La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I POLI DI INNOVAZIONE REGIONALI Arch. Andrea Zei Firenze, 16 Dicembre 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I POLI DI INNOVAZIONE REGIONALI Arch. Andrea Zei Firenze, 16 Dicembre 2010."— Transcript della presentazione:

1 I POLI DI INNOVAZIONE REGIONALI Arch. Andrea Zei Firenze, 16 Dicembre 2010

2 Il presente avviso è finalizzato a sostenere lattività di trasferimento tecnologico e di supporto allimprenditorialità, mediante la qualificazione dei centri di competenza che fanno riferimento ai centri servizi alle imprese e al sistema della ricerca pubblico, Università e Aree di ricerca del CNR

3 . Ambiti settoriali e applicativi dintervento Le candidature finalizzate allattivazione di un Polo di Innovazione ed allaccesso ai benefici previsti dal presente avviso possono essere presentate con riferimento ai seguenti Settori tecnologici/Applicativi: Moda (tessile, abbigliamento, pelletteria, concia, calzaturiero, orafo) Cartario Lapideo Nautico e Tecnologie per il mare Mobile e Arredamento Tecnologie per le energie rinnovabili e Risparmio energetico Scienze della vita Tecnologie dellICT, delle Telecomunicazioni e della Robotica Nanotecnologie Tecnologie per la città sostenibile Optoelettronica e Spazio Meccanica, con particolare riferimento al settore automotive e alla meccanica per i trasporti.

4 Per ciascuno dei suddetti Settori tecnologici / Applicativi, la Regione Toscana finanzierà un unico Polo, con eventuali possibili articolazioni tematiche al proprio interno, per il quale dovrà essere individuato un solo Gestore, avente personalità giuridica.

5 Ogni Polo adotterà un proprio Programma di attività di trasferimento di conoscenze e competenze tecnologiche e scientifiche di durata triennale, corredato di specifico business plan, per il conseguimento dei seguenti obiettivi operativi: stimolare e recepire la domanda di innovazione delle imprese aderenti al Polo e, in generale, delle PMI del settore tecnologico e applicativo di riferimento; accompagnare le imprese allaccesso di servizi specialistici ad alto valore aggiunto per sostenere la diffusione dellinnovazione fra le imprese del Polo e le imprese esterne;facilitare laccesso da parte delle imprese alla conoscenza scientifica e tecnologica, ed alle reti e alle risorse in ambito nazionale ed internazionale nel campo della ricerca scientifica e della innovazione di interesse industriale; garantire la condivisione di attrezzature e laboratori

6 Gli aiuti al funzionamento per l'animazione dei Poli possono essere concessi per: 1.Marketing per attirare nuove imprese nel Polo; 2.Gestione delle installazioni del Polo ad accesso aperto; 3.Organizzazione di programmi di trasferimento di conoscenze e competenze tecnico professionali, seminari e conferenze per facilitare la condivisione delle conoscenze e il lavoro in rete tra i membri del Polo.

7 Costi ammissibili a)Spese di personale Per spese di personale si intendono quelle finalizzate alla gestione, funzionamento e animazione del Polo di Innovazione, direttamente imputabili al progetto. In tale voce di spese sono comprese le spese di personale con contratto a tempo indeterminato, a tempo determinato e co.co.pro.

8 b) Spese per consulenze Per spese di consulenza si intendono quelle fornite da personale qualificato, ad alto contenuto specialistico, direttamente imputabili al progetto, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili. Non sono in alcun caso ammesse le consulenze a carattere ordinario di tipo fiscale, legale e amministrativo. Le consulenze ad alto contenuto specialistico dovranno essere attivate per prestazioni che non possono essere rese da personale dipendente del gestore del Polo ovvero da personale dipendente messo a disposizione da altri centri servizi o organismi di ricerca aderenti al polo. A tal fine dovrà essere resa disponibile da parte del soggetto gestore adeguata documentazione a dimostrazione della condizione di impossibilità di ricorrere al personale interno al Polo per lo svolgimento di tale attività. A tale proposito si richiede linserimento di dette consulenze e della loro quantificazione economica allinterno di una sezione dedicata del sito del soggetto gestore

