La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comunicazione Fondamenti della Musicale a.a. 2011-12 - LGCaprioli Musicologia (DEUMM, NG, MGG, Jams 1995) Dove nasce –la musicologia (Musikwissenschaft)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comunicazione Fondamenti della Musicale a.a. 2011-12 - LGCaprioli Musicologia (DEUMM, NG, MGG, Jams 1995) Dove nasce –la musicologia (Musikwissenschaft)"— Transcript della presentazione:

1 Comunicazione Fondamenti della Musicale a.a LGCaprioli Musicologia (DEUMM, NG, MGG, Jams 1995) Dove nasce –la musicologia (Musikwissenschaft) nasce in centro Europa nel corso del 1800 come scienza umana fortemente influenzata da principi positivistici. Qual è la sua origine –desume dalla storia dellarte per i suoi paradigmi storici e dagli studi letterari per i principi paleografici e filologici (Leo Treitler 1955) Di cosa si occupa –linvestigazione dellarte della musica come fenomeno fisico, psicologico, estetico e culturale

2 Oggetto della musicologia Musica come prodotto finito –filologia musicale e discipline affini Musica come atto in divenire (processo che coinvolge compositori, musicisti e ascoltatori) –interdisciplinarietà Sociologia Linguistica Antropologia Etnologia studi politici studi di genere FCM 2011/12

3 Nikolaus Forkel ( ), Allgemeine Geschichte der Musik (1788). Definisce gli ambiti disciplinari: –Fisica –Matematica –Grammatica dei suoni –Retorica –Critica della musica Friederich Chrysander ( ) Jahrbücher für musikalischer Wissenschaft (1863). Teorizza per la disciplina: –approccio razionalistico (scientifico) –metodo quantitativo François Joseph Fétis ( ), Historie de la Musique (1869), primo fondatore della musicologia comparata FCM 2011/12

4 Guido Adler ( ), Umfang, Methode und Ziel der Musikwissenschaft (1885), fissa lorigine, metodi e scopo della musicologia distinguendo gli ambiti tra: –Storico –Sistematico –Comparativo FCM 2011/12

5 Musicologia storica La storia della musica organizzata secondo criteri cronologici e storici (per epoche, popoli, imperi, nazioni, province, città, scuole, artisti). Paleografia musicale (semiografia) Storia ed interpretazione della scrittura musicale (notazione), soprattutto manoscritta Categorie principali Raggruppamenti di forme musicali Regole Norme usate dai compositori secondo il periodo storico Corpus normativo concepito dai teorici Regole desunte dalla prassi esecutiva Organologia Storia e classificazione degli strumenti musicali FCM 2011/12

6 Le scienze ausiliarie: Storia generale Paleografia Cronologia Diplomatica Bibliografia Scienze librarie e archivistiche Storia della letteratura Storia del linguaggio Storia delle liturgie Storia del mimo e della danza Statistica Storia delle istituzioni Storia della performance FCM 2011/12

7 Musicologia sistematica Studio della musica nei suoi aspetti normativi e nei suoi effetti percettivi Analisi e ricerca applicata a partire dalle norme Armonia (tonalità) Ritmo (dimensione temporale) Melodia (correlazione fra aspetti tonali e ritmici) Estetica e psicologia Definizione di bello musicale (giudizio di valore) Correlazioni di tipo percettivo Educazione musicale Insegnamento generale Didattica dellarmonia Didattica del contrappunto Didattica composizione Didattica dellorchestrazione Voce e strumento Musicologia comparata (musicologie) Studi comparati in Etnografia e Folklore FCM 2011/12

8 Le scienze ausiliarie: Acustica Matematica Fisiologia (sensazioni aurali) Psicologia (percezione aurale, criteri di giudizio, sfera affettiva) Logica (relativamente al pensiero musicale) Grammatica Metrica Retorica e poetica Didattica Filosofia Estetica FCM 2011/12

9 Evoluzione della sistematica come disciplina indipendente tende a riorientarsi, in senso interdisciplinare, verso tutte le discipline non- storiche Estetica Logica Psicologia e fenomeni cognitivi Linguistica Sociologia Semiologia tende a invadere ogni ambito della musicologia storica che può essere osservato in prospettiva sistematica FCM 2011/12

