La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Epistemologia Scienze dell’educazione Università di Bologna – Rimini Corso di Educatore sociale Università di Bologna – Rimini Corso di Educatore sociale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Epistemologia Scienze dell’educazione Università di Bologna – Rimini Corso di Educatore sociale Università di Bologna – Rimini Corso di Educatore sociale."— Transcript della presentazione:

1 Epistemologia Scienze dell’educazione Università di Bologna – Rimini Corso di Educatore sociale Università di Bologna – Rimini Corso di Educatore sociale A cura di Mariella Spinosi ApprendimentiSaperiCompetenze nei processi di formazione della società della conoscenza ApprendimentiSaperiCompetenze nei processi di formazione della società della conoscenza Mariella Spinosi

2 5-6 maggio 2006 Articolazione del seminario Presentazione del seminario I saperi per l’Europa Le scienze dell’educazione nella società attuale Mariella Spinosi maggio 2006 ApprendimentiCompetenzeMetacognizione maggio 2006 ValutazioneDocumentazionePortfolio maggio 2006 Progettazione Prove finali

3 Rimini 5 e 6 maggio 2005 Presentazione del seminario Mariella Spinosi Le scienze dell’educazione nella società attuale I saperi per l’Europa

4 Mediocre qualità dell’istruzione Le sollecitazioni per le competenze Sono le preoccupazioni del mondo del lavoro evidenziate dalle indagini internazionali Internazionalizzazione Rapidità del progresso scientifico e tecnologico Aumento esponenziale della quantità ed accessibilità delle informazioni Processi di carriera sempre meno lineari Mariella Spinosi

5 Ogni persona (bambino, giovane e adulto) DICHIARAZIONE MONDIALE SULL’EDUCAZIONE PER TUTTI Dare risposte ai bisogni fondamentali d’apprendimento [UNESCO: Conferenza mondiale sull’educazione, 1990] dovrà poter beneficiare di opportunità educative progettate per rispondere ai loro fondamentali bisogni di apprendimento. Questi bisogni comprendono sia gli strumenti essenziali di apprendimento (literacy, espressione orale, numeracy, e problem solving) sia i contenuti di base (conoscenze, abilità, valori e attitudini) necessari agli essere umani per poter sopravvivere, sviluppare le loro capacità, vivere e lavorare dignitosamente, partecipare pienamente allo sviluppo, migliorare la qualità della loro vita, prendere decisioni e continuare ad apprendere Un punto di partenza Mariella Spinosi

6 Obiettivi Europei 2004: Consiglio e Commissione – metodo aperto di coordinamento (investimenti sui punti chiave; apprendimento permanente; l’Europa dell’istruzione e della formazione) Mariella Spinosi 1993 Libro bianco – Delors: Crescità, competitività, occupazione 1995 Libro bianco – Cresson: Insegnare ed apprendere verso la società conoscitiva (la formazione per lo sviluppo economico e per l’occupazione) 2002: Lisbona: aumentare la qualità e l’efficacia dei sistemi di istruzione e di formazione; facilitare l’accesso ai sistemi di…; aprire i sistemi di… al mondo esterno 2003: Consiglio europeo di Lisbona livello di rendimento medio ed indicatori

7 Imparare a conoscere conciliando una cultura generale sufficientemente vasta (il "passaporto per l'educazione permanente") con lo studio approfondito di un numero ristretto di materie Imparare a fare sottolineando il passaggio dal concetto di abilità a quello di competenze e la possibilità di alternare scuola e lavoro Imparare ad essere richiamando l'attualità delle raccomandazioni contenute nel Rapporto Faure (Unesco, 1972) I Pilastri dell’educazione Mariella Spinosi J. Delors, “Nell’educazione un tesoro” 1996 Imparare a vivere insieme sviluppare la conoscenza degli altri popoli, della loro storia, delle tradizioni e della loro spiritualità, creare una nuova mentalità che stimoli la realizzazione di progetti comuni e una gestione intelligente e pacifica degli inevitabili conflitti.

