di questa zona, rimbalzando da una particella allaltra. Ad ogni urto cedono parte della loro energia, sottoforma di energia cinetica, uscendone con lunghezza donda aumentata (effetto Compton). I fotoni uscenti continueranno a collidere colliderà fino ad esaurimento totale dellenergia. In questo modo la zona si mantiene ad unaltissima temperatura.

13 La zona convettiva non riceve raggi gamma (si esauriscono nella radiattiva). Essa, comunque, riceve energia termica (calore) per contatto diretto con la zona radiattiva. Questa zona, essendo fatta da gas (in parte neutri, in parte ionizzati) a media densità, è sede di moti convettivi con velocità notevole (le masse calde salgono verso la superficie, si raffreddano e ridiscendono per poi riscaldarsi e risalire generando celle convettive). In tal modo il calore viene trasportato fino alla fotosfera.

14 Le turbolenze, da una parte disturbano il trasporto di calore in superficie ( che in quella zona si abbassa di circa 1000° k ), dallaltra generano tempeste magnetiche i cui effetti possono giungere fino ai pianeti. Risultato di questo fenomeno sono le macchie solari, area della fotosfera un po meno luminose e sedi di intensi fenomeni magnetici. [ N.B. i fenomeni magnetici sono legati al fatto che una percentuale di particelle sono ioni] I moti convettivi del gas, in aggiunta agli effetti legati alla rotazione del sole stesso (effetto Coriolis), possono creare, in alcune aree, delle turbolenze (simili a cicloni o uragani).

15 Esterna alla zona convettiva cè la fotosfera, indicata come superficie solare visibile. Non è liscia, ma presenta granuli: sono analoghe alle bolle dellacqua in ebollizione, testimoniano, quindi, i moti convettivi. La temperatura media è circa °K (per le leggi del corpo nero, la lunghezza donda di massima intensità è quela su tonalità del giallo). In essa sono visibile le macchie solari Al di sopra della fotosfera si trovano: la cromosfera e la corona solare. Nella cromosfera sono presenti anche protuberanze, getti di gas a temperatura elevata che possono raggiungere mezzo milione di km di altezza. Dalla corona solare, si staccano particelle (ioni) a bassissima densità che costituiscono il vento solare (raggiunge i confini del sistema solare)

16 Universo vicino Magnitudine apparente Magnitudine assoluta (Ipparco e Pogson) Analisi spettrale Classificazione di Harvard Diagramma H-R Misura della distanza Metodo della parallasse (parsec) Nascita, evoluzione e morte delle stella Reazione protone-protone Universo Lontano H. Leavitt Metodo Variabili cefeidi Hubble Misura della distanza di Andromeda Classificazione delle galassie Spettri delle galassie e redshift (legge di Hubble) Teoria dellUniverso in espansione Big Bang Big Bang e relative prove Modello standard o canonico Il sistema solare Il sole: struttura e fenomeni relativi Il sistema: organizzazione, struttura e regolarità Leggi di Keplero Sist. Rif. astronomici Sist. Rif. Locale Sist. Di Rif. Equatoriale


Scaricare ppt "Eccentricità e 1 a legge I pianeti descrivono orbite leggermente ellittiche: il sole occupa un fuoco. Ellisse: luogo geometrico in cui la somma delle."

Presentazioni simili


Annunci Google