La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Immigrati: saper accogliere e leggere il disagio Contributo di antropologia culturale Laboratorio Specialistico Città Studi 15 Aprile 2008, Biella Fabio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Immigrati: saper accogliere e leggere il disagio Contributo di antropologia culturale Laboratorio Specialistico Città Studi 15 Aprile 2008, Biella Fabio."— Transcript della presentazione:

1 Immigrati: saper accogliere e leggere il disagio Contributo di antropologia culturale Laboratorio Specialistico Città Studi 15 Aprile 2008, Biella Fabio Pettirino

2 Cultura Colere Coltivare Concezione ristretta, elitaria. La cultura è patrimonio esclusivo di chi coltiva la propria mente attraverso le arti, la letteratura, la musica, etc.

3 Cultura in senso antropologico Definizione classica: Sir E. Tylor La cultura è il complesso unitario che include la conoscenza, la credenza, larte la morale, le leggi e ogni altra capacità e abitudine acquisita dalluomo come membro della società (1871) Le Culture

4 Definizioni antropologiche di cultura Definizione Kluckhon (anni cinquanta) Tutti gli schemi di vita, determinati storicamente, espliciti ed impliciti, razionali, irrazionali e non razionali, che esistono ad ogni epoca, come guide potenziali del comportamento umano

5 Definizioni antropologiche di cultura Sistemi di significato e norme valoriali e comportamentali connessi a particolari relazioni sociali e contesti istituzionali Realtà contestuale che si identifica per contrapposizione

6 Identità Senso di appartenenza ad una comunità Se in una dimensione tradizionale lidentità si percepisce quasi in forma spontanea, nei processi di urbanizzazione e di migrazione questa diventa una scelta personale, una possibilità di definizione e percezione del sé in continua negoziazione con gli altri

7 EPOS MEMORIA STORICA ETHOS VALORI LOGOS LINGUA GHENOS ORIGINI ANCESTRALI TOPOS TERRITORIO Approccio essenzialista Radici identità Approccio cognitivista Non un insieme di tratti distintivi e sostantivi, ma quelli ritenuti significativi (costruzione relazionale, F. Barth, 1969) Approccio strategico Risposta funzionale a esigenze organizzative imposte da interessi politici. Gruppo di interesse informale che si organizza in vista della competizione (A. Cohen, 1974)

8 Le identità costruite e inventate Le identità etniche, politiche, nazionali, culturali possono essere costruite o addirittura inventate per perseguire strategicamente interessi di tipo politico, economico o di visibilità sociale Lidentità può dunque divenire strumento di lotta sociale per le minoranze o di opportunismo per i singoli

9 Esempi di strategia identitaria Le identità possono essere rivendicate oppure attribuite I movimenti etnici rivendicano la propria identità culturale Il movimento politico della Lega Nord ci fornisce un esempio di rivendicazione di un identità culturale Il multiculturalismo tende ad attribuire identità per riconoscerle e valorizzarle

10 I nazionalismi hanno inventato le Nazioni Le ideologie nazionaliste hanno inventato strategie raffinate per creare sentimenti patriottici ed unificare le coscienze di differente provenienza culturale in un unico Stato Nazione La madre patria, i padri fondatori ed i figli-fratelli caduti per la sua difesa fanno parte di costruzioni ideologiche che identificano la patria ad una famiglia Scuola, mass-media, religione, lingua e Stato sono stati i maggiori fattori integrativi per le Nazioni e per la costruzione delle identità nazionali Il criterio nazionale non deve indurre in facili rappresentazioni culturali legate alla provenienza da un determinato Stato

11 Cultura – Identità Cultura: Non può essere deterministicamente ed aprioristicamente intesa. Non è strettamente legata ad un territorio definito. E uno spazio condiviso di relazioni e di significati. Non migrano le culture, ma gli individui che stabiliscono nuove relazioni in nuovi contesti. La cultura è complessa e non può essere ridotta a manifestazioni grossolane come quelle folkloriche. Il linguaggio è coestensivo alla cultura. Identità: Non è un marchio di fabbrica. E un processo in continua evoluzione. Le identità possono essere costruite, inventate, taciute, attribuite e strumentalizzate. E un senso di appartenenza che nasce dalla relazione con lalterità.

