La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TEMI EVOLUTIVI La comparsa degli standard di riferimento La socializzazione morale Lemergere della coscienza morale e lobbedienza Il sé morale Latmosfera.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TEMI EVOLUTIVI La comparsa degli standard di riferimento La socializzazione morale Lemergere della coscienza morale e lobbedienza Il sé morale Latmosfera."— Transcript della presentazione:

1 TEMI EVOLUTIVI La comparsa degli standard di riferimento La socializzazione morale Lemergere della coscienza morale e lobbedienza Il sé morale Latmosfera morale

2 Gli standard di riferimento La comparsa degli standard di riferimento avviene spontaneamente intorno al secondo anno di vita, quando il bambino diviene consapevole che sé stesso, gli altri e gli oggetti fisici debbano corrispondere a particolari modelli normativi. Reazioni dei bambini a un giocattolo rotto: A 1 anno A 2 anni

3 Gli standard di riferimento La comparsa di standard normativi è anche associata alla comparsa della capacità di stabilire nessi causali fra gli eventi. Nel vedere un giocattolo rotto, i bambini, secondo Kagan, non sono colpiti solo dallatipicità della situazione, che potrebbe essere espressione di un atteggiamento conformistico, ma si interrogano su chi abbia alterato loggetto e causato il danno. il desiderio del bambino di aderire alla norma non dipende da imposizioni o volontà esterne, come quella dei genitori, ma dal valore prescrittivo intrinseco assegnato alla norma

4 Gli stadi della moralità secondo Kagan Inibizione di atti proibiti Rappresentazione di atti proibiti (standard normativi) Comparsa di empatia, colpa, vergogna I concetti semantici di buono e cattivo Concetti di equità e valori ideali

5 La socializzazione morale La teoria freudiana – origine del super-io Il comportamentismo

6 Con questa espressione si fa riferimento ad una situazione in cui un bambino mette in atto un comportamento ritenuto indesiderabile da parte del genitore il quale interviene allo scopo di prevenirlo, reprimerlo o modificarlo. Incontro disciplinare

7 Alla fine del secondo anno, i due terzi delle interazioni genitore-bambino possono essere connotati come incontri disciplinari durante i quali i genitori cercano di modificare alcuni comportamenti del bambino contro la sua volontà. Negli anni successivi tali incontri si riducono nel numero, pur mantenendo una frequenza di circa 50 al giorno ( Patterson e Forgatch, 1987). Frequenza degli incontri disciplinari

8 Disciplina imposta dal potere Si fonda sul principio di autorit à ; il bambino aderisce alle richieste genitoriali per paura Non favorisce l internalizzazione dei principi morali La disciplina basata sul ritiro dell amore Si fonda sulla relazione affettiva esistente tra genitore e bambino che aderisce alle richieste genitoriali per timore di perdere il loro affetto Non favorisce l internalizzazione dei principi morali Disciplina induttiva Si fonda sulla empatia e sulle capacit à di perspective taking del bambino che è stimolato dai genitori a mettersi nei panni dell altro e a valutare responsabilmente le conseguenze delle proprie azioni Favorisce l internalizzazione dei principi morali

9 La socialiazzione morale (Grusec e Goodnow) Laccuratezza della percezione: la chiarezza con cui il figlio percepisce i valori dei propri genitori; quanto maggiore è laccordo nella coppia genitoriale sui principi da impartire ai figli, tanto più questi li percepiranno chiaramente. – La ridondanza: la tendenza dei genitori a ribadire in più occasioni il proprio punto di vista ai figli, che in tal modo non avranno dubbi su quali siano i principi a cui i genitori aderiscono. – La coerenza – Un clima affettivo e relazionale positivo: – La flessibilità – Lappropriatezza del messaggio educativo – La compiacenza:

10 Obbedienza e coscienza morale OBBEDIENZA La risposta positiva alle richieste degli adulti La risposta positiva alle richieste degli adulti La precoce capacità di autoregolarsi La precoce capacità di autoregolarsi Richiede la capacità di iniziare, modulare o interrompere il proprio comportamento in accordo con le richieste dei genitori Richiede la capacità di iniziare, modulare o interrompere il proprio comportamento in accordo con le richieste dei genitori (Kopp, 1982 )

11 Lo sviluppo dellobbedienza nei primi anni di vita. Nel contesto dellobbedienza si tende a considerare una certa eterogeneità soprattutto per quanto riguarda le motivazioni Nel contesto dellobbedienza si tende a considerare una certa eterogeneità soprattutto per quanto riguarda le motivazioni Esistono due distinte forme motivazionali di obbedienza (Kochanska et. Al., 2000) : Esistono due distinte forme motivazionali di obbedienza (Kochanska et. Al., 2000) : Obbedienza consapevole ed Obbedienza situazionale

12 1.Obbedienza basta sullimpegno I Bambini accettano le richieste dei genitori, in particolare della madre come se fossero proprie. I Bambini accettano le richieste dei genitori, in particolare della madre come se fossero proprie. Seguono con entusiasmo le direttive della madre con un comportamento di autoregolazione Seguono con entusiasmo le direttive della madre con un comportamento di autoregolazione

13 2.Obbedienza situazionale 2. Obbedienza situazionale Anche se sostanzialmente collaborativi i bambini non fanno proprie, con entusiasmo, le richieste della madre Anche se sostanzialmente collaborativi i bambini non fanno proprie, con entusiasmo, le richieste della madre Appaiono dipendenti da un intenso controllo materno Appaiono dipendenti da un intenso controllo materno

14 Il sé morale – Il giudizio di responsabilità: prima di condurre a unazione morale, il giudizio morale deve passare attraverso il giudizio di responsabilità. Affinché unazione morale venga messa in atto è necessario che il soggetto avverta un senso di responsabilità per gli accadimenti. È un presupposto fondamentale perché si attivi quel sentimento di obbligatorietà allazione che caratterizza la condotta morale. – Lidentità morale: riguarda in che misura lessere morali è percepito come una caratteristica nucleare del senso del sé. – Self-consistency: secondo Blasi gli esseri umani hanno una naturale tendenza a vivere e comportarsi in modo coerente con limmagine che hanno di sé. Per cui se il senso del sé di un individuo è centrato sulle preoccupazioni morali, la spinta verso la coerenza funge da potente forza motivazionale per lazione morale

15 Latmosfera morale Lesperienza delle Just Community per la rieducazione di giovani delinquenti

16 In ambito scolastico – la percezione della scuola come istituzione (in che modo gli studenti valutano intrinsecamente la scuola); – lo stadio della comunità (il sentimento condiviso della comunità come valore a cui tendere); – il grado di collettivizzazione (quanto una norma viene condivisa dagli studenti); – la fase della norma (limpegno profuso dagli studenti affinché una norma venga rispettata); – lo stadio de

17 In ambito scolastico – il rispetto per lautonomia (riconoscere il diritto individuale di ciascuno ad agire in modo indipendente); – la non malvagità (non danneggiare gli altri); – la beneficenza (procurare benessere agli altri); – la giustizia (trattare gli altri in modo onesto); – la fiducia (agire secondo i principi della lealtà e della sincerità). Belonging e connectedness


Scaricare ppt "TEMI EVOLUTIVI La comparsa degli standard di riferimento La socializzazione morale Lemergere della coscienza morale e lobbedienza Il sé morale Latmosfera."

Presentazioni simili


Annunci Google