8 Lisbona 2002 Ministri dell’istruzione e commissione europea 1.Migliorare la qualità e l’efficacia dei sistemi d’istruzione e formazione nell’UE alla luce delle nuove esigenze della società della conoscenza e dei modelli didattici e di apprendimento in evoluzione 1.Facilitare a tutti l’accesso ai sistemi di istruzione e di formazione alla luce del principio guida dell’apprendimento permanente promuovendo l’occupabilità, lo sviluppo professionale, la cittadinanza attiva, le pari opportunità e la coesione sociale 1.Aprire i sistemi d’istruzione e formazione al resto del mondo alla luce dell’esigenza fondamentale di rafforzare i legami con il mondo del lavoro e la società e di affrontare le sfide derivanti dalla globalizzazione Mariella Spinosi Obiettivi strategici

9 Migliorare la qualità e l’efficacia dei sistemi d’istruzione e formazione nell’UE 1.Creare un ambiente aperto per l’apprendimento 2.Accrescere l’attrattiva dello studio 3.Sostenere la cittadinanza attiva, le pari opportunità, la coesione sociale Facilitare a tutti l’accesso ai sistemi di istruzione e di formazione 1.Migliorare l’istruzione e la formazione per insegnanti e formatori 2.Sviluppare le competenze per la società della conoscenza 3.Garantire a tutti l’accesso alle TIC 4.Incoraggiare e intraprendere studi scientifici e tecnici 5.Sfruttare al meglio le risorse 1.Rafforzare i legami con il mondo del lavoro, della ricerca, con la società in genere 2.Sviluppare lo spirito imprenditoriale 3.Favorire lo studio delle lingue straniere 4.Aumentare la mobilità e gli scambi 5.Rafforzare la cooperazione europea Aprire i sistemi d’istruzione e formazione al resto del mondo Lisbona 2002 Ministri dell’istruzione e commissione europea Mariella Spinosi

10 Attestare al almeno il 12,5% il livello medio di partecipazione della popolazione adulta in età lavorativa (25-64 anni) all’apprendimento lungo l’arco della vita (LLL) Lisbona 2003 Consiglio Europeo Mariella Spinosi Livello di rendimento medio ed indicatori Arrivare ad una percentuale media di abbandoni non sup. al 10% Aumentare i laureati in matematica scienze e tecnologie almeno del 15% Diminuire lo squilibrio tra i sessi nello studio delle materie scientifiche e tecniche Aumentare almeno fino all’85% la percentuale dei 22enni che dovrebbero completare un ciclo d’istruzione sec. sup. Diminuire di almeno il 20% la percentuale di 15enni con scarse capacità di lettura

11 Le competenze chiave Quadro di riferimento europeo Espressione culturale Mariella Spinosi Comunicazione nella lingua materna Comunicazione in una lingua straniera Cultura matematica e competenze di base in scienze e tecnologie Cultura digitale Capacità di apprendere ad apprendere Competenze interpersonali, interculturali e sociali Spirito d’impresa

12 Competenze di cittadinanza Educazione alla cittadinanza democratica [ECD] a Rafforzare la coesione sociale e della solidarietà nella società bEsigere i propri diritti, ma essere‘responsabili’ cioè capaci di dare risposte consapevoli ai problemi e alle questioni che pone la vita dei singoli, della società europea e di quella mondiale c Poter beneficiare di un tenore di vita soddisfacente dRiconoscere gli stessi diritti a ciascuno, indipendentemente dalla sua età, dal suo sesso biologico o psicologico, dalla sua religione e dalla sua appartenenza etnica. eSaper esercitare i diritti dell'uomo, della democrazia, della tolleranza e del rispetto reciproco fSuperare l'idea di tolleranza per arrivare ad un rispetto autentico ed un'accettazione della differenza L’educazione alla cittadinanza democratica riguarda la persona e le sue relazioni con gli altri, la costruzione di identità personali e collettive, la promozione di una cultura della democrazia e dei diritti dell'uomo. Mariella Spinosi

