La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Dottorati in co-tutela tra Italia e Francia: problemi e proposte Emanuela Barbero La co-tutela internazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Dottorati in co-tutela tra Italia e Francia: problemi e proposte Emanuela Barbero La co-tutela internazionale."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Dottorati in co-tutela tra Italia e Francia: problemi e proposte Emanuela Barbero La co-tutela internazionale di tesi di dottorato: opportunità ed esperienze – Scuola Normale Superiore di Pisa, 10 – 11 gennaio 2006La co-tutela internazionale di tesi di dottorato: opportunità ed esperienze – Scuola Normale Superiore di Pisa, 10 – 11 gennaio 2006

2 DM 509/1999, art. 3, c. 9 (ripreso nel decreto 270/2004, art.3, c. 10) Sulla base di apposite convenzioni, le università italiane possono rilasciare i titoli di cui al presente articolo, anche congiuntamente con altri atenei italiani o stranieri. DM 224/99, art. 6 Comma 6 : Nel caso di dottorati istituiti a seguito di accordi internazionali, la commissione è costituita secondo le modalità previste negli accordi stessi. Comma 12: Gli accordi di cooperazione interuniversitaria internazionale possono prevedere specifiche procedure per il conseguimento del titolo. DM art.10, c. 2a [I progetti di internazionalizzazione possono prevedere] la progettazione e la realizzazione congiunte di corsi di studio di cui allart. 3 del DM 509/99, previa stipulazione di appositi accordi o convenzioni che prevedano la partecipazione di docenti e studenti di istituzioni universitarie di almeno un altro Paese. UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Riferimenti legislativi italiani in materia di dottorati congiunti

3 UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Principali accordi e decreti di cooperazione universitaria Italia - Francia Accordo culturale tra Italia e Francia - 4 novembre 1949 : costituzione di una Commissione paritetica italo francese per sviluppare le relazioni culturali tra i due Paesi a livello di scuole secondarie e universitarie, armonizzare i due sistemi, allora profondamente diversi, e stabilire delle equivalenze tra i titoli o diplomi italiani e francesi. Accordo Quadro di cooperazione universitaria Italia – Francia - 5 luglio 1982 Questo accordo quadro di cooperazione universitaria tra Italia e Francia sancisce per la prima volta listituzione di un doppio titolo, stabilendo che: le università dei due Paesi potranno concludere tra loro degli accordi che prevedano programmi di studio integrati che si concludano con il rilascio congiunto di un titolo di studio nazionale italiano (laurea) e di un titolo di studio nazionale francese (maîtrise) aventi lo stesso valore.

4 Convenzione Quadro Italia - Francia - 18 gennaio 1996 tra la Conférence des Présidents d'Université (CPU)e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) sul riconoscimento dei diplomi e la convalida dei titoli universitari Articolo I La presente convenzione intende definire le modalità di convalida dei titoli universitari o di riconoscimento dei diplomi universitari conseguiti allo scopo di facilitare il proseguimento degli studi presso un'Università dell'altro Paese Raccomandazioni N° 1La Conférence des Présidents d'Université francese e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, considerato che la procedura della co-tutela delle tesi rappresenta una via particolarmente fruttuosa sia per lo sviluppo della mobilità dei ricercatori all'interno dell'Unione Europea, sia per il potenziamento della cooperazione istituzionale tra Francia e Italia, […] auspicano che i due Paesi provvedano ad armonizzare le loro legislazioni per consentire lo sviluppo delle co-tutele e che, in attesa di tali accordi, insegnanti e/o ricercatori francesi possano entrare a far parte delle commissioni italiane che conferiscono i titoli di dottore di ricerca. UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE

5 Accordo Quadro 13 febbraio 1998 estensione della convalida dei titoli universitari o di riconoscimento dei diplomi universitari di cui alla convenzione del 1996 alle scuole dingegneria Per parte francese: DM 18 gennaio 1994 stabilisce la creazione di una procedura di co-tutela di tesi tra università francesi e straniere. Lobiettivo è quello di instaurare e sviluppare una cooperazione scientifica tra gruppi di ricerca francesi e stranieri favorendo la mobilità dei dottorandi. DM 13 gennaio 2005 Sostituisce il decreto del 18 gennaio 1994 ampliandolo in alcune parti (es.: possibilità di stipulare una convezione di co-tutela con più di una università straniera, il numero dei membri della commissione, ecc.) UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE

