La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Politiche della promozione del benessere e della prevenzione Laura Ferrari Facoltà di Scienze Cognitive Corso di Laurea in Educatore professionale sanitario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Politiche della promozione del benessere e della prevenzione Laura Ferrari Facoltà di Scienze Cognitive Corso di Laurea in Educatore professionale sanitario."— Transcript della presentazione:

1 Politiche della promozione del benessere e della prevenzione Laura Ferrari Facoltà di Scienze Cognitive Corso di Laurea in Educatore professionale sanitario A.A

2 La salute è… …

3 La salute E uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non consiste soltanto nellassenza di malattia o infermità. E uno dei diritti fondamentali di ogni essere umano, qualunque ne siano la razza, la religione, le opinioni politiche e le condizioni economiche-sociali. (OMS 1948)

4 La salute Art. 32 della Costituzione (1948) La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della comunità Legge n.833/78 La tutela della salute è garantita attraverso il Servizio Sanitario Nazionale

5 Evoluzione del concetto di salute (1/2) Accanto alla tutela della salute … Diritto a non ammalare La promozione della salute… Dovere di non ammalare Quindi il diritto alla salute interpreta la tutela come protezione e promozione insieme

6 Evoluzione del concetto di salute (2/2) Modello paternalistico: le persone non sono competenti e vengono tutelate dal servizio sanitario. Modello dellempowerment: le persone sono competenti e il sistema promuove e valorizza le competenze perché le persone possano effettuare scelte consapevoli e autonome.

7 LA SALUTE Vive e cresce nelle piccole cose di tutti i giorni, a scuola, sul lavoro, in famiglia, nel gioco e nellamore. La salute si crea avendo cura di sè stessi e degli altri, sapendo controllare e decidere dei propri comportamenti, facendo in modo che la società in cui si vive favorisca la conquista della salute per tutti. La Carta di Ottawa (1986)

8 La promozione della salute La promozione della salute è il processo che consente alle persone di acquisire un maggior controllo della propria salute e di migliorarla La salute è una risorsa (che permette alle persone di condurre una vita produttiva sotto il profilo personale, sociale ed economico), non lobiettivo del vivere. (Carta di Ottawa, 1986)

9 Promozione della salute: azioni strategiche 1. Creare politiche pubbliche che promuovano la salute della popolazione 2. Creare ambienti favorevoli 3. Rafforzare lazione di comunità 4. Sviluppare abilità personali 5. Riorientare i servizi sanitari verso la prevenzione (Carta di Ottawa, 1986)

10 1) Costruire una politica per la salute Orientare verso la promozione della salute le politiche sociali, agricole, del trasporto, del turismo, della pianificazione urbana ecc. Esempi: Ridurre i costi di frutta e verdura Sviluppare una rete di piste ciclabili Incentivare luso di mezzi e dispositivi ecologici (auto elettriche, pannelli solari,…) …

11 2) Creare ambienti favorevoli Costruire ambienti che supportino la promozione della salute, per esempio la scuola, il contesto lavorativo ecc. Esempi: Distribuire frutta e verdura nelle scuole Creare palestre nei luoghi di lavoro Incentivare mense aziendali perchè promuovano una sana alimentazione …

12 3) Rafforzare lazione di comunità Rafforzare i processi di partecipazione dei cittadini nella formulazione, implementazione e valutazione di politiche che direttamente ed indirettamente influiscono sulle opportunità di promozione della salute in una determinata popolazione. Esempi: Raccogliere esigenze ed aspettative dalla popolazione (politiche inclusive) …

13 4) Sviluppare abilità personali Sviluppare abilità personali per meglio affrontare decisioni inerenti la salute individuale e della popolazione nel suo insieme. Esempi: Far conoscere i problemi, le loro cause e le strategie per farvi fronte (educazione alla salute) …

14 5) Riorientare i servizi sanitari Riorientare i servizi sanitari verso la promozione della salute e non solo sulla cura e riabilitazione. Esempi: Fare in modo che la promozione della salute entri negli ospedali ed in tutti i servizi e le strutture sanitarie …