13 La cittadinanza e i valori 2000 – Cracovia, Consiglio d’Europa, Ministri dell’istruzione dei paesi membri –Rafforzamento della cultura democratica –Lotta contro la violenza, la xenofobia, il razzismo, il nazionalismo aggressivo, l’intolleranza –Consolidamento della coesione sociale, della giustizia sociale e del bene comune –Adattamento ai diversi contesti nazionali, sociali, culturali e storici Educare alla cittadinanza significa riferirsi all’insieme delle attività educative, formali e non formali che vengono sviluppate non soltanto all’interno dei sistemi scolastici, ma anche in contesti extrascolastici per consentire ai giovani, ma anche agli adulti, di acquisire le competenze necessarie ad esercitare i propri diritti e i propri doveri e a partecipare attivamente alla vita democratica della propria società Mariella Spinosi 2002 – Raccomandazione del comitato dei ministri in cui si chiede ai Paesi membri di fare dell’educazione alla cittadinanza democratica un obiettivo prioritario delle politiche e delle riforme educative – Anno europeo della cittadinanza attraverso l’educazione

14 Epistemologia come geografia della ragione umana Episteme [scienza] Analisi ed esplicitazione critica del modello contemporaneo della scientificità Logos [discorso] Mariella Spinosi

15 Epistemologia come teoria generale della conoscenza Si occupa del sapere scientifico: L’epistemologia è lo studio dei criteri generali che permettono di distinguere i giudizi di tipo scientifico da quelli di opinione tipici delle costruzioni metafisiche e religiose, delle valutazioni etiche ecc. In questo senso, l’epistemologia è considerata parte essenziale della filosofia della scienza scienze cd esatte [esempio: logica e matematica] [Esempio: fisica, chimica, biologia ecc; psicologia, sociologia, storiografia ecc.] scienze cd empiriche Mariella Spinosi

16 Epistemologia come attività speculativa L’epistemologia scopre ed indica i criteri per distinguere le proposizioni scientifiche da quelle non scientifiche. Esplicitazione consapevole e sistematica del metodo e delle condizioni di validità delle asserzioni scientifiche Mariella Spinosi Studia criticamente la struttura formale della scienza

17 Epistemologia come giurisprudenza scientifica indaga le condizioni dei saperi empirici, soprattutto nel campo delle scienze della natura e della materia, in relazione a: L'epistemologia novecentesca ha rinunciato, però, ad interrogarsi sui fondamenti della verità Mariella Spinosi Questo compito spetterebbe più, nella nostra cultura, alla metafisica

18 Novecento: secolo della “divisione”… Nel Novecento le scienze incominciano ad articolarsi ulteriormente L'epistemologia in senso stretto nasce col problema della demarcazione tra ciò che è scienza e ciò che scienza non è, presuppone, quindi la riflessione su Mariella Spinosi La filosofia del linguaggio, La logica La matematica L’epistemologia in senso stretto Lo strutturalismo La fenomenologia, L’ermeneuticaL’esistenzialismo… – filosofia del linguaggio – metodi – organizzazione interna – risultati delle varie scienze

19 Correnti filosofiche ApproccioApprocciocontemporaneo EmpirismoEmpirismo PositivismoPositivismo NeopositivismoNeopositivismo o empirismo logico Aristotele San Tommaso d’Aquino (precursori) Hobbes, Bacon, Locke, Berkeley, Hume (empirismo moderno) Galileo, Newton, Leibniz. (scienziati) Comte, Spencer, Ardigò… Estende il metodo delle scienze positive a tutti i settori dell’attività umana, in quanto fondava la conoscenza sui fatti e rigettava ogni forma di metafisica Sostiene che le teorie devono basarsi sull’osservazione del mondo piuttosto che sull’intuizione o sulla fede Si assegna piena fiducia alla scienza positiva. Principale obiettivo è espellere la metafisica dalla scienza e consentire il pieno dispiegamento della razionalità umana Circolo di Vienna, Russell, Wittgenstein, Godel…. Hempel, Popper, Piaget, Geymonat, Kuhn, Feyerabend, Lakatos Evoluzione del pensiero epistemologico dal Positivismo logico e dal Falsificazionismo fino alle critiche verso “paradigmi” (in senso Kuhniano) di alcune scienze umane come la psicoanalisi, il comportamentismo, il marxismo… Mariella Spinosi

