La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Empatia e prosocialità. Marco ha 8 anni e frequenta la terza elementare. Da alcune settimane assiste alle angherie che Carlo, un suo compagno, commette.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Empatia e prosocialità. Marco ha 8 anni e frequenta la terza elementare. Da alcune settimane assiste alle angherie che Carlo, un suo compagno, commette."— Transcript della presentazione:

1 Empatia e prosocialità

2 Marco ha 8 anni e frequenta la terza elementare. Da alcune settimane assiste alle angherie che Carlo, un suo compagno, commette ai danni di Luigi, da poco arrivato nella loro classe, più mingherlino degli altri e incapace di difendersi. Lo prende in giro, gli sottrae i materiali didattici, non gli dà tregua. Un giorno Marco sente di non poterne più e, rivolgendosi con rabbia verso il compagno, gli chiede di lasciare in pace Luigi.

3 Empatia e prosocialità Luisa, 13 anni, e sua sorella Marta, 15 anni, stanno guardando in televisione un documentario sulle drammatiche condizioni di vita dei bambini in una poverissima regione africana. Mentre scorrono le immagini di bambini denutriti, ammalati, costretti a crescere senza le adeguate cure di genitori o di altri adulti protettivi, Marta avverte un senso profondo di malessere che la spinge ad alzarsi esclamando: «Basta! Non ce la faccio più a vedere queste tragedie!». Torna nella sua camera e riprende le conversazioni interrotte con le amiche attraverso un social network. Luisa rimane invece calamitata dinanzi al televisore e prima di andare a dormire ripensa alle scene che ha visto proponendosi per lindomani di fare una donazione per unassociazione che si occupa di aiutare quei bambini, il cui conto corrente era stato comunicato durante il programma.

4 Empatia e prosocialità Lesperienza morale non è solo cognitiva ma ha unampia portata emotiva Lesperienza morale non è solo cognitiva ma ha unampia portata emotiva Le emozioni e i sentimenti accompagnano il comportamento morale e connotano gli schemi del Sé rispetto ad esso Le emozioni e i sentimenti accompagnano il comportamento morale e connotano gli schemi del Sé rispetto ad esso Alla base cè lempatia: abilità di provare sentimenti analoghi agli altri, pur non vivendo le stesse situazioni. Alla base cè lempatia: abilità di provare sentimenti analoghi agli altri, pur non vivendo le stesse situazioni.

5 Empatia e prosocialità (il modello di Hoffman) Cosa è lempatia? Lempatia è lattivazione di processi psicologi che fanno sì che una persona abbia sentimenti che sono più congruenti con la situazione di unaltra persona piuttosto che con la propria (Hoffman, 2000, p.30)

6 Empatia e prosocialità (il modello di Hoffman) Parole chiave: – Vittima: indica una persona che sperimenta una condizione di distress. – Distress: termine inglese solitamente tradotto con malessere o Sofferenza – Osservatore innocente (o semplicemente osservatore): indica la posizione di chi condivide empaticamente lo stato danimo di unaltra persona senza avere avuto alcun ruolo nel determinarlo. – Trasgressore: persona che può avere direttamente causato lo stato di sofferenza nella vittima e proverà reazioni emotive più complesse legate alla responsabilità, alla colpa ecc. – Simpatia: traduzione dellinglese sympathy

7 Empatia e prosocialità (il modello di Hoffman) I meccanismi dellattivazione empatica Modalità primitive di attivazione empatica Mimesi Condizionamento classico Associazione diretta Modalità mature di attivazione empatica Associazione mediata Assunzione di ruolo (role taking)

8 Empatia e prosocialità (stadi di sviluppo del distress empatico) Stadio 0: contagio emotivo Stadio 0: contagio emotivo Stadi immaturi Stadi immaturi Stadio I: empatia egocentrica (6 mesi), reazione al sentimento altrui ma ancora scarsa differenziazione tra sé e laltro Stadio I: empatia egocentrica (6 mesi), reazione al sentimento altrui ma ancora scarsa differenziazione tra sé e laltro Stadio II: empatia quasi egocentrica (2/3 anni); motivazione a prendersi cura dellaltro Stadio II: empatia quasi egocentrica (2/3 anni); motivazione a prendersi cura dellaltro Stadi maturi Stadi maturi Stadio III: empatia veridica (4/5 anni), in risposta alla situazione dellaltro, teoria della mente Stadio III: empatia veridica (4/5 anni), in risposta alla situazione dellaltro, teoria della mente Stadio IV: empatia per la condizione esistenziale dellaltro (età scolare), completo decentramento cognitivo Stadio IV: empatia per la condizione esistenziale dellaltro (età scolare), completo decentramento cognitivo

