La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 La valutazione degli investimenti Corso di Finanza dImpresa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 La valutazione degli investimenti Corso di Finanza dImpresa."— Transcript della presentazione:

1 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 La valutazione degli investimenti Corso di Finanza dImpresa

2 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Programma La valutazione degli investimenti: una applicazione Il calcolo del VAN; Il calcolo dellIRR.

3 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Lanalisi economico – finanziaria degli investimenti Gli elementi rilevanti ai fini di una corretta analisi economico – finanziaria sono i seguenti: -il rischio; -il rendimento; -il tempo; -la flessibilità o la possibilità di reinvestire i flussi intermedi in altre attività finanziarie; -la dimensione dei flussi di cassa.

4 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Alcune rappresentazioni di investimenti Tempo Fc Tempo Fc Tempo Fc

5 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ I flussi di cassa di un investimento: caratteristiche I flussi di cassa rilevanti ai fini di una corretta analisi economico e finanziaria si presentano come flussi con le seguenti caratteristiche: -Monetari; -Al netto delle conseguenza fiscali; -Al lordo degli oneri finanziari; -Incrementali o differenziali (generati direttamente dallinvestimento).

6 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ I criteri di investimento I principali criteri di investimento usati dalle aziende sono: -Il Valore Attuale Netto – VAN (Net Present Value – NPV ); -Il Tasso Interno di Rendimento – TIR (Internal Rate of Return – IRR); -Il Tempo di Recupero (Payback Period);

7 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Il Valore Attuale Netto: la formula Si consideri un progetto con un orizzonte temporale di 5 anni, dove nel primo anno si prevede lesborso iniziale, e nei successivi 4 si percepiscono flussi di cassa annuali. La formula del VAN risulta pertanto la seguente: dove: F t = flussi di cassa positivi F 0 = esborso iniziale r = tasso di attualizzazione La formula generale è:

8 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Criterio decisionale basato sul VAN Il Valore Attuale Netto indica, in termini assoluti, quale è il valore netto creato dallaccettazione del progetto. Il criterio da seguire per progetti indipendenti basato sul VAN è: -Se VAN > 0 accettare il progetto -Se VAN < 0 rifiutare il progetto

9 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Il Tasso Interno di Rendimento (TIR) In altre parole, il TIR è quel tasso che azzera il VAN. Il TIR può anche essere visto come quel tasso massimo al quale prendere a prestito le risorse finanziarie per implementare il progetto, affinché permanga la sua convenienza economica. La formula del TIR è:

10 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Legame fra TIR e VAN Poiché, attualizzando i flussi di cassa al tasso interno di rendimento il VAN del progetto risulta zero, risulta evidente il legame fra TIR e VAN. VAN IRR = 18%

11 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Criterio decisionale basato sul TIR Uno dei vantaggi del TIR è che esso può essere utilizzato anche se non si conosce il tasso di attualizzazione. Il criterio decisionale per progetti indipendenti basato sul TIR è: - Se TIR > costo del capitale accettare il progetto - Se TIR < costo del capitale rifiutare il progetto

12 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/ Tasso Interno di Rendimento: avvertenze duso Fra i criteri decisionali basati sui flussi di cassa, il TIR è quello più utilizzato nelle analisi di investimento, poiché è relativamente semplice da calcolare e ben si adatta a logiche di tipo finanziario. Nella sua applicazione, quindi, bisogna tener presente che: -dal momento che il TIR è una misura percentuale di rendimento, tende a favorire la scelta di progetti di dimensione minore, sui quali è maggiormente probabile ottenere rendimenti percentuali elevati; -esistono delle situazioni in cui il TIR non può essere calcolato e, quindi, non può essere utilizzato come criterio decisionale.

