La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 1 PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL: LA STRUTTURAZIONE DI UN FONDO E LATTIVITÀ DI FUND RAISING Lezione 7.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 1 PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL: LA STRUTTURAZIONE DI UN FONDO E LATTIVITÀ DI FUND RAISING Lezione 7."— Transcript della presentazione:

1 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 1 PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL: LA STRUTTURAZIONE DI UN FONDO E LATTIVITÀ DI FUND RAISING Lezione 7

2 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 2 Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital ci si riferiva allapporto di capitale azionario, da parte di operatori specializzati, nei confronti di imprese non quotate. Lobiettivo era quello di ottenere un capital Gain in sede di dismissione. Oggi Con venture capital ci si riferisce alle operazioni finalizzate a sostenere la nascita di nuove imprese, mentre con a sostenere la nascita di nuove imprese, mentre con private equity si intende l'insieme delle operazioni poste in essere per sviluppare attività esistenti o risolvere problemi connessi con la proprietà risolvere problemi connessi con la proprietà di un'impresa, incluso il fenomeno di un'impresa, incluso il fenomeno del passaggio generazionale. Italia Il private equity viene definito come attività di investimento nel capitale di rischio di imprese non quotate, con lobiettivo della valorizzazione dellimpresa oggetto di investimento ai fini della sua dismissione entro un periodo di medio lungo termine.

3 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 3 Le evoluzioni del mercato italiano Fino al 1986 Lattività di investimento diretto nel capitale di rischio di imprese industriali non quotate era tassativamente preclusa alle aziende di credito e agli istituti centrali di categoria. Dal 1987 La banca dItalia autorizza le aziende di credito e gli istituti centrali di categoria, ad operare nel capitale di rischio tramite società di intermediazione finanziaria di loro emanazione, le SIF. Con il TUF Viene introdotta la figura del gestore unico del risparmio attraverso la struttura della Società di Gestione del Risparmio ovvero le SGR.

4 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 4 Gli operatori in capitale di rischio in Italia Banche.Banche. SGR di fondi chiusi mobiliari.SGR di fondi chiusi mobiliari. Fondi paneuropei (banche, finanziarie e advisory companies di fondi chiusi internazionali).Fondi paneuropei (banche, finanziarie e advisory companies di fondi chiusi internazionali). Società finanziarie di partecipazioni.Società finanziarie di partecipazioni. Finanziarie pubbliche.Finanziarie pubbliche.

5 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 5 Avvio Sviluppo Cambiamento (MBO, turnaround, replacement) Venture Capital Private Equity Le fasi dellintervento

6 Gestione Finanziaria delle Imprese 6 Seed Start-up Expansion Turnaround Replacement Buyout Stadio di sviluppo dellimpresa Early-stage Venture capital Private equity Fonte: EVCA Cosè il Private Equity? Lezione 7

7 Gestione Finanziaria delle Imprese 7 1.Potenziale per risultati migliori nel lungo termine Impegni di lungo termine per realizzare tutto il potenziale insito nellinvestimento;Impegni di lungo termine per realizzare tutto il potenziale insito nellinvestimento; Gestione attiva di asset ben selezionalti;Gestione attiva di asset ben selezionalti; Investitori che possono « performare » meglio dei mercati di Borsa e di altre asset class.Investitori che possono « performare » meglio dei mercati di Borsa e di altre asset class. 2.Diversificazione del portafoglio Correlazione limitata con altre attività;Correlazione limitata con altre attività; Distribuzione su sottoclassi di attività anticicliche per generare ulteriori benefici;Distribuzione su sottoclassi di attività anticicliche per generare ulteriori benefici; Diversificazione geografica per beneficiare delle carattestiche di mercati differenti.Diversificazione geografica per beneficiare delle carattestiche di mercati differenti. 3.Abilità di trarre profitto da situazioni anticliche Gli investimenti effettuati durante e dopo le recessioni hanno mostrato le migliori performance.Gli investimenti effettuati durante e dopo le recessioni hanno mostrato le migliori performance. Le caratteristiche dellasset class Private Equity Lezione 7