12 Globalizzazione Globalizzazione: Rivoluzione Spaziale Dimensione e percezione sociale dello spazio, ma soprattutto incidenza delle conseguenze delle azioni sociali e degli accadimenti su scala planetaria Medioevo: percezioni di pochi km, il Borgo, la Bolla Papale Modernità, Stato Nazione: la Capitale normativa ed amministrativa Villaggio Globale: scala planetaria, qualsiasi avvenimento implica una conseguenza diretta sulle persone anche se queste risiedono agli antipodi Pessoa: Lo stadio moderno della civiltà è caratterizzato dallinstabilità e dalla vertigine della velocità. Ognuno di noi nasce malato di tutta questa complessità, in ogni anima girano volantini di ogni fabbrica, e passano tutti i treni della terra, tutte le grandi strade di tutte le grandi città finiranno in ognuna delle nostre anime

13 Fattori di integrazione Scuola Religione Mercato Stato Nazione Mass-media Stato Appadurai: ethnoscapes mediascapes technoscapes Villaggio finanscapes Globale ideoscapes

14 Dinamiche migratorie nel Biellese Marocco: prima migrazione emergenziale (accoglienza, Caritas) anni 80, migrazione temporanea a vantaggio del clan, stabilità mariti/ricongiungimento, figli cresciuti, nuove migrazioni solitarie anche di donne, favoreggiamento ricongiungimenti (anziani) o chiamate ad affini ed amici attraverso assunzione collaboratore domestico. Est Europa: prima migrazione madri (35-50 anni), poi ragazze più giovani, sanatoria 2002, primi ricongiungimenti con figli e mariti, maggiore interazione ed integrazione al contesto locale. Filippine: prima migrazione femminile anni 80, collaborazione domestica, soltanto fine anni 90 ricongiungimenti familiari ed uscita allo scoperto, integrazione, gruppi di preghiera presso S. Filippo, grande presenza cooperative. Sri Lanka: Singalesi presenti sin dagli anni 80 (maggiordomi), Tamil soltanto da fine anni 90. Cina: presenti a Milano sin dagli anni 20. Ristorazione diffusasi per gemmazione. Poi laboratori tessili e di pelletteria. Migrazione caratterizzata da interazioni nulle con il contesto locale. Oggi commercio e timido tentativo di interazione/integrazione.

15 Individui: eredità culturali, progetti migratori

16 Assistenti familiari dellest Europa Lasciano le loro famiglie per venire a curare le nostre Scarsa propensione allintegrazione al contesto locale: -Solitudine, -Depressione (nostalgia/mancata realizzazione personale) -IVG secondo dati ISI/consultorio La situazione cambia per coloro che hanno potuto di recente cambiare lavoro (oss) oppure hanno ottenuto il ricongiungimento (marito/figli)

17 Dal Marocco: contesto e disagio Presenza di vicinati (Vernato, Chiavazza regione croce). Nel Biellese maggioranza proveniente da Ras el Aïn Presenza di una comunità/moschea Associazione laica ALAMAL Situazioni disagiate legate soprattutto a povertà di ritorno, indigenza, violenza domestica, ricerca lavoro (anche donne) Conoscenza adeguata servizi? Aggressività nelle richieste ai servizi?

18 Dal Marocco: contesto e disagio 2 Le situazioni di disagio derivano per lo più dalla crisi manifatturiera: il marito in mobilità, cassa integrazione o disoccupato. La privazione di unentrata fondamentale ha maggiormente esposte quelle donne che prima facevano soltanto qualche ora ed ora invece hanno bisogno di un lavoro vero e proprio. Esse si sono esposte anche nei confronti dei servizi sociali (il marito si vergogna) aiutati nella mediazione linguistica soprattutto dai figli per chiedere aiuto in situazioni difficili. Difficoltà dovuta soprattutto a dignità ed orgoglio.

19 Condizione abitativa Richieste di idoneità abitativa per ottenere il ricongiungimento familiare spesso respinte per la mancanza dei requisiti richiesti Esigenza di preparare il terreno con una prima visita informale per evitare il grande numero di richieste respinte Qualità abitativa/qualità della vita

20 BIBLIOGRAFIA Ulf Hannerz, La diversità culturale, Il Mulino, L'immigrazione straniera in provincia di Biella. Prima indagine provinciale, IRES Piemonte, 2006 (disponibile presso uffici provincia). Simonetta Piccone Stella, Esperienze multiculturali: origini e problemi, Carrocci Editore, Francesco Pompeo, Il mondo è poco, Meltemi, Francesco Remotti, Contro lidentità, Laterza, Mondi migranti: rivista di studi e ricerche sulle migrazioni internazionali, trimestrale, Franco Angeli Editore. Difficoltà di accesso ai servizi bancari e ruolo delle economie informali fra i migranti del Biellese, disponibile al seguente indirizzo: (Fabio Pettirino) Bruno Guglielminotti, Fabio Pettirino, Da Immigrata a Cittadina. Indagine sull'immigrazione femminile nel biellese, Centro di documentazione della Camera del Lavoro di Biella, Sandra Maria Rosso editrice, Biella (disponibile presso biblioteca CittStudi).


Scaricare ppt "Immigrati: saper accogliere e leggere il disagio Contributo di antropologia culturale Laboratorio Specialistico Città Studi 15 Aprile 2008, Biella Fabio."

Presentazioni simili


Annunci Google