La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Una politica finanziaria per il recupero di margini di redditività

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Una politica finanziaria per il recupero di margini di redditività"— Transcript della presentazione:

1 Una politica finanziaria per il recupero di margini di redditività

2 Vantaggi generati dallincremento della redditività La redditività misura il grado di soddisfazione economica dei portatori di interesse nella società La redditività rappresenta la manifestazione esterna del successo dellimpresa La redditività rappresenta la base per la solvibilità dellimpresa …

3 Vantaggi generati dallincremento della redditività: il CCNO Gli interventi sul CCNO non rivestono un ruolo critico sullequilibrio finanziario nel caso di imprese caratterizzate da discreta redditività Gli interventi sul CCNO possono aggravare pesantemente il grado di equilibrio finanziario delle imprese con bassi margini economici (possono rappresentare unopzione a disposizione per risolvere situazioni di equilibrio precario)

4 Vantaggi generati dallincremento della redditività: il CCNO Analizziamo il caso di imprese caratterizzate da: medesimo fatturato (Vendite = 100) medesimo grado di equilibrio finanziario (RO/OF = 2) medesima durata del ciclo del circolante (50 gg) differente redditività sulle vendite (ROS)

5 Vantaggi generati dallincremento della redditività: il CCNO Ipotizziamo che queste imprese ritengano opportuno aumentare le dilazioni di pagamento concesse ai propri clienti I tempi di incasso, pari a 90 gg, subiscono una variazione in aumento di 10 gg Incremento circolante =100/360 * 10 = 2,78 Incremento oneri finanziari (tasso di interesse = 7,5%) = 2,78 * 0,075 = 0,21

6 Vantaggi generati dallincremento della redditività: il CCNO Ipotesi 1 Ipotesi 2 Ipotesi 3 Ipotesi 4 Vendite100 RO ROS5%10%15%20% OF 12,557,510 RO / OF OF 22,715,217,7110,21 RO / OF 21,851,921,951,96 Differenza EBIT/OF0,150,080,050,04 Differenza %7,7%4,0%2,7%2,0%

7 Vantaggi generati dallincremento della redditività: GLO Più i margini sono elevati e minore è la rischiosità operativa potenziale del business A parità di incidenza percentuale dei costi fissi sul totale dei costi, limpresa con margini elevati avrà un minor grado di leva operativa

8 Vantaggi generati dallincremento della redditività: GLO Qual è il livello massimo di GLO di unimpresa? Il livello massimo corrisponde a una situazione di assenza di costi variabili Se tutti i costi operativi sono di tipo fisso, il margine di contribuzione corrisponde al fatturato

9 Vantaggi generati dallincremento della redditività: GLO GLO = MdC / RO In assenza di costi variabili: GLO = V/RO GLO max = 1/ROS Se ROS = 10% GLO max = 10 Se ROS = 20% GLO max = 5

10 Vantaggi generati dallincremento della redditività: GLO Confrontiamo due imprese caratterizzate da: medesimo fatturato (Vendite = 1.000) stesso rapporto tra costi fissi e costi variabili (3 ipotesi) differente redditività (ROS Primo caso: costi operativi = 900 Secondo caso: costi operativi = 800)

11 Vantaggi generati dallincremento della redditività: GLO Caso 1aCaso 1bCaso 1c Vendite1.000 CV MdC CF RO100 ROS10% GLO105,51

12 Vantaggi generati dallincremento della redditività: GLO Caso 2aCaso 2bCaso 2c Vendite1.000 CV MdC CF RO200 ROS20% GLO531

13 Opzioni per il recupero della redditività Percorso di sviluppo: si tratta di ricercare la maggiore redditività sviluppando o iniziando attività che presentano margini significativi Percorso di efficienza: si tratta di contenere sprechi e inefficienze al fine di raggiungere i medesimi risultati in presenza di minori investimenti, costi e risorse impiegate

14 Le possibili criticità di un piano di recupero della redditività Il percorso di sviluppo comporta la necessità di realizzare investimenti, quindi determina tipicamente un incremento del fabbisogno finanziario Il rilancio in termini di redditività deve passare anche attraverso unadeguata politica finanziaria che permetta di perseguire piani ambiziosi di sviluppo in un contesto di equilibrio finanziario

