La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il lavoro per obiettivi e per progetti Dario Nicoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il lavoro per obiettivi e per progetti Dario Nicoli."— Transcript della presentazione:

1 Il lavoro per obiettivi e per progetti Dario Nicoli

2 Il progetto per il cambiamento Per raggiungere un cambiamento in una realtà complessa dove agiscono forze differenti e diversamente orientate, occorre la capacità di delineare un costrutto – il progetto - che definisca le forze attive nella direzione del cambiamento atteso, le risorse necessarie e le condotte da porre in atto.

3 Cultura progettuale Il progetto non è lunico ambito nel quale si sviluppa progettualità. Lorganizzazione deve essere dotata di una cultura progettuale diffusa, che consiste nella capacità di fronteggiare i compiti, ed i problemi connessi, con un atteggiamento positivo, teso a comprendere la loro natura e ad esercitarsi nella soluzione, verso il miglioramento continuativo.

4 Intesa progettuale Tutto ciò non è possibile realizzare né tramite una procedura routinaria e neppure per mezzo di una delega ad un gruppo di specialisti. E necessaria quindi la mobilitazione degli stessi attori del campo in cui si svolge il progetto, con il supporto necessario di esperti, tramite unintesa che prevede un assenso di fondo ed uno specifico apporto di ciascuno rispetto al fine convenuto.

5 Progetto / problema La progettazione ha perso nel tempo la sua valenza di realizzazione di disegni pensati in anticipo che chiedono solo di essere realizzati. Il progetto oggi viene sempre più assimilato allatto di risolvere un problema e ciò comporta la capacità di prevedere le condizioni atte ad accertare un evento che si presenta sempre come problematico ovvero non è perseguibile mediante il corso normale delle cose oppure in base alla mera applicazione di leggi oggettive ed a considerazioni soggettive di opportunità.

6 In situazione Lazione progettuale non è un artifizio astratto, svincolato dalla situazione reale. Risolvere un problema significa infatti studiarlo, e ciò comporta linteresse del soggetto a sua volta riferito ad unaspettativa e ad unintenzionalità che lo possa guidare. E solo attraverso il desiderio di risolvere qualcosa e di elaborare intenzionalità e aspettative che si potrà trovare lenergia atta ad intervenire per risolvere quel particolare problema. Lattore in tal senso non fa ricerca ma è in ricerca esprimendo così un coinvolgimento personale circa loggetto della sua azione (Kurt Lewin).

7 Cosa contraddistingue un progetto Un cambiamento atteso, definito preventivamente In termini osservabili \ misurabili Da ottenere mediante un processo Che coinvolge più persone \ ruoli \ funzioni E sì può valutare.

8 Un progetto non è Unintenzione Un pio desiderio Unagitazione sociale Un vincolo normativo.

9 Un progetto è Un impegno responsabile e condiviso per garantire il raggiungimento di obiettivi definiti.

10 Progettazione Lattività progettuale è un processo intenzionale, razionale (cioè dotato di senso specifico) e tendenzialmente orientato allo scopo; è inoltre un insieme più o meno fortemente strutturato di azioni finalizzate (e quindi una forma di organizzazione), il cui svolgersi – in un campo di risorse, vincoli ed opportunità – è caratterizzato e al tempo stesso condizionato dallintreccio continuo di strategie articolate.

11 Check-list sulle caratteristiche di un progetto 1.Finalità ed obiettivi 2.Contestualizzazione 3.Azioni 4.Responsabili 5.Criteri di qualità 6.Strumenti, mezzi, metodi 7.Risorse, tempi e scadenze 8.Verifiche e controllo 9.Valutazione 10.Flessibilità e tolleranza.

12 1. Intenzione progettuale 4. Progettazione 2. Disposizione degli attori 3. Condizioni di fattibilità 5. Implementa- zione 6. Verifica E valutazione

13 Dimensioni di unazione sociale Intenzione progettuale Rete progettuale Situazione di arrivo esiti del progetto : Beni e servizi Apprendimenti Socialità Situazione di partenza Ostacoli Leve Risorse Organizzazione

14 Elementi del progetto Intenzione: volontà e interesse verso un cambiamento Situazione di partenza: caratteristiche del contesto nel momento in cui si agisce su di esso Rete progettuale : insieme dei soggetti che concorrono allesito Risorse : materiale ed energie disponibili Ostacoli : tutti i fattori (altri interessi, carenza di risorse, resistenza anche passiva…) che si oppongono allesito progettuale Leve : opportunità su cui agire per superare gli ostacoli Organizzazione : struttura stabile di responsabilità, ruoli e procedure.

15 Rete progettuale Esistono due tipologie di rete: 1.la rete istituzionale, costituita dai vari attori che operano nel contesto delle politiche di riferimento 2.la rete professionale e volontaria, ovvero linsieme delle risorse mobilitate intorno ad azioni ed obiettivi ben definiti. Le reti possono essere temporanee/stabili, deboli/coese, monopoliste/pluraliste…). Occorre concentrarsi su reti che consentono di moltiplicare le opportunità di successo dellazione sociale.