20 Che cos’è una scienza CON IL TERMINE “SCIENZA” si suole intendere il complesso organico e sistematico delle conoscenze che si posseggono intorno ad un determinato ordine di fenomeni e che abbiano una sufficiente unitarietà e siano giustificate in modo razionale Gli elementi che caratterizzano una scienza sono: il campo di indagine (la specificità) il metodo di indagine e gli strumenti il linguaggio o paradigma esplicativo (tipo di cause e leggi da individuare) il programma (aspetto della realtà su cui si vuole indagare) CON IL TERMINE “ESPERIENZA” si intende invece la conoscenza diretta delle cose e degli eventi acquisita nel tempo dall’individuo per mezzo dell’osservazione e della pratica diretta Mariella Spinosi

21 Storicizzando… Nella cultura greca e classica Parmenide Platone Aristotele Epistème: la conoscenza vera, cioè fondata sulla ragione, che si opponeva Doxa: conoscenza fondata sull’opinione, basata sui sensi e quindi ritenuta fallace Esiste anche l'opinione vera, avente piena validità pratica, che stabilizza e garantisce la verità fornendone le ragioni Classificò le scienze in a. teoriche, cioè con fini di conoscenza pura; b. pratiche, ovvero concernenti l'azione umana; c. poietiche, cioè riguardanti la produzione di oggetti o di effetti [facoltà creativa dell’uomo] Mariella Spinosi

22 Storicizzando… Concetto moderno di scienza La rivoluzione scientifica rinascimentale attribuì un peso rilevante all’aspetto empirico e ne rivalutò le finalità pratiche La conoscenza della natura non aveva l’obiettivo di comprendere le sue intime essenze ma soltanto di comprendere e descrivere alcune sue proprietà Sviluppo della Meccanica razionale come scienza capace di unificare tutte le scienze Superamento dell’assegnazione del carattere di oggettività alle entità indagate: “Senza la convinzione che con le nostre costruzioni teoriche è possibile raggiungere la realtà, non potrebbe esserci scienza” Mariella Spinosi Galilei Einstein Newton

23 Educazione L’educazione oggi viene definita come “apprendimento”, come modificazione stabile del comportamento, ma anche come socializzazione e come inculturazione, cioè: integrazione sociale e acquisizione di modelli culturaliL’educazione oggi viene definita come “apprendimento”, come modificazione stabile del comportamento, ma anche come socializzazione e come inculturazione, cioè: integrazione sociale e acquisizione di modelli culturali L’accento sulla “formazione” vuol dire sottolineare l’aspetto mirato ed intenzionale rispetto ad obiettivi ritenuti strategici sul piano della personalità, della cultura e su esiti professionali e produttivi determinatiL’accento sulla “formazione” vuol dire sottolineare l’aspetto mirato ed intenzionale rispetto ad obiettivi ritenuti strategici sul piano della personalità, della cultura e su esiti professionali e produttivi determinati Parlare anche di “istruzione” significa mettere in luce la centralità sempre maggiore dell’acquisizione di conoscenze ed abilità cognitive che possono consentire il controllo razionale dei processi di trasformazione futura della vita e del mondoParlare anche di “istruzione” significa mettere in luce la centralità sempre maggiore dell’acquisizione di conoscenze ed abilità cognitive che possono consentire il controllo razionale dei processi di trasformazione futura della vita e del mondo Mariella Spinosi

24 Scientificità delle conoscenze DAL PUNTO DI VISTA METODOLOGICO-DIDATTICO La scienza si basa su esperienze replicabili che autorizzano a fare generalizzazioni sensate e previsioni ragionevoli [sistema pratico-induttivo, empirico-sperimentale] Scienze reali, scienze “giovani” [es. la prossemica] Mariella Spinosi DAL PUNTO DI VISTA LOGICO-STRUTTURALE La scienza è costituita da un insieme ordinato e coerente di concetti ben definiti connessi in proposizioni [o ipotesi, o leggi, o relazioni] da cui altre sono deducibili secondo regole anch’esse ben definite [sistema ipotetico-deduttivo] Scienze formali, scienze “mature. [es. la matematica]

