La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Scuola estiva AiIG Strategia e gestione delle operations nelle reti di imprese Fare ricerca coi case study Maria Rita Tagliaventi Università di Bologna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Scuola estiva AiIG Strategia e gestione delle operations nelle reti di imprese Fare ricerca coi case study Maria Rita Tagliaventi Università di Bologna."— Transcript della presentazione:

1 1 Scuola estiva AiIG Strategia e gestione delle operations nelle reti di imprese Fare ricerca coi case study Maria Rita Tagliaventi Università di Bologna Bressanone, 16 settembre 2003

2 2 Temi trattati Definizione e finalità dei case study I case study qualitativi I case study quantitativi I case survey I case study nelloperations management Spunti di riflessione finale Breve bibliografia di riferimento

3 3 La fortuna dei case study nelle scienze sociali Ricerca su ABInform + Social Science Plus con le parole chiave Case + study dal 1990 al 2003, con peer review: –Circa articoli estratti –Discipline coperte: Comportamento organizzativo Accounting Health management Strategia Politiche istituzionali Pianificazione urbana …

4 4 Diversi case study per diverse visioni del mondo

5 5 Cosè un case study? Uno studio di casi è una ricerca che risponde a un quesito del tipo come o perché relativo a un insieme di eventi sui quali il ricercatore può esercitare nessuno o poco controllo (Yin, 1994). Un studio di casi è la storia di fenomeni passati o correnti tratta da multiple fonti. Può includere dati da osservazioni dirette, interviste sistematiche, archivi pubblici e privati. Ogni fatto rilevante per comprendere il flusso di eventi che attiene a quei fenomeni costituisce uninformazione potenziale in uno studio di casi, perché il contesto è importante (Leonard-Barton, 1990)

6 6 Principali interpretazioni riduttive del case study 1.I case study come ricerca e casy study come strumento didattico sono fortemente correlati 2.I casi study sono solo tipi di ricerche qualitative 3.I case study sono solo esplorativi 4.Ogni case study corrisponde a unosservazione. Più case study sono necessari per produrre risultati significativi. 5.I case study non utilizzano una procedura rigorosa. 6.Ognuno è in grado di condurre case study: non sono richieste abilità particolari. 7.I risultati dei case study non sono generalizzabili. Fonte: Ellram, 1996

7 7 Finalità dei case study Triplice valenza degli studi di caso (Eisenhardt, 1989; Yin, 1994): –Descrivere (descriptive) –Generare teorie (exploratory) Generalizzabili Grounded (Van Maanen, 1998; Strauss, 1987) –Testare ipotesi (explanatory)

8 8 Temi trattati Definizione e finalità dei case study I case study qualitativiI case study qualitativi I case study quantitativi I case survey I case study nelloperations management Spunti di riflessione finale Breve bibliografia di riferimento

9 9 Una classificazione delle ricerche qualitative

10 10 1.Definizione iniziale della domanda di ricerca 2.Selezione dei casi 3.Scelta delle tecniche e del protocollo –Analisi dei documenti –Analisi dei documenti, osservazioni, interviste… –Solo dati qualitativi, solo dati quantitativi o entrambi (triangolazione) –Più ricercatori Aumentare la creatività Significato di convergenza/divergenza sulle interpretazioni Fasi di un case study qualitativo Visite ai contesti in team Differenziazione dei ruoli allinterno dei team Team diversi per contesti diversi Le cerimonie di addio delle organizzazioni morenti: 8 organizzazioni pubbliche/private, dipendenti/indipendenti -diverse categorie, diverse cerimonie -cerimonie diverse per org. pubbliche e private a prescindere dallindipendenza -cerimonie diverse per org. dipendenti e indipendenti a prescindere dalla natura pubblica -cerimonie uguali per le diverse categorie

11 11 4.Lingresso nel campo –Sovrapposizione tra raccolta e analisi dei dati 5.Analisi delle evidenze empiriche di un singolo contesto (within-case): –Rapporti dettagliati, spesso descrittivi –Tecniche di codifica (Strauss e Corbin, 1990) –Singolo caso considerato isolato 6.Ricerca di similarità fra casi (cross-case): –Derivare categorie/dimensioni e vedere similarità allinterno di gruppi vs. differenze tra gruppi –Confrontare similarità/differenze tra coppie di casi –Suddividere i casi per tecnica di rilevazione –Suddividere i casi in gruppi da analizzare successivamente Fasi di un case study qualitativo