8 Gestione Finanziaria delle Imprese Caratteristiche principali SeedStart-upExpansionBuyoutReplacement Età dellimpresa Da 0 a 2Da 2 a 3Da 3 a 55+ Caratteristiche dellinvestimento Investimento nella primissima fase di sperimentazione dellidea di impresa Investimento finalizzato allavvio di unattività imprenditoriale Investimento effettuato nella fasi di sviluppo di unimpresa Acquisizione della maggioranza o della totalità di unimpresa Riorganizzazione della compagine societaria di unimpresa Capitale impiegato per Effettuare ricerche, sviluppare il business plan e il concetto iniziale Rifinire il prodotto, iniziare a fare marketing e lanciare il prodotto sul mercato Finanziare laumento di produzione, lo sviluppo del mercato o del prodotto e del capitale umano Acquisire unazienda o una sua divisione con la partecipazione del management (interno o esterno) Acquisto delle quote di partecipazione di soci non più interessati a proseguire lattività Altro tipologie di private equity DistressedTurnaroundMezzaninoReal estate private equity PE per le infrastrutture Capitale impiegato per Acquisire equity o debito da una società in difficoltà finanziaria Finanziare unimpresa esistente in difficoltà finanziarie Fornire ad unimpresa debito subordinato (junior o non garantito) insieme allequity fornito dal fondo di buy out e al debito senior proveniente dalle istituzioni di credito e dalle banche. Investire in complessi immobiliari, commerciali o privati, con un mix di debito e equity. Investire in infrastrutture di trasporti, energia, utilities, sociali o TLC con un mix di debito e equity Fonte: EVCA Tipologia di investimenti Lezione 7 8

9 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 9 Il finanziamento allavvio Si intendono tutti gli interventi effettuati allo stadio iniziale del ciclo di vita di una attività imprenditoriale, con lobiettivo di supportarla ed agevolarne la fase di avvio.Si intendono tutti gli interventi effettuati allo stadio iniziale del ciclo di vita di una attività imprenditoriale, con lobiettivo di supportarla ed agevolarne la fase di avvio. Linvestitore istituzionale riveste un ruolo importante in tutte le fasi del processo di creazione di impresa: rifinire lidea, costruire il team, reperire i finanziamenti, realizzare la fase di start up.Linvestitore istituzionale riveste un ruolo importante in tutte le fasi del processo di creazione di impresa: rifinire lidea, costruire il team, reperire i finanziamenti, realizzare la fase di start up. Il contributo dellinvestitore si concretizza, oltre che nellapporto di risorse finanziarie, anche nel trasmettere al nuovo imprenditore capacità manageriali e competenze aziendali.Il contributo dellinvestitore si concretizza, oltre che nellapporto di risorse finanziarie, anche nel trasmettere al nuovo imprenditore capacità manageriali e competenze aziendali.

10 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 10 Gli investitori tendono ad acquisire partecipazioni di maggioranza.Gli investitori tendono ad acquisire partecipazioni di maggioranza. La centralità del business plan nella fase di avvio del rapporto tra imprenditore ed investitore.La centralità del business plan nella fase di avvio del rapporto tra imprenditore ed investitore. Limportanza del fattore innovazione.Limportanza del fattore innovazione. Le peculiarità dellinvestimento in settori high tech.Le peculiarità dellinvestimento in settori high tech. Il finanziamento allavvio

11 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 11 Early stage financing Seed financing Bisogna identificare le potenzialità di un prodotto ancora da sviluppare Venture Capital Tecnicoscientifiche FaseValutazioniCompetenzeOperatore Start up financing Bisogna identificare la validità commerciale del prodotto Venture Capital Tecnicoscientifiche First stage financing Bisogna identificare la validità commerciale del prodotto Venture Capital Analisi di mercato e potenzialità commerciali Rischio elevato Le principali tipologie di investimento

12 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 12 Il finanziamento per lo sviluppo Si intendono gli investimenti nel capitale di rischio di imprese già sviluppate che intendono, sulla base di diverse problematiche, consolidarsi, svilupparsi, avviare processi di aggregazione o accedere alla quotazione.Si intendono gli investimenti nel capitale di rischio di imprese già sviluppate che intendono, sulla base di diverse problematiche, consolidarsi, svilupparsi, avviare processi di aggregazione o accedere alla quotazione. Modalità di sviluppo: aumento o diversificazione della capacità produttiva, acquisizioni, integrazione con altre realtà imprenditoriali.Modalità di sviluppo: aumento o diversificazione della capacità produttiva, acquisizioni, integrazione con altre realtà imprenditoriali. Il contributo dellinvestitore istituzionale si concretizza in differenti aspetti, legati anche alla tipologia di sviluppo intrapresa: apporto di risorse finanziarie, consulenza, sviluppo della struttura organizzativa, network di conoscenze, affiancamento nella ricerca di sinergie ed economie di scala.Il contributo dellinvestitore istituzionale si concretizza in differenti aspetti, legati anche alla tipologia di sviluppo intrapresa: apporto di risorse finanziarie, consulenza, sviluppo della struttura organizzativa, network di conoscenze, affiancamento nella ricerca di sinergie ed economie di scala.