15 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero Possiamo formulare giudizi sulla bontà di un piano di sviluppo affidandoci sulla seguente regola: È bene crescere, mediante lincremento del livello di indebitamento, fino a quando ROA > i? ROE = (ROA + (ROA – i) * MT/CN) * RN / UC

16 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero Il ROA è un indicatore spesso utilizzato, ma dalla dubbia utilità nel caso in esame Il confronto con il tasso di interesse dovrebbe essere realizzato facendo ricorso allindicatore ROI ROI = RO / capitale investito in impresa dai soci (PN) e dai terzi finanziatori (PFN)

17 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero ROI = redditività complessiva lorda generata dalle risorse finanziarie impiegate ROI = misura del costo medio massimo delle risorse finanziarie sopportabile dallimpresa ROE = (ROI + (ROI – i) * MT/CN) * RN / UC

18 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero Situazione iniziale CI = 300D = 200 CN = 100 RO30 OF 6%-12 UC18 T (50%)-9 RN9 ROE9% ROI10% OF/D = i6% MT/CN2 RN/UC0,5 ROI – i4% (ROI – i) * MT/CN8%

19 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero Situazione iniziale CI = 400D = 300 CN = 100 RO40 OF 6%-18 UC22 T (50%)-11 RN11 ROE11% ROI10% OF/D = i6% MT/CN3 RN/UC0,5 ROI – i4% (ROI – i) * MT/CN12%

20 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero Situazione iniziale CI = 400D = 300 CN = 100 RO40 OF 7%-21 UC19 T (50%)-9,5 RN9,5 ROE9,5% ROI10% OF/D = i7% MT/CN3 RN/UC0,5 ROI – i3% (ROI – i) * MT/CN9%

21 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero Situazione iniziale CI = 500D = 400 CN = 100 RO50 OF 8,5%-34 UC16 T (50%)-8 RN8 ROE8% ROI10% OF/D = i8,5% MT/CN4 RN/UC0,5 ROI – i1,5% (ROI – i) * MT/CN6%

22 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero Formulare giudizi sulla capacità di sviluppo con indebitamento attraverso il confronto tra ROI e i presenta alcune criticità Il ROE non rappresenta un adeguato parametro per valutare la bontà di un piano di recupero Il ROE risente di scelte finanziarie che innalzano la redditività dei soci senza che limpresa abbia conseguito una maggiore redditività

23 Come formulare una valutazione sulla bontà del piano di recupero Più utile risulta il ROI, che si presenta come parametro di riferimento particolarmente interessante per un primo approccio alla valutazione di un piano di sviluppo Il ROI può essere utilizzato in chiave previsionale per determinare il livello minimo di redditività e il livello ottimale di redditività di un piano di sviluppo

24 ROI minimo RO – OF – T = RN = 0 RO – PFN*i – (RO * (1+CL) * IRAP + (RO – PFN*i) * IRES) = 0 CL = incidenza percentuale del costo del lavoro sul reddito operativo Aliquota IRAP = 3,9% Aliquota IRES = 27,5%

25 ROI minimo RO – PFN*i – (3,9% * RO * (1+CL)) – (27,5% * RO) + (27,5% * PFN * i) = 0 (0,686 – 0,039 * CL) * RO – 0,725 * PFN * i = 0 (0,686 – 0,039 * CL) * RO = 0,725 * PFN * i

26 ROI minimo RO / CI min = ROI min = (0,725 / (0,686 – 0,039 * CL)) * PFN/CI * i Maggiore è il tasso richiesto dai finanziatori e maggiore è lindebitamento esistente, maggiore deve essere il rendimento offerto dal piano di sviluppo

27 ROI obiettivo RO – OF – T = RN obiettivo RO – PFN * i – (RO * (1+CL) * IRAP + (RO – (PFN * i )) * IRES) = CN * K RO – PFN * i – (3,9% * RO * (1+CL)) – (27,5% * RO) + (27,5% * PFN * i) = CN * K

28 ROI obiettivo (0,686 – 0,039 * CL) * RO – 0,725 * PFN * i = CN * K (0,686 – 0,039 * CL) * RO = 0,725 * PFN * i + CN * K RO/CI obiettivo = (0,725 / (0,686 – 0,039 * CL) * PFN/CI * i + (1/ (0,686 – 0,039 * CL)) * CN/CI * K

