La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REDDITI DIMPRESA. Mario Miscali - Diritto Tributario - 20132 REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REDDITI DIMPRESA. Mario Miscali - Diritto Tributario - 20132 REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________."— Transcript della presentazione:

1 REDDITI DIMPRESA

2 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ FONTE LATTIVITA ECONOMICA DI IMPRESA

3 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ I PROFILI CIVILISTICI (art c.c.) I PROFILI TRIBUTARI (art. 55 e ss Tuir)

4 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Norme generali si occupano di tutti i componenti del reddito (es. artt. 55, 109, 110 Tuir) Norme particolari i singoli componenti positivi e negativi (es. art. 85 e art. 101 Tuir)

5 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ a)norme sulle fonti del reddito dimpresa art. 55 (Titolo I) b) norme sulla determinazione del reddito dimpresa: i) art. 56, co. 1 rinvio agli artt. 81 e ss (Titolo II) ii) artt regole integrative per imprenditori individuali e soc. persone (Titolo I)

6 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Le fonti del reddito dimpresa: lesercizio di imprese commerciali Lart. 55, co. 1 così dispone: per esercizio di imprese commerciali si intende lesercizio per professione abituale, ancorchè non esclusiva delle seguenti attività: anche se non organizzate in forma dimpresa a)attività di cui allart c.c. b)attività eccedenti i limiti del reddito agrario ex art. 32, co. 2, lett. b) e c) Labitualità si contrappone alla occasionalità: redditi diversi ex art. 67, co. 1, lett. i)

7 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Le fonti del reddito dimpresa (continua): le attività assimilate a quelle commerciali Lart. 55, co. 2, poi, include tra le attività commerciali produttive di reddito dimpresa anche: a)la prestazione di servizi non rientranti nellart c.c., se organizzate in forma dimpresa; b)lo sfruttamento di cave, miniere, torbiere, etc…; c)le attività agricole (anche rientranti nei limiti dellart. 32) esercitate da s.n.c. e s.a.s. o stabili organizzazioni di persone fisiche non residenti esercenti attività dimpresa

8 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ I destinatari delle norme sui redditi dimpresa sono: le persone fisiche gli enti non commerciali residenti (artt. 143 e 148) gli enti non commerciali non residenti (artt. 153 e ss.) gli enti commerciali non residenti (artt. 151 e ss) le stabili organizzazioni (art. 162) le società commerciali di persone (art. 6, co. 3) e di capitali (art. 73, co. 1; art. 75, co. 2) Chi può produrre reddito dimpresa?

9 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Le disposizioni relative alle modalità di determinazione del reddito dimpresa sono contenute: negli artt , per le persone fisiche (imprenditori) e le società di persone comm.li; nella Sezione I del Capo II del Titolo II (IRES) del Tuir (artt. 81 e ss) La determinazione del reddito dimpresa

10 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Se lattività dimpresa è svolta: in forma collettiva, cioè da una società commerciale (sia di persone che di capitali) il reddito prodotto, da qualunque fonte provenga, è sempre considerato reddito dimpresa in forma individuale, cioè da un imprenditore individuale (persona fisica) è necessario distinguere lattività dimpresa dalle altre attività (eventualmente) esercitate

11 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ La determinazione del reddito dimpresa per gli imprenditori individuali Per le società commerciali di persone (s.n.c./s.a.s.) e per gli imprenditori individuali il reddito dimpresa è determinato combinando le disposizioni contenute nel Titolo II del Tuir (per i soggetti passivi IRES) con le regole specifiche contenute negli artt (Titolo I), pensate per tenere conto della specificità di tali soggetti.

12 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ La determinazione del reddito dimpresa per gli imprenditori individuali (continua) Alcune regole specifiche riguardano: a)lautoconsumo di beni, il cui valore normale è ricompreso tra i ricavi (art. 57); b)tassazione separata delle plusvalenze derivanti dalla cessione di aziende (art. 58, co. 1) c)il regime pex, ove lesenzione è limitata al 50,28% dellammontare delle plusvalenze (art. 58, co. 2); d)il regime dei beni dimpresa, per il quale sono considerati beni relativi allimpresa anche i beni dellimprenditore indicati nellinventario ex art c.c. (art. 65)