12 12 7.Costruzione di una teoria –Iterazione per trovare fit tra dati e teoria –Apportare evidenze per i costrutti –Le spiegazioni offerte dai dati qualitativi 8.Confronto con la letteratura: –Divergente –Concorde Fasi di un case study qualitativo

13 13 9.Chiusura della ricerca –Quando sono sufficienti i casi studiati? –Quando cessare literazione dati-teoria? –In quale forma presentare la teoria? Concetti Quadro concettuale Proposizioni Fasi di un case study qualitativo

14 14 Punti di forza: –Probabilità di generare nuova teoria: Solo specifica del contesto? Punti di debolezza: –Complessità della teoria generata –piccole teorie Punti di forza e di debolezza dei case study qualitativi

15 15 Applicabilità: –Studio di fenomeni nuovi, non studiati prima o per i quali ci sono evidenze discordanti Criteri di valutazione: –Emergere di una buona teoria –Rigore del processo –Emergere di una nuova teoria (novelty) Applicabilità e criteri di valutazione dei case study qualitativi

16 16 1.Il principio fondamentale del circolo ermeneutico 2.Il principio della contestualizzazione 3.Il principio dellinterazione fra ricercatore e attori del contesto 4.Il principio di astrazione e generalizzazione 5.Il principio del ragionamento logico 6.Il principio delle interpretazioni multiple 7.Il principio del sospetto Principi di valutazione di un case study di tipo qualitativo Klein e Myers, 1999

17 17 Temi trattati Definizione e finalità dei case study I case study qualitativi I case study quantitativiI case study quantitativi I case survey I case study nelloperations management Spunti di riflessione finale Breve bibliografia di riferimento

18 18 1.Formulare un quesito di ricerca 2.Esplicitare il quesito di ricerca in proposizioni 3.Definire lunità di analisi 4.Collegare i dati alle proposizioni formulate 5.Definire i criteri di valutazione dei risultati Fasi di un case study quantitativo

19 19 Due scelte necessarie prima di intraprendere un case study: –Singolo case study o case study multipli? –Una singola unità di analisi (olistico) o più unità di analisi (multi-livello)? Il disegno di un case study quantitativo

20 20 Motivi per un case study singolo: –Caso critico in una teoria consolidata –Caso estremo o unico –Caso rivelatore Motivi per case study multipli: –Risultati più convincenti –Studio più robusto Case study quantitativi singoli e multipli

21 21 Logica della riproducibilità, non del campionamento: –Stessi risultati (riproducibilità letterale) –Risultati diversi ma per cause prevedibili (riproducibilità teorica) Perché i case studies non rispondono alla logica del campionamento: –Non misurano lincidenza di un fenomeno –Considerano tanto il fenomeno quanto il contesto –Colgono anche temi inesplorati Case study multipli quantitativi

22 22 Quattro possibili configurazioni (Yin, 1994): –Casi singoli con una singola unità danalisi –Casi singoli con più unità danalisi –Casi multipli con una singola unità danalisi –Casi multipli con più unità danalisi Il disegno di un case study quantitativo

23 23 1.Formulare ipotesi da una teoria consolidata 2.Disegnare la ricerca: –Selezionare i casi e le unità di analisi –Definire le tecniche di raccolta dei dati e i protocolli di ricerca 3.Condurre un caso pilota 4.Condurre i case studies 5.Scrivere report individuali per ogni caso 6.Confrontare i casi 7.Modificare la teoria 8.Scrivere un report incrociato fra casi Il percorso di una ricerca con case study multiplo

24 24 Tecniche di rilevazione sul campo Analisi di documentie archiviAnalisi di documenti e archivi Osservazioni Interviste etnografiche Focus groups Analisi delle conversazioni Storie di vita (life histories) Critical Incidence Technique Storytelling …

25 25 Documenti e archivi Bilanci, budget, organigrammi etc. Documenti amministrativi, commerciali, di R&S etc. Lettere e appunti Agende, convocazioni di riunioni, verbali di riunioni Rapporti di consulenza Articoli di giornali e riviste Banche dati Siti Internet Newsletters …

26 26 Validità del costrutto: –Fonti di evidenze multiple –Catene di evidenze –Revisione da parte degli informatori Validità interna: –Pattern-matching –Explanation-building –Serie temporali Criteri per valutare la qualità di un case study quantitativo

