La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La prevezione del rischio CV: La Società della Salute Spettatore o Attore Empoli 19 Gennaio 2008 Nedo Mennuti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La prevezione del rischio CV: La Società della Salute Spettatore o Attore Empoli 19 Gennaio 2008 Nedo Mennuti."— Transcript della presentazione:

1 La prevezione del rischio CV: La Società della Salute Spettatore o Attore Empoli 19 Gennaio 2008 Nedo Mennuti

2 Prevenzione Rischio CV Levoluzione demografica 77 Anni - Uomo 83 Anni - Donne

3 Prevenzione Rischio CV Levoluzione demografica Linvecchiamento della popolazione che si verifichewrà nel 1° quarto del 21 secolo porterà ad un enorme aumento delle patologie croniche Public Policy and the Challenge of Chronic Noncommunicable Diseases The World Bank, 2007

4 Prevenzione Rischio CV 2005 Nati dal 46 al 50

5 Prevenzione Rischio CV 2010 Nati dal 46 al 50

6 Prevenzione Rischio CV 2015 Nati dal 46 al 50

7 Prevenzione Rischio CV 2020 Nati dal 46 al 50

8 Prevenzione Rischio CV 2025 Nati dal 46 al 50

9 Prevenzione Rischio CV Malattie Cardiovascolari infarto del miocardio ictus cerebrale.

10 Prevenzione Rischio CV Accanto agli eventi maggiori e fatali vi è un aumento degli eventi minori, invalidanti. Chi sopravvive allevento diventa un malato cronico con tutte le conseguenze: ripercussioni sulla qualità della vita sua e dei suoi familiari e aumento esponenziale dei costi di tutto il sistema

11 Prevenzione Rischio CV Obiettivo spostare più avanti la comparsa condizioni invalidanti Diminuire anni di vita presi ( prima 65 anni x MCV)

12 Sesso Età Familiarità Ipertensione Ipercolesterolemia Diabete Fumo Obesità ed abitudini alimentari scorrette Sedentarietà. I Fattori di rischio Prevenzione Rischio CV

13 Attenzione soprattutto su fattori Modificabili con Terapia Medica Prevenzione Rischio CV Passività dei Sistemi sanitari Investimenti in ricerca dellindustria farmaceutica con scoperta di molecole innovative Anni 50-> Ipertensione Anni 90-> Ipercolesterolemia

14 I dati del nostro territorio Prevenzione Rischio CV Dati COOP Vega Medica Assistiti (2002) – (2006)

15 I dati del nostro territorio Prevenzione Rischio CV Dati COOP Vega Medica Assistiti (2002) – (2006)

16 Oggi la cultura sta fortunatamente cambiando ed abbiamo iniziato a parlare di approccio complessivo Prevenzione Rischio CV

17 Donna 62 anni Colesterolo 210 Non Diabete Non Fumatrice RCV a 10 anni 3,3%

18 Prevenzione Rischio CV Donna 62 anni Colesterolo 290 Non Diabete Non Fumatrice + 80 colesterolo Aumento 27% del RCV

19 Prevenzione Rischio CV Donna 62 anni Colesterolo 210 Non Diabete Fumatrice + Fumo Aumento 109% del RCV

20 Prevenzione Rischio CV Ormai tutti concordano che devono essere considerati in modo complessivo tutti i fattori di rischio e oltre a quelli previsti dalla Carta del rischio del progetto Cuore dellISS devono essere considerati anche Sedentarietà Obesità Abitudini alimentari Inquinamento

21 La Società della Salute Spettatore o Attore Prevenzione Rischio CV

22 Attore Lavoratore Prevenzione Rischio CV

23 Dato che la risposta alle Malattie Cardiovascolari deve essere una risposta complessiva devono essere messe in atto da parte di tutti gli attori del territorio tutte le strategie per diminuire il rischio