29 ROI obiettivo Il ROI obiettivo dipende da: incidenza del costo del lavoro (variazioni di tale componente, tuttavia, non risultano particolarmente rilevanti ai fini dellanalisi) grado di leverage dellazienda richieste di remunerazione di terzi rendimento richiesto dai soci

30 ROI obiettivo (CL = 20%) LEVERAGE = CI / CN 10,02,01,1 Remunerazione soci e banche (%) Minimo (K = 0 ; i = 7%) 6,7%3,7%0,7% Uguale ( K = i = 7%) 7,8%8,9%10,0% Maggiore (K = 10% ; i = 7%) 8,2%11,1%14,0%

31 ROI obiettivo Salvo il caso in cui gli azionisti non vogliono essere remunerati, minore è il leverage (maggiore è il grado di capitalizzazione) e maggiore risulta essere la remunerazione da produrre Perché ciò accade anche quando K = i ?

32 ROI obiettivo Qualora soci e finanziatori richiedano la medesima remunerazione, il ROI deve essere comunque più elevato del tasso richiesto per tener conto delleffetto imposte Leffetto imposte è tanto più elevato quanto più la società è capitalizzata

33 Una guida per linterpretazione dei risultati ROI = RO / CI = ROS * Turnover ROI = RO/V * V/CI ROI = MdC/V * RO/MdC * V/CI

34 Una guida per linterpretazione dei risultati MdC/V rappresenta, come il ROS, una misura del margine applicato alle vendite A differenza del ROS, tiene conto dei soli costi variabili Lindicatore non subisce, in presenza di aumenti delle vendite, decrementi dovuti alla semplice ripartizione dei costi fissi su un maggior fatturato

35 Una guida per linterpretazione dei risultati ROI = MdC/V * RO/MdC * V/CI ROI = MdC/V * 1/GLO * V/CI Maggiori informazioni dal turnover possono essere ricavate scomponendo lindicatore nei rapporti V/CCNO e CCNO/CI

36 Una guida per linterpretazione dei risultati ROI = ((MdC / V) * (CCNO / CI)) / (GLO * (CCNO/V)) Il ROI risulta funzione diretta di: Marginalità sulle vendite (MdC/V) Efficienza nellimpiego di capitale (CCNO/CI): dato un certo capitale circolante netto fisiologico allattività, contenimenti del capitale complessivamente investito generano benefici in termini di redditività

37 Una guida per linterpretazione dei risultati Il ROI risulta funzione inversa di: Rischio operativo: maggiore è il GLO di unimpresa e minore risulta essere la redditività della stessa Rapporto CCNO/V: maggiore risulta essere il CCNO in rapporto alle vendite e minore risulta essere la redditività. Consente di verificare se a fronte di un aumento delle vendite il CCNO risulta essersi incrementato in misura più o meno proporzionale. Assume significato in ottica dinamica. Politiche commerciali che non generano aumenti proporzionali delle vendite comportano rinunce in termini di redditività

38 Una guida per linterpretazione dei risultati Le scelte di impresa possono essere determinate da particolari vantaggi fiscali Il ROI di unimpresa può essere condizionato in misura importante dalle variabili fiscali Esempio: distorsione generata dalla scelta tra dividendo e compenso amministratori per i soci-amministratori delle PMI

39 Dal reddito al valore EVA (euro) = UN – CN * K EVA (%) = ROE – K VAN = flussi di cassa operativi differenziali generabili da un progetto, attualizzati ad un tasso che corrisponde al WACC (weighted average cost of capital)

40 Dal reddito al valore Occorre sviluppare due business plan per limpresa: quello base e quello di sviluppo, orientato allimplementazione del piano impostato per il recupero di redditività In tal modo si ha la possibilità di ricavare i flussi di cassa operativi dei due piani e di ottenere i flussi differenziali

41 Dal reddito al valore Lattualizzazione dei flussi di cassa differenziali, mediante lapplicazione di un opportuno tasso di sconto rappresentativo del costo delle risorse finanziarie dazienda, permette di verificare se il piano remunera o meno i finanziatori dimpresa ed eventualmente crea valore Il metodo porta a implementare i piani di sviluppano che creano valore e a rinunciare a quelli che lo riducono


Scaricare ppt "Una politica finanziaria per il recupero di margini di redditività"

Presentazioni simili


Annunci Google