13 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Le trappole del TIR Sebbene VAN e TIR siano formalmente equivalenti, la regola del tasso interno di rendimento contiene diverse trappole, quali: 1.Investimento o indebitamento? 2.Tassi di rendimento multipli 3.Progetti alternativi 4.La struttura per scadenza dei tassi di interesse 13

14 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Investimento o indebitamento? Non tutte le serie di flussi di cassa hanno valori attuali netti che diminuiscono con laumentare del tasso di sconto. Progetto Flussi di cassa (Euro) TIR (%) VAN al 10% C0C0 C1C1 A B Progetto A: operazione di investimento Progetto B: operazione di finanziamento Fonte: Brealey, Myers, Sandri, Principi di Finanza Aziendale 14

15 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Progetto B: il VAN diminuisce con il diminuire del tasso di sconto. Ciò è contrario alla relazione normalmente esistente tra valore attuale netto e tasso di sconto. Investimento o indebitamento? TIR=50% Operazione di finanziamento Operazione di investimento Fonte: Elaborazione su dati Brealey, Myers, Sandri, Principi di Finanza Aziendale 15

16 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Tassi di rendimento multipli Dal punto di vista matematico, il TIR può essere considerato come la radice dellequazione del valore attuale per i flussi di cassa. Nei progetti di tipo tradizionale in cui, a seguito di un investimento iniziale (negativo) vi è una serie di flussi in entrata (positivi), si registra un cambiamento di segno nei flussi di cassa e, quindi, una sola radice ed un solo TIR; viceversa, nei progetti con più cambiamenti di segno, ad esempio due, possono esistere due radici, quindi due TIR. In generale se la struttura dei flussi di cassa è: …- ++++… un solo TIR possibilità di avere due TIR 16

17 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Periodi Flussi di cassa (Euro, migliaia) Tassi di rendimento multipli VAN=0 sia con TIR=-50% che con TIR=+15,2% A causa del doppio cambiamento di segno nella serie dei flussi di cassa, allaumentare del tasso di attualizzazione, il VAN allinizio aumenta, dopo di che diminuisce. Valore attuale netto (Euro, migliaia) Tasso di attualizzazione (%) Fonte: Brealey, Myers, Sandri, Principi di Finanza Aziendale 17

18 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Progetti alternativi Progetto Flussi di cassa (Euro) TIR (%) VAN al 10% C0C0 C1C1 A B A volte può capitare di dover decidere tra progetti alternativi o reciprocamente esclusivi. Nellesempio si hanno due buoni progetti di investimento A e B, i cui TIR sono rispettivamente +100% e +75%. Tuttavia, B presenta un VAN maggiore e quindi si preferirà ad A, andando ad invertire lordine di scelta fra i due investimenti (il TIR di B, infatti, è minore di quello di A). Da questo esempio, dunque, si può comprendere come il TIR risulta inattendibile nella selezione di progetti di dimensioni diverse. Fonte: Brealey, Myers, Sandri, Principi di Finanza Aziendale 18

19 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 Progetti alternativi Risulta non affidabile anche quando bisogna ordinare progetti che presentano nel tempo modelli di flussi di cassa differenti. Progetto Flussi di cassa (Euro) TIR (%) VAN al 10% C0C0 C1C1 C2C2 C3C3 C4C4 C5C5 C… D … E … F … Nonostante il tasso interno di rendimento tenderebbe a favorire il progetto D, il VAN valutato ad un costo del capitale pari al 10%, identifica il progetto E come migliore. In questo caso, la motivazione per la quale il TIR può determinare un errore, consiste nel fatto che le entrate totali di E sono maggiori, ma tendono a verificarsi più tardi. Fonte: Brealey, Myers, Sandri, Principi di Finanza Aziendale 19

20 Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 La struttura per scadenza dei tassi di interesse Per semplicità, negli esempi precedenti si è ipotizzato che il tasso di attualizzazione fosse uguale per tutti i flussi di cassa. Ora si procede con una struttura in cui i tassi a breve siano diversi da quelli a lungo termine. La regola dice di accettare un progetto quando il TIR è maggiore del costo del capitale, ma in questo caso si riscontrerebbero delle difficoltà nel calcolo di questo valore (una media molto complessa dei vari tassi). Quindi, il TIR dovrebbe essere confrontato con il rendimento atteso di un titolo negoziabile che ha lo stesso rischio del progetto e presenta lo stesso modello temporale dei flussi di cassa. Una struttura per scadenza dei tassi di interesse del genere, quindi, determina delle criticità nellapplicazione della regola del TIR. 20


Scaricare ppt "Università Carlo Cattaneo Castellanza 21/01/2014 La valutazione degli investimenti Corso di Finanza dImpresa."

Presentazioni simili


Annunci Google