13 Mario Miscali - Diritto Tributario REGIME DEI BENI RELATIVI ALLIMPRESA Quando un bene entra nel patrimonio aziendale, dando luogo così ad un costo fiscalmente deducibile, la sua uscita dal patrimonio dellimpresa stessa, in qualsiasi modo questa avvenga (es. vendita, donazione, assegnazione ai soci, ecc.), può generare un componente positivo imponibile TUTTI i beni appartenenti a SOCIETA COMM.LI IMPRENDITORI INDIVIDUALI: beni relativi allimpresa e beni personali REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Il regime dei beni dimpresa

14 Mario Miscali - Diritto Tributario Beni merce (art. 85) Beni plusvalenti (art. 86) Beni meramente patrimoniali Beni strumentali beni alla cui produzione o scambio è diretta lattività dimpresa, idonei a generare ricavi e iscritti nellattivo circolante Beni, diversi dai beni merce, iscritti tra le immobilizzazioni e idonei a generare plusvalenze o minusvalenze I beni plusvalenti si distinguono in: beni impiegati in maniera durevole nellimpresa, nellambito del ciclo produttivo (es. impianti, macchinari). Sono ammortizzabili. beni destinati durevolmente al patrimonio dimpresa per finalità dinvestimento o integrazione di disponibilità finanziarie. Non sono ammortizzabili. Il regime dei beni dimpresa (continua)

15 Mario Miscali - Diritto Tributario Il concetto di valore fiscalmente riconosciuto dei beni dimpresa le norme del TUIR attribuiscono un valore fiscale ad ogni singolo componente del patrimonio dimpresa. Questo valore viene chiamato valore fiscalmente riconosciuto REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Il regime dei beni dimpresa (continua)

16 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Il reddito dimpresa può essere determinato con: –Regime ordinario –Regime speciale: solo per alcune tipologie di impresa (art imprese minori); solo per alcune fasi dellimpresa (liquidazione, scissione, fusione..) La determinazione del reddito dimpresa per le imprese minori

17 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Determinazione del reddito complessivo (art. 83) Il reddito dimpresa si determina apportando allutile o alla perdita risultante dal conto economico relativo allesercizio chiuso nel periodo dimposta, le variazioni in aumento o in diminuzione conseguenti allapplicazione delle norme tributarie.

18 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ DETERMINAZIONE DEL REDDITO Conto economico documento che dimostra con evidenza e verità gli utili conseguiti e le perdite subite Dipendenza dal reddito dimpresa del conto economico (art. 2217, co. 2, c.c.) verità e correttezza

19 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Le variazioni in aumento al risultato del conto economico derivano da: norme tributarie che obbligano ad includere tra i componenti positivi proventi in tutto o in parte non imputati al conto economico (art. 85, co. 2, art. 84, co. 1, lett. c); norme tributarie che obbligano ad escludere dai componenti negativi – perché in tutto o in parte indeducibili, o perché in tutto o in parte deducibili in esercizi successivi – oneri imputati al conto economico (108, co. 2; art. 110, co. 4 (svalutazione crediti); art. 110, co. 10) Le variazioni in aumento

20 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Le variazioni in diminuzione al risultato del conto economico derivano da: norme tributarie che obbligano o consentono di escludere dai componenti positivi proventi imputati al conto economico (art. 91); norme tributarie che obbligano o consentono di includere tra i componenti negativi oneri non imputati al conto economico, perché non imputabili o perché imputati in precedenti esercizi (art. 108) Le variazioni in diminuzione

21 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ a)Il principio di inerenza b)Il principio di competenza economica c)Il principio di correlazione costi-ricavi d)Il principio di imputazione a conto economico I principi generali in materia di reddito dimpresa

22 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ PRINCIPIO DI INERENZA Nella determinazione del reddito dimpresa sono deducibili solo le spese che ineriscono strettamente lorganizzazione dimpresa, cioè quelle spese che sono sostenute in funzione dellattività dimpresa Principio di inerenza Norma senza disposizione (art. 109, co. 5?)