13 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 13 Il finanziamento per lo sviluppo Le potenziali imprese target: spesso si tratta di imprese di medie dimensioni, sufficientemente mature per intraprendere un processo di espansione a livello nazionale/internazionale.Le potenziali imprese target: spesso si tratta di imprese di medie dimensioni, sufficientemente mature per intraprendere un processo di espansione a livello nazionale/internazionale. Linvestitore si rivolge alle imprese ritenute potenzialmente in grado di intraprendere significativi processi di sviluppo, di consolidamento e di ampliamento, legati a strategie di medio/lungo termine.Linvestitore si rivolge alle imprese ritenute potenzialmente in grado di intraprendere significativi processi di sviluppo, di consolidamento e di ampliamento, legati a strategie di medio/lungo termine. Maggiore complessità tecnica, nonché a livello di valutazione dellopportunità, rispetto alle operazioni di finanziamento allavvio.Maggiore complessità tecnica, nonché a livello di valutazione dellopportunità, rispetto alle operazioni di finanziamento allavvio.

14 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 14 Le principali tipologie di investimento Expansion financing FaseValutazioniCompetenzeOperatore Second stage financing. Sulla possibilità di aumentare la capacità produttiva Private equity Conoscenza del mercato Third stage financing Lancio di nuoviLancio di nuovi prodotti; prodotti; acquisizione diacquisizione di società società concorrenti concorrenti Private equity Conoscenza del mercato Bridge financing Sul momento opportuno per effettuare la quotazione Private equity Mercato di Borsa

15 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 15 Si tratta di operazioni di acquisizione, realizzate attraverso metodologie di investimento tecnicamente ad elevato grado di complessità.Si tratta di operazioni di acquisizione, realizzate attraverso metodologie di investimento tecnicamente ad elevato grado di complessità. Il ruolo delloperatore è quello di supportare finanziariamente il cambiamento dellassetto proprietario, sostenendo il nuovo gruppo imprenditoriale nellacquisizione dellattività ceduta.Il ruolo delloperatore è quello di supportare finanziariamente il cambiamento dellassetto proprietario, sostenendo il nuovo gruppo imprenditoriale nellacquisizione dellattività ceduta. Il cambio radicale di proprietà dellimpresa è una esigenza che può nascere da diversi motivi, tra cui: volontà di liquidare una attività aziendale o un ramo di essa, crisi nel passaggio generazionale, processi di privatizzazione.Il cambio radicale di proprietà dellimpresa è una esigenza che può nascere da diversi motivi, tra cui: volontà di liquidare una attività aziendale o un ramo di essa, crisi nel passaggio generazionale, processi di privatizzazione. Le principali tipologie di investimento Buy Out

16 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 16 Le principali tipologie di investimento Leveraged Buy Out Si intende una qualsiasi acquisizione di società effettuata ricorrendo in misura prevalente al capitale di debito e limitando linvestimento finanziario del compratore, in termini di capitale di rischio, solamente ad una parte circoscritta del prezzo.Si intende una qualsiasi acquisizione di società effettuata ricorrendo in misura prevalente al capitale di debito e limitando linvestimento finanziario del compratore, in termini di capitale di rischio, solamente ad una parte circoscritta del prezzo. Importanza della struttura finanziaria.Importanza della struttura finanziaria. Il processo di acquisizione lascia lazienda acquisita con un rapporto di indebitamento più elevato di quanto non fosse prima dellacquisto.Il processo di acquisizione lascia lazienda acquisita con un rapporto di indebitamento più elevato di quanto non fosse prima dellacquisto. Il rimborso del debito avviene attraverso i flussi di cassa operativi prodotti dallazienda oggetto di acquisizione.Il rimborso del debito avviene attraverso i flussi di cassa operativi prodotti dallazienda oggetto di acquisizione.

