La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Caterina Perlot Sede italiana LAteneo Italo-Tedesco a sostegno della cooperazione binazionale Seminario La co-tutela internazionale di tesi di dottorato:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Caterina Perlot Sede italiana LAteneo Italo-Tedesco a sostegno della cooperazione binazionale Seminario La co-tutela internazionale di tesi di dottorato:"— Transcript della presentazione:

1 Caterina Perlot Sede italiana LAteneo Italo-Tedesco a sostegno della cooperazione binazionale Seminario La co-tutela internazionale di tesi di dottorato: opportunità e esperienze. Pisa, 10 e 11 gennaio 2006

2 La mobilità internazionale: la situazione in Germania e in Italia Il finanziamento e la gestione della mobilità internazionale nel sistema tedesco DAAD Consolidata esperienza Il finanziamento e la gestione della mobilità internazionale nel sistema italiano MIUR/MAE Programmazione triennale del sistema universitario Assenza di uninterfaccia e necessità di coordinare le iniziative dallItalia verso la Germania e vice versa

3 La costituzione dellAteneo Italo-Tedesco / 1 In Italia, nel campo accademico, le relazioni bilaterali con la Germania erano principalmente costituite: Dai rapporti bilaterali fra Atenei; Dalle attività del centro italo-tedesco Villa Vigoni in Italia; Dagli scambi soprattutto grazie ai fondi del progetto Erasmus/Socrates.

4 La costituzione dellAteneo Italo-Tedesco / 2 Le tappe fondamentali: 16 aprile 2002: a margine della visita del Presidente della Repubblica Federale di Germania, Johannes Rau, al Presidente Ciampi, il Segretario Generale del DAAD e il Rettore dellUniversità degli Studi di Trento sottoscrivono il documento preliminare per la costituzione dellAteneo Italo- Tedesco. 25 maggio 2002: i presidenti della CRUI e dellHRK, il Segretario Generale del DAAD e il Rettore dellUniversità degli Studi di Trento sottoscrivono latto costitutivo dellAteneo Italo-Tedesco. 10 luglio 2003: i rappresentanti del MIUR, del MAE e della Provincia Autonoma di Trento da parte italiana e quelli del DAAD, del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero dellIstruzione da parte tedesca firmano la dichiarazione congiunta a sostegno dellAteneo Italo-Tedesco. Insediamento del Comitato direttivo.

5 Gli organi dellAteneo Italo-Tedesco Sede italiana TRENTO Sede tedesca BONN Comitato direttivo Francesco Salamini Stefano Barocci Fabrizio Cambi Salvatore Patti Gert Kaiser Hans-Herbert Holzamer Helmut Neunzert Udo Peil 4 membri italiani4 membri tedeschi Comitato esecutivo Presidente Cd tedesco Vice-Presidente Cd italiano Direttori delle due sedi (italiana e tedesca)

6 Gli obiettivi dellAteneo Italo-Tedesco / 1 La predisposizione di una rete di informazioni sui sistemi universitari e di ricerca in Italia e Germania; Il sostegno a corsi congiunti italo-tedeschi; La crescita della mobilità di studenti e docenti; La promozione dellapprendimento linguistico e della Germanistica/Italianistica nelle Università di entrambi i Paesi; La promozione di seminari e incontri tra docenti e ricercatori di Università italiane e tedesche;

7 Gli obiettivi dellAteneo Italo-Tedesco / 2 Il sostegno alla collaborazione tra Università e sistemi economici in entrambi i Paesi; La promozione degli scambi di persone allinterno dei progetti di collaborazione; Lo sviluppo della didattica universitaria e della formazione permanente. Creare un unico interlocutore per la gestione dellinterfaccia fra Italia e Germania

8 Le attività svolte dallAteneo Italo-Tedesco / 1 Organizzazione di incontri: Prima edizione delle Giornate Universitarie Italo-Tedesche (Monaco, giugno 2004), per promuovere la conoscenza e lo scambio tra università e centri di ricerca dei due Paesi. Settimana della cultura tedesca in Italia, in collaborazione con lIstituto di Cultura Germanica (Bologna, 29 settembre 2004). Italian-German Expert Meeting sul Project Management del 6° Programma Quadro e sulle prospettive del 7° (Villa Vigoni, 8-10 maggio 2005). Incontro sulle strategie dinternazionalizzazione delle università italiane e tedesche (CRUI, 22 giugno 2005).