9 Empatia e prosocialità (limitazioni dellempatia) Over-arousal empatico: quando lempatia è eccessiva; rischio di deriva egoistica Bias empatici: Privilegiare lingroup Privilegiare lhic et nunc (qui ed ora)

10 Empatia e prosocialità (il passaggio dallempatia alla moralità) Il ruolo dei processi attribuzionali : rabbia empatica e ingiustizia empatica I principi morali: assolvono la funzione di guidare le persone nella decisione su chi aiutare, per quale motivo e in quale modo. Cura o giustizia? È necessaria la mediazione di processi cognitivi

11 Empatia e prosocialità (il passaggio dallempatia alla moralità) Il ruolo dei principi morali in rapporto allempatia Chi aiutare In che modo Caring giustizia equlibrio Legame diretto Legame indiretto Meriti Bisogni Uguaglianza reciprocità

12 Empatia e prosocialità (il contributo di Eisenberg) La simpatia è una risposta affettiva che frequentemente ha origine dallempatia, ma può derivare direttamente dalla perspective taking o da altri processi cognitivi; essa consiste in un sentimento di pena o preoccupazione per laltro che vive una condizione di disagio o bisogno ed è quindi concettualmente diversa dallempatia che è solo la condivisione dello stato emozionale dellaltro. Il personal distress è uno stato mentale focalizzato sul sé (self- focused), analogo a quella condizione che Hoffman definiva di over- arousal empatico, ed è una reazione emozionale avversiva al condividere vicariamente la sofferenza di un altro

13 Empatia e prosocialità (il contributo di Eisenberg: fattori che promuovono la prosocialità Temperamento Dialogo emozionale con le madri Bassa impulsività Contenimento dellansia nei bambini

14 Empatia e prosocialità (il contributo di Eisenberg: gli stadi del ragionamento morale- prosociale Un giorno Maria si reca alla festa di un suo amico. Lungo la strada vede una ragazza che è caduta e si è ferita a una gamba. Questultima chiede a Maria di andare a casa sua e chiamare i suoi genitori perché possano raggiungerla e portarla da un medico. Tuttavia se Maria va a chiamare i genitori della ragazza, arriverà in ritardo alla festa e non potrà divertirsi con i suoi amici.

15 Tab. 3.1 Stadi di sviluppo dellorientamento morale-prosociale secondo Eisenberg e collaboratori (adattata da Carlo, 2006) Livello di ragionamento morale prosociale Periodo in cui è più frequente Descrizione Orientamento edonistico pragmatico Età prescolare, primi anni scuola elementare Il comportamento del bambino è orientato al soddisfacimento dei propri bisogni e considera il proprio vantaggio nelle situazioni Orientamento verso i bisogni degli altri Età prescolare, ciclo scuola elementare Compare la preoccupazione per i bisogni fisici, materiali e psicologici degli altri in forme molto semplici Orientamento stereotipico, focalizzato allapprovazione Scuola elementare e scuola media Il bambino possiede una immagine stereotipato di chi siano le persone buone e cattive ed è preoccupato di ottenere lapprovazione degli altri Orientamento empatico Ultimi anni scuola elementare e scuola media Il ragionamento riflette una enfasi nel prendere la prospettiva altrui e sui sentimenti empatici verso gli altri Orientamento dei valori internalizzati Scuola superioreIl focus è sui valori e sulle norme internalizzati; è presente il desiderio di mantenere gli obblighi derivanti dagli impegni presi; credenze nella dignità, nei diritti, e nella eguaglianza.

16 Empatia e prosocialità (un quadro dinsieme) Una persona o un gruppo si trova in una condizione di sofferenza Mimesi Condizionamento classico Associazione diretta Associaizone mediata Role taking simpatia Rabbia empatica Personal distress Comportamento prosociale Relazione di cura Azione aggressiva verso il vittimizzatore Evitamento – fuga dalla situazione Situazione elicitante Meccanismi di attivazione empatica Rimodulazione dellempatia Azioni e strategie di coping I percorsi dellempatia Bias empatici Processi attribuzionali Principi morali Regolazione emotiva


Scaricare ppt "Empatia e prosocialità. Marco ha 8 anni e frequenta la terza elementare. Da alcune settimane assiste alle angherie che Carlo, un suo compagno, commette."

Presentazioni simili


Annunci Google