24 Prevenzione Rischio CV Latto di programmazione della Società della Salute è costituito dal Piano Integrato di Salute stabilisce le azioni strategiche che devono essere messe in atto per favorire il benessere della nostra popolazione

25 PIS Piano Integrato di Salute Analizzare bisogni Valutare aspettative Fornire strumenti per unanalisi/sintesi critica Elaborare e fornire le possibili risposte integrate Strategie per la COSTRUZIONE DEL PIS Risorse complessive

26 PIS Piano Integrato di Salute Incremento numerico e percentuale della popolazione anziana. Ultraottantenne il 28% della popolazione anziana; Aumento della fragilità familiare, la composizione media della famiglia è di 2,6 persone; Aumento della presenza straniera (saldo naturale<) Livelli di scolarità risultano medio bassi e la percentuale dei contratti di lavoro a tempo determinato è consistente IIncidenti stradali prima causa di morte nei giovani IL PROFILO DI SALUTE: EVIDENZE

27 PIS Piano Integrato di Salute Tumori, determinano il 50% dei decessi nella popolazione fra i 15 e i 64 anni, seguiti a ruota dalle malattie del Sistema Cardiocircolatorio che sono la prima causa di morte degli anziani con il 48%; Malattie del sistema cardiocircolatorio maggior causa di morte, di invalidità e di consumo di risorse e soprattutto rappresentano eventi potenzialmente prevenibili attraverso appropriate azioni di prevenzione; Le demenze causa diLe demenze rappresentano principale causa di disautonomia; IL PROFILO DI SALUTE: EVIDENZE

28 PIS Piano Integrato di Salute LLe concentrazioni degli agenti inquinanti risultano essere entro i limiti normativi ed in media con i valori regionali, ma appare ai livelli più elevati la produzione pro-capite di rifiuti nella nostra area; LLaumento della richiesta di prestazioni specialistiche è (concordemente con quanto avviene a livello nazionale) costante e di complicata gestione tanto da mettere a rischio la sopravvivenza del sistema. IL PROFILO DI SALUTE: EVIDENZE

29 Obiettivo: VITA AGLI ANNI, ANNI ALLA VITA Stanno emergendo tutta una serie di problemi (disabilità, perdita di autonomia) e di patologie (malattie cardiovascolari, diabete, tumori, malattie cronico- degenerative) legate allallungamento della vita che si è realizzato nel mondo occidentale ed aggravate ed aumentate da scorretti stili di vita ed inquinamento ambientale. Problema Obiettivo Migliorare la qualità della vita ed aumentarne la durata Progetti strategici Promozione programmi di Attività Fisica Adattata (AFA) per prevenire la disabilità o rallentare levoluzione di problemi causati da precedenti patologie o stili di vita non corretti Condurre programmi di educazione alla salute relativi ai fattori di rischio evitabili (sedentarietà, alimentazione, fumo di sigaretta) tesi a ridurre il Rischio Cardio Vascolare (RCV) Favorire ladesione agli screening preventivi PIS Piano Integrato di Salute

30 Prevenzione CV Altri possibili attori Prevenzione Rischio CV Farmacie Associazioni del volontariato Palestre Distribuzione Ristorazione Comuni (piani del traffico) Scuole (educazione)

31 Lo abbiamo fatto per lAFA Prevenzione Rischio CV Postura flessa e MDS (165) Arti inferiori in piscina (23) Spasticità (23) Parkinson (8) Possiamo farcela

32 Prevenzione Rischio CV

33 Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

34 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

35 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

36 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

37 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

38 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

39 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

40 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

41 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

42 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

43 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti

44 Prevenzione Rischio CV Attori protagonisti di interventi preventivi del Rischio CV Nedo Mennuti


Scaricare ppt "La prevezione del rischio CV: La Società della Salute Spettatore o Attore Empoli 19 Gennaio 2008 Nedo Mennuti."

Presentazioni simili


Annunci Google