9 Giornate Universitarie Italo-Tedesche

10 Invio di un questionario a 77 Università italiane e 333 Università e Istituti superiori tedeschi per rilevare i rapporti di collaborazione: Tasso di risposta del 47% in Germania e del 64% in Italia; 94% delle Università e degli Istituti superiori tedeschi hanno almeno un accordo di cooperazione con lItalia; 98% delle Università italiane hanno almeno un accordo di cooperazione con la Germania. Creazione di un sito web per raccogliere e diffondere informazioni sui rapporti accademici tra i due Paesi e promuovere gli appuntamenti organizzati dalle varie associazioni culturali italo-tedesche (www.ait-dih.org).www.ait-dih.org Predisposizione di una rete di informazioni: Le attività svolte dallAteneo Italo-Tedesco / 2

11 Alcuni risultati del questionario Le principali tipologie dei programmi di collaborazione rilevati : 47%Mobilità studenti 21%Mobilità docenti a scopi di docenza 11%Mobilità docenti e altri ricercatori a scopi di ricerca 4%Progetti di ricerca 7%Mobilità dottorandi 1%Dottorati

12 La valutazione dei progetti di collaborazione fra Università italiane e tedesche nellambito del terzo bando dellInternazionalizzazione ( ) del MIUR. 2,5 milioni di euro destinati alla cooperazione italo-tedesca. 63 progetti valutati: 30 di tipologia A (progettazione e realizzazione di corsi di studio congiunti): 47% Dottorati; 13% Corsi di laurea; 6% Corsi di laurea specialistica; 6% Master di II livello. 33 di tipologia C (realizzazione di programmi congiunti di ricerca). Le attività svolte dallAteneo Italo-Tedesco / 3

13 Le attività svolte dallAteneo Italo-Tedesco / 4 52 progetti finanziati: Per tipologia: 52% Progetti di ricerca; 21% Dottorati (6 nuovi e 5 rinnovi); 11% Corsi di laurea specialistica; 8% Corsi di laurea; 8% Master di II livello. Per discipline: 54% discipline scientifiche ; 27% discipline umanistiche; 19% discipline giuridiche, economiche e sociali.

14 Programma Vigoni Si tratta di un programma annuale di scambio di ricercatori tra Università italiane e tedesche al fine di intensificare la cooperazione scientifica tra gli Atenei dei due Paesi. Il programma - finanziato dal MIUR per l'Italia e dal DAAD per la Germania - consiste in scambi bilaterali di docenti e ricercatori, generalmente di gruppi di ricerca. Nel 2005, il programma Vigoni è stato gestito congiuntamente, da parte italiana, dalla CRUI e dallAteneo Italo-Tedesco. Sono state valutate 136 proposte e sono stati ritenuti validi ai fini del finanziamento 40 nuovi progetti e 24 rinnovi. Le attività svolte dallAteneo Italo-Tedesco / 5

15 Le attività dellAteneo Italo-Tedesco nel 2006 / 1 Presentazioni: Ai delegati dei Rettori per i Rapporti internazionali delle Università italiane; Alle Università italiane. Conferenze di alto livello: Antitrust-Concorrenza nei mercati internazionali, le reazioni italiane e tedesche; Federalismo e regionalismo; Scienze e società; Letteratura, cultura e multiculturalità dopo la riunificazione tedesca. Seconda edizione delle Giornate Universitarie Italo-Tedesche: Dibattiti rivolti ad accademici; Presentazioni rivolte a studenti e dottorandi; Tavola rotonda sulla politica universitaria; Stand informativi per presentare lofferta formativa di alcune università tedesche.

16 Premio Clemens Brentano / Premio Ladislao Mittner I premi sono conferiti una volta allanno a giovani ricercatori tedeschi che hanno contribuito in modo rilevante agli studi sullItalia e vice versa. Consistono in un premio in denaro del valore di e in una borsa di studio, sempre di 5.000, per un soggiorno di ricerca in Italia o Germania. Le attività dellAteneo Italo-Tedesco nel 2006 / 2

17 LAteneo Italo-Tedesco vorrebbe essere il connettore fra i gruppi di ricerca italiani e tedeschi, dando impulso a nuovi rapporti di collaborazione in vista delle prospettive delineate dal 7 ° P.Q. Linternazionalizzazione dei dottorati si inserisce nel processo di inserimento delle due realtà di ricerca. Prospettive future

18 Ateneo Italo-Tedesco Piazza del Duomo, 33 I TRENTO Deutsch-Italienisches Hochschulzentrum c/o Deutscher Akademischer Austauschdienst Kennedyallee 50 D BONN LAteneo Italo-Tedesco a sostegno della cooperazione binazionale


Scaricare ppt "Caterina Perlot Sede italiana LAteneo Italo-Tedesco a sostegno della cooperazione binazionale Seminario La co-tutela internazionale di tesi di dottorato:"

Presentazioni simili


Annunci Google