23 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ PRINCIPIO DI INERENZA (continua) Principio di inerenza Natura qualitativa, e non quantitativa, dellinerenza (Cass. 1/08/2000, n ; Cass. 27/04/2012, n. 6548) Lonere di dimostrare linerenza di un costo spetta al contri- buente (Cass. 25/02/2010, n. 4554; Cass. 21/04/2011, n. 9196)

24 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ PRINCIPIO DI INERENZA (continua) Dal 2004 sono deducibili anche i costi e le spese relative a beni o attività da cui derivano ricavi che non concorrono alla formazione del reddito in quanto esclusi (es. dividendi tassati parzialmente). Non concorrono a formare il reddito i costi e le spese relative a beni o attività da cui derivano ricavi che non concorrono alla formazione del reddito in quanto esenti. I costi e le spese che si riferiscono indistintamente a beni o attività da cui derivano sia ricavi tassati che ricavi non tassati sono deducibili solo in parte. Principio di inerenza

25 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ PRINCIPIO DI INERENZA (continua) costi neri (ossia costi non imputati ma relativi ai maggiori ricavi presunti in sede di rettifica) Costi relativi a comportamenti antieconomici Sanzioni Tangenti Principio di inerenza

26 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ PRINCIPIO DI COMPETENZA (art. 109, co. 1) Periodo dimposta individuato tenendo conto del momento in cui si perfeziona la fattispecie da cui i componenti negativi o positivi di reddito traggono giuridicamente origine a prescindere dal momento di pagamento o percezione Principio di competenza

27 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ ECCEZIONI AL PRINCIPIO DI COMPETENZA In relazione ad alcuni componenti del reddito di impresa individuati tassativamente il legislatore adotta il principio di cassa: in forza di tale principio il periodo di imposta deve essere identificato facendo riferimento al momento dell incasso del corrispettivo delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizio e a quello del pagamento del corrispettivo degli acquisti di beni e servizi. Ladozione del principio di cassa rispetto al principio di competenza è riferito al momento della percezione o dell incasso in luogo di quello del conseguimento e del pagamento/sostenimento. Principio di competenza

28 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ IPOTESI TASSATIVE Le deroghe al principio di competenza sono tassative e riguardano: Utili da partecipazioni in società ed enti soggetti a IRES (artt. 59, 89) Interessi di mora sia attivi sia passivi (art. 109, co. 7) Imposte - pagate nellanno – diverse da quelle sui redditi e da quelle per le quali è prevista la rivalsa (art. 99, comma 1, es. imposta di registro; imposte sulla pubblicità e pubbliche affissioni; tasse di concessione governativa; imposte di bollo; dazi doganali; etc..); per quanto concerne lIva, tale imposta quando rappresenta un costo (perché non detraibile) è deducibile per competenza; Principio di competenza

29 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ IPOTESI TASSATIVE (continua) Contributi ad associazioni sindacali o di categoria (art. 99, co. 3) Contributi in conto capitale e in conto impianti (art. 88, co. 3, lett. b) Compensi agli amministratori, ai promotori, ai soci fondatori (art. 99, co. 5) Principio di competenza

30 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ PRINCIPIO DI CORRELAZIONE COSTI - RICAVI I componenti negativi vanno correlati ai componenti positivi, con imputazione al periodo in cui i fattori della produzione contribuiscono alla produzione di componenti positivi (art. 109) Principio di competenza

31 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ NORME GENERALI SUI COMPONENTI DEL REDDITO DIMPRESA (art. 109, co. 1) I ricavi, le spese e gli altri componenti di cui nellesercizio di competenza non sia ancora certa lesistenza o determinabile lammontare, concorrono a formarlo nellesercizio in cui si verificano tali condizioni. Principio di competenza

32 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ CESSIONE E ACQUISTI DI BENI I corrispettivi delle cessioni si considerano conseguiti e le spese di acquisizione dei beni si considerano sostenute alla data della consegna o della spedizione per i beni mobili e della stipulazione dellatto per gli immobili e per le aziende o se diversa dalla data di stipula dellatto definitivo Principio di competenza

33 Mario Miscali - Diritto Tributario REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________ CORRISPETTIVI E SPESE DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZIO I corrispettivi delle prestazioni di servizio si considerano conseguiti e le spese di acquisto dei servizi si considerano sostenute alla data in cui le prestazioni sono ultimate o alla data di maturazione dei corrispettivi (locazione, mutuo, assicurazione) Principio di competenza


Scaricare ppt "REDDITI DIMPRESA. Mario Miscali - Diritto Tributario - 20132 REDDITI DI IMPRESA ________________________________________________________________________________________________________________________________________________."

Presentazioni simili


Annunci Google