6 LUIF, istituita con la legge 161/2000, fa parte del piano strategico di internazionalizzazione del sistema universitario italiano, e come tale ha, tra gli altri, i compiti di: - potenziare la cooperazione universitaria tra i due paesi in particolare nellambito della formazione continua e della ricerca; - promuovere la convergenza dei rispettivi sistemi universitari - favorire il rilascio di doppi diplomi e diplomi congiunti di laurea, concorrendo alla realizzazione di programmi comuni - ampliare i processi di integrazione ad altri paesi europei - collaborare al raggiungimento di obiettivi di qualità, a consorzi universitari e a scuole di alta formazione Alcuni di questi obiettivi vengono attuati attraverso bandi di concorso per il finanziamento di corsi di laurea binazionali di 1° e 2° livello, master binazionali e dottorati in co-tutela (bando Vinci). UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Funzione istituzionale dellUIF:

7 UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Bando Vinci: pubblicazione annuale dal 2001 con lobiettivo di favorire la creazione di doppi diplomi e diplomi congiunti e la realizzazione di tesi e di percorsi di dottorato in regime di co-tutela. In particolare, il capitolo II del bando è volto a finanziare borse integrative per il sostegno di tesi in co-tutela, mentre il capitolo III promuove percorsi binazionali di alta qualificazione, finanziando borse triennali di dottorato in co-tutela. In autunno 2006 si terrà un seminario di valutazione sul programma Vinci, attivo da 5 anni.

8 Borse di sostegno per tesi in co-tutela e borse triennali di dottorato in co-tutela Progetti presentati UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE

9 CAP. II Tesi in co-tutela CAP II: Progetti presentati per nazione UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE

10 CAP. III Borse triennali di dottorato in co-tutela CAP III: Progetti presentati per nazione UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE

11

12

13

14 Dottorato italiano Punti deboli 1.Scarsa attrazione del dottorato italiano per gli studenti stranieri (oltre il 90% dei dottorandi è italiano - caso unico tra i paesi europei e industrializzati). 2.Assenza di omogeneità nazionale per quanto riguarda le date di pubblicazione dei bandi e le scadenze per le domande. 3.Scarsa mobilità degli studenti (soltanto il 20% fa delle esperienze allestero). 4.Per ottenere lequipollenza del titolo di un dottorato estero in Italia è necessario rivolgersi al MIUR per avviare un iter burocratico che può durare anche sei mesi prima che il decreto ministeriale di equipollenza venga pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. (dal sito ADI Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani) Punti di forza 1.Numero crescente di studenti ammessi al dottorato. 2.Tasso di riuscita dell87%.

15 UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Dottorato in co-tutela 1.LItalia è, tra i Paesi Europei, forse quello che più ritiene il diploma congiunto uno strumento estremamente importante per linternazionalizzazione del proprio sistema universitario 2.Circa il doppio degli italiani che ha conseguito un dottorato in co-tutela trova un lavoro stabile nellambito della ricerca rispetto agli studenti che hanno concluso un dottorato nazionale. 3.Negli ultimi anni si è registrato un incremento degli studenti iscritti a dottorati in co-tutela. 4.Favorisce una più copiosa produzione scientifica a livello internazionale. 5.Si è rilevata una più elevata coerenza tra la formazione dottorale ricevuta e lattività svolta dai neo-ricercatori. Punti di forza

16 UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Punti deboli 1.Scarso numero di studenti totali coinvolti 2.Limitata partecipazione delle regioni del centro-sud Italia 3.Maggiore presenza degli studenti italiani rispetto a quelli stranieri 4.Eccessiva burocratizzazione 5.Persistenza di una certa difficoltà a reperire informazioni precise riguardo ai dottorati in co-tutela 6.Informazioni spesso date da uffici diversi (relazioni internazionali, uffici dottorato, a volte gli stessi dipartimenti) e quindi parcellizzate 7.Notevole difficoltà di monitoraggio sulle esistenti relazioni Italo –francesi nelle varie università italiane