15 Definizioni

16 Sono i fattori personali, socioeconomici e ambientali che determinano lo stato di salute delle singole persone o delle popolazioni: il reddito e la posizione sociale, l'istruzione, l'occupazione e le condizioni di lavoro, l'accesso a servizi sanitari adeguati e gli ambienti fisici, che, se associati, creano condizioni di vita diverse che si ripercuotono sulla salute. (Glossario HPH - OMS) I determinanti della salute

17 Dahlgren G and Whitehead M (1991)

18 Gli stili di vita Sono modelli di comportamento identificabili, frutto dell'azione reciproca delle caratteristiche proprie di un individuo, delle interazioni sociali con le condizioni di vita di carattere socio-economico e ambientale. Gli stili di vita individuali possono avere profonde ripercussioni sia sulla salute di una persona che su quella degli altri. (Glossario HPH - OMS)

19 Contributo in % dei determinanti della salute alla longevità Questionario studenti A.A Servizi sanitari Ambiente Condizioni socio- economiche Fattori genetici

20 Contributo in % dei determinanti della salute alla longevità Salute 20% 40-45% 20-25% 10-15% da Domenighetti, modificata

21 Contributo in % dei determinanti della salute alla longevità RicercaPopolazione Servizi sanitari Ambiente Condizioni socio- economiche Fattori genetici da Domenighetti, modificata

22 Le capacità di vita Le capacità di vita consistono nellabilità di adottare un comportamento positivo e flessibile che consente alle singole persone di far fronte con efficacia alle esigenze ed alla sfide che si presentano nella vita di tutti i giorni. (Glossario HPH, OMS)

23 Capacità di vita (OMS) Capacità di vita

24 Leducazione alla salute Leducazione alla salute si occupa da un lato di trasmettere informazioni in merito ai fattori sociali, economici ed ambientali che possono incidere sulla salute, incluso il ricorso ai servizi sanitari, dallaltro simpegna a sviluppare e a rafforzare le capacità di vita. Leducazione alla salute rappresenta uno dei principali approcci dintervento della promozione della salute. (Glossario HPH, OMS)

25 La prevenzione La prevenzione delle malattie comprende le misure per prevenire linsorgenza della malattia come, ad esempio, la riduzione dei fattori di rischio ed i metodi per fermarne levoluzione riducendo le conseguenze una volta insorta la malattia (Glossario HPH, OMS)

26 La prevenzione A seconda degli obiettivi che si pone e a quale stadio della malattia può intervenire, si distinguono tre tipi di prevenzione: 1) la prevenzione PRIMARIA 2) la prevenzione SECONDARIA 3) la prevenzione TERZIARIA

27 Le fasi della malattia Stadio della suscettibilità Lindividuo non ha ancora sviluppato la malattia, ma è esposto a fattori che ne favoriscono linsorgenza. Stadio subclinico La malattia non si è manifestata clinicamente, ma si sono già verificati cambiamenti patogenetici. Stadio clinico La malattia si evidenzia clinicamente Stadio della disabilità La malattia ha provocato danni residui con conseguente disabilità del paziente.

28 Prevenzione primaria Insieme delle attività che si prefiggono di evitare linsorgenza della malattia quando è ancora assente. Agisce sulle cause della malattia a livello individuale, collettivo ed ambientale. Ha il suo campo di azione sul soggetto sano o, comunque, non malato. (Esempi: vaccini, dieta, attività fisica,…)

29 Obiettivi prevenzione primaria 1) Potenziamento dei fattori utili alla salute: potenziamento poteri di difesa immunitaria (vaccini) promozione di una corretta alimentazione promozione attività fisica 2) Allontanamento e/o correzione dei fattori causali e/o di rischio delle malattie: riduzione inquinamento atmosferico abolizione fumo di sigaretta

30 Prevenzione secondaria Insieme di interventi destinati a diminuire la frequenza delle malattie in una popolazione riducendone la durata o bloccandone levoluzione. Es.: screening e diagnosi precoce

31 Prevenzione secondaria Ha per oggetto individui clinicamente sani, ma con danno biologico in atto. Ha come obiettivo la guarigione dei casi di malattia prima che si manifestino clinicamente. Lo strumento di cui si avvale è la diagnosi precoce. Determina solitamente una riduzione della mortalità (non dellincidenza).