17 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 17 Le principali tipologie di investimento Holding Target Azionisti della target Finanziatori Fase 2 Fase 4 Fase 3 Fase 1 finanziamento non garantito pagamento costituzione fusione Leveraged Buy Out

18 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 18 Le principali tipologie di investimento Le fasi di unoperazione di Leveraged Buy Out FASE 1 Costruzione della Newco e versamento del capitale di rischio. di rischio. FASE 2 Una o più società finanziarie concedono un finanziamento alla Newco, per un ammontare tale da coprire, sommato alla Newco, per un ammontare tale da coprire, sommato a quanto già versato in conto capitale dai soci, il prezzo a quanto già versato in conto capitale dai soci, il prezzo di acquisto delle azioni dellimpresa target. di acquisto delle azioni dellimpresa target. FASE 3 La Newco acquista le azioni della target. FASE 4 La Newco si fonde con la target.

19 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 19 Le principali tipologie di Buy Out Buy out Buy in BIMBO Public to Private

20 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 20 Le principali tipologie di investimento Acquisto, da parte di un operatore specializzato in attività di venture capital, di azioni o quote societarie al fine di sostituire quella parte dellazionariato che non è più interessata al proseguimento dellattività aziendale. Replacement Capital

21 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 21 Le principali tipologie di investimento È una metodologia di investimento che ha come oggetto il raggruppamento di società operative indipendenti, integrabili verticalmente od orizzontalmente e caratterizzate da considerevoli similitudini in caratterizzate da considerevoli similitudini in termini di prodotti, mercati, tecnologie. Cluster Venture

22 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 22 Le principali tipologie di investimento Turnaround Financing Si tratta di interventi di ristrutturazione di imprese che attraversano, nella fase di maturità del proprio ciclo di vita, uno stato di crisi strutturale, risolvibile unicamente attraverso un radicale avvicendamento del gruppo proprietario/manageriale ed un solido piano di ristrutturazione. attraverso un radicale avvicendamento del gruppo proprietario/manageriale ed un solido piano di ristrutturazione.

23 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 23 I veicoli FondoSGR Struttura italiana azionisti gestorefondo sottoscrittori StrutturaInternazionale GeneralPartner gestore LimitedPartner L.P. L.P. L.P. sottoscrittori Limited partnership

24 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 24 Tipologie di fondi SGRFONDOCHIUSO RETAILRISERVATI QUOTATINONQUOTATI

25 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 25 Mesi Elaborazione progetto Costituzione SGR Autorizzazione SGR Approvazione regolamento Attivit à di pre-funding Attivit à di fund raising La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: Timing....24

26 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 26 La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 1° Step Studio di fattibilit à e bozza del regolamento del fondo contenente: le caratteristiche del fondo e dellattività di investimento;le caratteristiche del fondo e dellattività di investimento; le modalità di sottoscrizione ed il mercato di riferimento;le modalità di sottoscrizione ed il mercato di riferimento; il regime delle spese;il regime delle spese; le forme di pubblicità previste;le forme di pubblicità previste; le politiche di distribuzione dei proventi.le politiche di distribuzione dei proventi. tempo richiesto: 2 mesi

27 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 27 La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 2° Step tempo richiesto: 4 mesi costituzione della SpA (1 mese circa);costituzione della SpA (1 mese circa); autorizzazione di Banca d Italia all esercizio dell attivit à di gestione (3 mesi circa dalla presentazione della domanda);autorizzazione di Banca d Italia all esercizio dell attivit à di gestione (3 mesi circa dalla presentazione della domanda); il termine di 3 mesi può essere interrotto se la documentazione è incompleta.il termine di 3 mesi può essere interrotto se la documentazione è incompleta. Processo di autorizzazione per avviare loperatività della Società di Gestione del Risparmio (SGR): della Società di Gestione del Risparmio (SGR):

28 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 28 La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 3° Step tempo richiesto: 3 mesi Approvazione in via ordinaria del regolamento del fondo da parte di Banca dItalia. tempo richiesto: 2 mesi Approvazione dei c.d. Schemi di regolamento riconosciuti da parte di Banca dItalia.