17 Chap. III/ Cap. III UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Osservazioni e proposte Obiettivo dellUIF: aggiornamento costante delle informazioni: accentuare sempre di più il carattere di centro di informazioni per i dottorandi in mobilità in merito al soggiorno in Francia per quanto riguarda opportunità, procedure, documentazione. Per questo cè bisogno della stretta collaborazione di tutti gli uffici di relazioni internazionali e di dottorato delle università italiane che, a scadenza regolare, possano fornirci informazioni ogniqualvolta si vengano ad instaurare nuovi rapporti Italia-Francia. aggiornamento costante del personale amministrativo coinvolto: organizzare, con scadenza almeno annuale, seminari sulle procedure burocratico- amministrative, sulle eventuali nuove normative in materia, sulle facilitazioni per la mobilità dei dottorandi con tutti i soggetti interessati (università, servizi scientifici delle ambasciate italiana e francese, MIUR, CRUI…)

18 Chap. III/ Cap. III UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Le convenzioni di co-tutela in dettaglio: Criticità e possibili soluzioni -Tempi molto lunghi per la firma della convenzione di co-tutela utilizzare come convenzioni quadro convenzioni e/o accordi preesistenti a cui allegare la documentazione ad hoc per i dottorandi di volta in volta coinvolti firmata dai coordinatori del Collegio e/o Scuola di Dottorato e non più dai rettori. -Rilascio del titolo: al momento pare che nessuno rilasci titoli congiunti per meri problemi amministrativi (verbali diversi, modello di pergamena diverso, incertezza sull università deputata al rilascio del titolo…) - unificare i verbali - stabilire che sia luniversità di origine a rilasciare il titolo congiunto - elaborare un modello di pergamena con doppi loghi, nomi dei rettori delle università coinvolte, titolo di dottore in doppia lingua.

19 Chap. III/ Cap. III UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Criticità e possibili soluzioni - Assicurazione sanitaria e polizza di responsabilità civile la carta europea sanitaria (ex mod. E111) copre le spese sanitarie del dottorando. La polizza di responsabilità civile stipulata dalluniversità italiana per ciascun dottorando è valida anche per lestero. - Pagamento tasse universitarie il dottorando può essere eventualmente tenuto al pagamento delle tasse universitarie solamente presso luniversità di origine. Viceversa, liscrizione deve essere formalizzata in entrambe le università. -Conoscenze linguistiche inserire nelle convenzioni di co-tutela il requisito indispensabile di una preparazione linguistica certificata adeguata ad affrontare un dottorato di ricerca. In caso di carenza di tale preparazione, stabilire che si provveda a istituire corsi di lingua intensivi per dottorandi in co-tutela.

20 Chap. III/ Cap. III UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Fonti -Tesi di dottorato PhD Student Satisfaction – Tre casi di studio: Università Gabriele DAnnunzio; Università Italo-Francese; Ateneo Italo-Tedesco, Luisella Romano, Università degli Studi G. DAnnunzio di Chieti – Pescara – Nucleo di valutazione – Anno Accademico Atti del convegno internazionale Dottorato: cuore e motore della ricerca, C. Bordese, E. Predazzi, ISASUT, Università degli Studi di Torino, settembre C. Finocchietti, M.Sticchi Damiani, Titoli congiunti e doppi titoli nellesperienza italiana, DOC CIMEA 109, maggio Atti del convegno Mobilità: uno spazio per la valorizzazione della ricerca, Università degli Studi di Torino, 17 maggio 2005


Scaricare ppt "UNIVERSITÀ ITALO FRANCESE UNIVERSITÉ FRANCO ITALIENNE Dottorati in co-tutela tra Italia e Francia: problemi e proposte Emanuela Barbero La co-tutela internazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google