32 Prevenzione secondaria se: La storia naturale della malattia è conosciuta in modo tale da poterne prevedere levoluzione. La fase asintomatica è sufficientemente lunga da poter scoprire il caso. E disponibile un test in grado di differenziare le persone apparentemente sane da quelle effettivamente sane. Sono disponibili terapie efficaci in grado di guarire la malattia o ritardarne lesito.

33 Prevenzione terziaria Insieme di interventi mirati a ridurre la frequenza delle complicanze e delle invalidità funzionali conseguenti a malattie già manifeste. Es.: riabilitazione

34 Si prefigge di impedire linvalidità nelle persone già ammalate. Entra in campo nel periodo post-clinico e si identifica, in larga misura, con la riabilitazione o rieducazione e/o con la prevenzione di ricadute e recidive. Prevenzione terziaria

35 Bersagli ed obiettivi dei tre tipi di prevenzione LIVELLO DI PREVENZIONE BERSAGLIOOBIETTIVO PREVENZIONE PRIMARIA PREVENZIONE SECONDARIA PREVENZIONE TERZIARIA

36 Malattie croniche

37 The burden of chronic disease and the need for evidence - David McQueen Chronic diseases in the 21st century: from individual choices to community policies. Rome October 2007 Malattie croniche 59,8% Traumi 9,1% Malattie infettive, Problemi di salute materno-infantili, Malnutrizione 31,1% Cause di morte Pianeta Terra - terzo millennio Contesto epidemiologico: malattie croniche e fattori di rischio comportamentali

38 Organizzazione mondiale della sanit à : rapporto sulla prevenzione delle malattie croniche Si stima che nel di persone siano morte a causa delle malattie croniche Il 60% di tutti i decessi è dovuto alle malattie croniche

39 Principali cause di morte nel mondo nel 2005

40 Il peso delle malattie croniche

41 Lepidemia di malattie croniche sta rapidamente aumentando Questo fatto non è stato ancora riconosciuto e non è ancora incominciata una vera risposta I luoghi comuni possono essere confutati grazie a dati di fatto incontrovertibili

42 1° mito: le malattie croniche colpiscono soprattutto i Paesi ad alto reddito Realtà: l80% delle morti per malattie croniche avvengono in Paesi a basso e medio reddito

43 2° mito: i Paesi a reddito medio-basso dovrebbero occuparsi prima delle malattie infettive Realtà: doppio peso = doppia risposta

44

45 3° mito: malattie croniche, un problema dei ricchi Realtà: le malattie croniche si concentrano tra i poveri La malattia aggrava la povertà

46 4° mito: le malattie croniche colpiscono i vecchi Realtà: quasi la metà delle persone che muoiono hanno meno di 70 anni

47 5° mito: le malattie croniche colpiscono principalmente gli uomini Realtà: le malattie croniche colpiscono allo stesso modo uomini e donne

48 6° mito: le malattie croniche dipendono da cattive abitudini Aiutare le persone a fare scelte di salute, soprattutto chi altrimenti non potrebbe permettersele, riduce i rischi e le disuguaglianze sociali Oltre i tre quarti dei decessi dovuti al diabete si verificano in Paesi a reddito medio-basso Realtà: poveri e bambini hanno poche scelte

49 7° mito: le malattie croniche non possono essere prevenute Realtà: l80% delle malattie cardiache premature, ictus cerebrale e diabete di tipo 2 è prevenibile, il 40% dei casi di cancro è prevenibile Le cause sono conosciute, la strada da intraprendere è chiara

50 8° mito: prevenire e controllare le malattie croniche costa troppo Realtà: esistono interventi efficaci che costano poco

51 9° mito: « Mio nonno fumava ed era in sovrappeso: è vissuto fino a 96 anni » La maggior parte delle malattie croniche dipende da fattori di rischio comuni e si possono prevenire eliminando questi rischi. Realtà: queste persone costituiscono rare eccezioni