29 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 29 La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 3° Step Regolamenti approvati in via generale: il regolamento, dopo il fund raising, viene approvato dal CdA della SGR e trasmesso a Banca dItalia. Silenzio-Assenso 1 mese Nel caso in cui la SGR abbia già istituito almeno un altro fondo, il regolamento sia uno schema riconosciuto e il fondo sia riservato a investitori qualificati. Nel caso di regolamenti di fondi riservati che differiscono dal regolamento di altri fondi già operativi della SGR solo per scopo, oggetto, politica di investimento, regime delle spese. Silenzio-Assenso 2 mesi

30 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 30 La strutturazione di un nuovo fondo chiuso: 4° Step tempo richiesto: 3-12 mesi Pre-funding, attivit à di promozione e funding: durante il pre-funding è importante attrarre sottoscrittori con un elevata reputazione perch é danno valore al lancio del veicolo;durante il pre-funding è importante attrarre sottoscrittori con un elevata reputazione perch é danno valore al lancio del veicolo; il funding può iniziare anche prima dell approvazione del regolamento del fondo.il funding può iniziare anche prima dell approvazione del regolamento del fondo.

31 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 31 La raccolta: 5° Step La raccolta si articola in 4 fasi 1. preparazione e distribuzione del materiale di marketing; di marketing; 2. incontri con i potenziali investitori; 3. preparazione della documentazione legale; 4. chiusura. tempo richiesto: 6-24 mesi

32 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 32 La raccolta Preparazione e distribuzione del materiale di marketing In questa fase si redige il placement memorandum. Il management del fondo deve riuscire a sintetizzare ciò che è stato fatto in passato, con le relative performance ottenute, come pensa di agire per mantenere o migliorare tali risultati e quale è il proprio vantaggio competitivo rispetto ad altri soggetti (ciò che dovrebbe indirizzare la scelta verso il proprio fondo). Un placement memorandum deve contenere la descrizione di tutti i termini e delle condizioni, previste dal regolamento includendo, quindi, dati e prospetti a proposito di: dimensione e durata del fondo;dimensione e durata del fondo; dimensione delle quote di partecipazione e meccanismo didimensione delle quote di partecipazione e meccanismo di drawdown; drawdown; politiche di investimento;politiche di investimento; politiche di distribuzione dei proventi e ripartizione costi trapolitiche di distribuzione dei proventi e ripartizione costi tra fondo e gestore; fondo e gestore; management fee;management fee; costi di organizzazione e struttura;costi di organizzazione e struttura; altri costi;altri costi; attività di reporting verso gli investitori.attività di reporting verso gli investitori.

33 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 33 La raccolta Incontri con i potenziali investitori Anche se il target è identificato, numerosi sono i contatti da attivare e spesso si ricorre al Placement Agent, il quale si occupa di: Generare contatti Redigere linformation memorandum

34 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 34 La raccolta Preparazione della documentazione legale Accanto al regolamento del fondo possono essere sottoscritti accordi di altro tipo. Per chi non utilizza la struttura giuridica delle SGR, tutti gli accordi delle parti sono nello statuto delle società veicolo e nella documentazione legale (patti parasociali).

35 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 35 La raccolta Chiusura Il closing può avvenire anche in caso di over o under closing e la sottoscrizione delle quote avviene di conseguenza e come previsto dal documento. Laddove le condizioni economiche saranno modificate, verrà inviato alla Banca dItalia il regolamento definitivo.

36 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 36 Start-up fee media 1,5% Management fee media 2,0% Carried interest medio 20% Hurdle rate medio 7% Caratteristiche delle commissioni

37 Gestione Finanziaria delle Imprese Considerazioni chiave: 1. Strategia di investimento; 2. Track record; 3. Team di investimento; 4. Dimensione del portafoglio; 5. Origine, esecuzione, monitoraggio dellinvestimento e uscita dal fondo; 6. Numero e varietà di investimenti; 7. Qualità dei servizi del reporting e dellamministrazione; 8. Altro (i.e. profili legali-fiscali). Capacità fondamentali Network Capacità di negoziazione Valore aggiunto strategico e operativo Corp. governance & monitoraggio del portafoglio Capacità di selezionare manager Competenze finanziarie Sviluppo contatti commerciali Abilità di un manager di PE di successo Fonte: EVCA Come si seleziona un fondo Lezione 7 37

38 Gestione Finanziaria delle Imprese 38 Metodi di investimento: 1)Investire direttamente in un fondo di private equity (quotato/non quotato/secondario); 2)Investire attraverso un fondo di fondi (quotato/non quotato/secondario) oppure affidarsi ad un advisor/gatekeeper; 3)Investire o co-investire direttamente in unimpresa. Come investire Lezione 7

39 Gestione Finanziaria delle Imprese 39 1)Investire direttamente in un fondo di private equity (quotato/non quotato/secondario). Fonte: EVCA Fondo PE Impresa Investitori Lezione 7 Metodi di investimento