27 27 Affidabilità: –Protocollo di case study –Database di case study Criteri per valutare la qualità di un case study quantitativo (2)

28 28 Temi trattati Definizione e finalità dei case study I case study qualitativi I case study quantitativi I case surveyI case survey I case study nelloperations management Spunti di riflessione finale Breve bibliografia di riferimento

29 29 Meta-analisi dei case study o case survey (Larsson, 1993) Vantaggi: –Combinare approccio idiografico e nomotetico –Codifiche multiple degli stessi dati –Nessuna preclusione iniziale sui casi –Possibilità di analizzare fenomeni nel tempo Problemi: –Numero di casi disponibili –Limitatezza delle informazioni contenute nei report –Qualità dei case survey legata alla qualità dei case studies –Semplificazione dei fenomeni nellanalisi aggregata Molti temi in pochi casi e pochi temi in molte osservazioni insieme?

30 30 1.Formulare le domande di ricerca iniziali 2.Definire i criteri di selezione 3.Definire i casi da studiare 4.Disegnare lo schema di codifica per trasformare i casi in variabili 5.Codificare i casi con raters multipli 6.Codificare i casi con gli autori partecipanti 7.Misurare interrater reliability 8.Risolvere discrepanze di codifica 9.Analizzare la validità statistica della codifica 10.Analizzare statisticamente linfluenza delle caratteristiche dei singoli case study 11.Analizzare statisticamente il data set creato 12.Scrivere il report Procedimento di un case survey

31 31 Temi trattati Definizione e finalità dei case study I case study qualitativi I case study quantitativi I case survey I case study nelloperations managementI case study nelloperations management Spunti di riflessione finaleSpunti di riflessione finale Breve bibliografia di riferimentoBreve bibliografia di riferimento

32 32 Ricerca basata su case study in operations management ampiamente utilizzata in Europa, infrequente negli Stati Uniti (Drejer, Blackmon e Voss, 1998) Le tecniche qualitative non sono diffuse nella ricerca su logistica, produzione e gestione dei materiali (Mentzer e Kahn, 1993), ma sono estremamente preziose (Ellram, 1996; Voss, Tsikriktsis e Frolich, 2002). I case study di operations management ammontano a solo il 4,94% dei paper pubblicati su riviste (Pannirselvan et al., 1999) Molti temi e teorie innovative in operations management, dalla produzione snella alle strategie di manufacturing, sono il frutto di ricerche sul campo basate su case study (Drejer, Blackmon e Voss, 1998) Case study sono particolarmente adatti alloperations management perché colgono tanto gli elementi concreti quanto gli elementi umani che lo caratterizzano (Drejer, Blackmon e Voss, 1998) e perché permettono di costruire/modificare teorie emergenti (McCutcheon e Meredith, 1993). I case study in OM

33 33 In conclusione… Case study per: –Costruire nuove teorie (exploratory e theory building) –Confutare/modificare teorie consolidate (explanatory, theory testing e theory extension/refinement) Case survey per coniugare approccio nomotetico e idiografico? Differente uso in prospettiva costruttivista e positivista

34 34 Bibliografia di riferimento Eisenhardt K.M. (1989), Building theories from case study research, Academy of Management Review, Vol. 14 No. 4, pp Dyer W. G. Jr. e Wilkins A.L. (1991), Better stories, non better constructs, to generate theory: A rejoinder to Eisenhardt, Academy of Management Review, Vol. 16 No. 3, pp Ellram L.M. (1996), The use of the case study method in logistics research, Journal of Business Logistics, Vol. 17 No. 2, pp Klein H.K., Myers M.D. (1999), A set of principles for conducting and evaluating interpretive field studies in Information Systems, MIS Quarterly, Vol. 23 No. 1, pp Larsson R. (1993), Case survey methodology: Quantitative analysis of patterns across case studies, Academy of Journal Journal, Vol. 36 No. 6, pp Rowley J. (2002), Using case studies in research, Management Research News, Vol. 25 No. 25, pp Voss C., Tsikriktis N. e Frolich M. (2002), Case research in operations management, International Journal of Operations & Production Management, Vol. 22 No. 2, pp Yin R.K. (1994), Case study research. Design and Methods, Sage Publications: Thousand Oaks.


Scaricare ppt "1 Scuola estiva AiIG Strategia e gestione delle operations nelle reti di imprese Fare ricerca coi case study Maria Rita Tagliaventi Università di Bologna."

Presentazioni simili


Annunci Google