52 10° mito: Dobbiamo tutti morire per qualcosa Tutti dobbiamo morire, ma non necessariamente la morte deve essere lenta, dolorosa e prematura Realtà: morire è inevitabile, ma non è necessario morire prematuramente, lentamente e con dolore

53 Causa principale di malattia e morte 86% dei decessi 77% delle malattie Solo pochi fattori di rischio sono responsabili per una grossa quota di tali malattie Malattie croniche in Europa Fonte: WHO, Gaining health. The European Strategy for the Prevention and Control of Noncommunicable Diseases, 2006

54 L importanza dei comportamenti Fonte: WHO, European Strategy on Noncommunicable Diseases, alta pressione del sangue fumo di tabacco elevato consumo di alcol troppo colesterolo nel sangue sovrappeso scarso consumo di frutta e verdura scarsa attività fisica Oltre la metà delle cause di morte più frequenti sono il risultato di 7 fattori di rischio:

55 Determinanti sociali della salute 14 aprile 1912

56 Deprivazione socioeconomica e rischio di dipendenza da alcol, nicotina e droghe, Gran Bretagna, 1993 I determinanti sociali della salute, I fatti concreti (II edizione ) A cura di Richard Wilkinson e Michael Marmot EDIZIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE, Trento 2006 Determinanti sociali della salute

57 Differenze della speranza di vita nelle classi occupazionali, Inghilterra e Galles, I determinanti sociali della salute, I fatti concreti (II edizione ) A cura di Richard Wilkinson e Michael Marmot EDIZIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE, Trento 2006

58 Determinanti sociali della salute

59 Chi è responsabile per la salute? la promozione della salute non è responsabilità esclusiva del settore sanitario, e supera anche la mera proposta di modelli di vita più sani, per aspirare al benessere (Carta di Ottawa - OMS, 1986)

60 Chi determina gli stili di vita? Lindividuo La struttura sociale Il mercato Linduzione commerciale Listruzione …. Ed anche, di poco, il mondo della salute

61 Chi può/deve intervenire per garantire la tutela costituzionale ? LIndividuo Il mondo della salute Listruzione Leconomia Il commercio Lambiente …

62 Ed allora, il diritto alla salute non può essere solo preoccupazione del Sistema Sanitario (come da 833,502,229), ma deve essere un dovere di tutte le componenti della società

63 A supporto di questo l evidenza schiacciante che: la prevenzione esclusivamente sanitaria non è efficace solo la sinergia di strategie intersettoriali funziona la norma insieme allinformazione/educazione

64 Se ne ricava un comandamento nuovo !!! La salute in tutte le politiche La salute frutto di azioni intersettoriali La responsabilità estesa dallindividuo ai tanti stakeholders coinvolti

65 L alternativa è : continuare a rimediare, a pagare, guasti fatti anche da altri continuare ad osservare gli effetti senza poter far nulla sui determinanti

66 La prevenzione è solo un mandato etico ?... Abbiamo fatto molto bene nella diagnosi e terapia nellultima metà di secolo : gli ammalati di cuore gli ammalati di cancro i diabetici i casi di AIDS sopravvivono grazie a diagnosi e terapie !!

67 … oppure è anche una questione di sostenibilit à ? Il numero dei cronici aumenta continuamente Aumenta lattesa di vita Migliorano le sopravvivenze Aumentano i costi dellassistenza Il sistema universale, tra pochi anni, implode per mancanza di risorse Il costo dei sopravvissuti esaurisce le risorse

68 Chi sono i protagonisti? i cittadini gli operatori distrettuali della prevenzione il pediatra ed il medico di famiglia il farmacista ma anche : la scuola il comune

69 Per fare cosa? Misurare il cardiorischio Governare il diabete Prevenire lobesità Disincentivare labitudine al fumo e il consumo di alcol Promuovere lattività fisica Promuovere una sana alimentazione Vaccinare …


Scaricare ppt "Politiche della promozione del benessere e della prevenzione Laura Ferrari Facoltà di Scienze Cognitive Corso di Laurea in Educatore professionale sanitario."

Presentazioni simili


Annunci Google