40 Gestione Finanziaria delle Imprese 40 2)Investire attraverso un fondo di fondi. Investitori Fondi di fondi/ Consulenti/ Fondi di fondi secondari Fondo PE Impresa Fondo PE Consulenti Fondi o fondi di fondi di PE quotati Impresa Lezione 7 Metodi di investimento Fonte: EVCA

41 Gestione Finanziaria delle Imprese 41 3)Investire o coinvestire direttamente in unimpresa privata. Investitori Impresa Lezione 7 Fonte: EVCA Metodi di investimento

42 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 42 I nuovi mestieri: Fondi Infrastrutturali Principali caratteristiche dei fondi di private equity per le infrastrutture La raccolta dei fondi, rivolta per lo più ad investitori istituzionali di lungo La raccolta dei fondi, rivolta per lo più ad investitori istituzionali di lungo periodo ed in cerca di asset class stabilizzatori di portafoglio, prevede periodo ed in cerca di asset class stabilizzatori di portafoglio, prevede lutilizzo dei capitali entro un determinato periodo di tempo, tipicamente la lutilizzo dei capitali entro un determinato periodo di tempo, tipicamente la durata del fondo, compreso tra i 10 e i 15 anni. durata del fondo, compreso tra i 10 e i 15 anni. Tale tipologia di investimento ha come fine ultimo la creazione di valore in Tale tipologia di investimento ha come fine ultimo la creazione di valore in modo da ottenere dei rendimenti attesi dagli specifici investimenti. La modo da ottenere dei rendimenti attesi dagli specifici investimenti. La performance è, quindi, direttamente influenzata non solo dalla redditività performance è, quindi, direttamente influenzata non solo dalla redditività dellinvestimento, ma anche dai tempi di realizzazione. dellinvestimento, ma anche dai tempi di realizzazione. Nel project finance esiste il c.d. rischio amministrativo e normativo legato Nel project finance esiste il c.d. rischio amministrativo e normativo legato ai processi delle pubbliche amministrazioni. Risulta, quindi, necessario poter ai processi delle pubbliche amministrazioni. Risulta, quindi, necessario poter disporre di un quadro di norme chiaro, semplice e stabile, che possa disporre di un quadro di norme chiaro, semplice e stabile, che possa permettere agli operatori di programmare con relativa sicurezza i propri permettere agli operatori di programmare con relativa sicurezza i propri investimenti. investimenti.

43 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 43 I nuovi mestieri: fondi che investono nelle energie alternative Principali caratteristiche del settore investimenti di importo rilevante; investimenti di importo rilevante; tempi medi di ritorno dellinvestimento elevati; tempi medi di ritorno dellinvestimento elevati; elevato ricorso al debito; elevato ricorso al debito; rendimenti positivi non elevati ma stabili; rendimenti positivi non elevati ma stabili; basso rischio se comparato ad altre tipologie di investimenti in infrastrutture. basso rischio se comparato ad altre tipologie di investimenti in infrastrutture.

44 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 44 Attratività del settore Presenza di incentivi economici governativi di importo elevato (in Italia il Presenza di incentivi economici governativi di importo elevato (in Italia il nuovo Conto Energia); nuovo Conto Energia); rapido sviluppo delle tecnologie, che di fatto, hanno aumentato la resa della rapido sviluppo delle tecnologie, che di fatto, hanno aumentato la resa della fonte energetica. fonte energetica. prevedibilità e stabilità dei cash flows; prevedibilità e stabilità dei cash flows; I nuovi mestieri: fondi che investono nelle energie alternative

45 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 45 Fondi Specializzati Si sta affermando un nuovo modello di prodotto, focalizzato su uno specifico settore. Ad esempio sono nati alcuni fondi dedicati alla sanità (healthcare).

46 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 46 I Fondi di Secondario Sono fondi specializzati nellacquisto di quote di Fondi di private equity o pacchetti di partecipazioni di aziende in portafoglio. Danno liquidità al sistema.

47 Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 47 I Fondi di Fondi di private equity Soprattutto con riferimento alla realtà internazionale sono attivi Fondi di Fondi che offrono lopportunità di diversificare il rischio investendo in più fondi di private equity in diverse aree geografiche. Sono un importante strumento di raccolta, oltre che di investimento.


Scaricare ppt "Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 7 1 PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL: LA STRUTTURAZIONE DI UN FONDO E LATTIVITÀ DI FUND RAISING Lezione 7."

Presentazioni simili


Annunci Google