25 Scienze dell’educazione Le scienze dell’educazione possono considerarsi “scienze ancora giovani” 1. Emanazione della filosofia e primo costituirsi di “pedagogia della scienza” 2.Articolazione della pedagogia nelle scienze dell’educazione 3.Definizione del rapporto tra pedagogia generale e scienze dell’educazione 4.Definizione della pedagogia come scienza critica della formazione Dewey: “la pedagogia è una disciplina scientifica, ovvero che può utilizzare i metodi delle scienze sperimentali…” Mialaret, verso la fine degli anni ‘70 cercò di classificare le scienze dell’educazione in tre classi Visalberghi alla fine degli anni ‘70 divulga un testo nel quale propone 4 settori di sviluppo: psicologico, sociologico, metodologico-didattico, dei contenuti Il dibattito degli anni ‘80 e ‘90 si sviluppa su due termini chiave: criticità e formazione. Cambi propone uno schema in tre settori: scienze dell’educazione, pedagogia generale, filosofia dell’educazione Mariella Spinosi

26 Oggi… Si può affermare che… La pedagogia La didattica La didattica La psicologia La sociologia La sociologia … rappresentano i quattro grandi ambiti di studio che costituiscono le Scienze dell'educazione e hanno come fine quello di formulare ipotesi generali riguardo al comportamento umano… Mariella Spinosi Vengono definite scienze in quanto sono materie che si avvalgono, comunque, nello studio e nella ricerca di un metodo di tipo scientifico… esattamente come la chimica o la fisica cercano di trovare leggi generali per i fenomeni naturali

27 In particolare… La PEDAGOGIA si occupa dell'educazione della persona La SOCIOLOGIA prende in considerazione l'ambiente sociale e culturale in cui l'uomo vive e ne studia le interazioni. La DIDATTICA si interroga sulla metodologia da utilizzare per la trasmissione [costruzione] di saperi, conoscenze e competenze La PSICOLOGIA studia la psiche umana, i suoi nessi e le sue proiezioni Mariella Spinosi

28 La pedagogia Atto generale di riflettere sull’educazione e sulle attività che ad essa si collegano, sia direttamente, sia indirettamente La Pedagogia è la scienza dell'educazione chiamata al difficile compito di costruire una solida progettazione esistenziale… La Pedagogia mira ad una sempre più elevata e diffusa formazione in termini di costruzione di una persona equipaggiata di: VALORI ESISTENZIALI ["solidale” è persona impegnata a costruire - con gli altri - un mondo popolato di democrazia, di giustizia, di cooperazione, di pace] Mariella Spinosi per una persona in grado di respingere l'urto violento dei processi di omologazione generati da una società dei consumi e della cultura mediatica VALORI CULTURALI ["colta" è persona capace di pensare con la propria testa] VALORI CIVILI ["responsabile” è persona consapevole della non delegabilità dell'esercizio dei propri diritti di cittadinanza]

29 La didattica Nel linguaggio comune la didattica è sinonimo di Insegnamento e indica un’esperienza che ognuno può fare sia in maniera intenzionale sia accidentale Costituisce il “sapere” privilegiato della scuola e degli insegnanti. Mariella Spinosi Nel linguaggio più specifico la didattica corrisponde ad un “insegnamento formale”, cioè intenzionale e sistematico Autonomia del così detto “sapere pratico” [non subalterno al sapere teorico] Oggi la didattica ha una sua legittimazione epistemologica.

30 La psicologia Studia il comportamento dell’uomo e dell’animale La psicologia si presenta come una scienza interdisciplinare, nella quale confluiscono apporti di discipline diverse. Il termine psicologia deriva dal greco psyche = spirito, anima logos = discorso, studio La psicologia studia i rapporti che interconnettono un essere vivente all’ambiente in cui esso vive Include i processi mentali (intelligenza, memoria, percezione…) e le esperienze interiori o soggettive sia coscienti che inconsce Mariella Spinosi Indaga sul funzionamento della mente nel suo costante interagire

31 La sociologia Il campo di interesse della sociologia spazia dall'analisi dei brevi contatti fra individui anonimi sulla strada allo studio di processi sociali globali. le strutture socialile strutture sociali le regole socialile regole sociali I processiI processi La sociologia studia che uniscono (e separano) le persone non solo come individui ma come componenti di associazioni, gruppi ed istituzioni. Mariella Spinosi La sociologia è lo studio della vita sociale di uomini, gruppi e società Si occupa del nostro comportamento come esseri sociali


Scaricare ppt "Epistemologia Scienze dell’educazione Università di Bologna – Rimini Corso di Educatore sociale Università di Bologna – Rimini Corso di Educatore sociale."

Presentazioni simili


Annunci Google