16 Carattere critico del progetto Ogni progetto che mira ad un reale cambiamento di una situazione data rappresenta lintervento di un fattore critico e pertanto si dovrà confrontare con molteplici forme di opposizione se non di resistenze. Occorre distinguere tra: 1.una situazione in equilibrio (più difficile) 2.una situazione in disequilibrio (meno difficile). Ha maggiori possibilità di successo quel progetto i cui esiti apportano beneficio ai diversi attori (anche se si tratta di un caso ideale).

17 Progetto, per che cosa? Due sono i legami tra progetto (straordinario) ed attività ordinaria: Il progetto trae motivazioni e spunti dal contesto, in quanto tende a fronteggiare un problema che non è risolvibile con i mezzi ordinari. Solo se il problema è stato già elaborato ed ha prodotto spunti progettuali, lo si può fare oggetto di un progetto. Il progetto mira ad un risultato – uninnovazione - che non ne costituisce il primo scopo; il secondo consiste nel contaminare il modo di essere ordinario delle cose, attraverso il processo detto di trasferimento.

18 Rilevanza del fattore sensibile E decisivo per il successo di un progetto la presenza di un leader che sappia suscitare le risorse dei collaboratori e che disegni un legame tra il progetto stesso e le loro attese personali, comunicando una visione che consenta il superamento dello stato attuale delle cose. Nel contempo è decisivo il coinvolgimento delle persone che debbono andare oltre la logica prestativa quotidiana e mirare al risultato oltre che alla condivisione di uno stile di lavoro.

19 Rilevanza del controllo Un progetto, di media criticità, esige un controllo rigoroso che richiede: un coordinamento stabile e pressante lintesa su compiti e ruoli la scansione dei tempi la definizione degli output un processo di comunicazione un processo di condivisione un riconoscimento del contributo di tutti.

20 Il progetto si vede da… Dalla capacità di interiorizzare gli obiettivi Dal senso di appartenenza (noi) Dallassenza di una negoziazione continua degli apporti Dal fronteggiamento immediato degli eventi critici Dalla spinta collettiva a valorizzare i tempi e le risorse e non cadere nelle lamentazioni (impegno sistematico ad evidenziare i motivi per cui non si possono realizzare gli obiettivi visto lo stato delle cose) Dal clima di mobilitazione.

21 Esiti di un progetto sociale e loro controllabilità EsitiControllabilità Beni e servizi: incremento di risorse a carico di specifici target di utenti Buona per i beni, complessa per i servizi Apprendimenti: acquisizione di competenze che consentono di sviluppare un ruolo sociale Buona – anche se impegnativa - la valutazione finale, complessa quella ex post Socialità: incremento della rete di relazioni personali direttamente mobilitabili da un individuo per perseguire i suoi fini e migliorare la sua posizione sociale Complessa, specie per lattribuibilità certa dei fenomeni rilevabili allazione progettuale stessa

22 Processo di pianificazione Lettura del problema nel suo contesto di riferimento Individuazione delle componenti dell'obiettivo e delle risorse Elaborazione del progetto di azione Implementazione del progetto 4 Valorizzazione e potenziamento della qualità 5 Capitalizzazione degli esiti del ciclo di lavorazione 6

23 La valutazione nella teoria degli stakeholder (portatori di interessi) Anche nella riflessione economica, si pone laccento sulla capacità del progetto di incrementare non solo la redditività, ma soprattutto il valore dei diversi soggetti che sono portatori di interessi circa il progetto ed i suoi esiti. Tale valore implica un aumento di spendibilità sociale delle proprie prerogative, al fine di una maggiore accessibilità a beni e servizi anche simbolici (prestigio sociale).

24 Stakeholder nellazione sociale e loro interessi StakeholderInteressi CittadiniAumento di capitale sociale ovvero di legami che consentono maggiori opportunità di accesso a beni/servizi IstituzioniAumento di efficacia/efficienza delle politiche e di consenso Organismi sociali Aumento di opportunità di azione sociale efficace e riconosciuta Incremento di legami, di partecipazione, di intrapresa sociale, di riconoscimento.

25 Valutazione Ex ante (prima dellavvio del progetto) Fattibilità del progetto In itinere (lungo tutto il percorso progettuale) Monitoraggio circa la giusta direzione e possibilità di correzione Finale (al termine del tempo dato) Perseguimento effettivo degli esiti previsti per il tempo dato Ex post (a n___ mesi dalla fine del progetto) Perseguimento effettivo degli obiettivi che si rilevano dopo la fine del progetto

26 Approccio valutativo prevalente Viene meno lidea della valutazione come giudizio obiettivo da parte di un soggetto esterno: è inutile un apporto che intervenga a progetto concluso; inoltre non è possibile elaborare progetti bellè fatti che siano solo da attuare (principio di contingenza). Prevale lidea della valutazione come accompagnamento dellazione da parte di un soggetto terzo, il quale concorre alla riflessione della compagine progettuale ed alla opportuna riprogettazione continuativa, per mirare meglio gli esiti attesi.


Scaricare ppt "Il lavoro per obiettivi e per progetti Dario Nicoli."

Presentazioni simili


Annunci Google