La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CHI LAVORA IN BIBLIOTECA? 1.La questione del bibliotecario scolastico: breve confronto con altri paesi 2.Le competenze del bibliotecario secondo le linee.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CHI LAVORA IN BIBLIOTECA? 1.La questione del bibliotecario scolastico: breve confronto con altri paesi 2.Le competenze del bibliotecario secondo le linee."— Transcript della presentazione:

1

2 CHI LAVORA IN BIBLIOTECA? 1.La questione del bibliotecario scolastico: breve confronto con altri paesi 2.Le competenze del bibliotecario secondo le linee Ifla 3.Quali servizi e quali priorità nella BS? 4.Formare le competenze mancanti

3 CHI LAVORA IN BIBLIOTECA? 5. Strumenti per formarsi: riviste, siti, corsi di formazione, convegni 6. La strategia del termitaio

4 1. Confronto con altri paesi Trigari Maria Luisa (1997), Prospetto comparato di sintesi sulle biblioteche scolastiche in Italia e in Europa, BS prevista dalla normativa per legge in: Finlandia,Liechtenstein, Svezia, Norvegia,Svezia, Spagna, Austria, Lussemburgo,Danimarca, Francia, Polonia Esempio di Danimarca e Francia

5 Italia: ex art.113, bibliotecari dellente locale, insegnanti coordinatori dei servizi di biblioteca (pochi), personale amministrativo lassenza del bibliotecario scolastico riflette lo scollamento BS/didattica e limita la proposta di attività Proposta di Ermanno Detti: cf: Lincomprensibile assenza. Biblioteche scolastiche e bibliotecario in VS, La rivista, n°17, 2006

6 Ermanno Detti (2006) Il bibliotecario deve possedere tutte le competenze di un bibliotecario e allo stesso tempo le competenze che gli permettano di muoversi allinterno di unistituzione educativa come la scuola.

7 2.Caratteristiche personale secondo IFLA 2002: deve avere competenze molteplici: nelle metodologie dapprendimento e nelle teorie delleducazione; nelle tecnologie dellinformazione; nella gestione e nel marketing ; deve avere un buon rapporto con bambini, giovani e adulti; avere conoscenza della letteratura, dei media e della cultura per bambini e ragazzi.

8 3.Quali servizi e quali priorità nella BS? Servizi : dai più semplici ai più complessi, possiamo dire che i servizi della BS dovrebbero essere: apertura prestito riproduzione information literacy organizzazione di laboratori rivolti ad alunni e a docenti preparazione di materiali per attività di approfondimento nelle varie discipline raccolta e archiviazione di materiale didattico prodotto da allievi e docenti avvio alla ricerca su più fonti formazione degli utenti (docenti e studenti).

9 Le risorse umane per la BS ATTIVITÀ elaborazione linee progettuali: stesura progetto- stesura regolamento- gestione acquisti- organizzazione attività e laboratori- gestione sito- coordinamento con altre commissioni- comunicazioni con lesterno Catalogazione RISORSA UMANA La Commissione Biblioteca, formata da almeno 5-6 persone e coordinata da un responsabile.Le ore effettuate possono essere retribuite col fondo incentivante.Il Responsabile della Biblioteca può inoltre richiedere lassegnazione della Funzione strumentale un membro della Commissione Biblioteca dotato di competenze informatiche e/o biblioteconomiche, che conosca il software utilizzato dalla scuola (il più diffuso è Winiride). Se disponibile, può svolgere tale funzione un collega esperto di informatica. In entrambi i casi le ore effettuate dovranno essere retribuite col fondo incentivante. Eventuali collaboratori esterni

10 Le risorse umane per la BS prestito se il prestito è gestito attraverso un software: un docente formato Se il prestito è gestito diversamente: studenti, seguiti da un insegnante, che svolgono lora alternativa genitori disponibili, ex-insegnanti della scuola in pensione e disponibili insegnanti in compresenza ore a disposizione eccedenti (anche se su queste è difficile contare) Le varie collaborazioni sono a costo zero

11 Le risorse umane per la BS Gestione iniziativeCommissione Biblioteca insegnanti esperti interni alla scuola alunni motivati alcune commissioni o il collegio docenti per attività specifiche personale esterno. Le varie collaborazioni, soprattutto quelle relative alla gestione di laboratori, possono essere retribuite dal fondo incentivante.

12 4. Formare le competenze mancanti Una volta stabilite le attività prioritarie della biblioteca, occorre dividersi i compiti e provvedere a formare le competenze mancanti (richiedere eventuali corsi di formazione nel Progetto Biblioteca che si presenta a inizio anno)

13 5. Strumenti per formarsi RIVISTE: Liber Andersen (vedi Annuario) Sfoglialibro Hamelin Fuorilegge (da gennaio 2009 on line) Pagine giovani (Gruppo Servizio Letteratura Giovanile) LG Argomenti Il pepeverde Biblioteche scolastiche ( , scaricabile da internet sito (cliccare: aree tematiche-biblioteche scoalstiche)www.biblioscuole.it

14 Siti ne/progetti/biblioteche-nelle-scuole.shtmlhttp://www.pubblica.istruzione.it/innovazio ne/progetti/biblioteche-nelle-scuole.shtml htmhttp://www.alice.it/library/law.lib/llawhome. htm 8/02/la-formazione-di-un-bibliotecario- scolastico/http://biblioragazzi.wordpress.com/2006/0 8/02/la-formazione-di-un-bibliotecario- scolastico/

15 Siti htmhttp://www.engheben.it/prof/zannoner/attivita'_biblioteca. htm

16 STRATEGIA DEL TERMITAIO (...) se nessuno sviluppo delle biblioteche scolastiche è pensabile in assenza di sistematici e intenzionali interventi istituzionali, altrettanto è vero che nessun intervento istituzionale produrrà risultati stabili se non esiste già nel concreto una realtà di cambiamento consapevole nelle scelte e nei comportamenti delle scuole. Rossella De Vecchi, Biblioteche scolastiche, 2003

17


Scaricare ppt "CHI LAVORA IN BIBLIOTECA? 1.La questione del bibliotecario scolastico: breve confronto con altri paesi 2.Le competenze del bibliotecario secondo le linee."

Presentazioni simili


Annunci Google