10 Psicologia della musica branca della Psicologia investiga tutti gli aspetti del comportamento musicale e dellesperienza musicale Psicologia della musica e cognitivismo –La psicologia cognitiva studia, dal punto di vista del comportamento e dei relativi processi mentali, i meccanismi di Percezione Apprendimento Problem solving Memoria Attenzione Linguaggio emozione –John Sloboda: sviluppo del metodo cognitivista in ambito musicale (1985, La mente musicale. Psicologia cognitiva in musica) FCM 2011/12

11 Ambiti di intervento –Abilità specifiche e processi dapprendimento della musica –Comportamenti musicali (danza e risposta emotiva allascolto) –Ruolo della musica nella formazione dellindividuo e del gruppo –Formazione del gusto –Indici strutturali dellascolto: melodia, fraseggio, armonia, tonalità, ritmo, metro, timbro –Performance Esecuzione da spartito Improvvisazione Assoli Esecuzioni in ensemble –Esposizione continuata alla musica (mentre si guida, si mangia, si fa shopping, si legge etc.) –Musica e ritualità (contesti religiosi, celebrativi, politici etc.) FCM 2011/12

12 Biopsicologia –Neuropsicologia Percezione –Psicoacustica Cognizione –Linguaggio –Formazione del pensiero –Consapevolezza –Apprendimento –memoria Emozione e motivazione Abilità –Talento –Creatività –Intelligenza FCM 2011/12

13 Periodo dello sviluppo Sviluppo nellarco intero della vita Salute Sviluppo della personalità Fenomeni di stress Terapie Disordini psicologici Psicologia sociale Psicologia cognitiva FCM 2011/12

14 Sociologia della musica Branca della Sociologia –il fenomeno sociale nel suo rapporto con lesperienza musicale. Si interessa di questioni relative alla ricezione –la composizione è prodotta in base ad una riflessione teorica precedente –la ricezione della musica, come quella di tutte le arti, implica un processo di adattamento (culturale, cognitivo, fisiologico, etc,) FCM 2011/12

15 Si interessa inoltre di questioni legate a –produzione –distribuzione –divulgazione –fruizione I sociologi analizzano la 'costruzione sociale' delle idee e dei valori estetici, piuttosto che la qualità 'intrinseca' degli oggetti musicali. Quanto più l'arte è soggetta a una distribuzione spaziale e temporale, tanto più essa viene progressivamente 'de-funzionalizzata' e quindi gradualmente 'esteticizzata' (considerata valida come cosa in sé) (Sorce-Keller) FCM 2011/12

16 La sociologia della musica si interessa –di forme del comportamento musicale dipendentemente dalla loro rilevanza sociale –a differenza dell'etnomusicologia, prevede o addiritura include analisi di tematiche politiche e culturali –i fattori estetici, in questo quadro, si legano fortemente a quelli etici e sono quindi oggetto d'interesse dei sociologi FCM 2011/12

17 Momento della produzione e sue modalità Funzione e destinazione originale della composizione Circostanze della sua diffusione e modo di tramandare la musica De-funzionalizzazione e sue caratteristiche. Ri-funzionalizzazione Ricezione. FCM 2011/12

18 La musica in quanto fenomeno massmediatico è oggetto di studio della sociologia delle comunicazioni di massa L'esperienza musicale si manifesta quale fenomeno comunicativo –il confronto con una pratica musicale genera un rapporto tra ascoltatore/esecutore osservabile dal punto di vista del comportamento socio-culturale. FCM 2011/12

19 John Sloboda, La mente musicale, Bologna, Il Mulino 2002 Michel Imberty, Suoni, emozioni, significati, per una semantica psicologica della musica, Bologna CLUEB 1986 Daniele Schön, Psicologia della musica, Roma Carocci 2007 Marcello Sorce-Keller, Musica e sociologia, Milano, Ricordi 1996 Antonio Serravezza, La sociologia della musica, Torino, EDT 1980 Mariselda Tessarollo, Lespressione musicale e le sue funzioni, Milano Giuffré 1983


Scaricare ppt "Comunicazione Fondamenti della Musicale a.a. 2011-12 - LGCaprioli Musicologia (DEUMM, NG, MGG, Jams 1995) Dove nasce –la musicologia (Musikwissenschaft)"

Presentazioni simili


Annunci Google