9 c) Spese per materiale Per spese di materiale si intendono quelle di consumo e per test di laboratorio nella misura massima del 10% del costo totale ammissibile);

10 d) Spese per servizi esterni Per spese per servizi esterni si intendono quelle funzionali alla realizzazione delle attività progettuali nella misura massima del 20% del costo totale ammissibile (ad esempio organizzazione seminari, workshop, pubblicazioni ed altro materiale divulgativo). Lammissibilità delle spese decorre dal 1 luglio 2011.

11 Beneficiari Sono i soggetti gestori dei Poli di Innovazione costituiti come persone giuridiche. Il soggetto gestore può essere individuato tra i seguenti soggetti: -centri di servizi alle imprese aderenti alla Tecnorete, e che siano a totale composizione pubblica o misto pubblico privata; -soggetto giuridico (mandatario) di Associazione temporanea di scopo (Ats) costituito tra centri servizi e organismi di ricerca. Al soggetto mandatario è conferito un mandato collettivo speciale con rappresentanza affinché agisca come Gestore del Polo; -centri servizi, organismi di ricerca e le imprese aderenti al Polo costituiti in un consorzio, società consortile con partecipazione pubblica. In questo caso il soggetto gestore sarà il Consorzio o la società consortile con una partecipazione pubblica. I soggetti gestori dei Poli devono avere sede operativa sul territorio regionale.

12 Composizione del Polo di Innovazione Il Polo di Innovazione deve essere obbligatoriamente composto da: -almeno un centro servizi alle imprese che abbia sede operativa sul territorio regionale ed aderente alla Tecnorete; -almeno un organismo di ricerca che abbia una sede operativa sul territorio regionale; -imprese afferenti agli ambiti settoriali ed applicativi, nel rispetto dei limiti minimi di cui alla tabella 1, che abbia una sede operativa sul territorio regionale.

13 NUMERO MINIMO DI IMPRESE AGGREGATE AL POLO per fascia dimensionale e investimento Polo 1 a fascia Oltre 160 imprese per un contributo massimo di Euro ,00. Polo 2 a fascia Oltre 80 imprese per un contributo massimo di Euro ,00 Polo 3 a fascia Oltre 40 imprese per un contributo massimo di Euro ,00

14 Tipologi a di Polo Indicatori di target attivit à (analisi a livello triennale) 1 a fascia Numero minimo di imprese che costituiscono il polo Scouting di nuove imprese % di incremento di imprese aggregate rispetto alla presentazione domanda Numero di servizi specialistici contrattualizzati tra imprese e centri di ricerca che aderiscono entrambi al polo Numero di servizi specialistici erogati da centri di ricerca a imprese che aderiscono entrambi al polo * Fatturato minimo del soggetto gestore Obiettiv i

15 Tipologi a di Polo Indicatori di target attivit à (analisi a livello triennale) 2 a fascia Numero minimo di imprese che costituiscono il polo * Scouting di nuove imprese % di incremento di imprese aggregate rispetto alla presentazione domanda Numero di servizi specialistici contrattualizzati tra imprese e centri di ricerca che aderiscono entrambi al polo Numero di servizi specialistici erogati da centri di ricerca a imprese che aderiscono entrambi al polo * * Fatturato minimo del soggetto gestore Obiettiv i

16 Tipologi a di Polo Indicatori di target attivit à (analisi a livello triennale) 3 a fascia Nume ro minim o di impre se che costitu iscono il polo Scoutin g di nuove imprese. % di incremento di imprese aggregate rispetto alla presentazione domanda Numero di servizi specialistici contrattualizzati tra imprese e centri di ricerca che aderiscono entrambi al polo Numero di servizi specialistici erogati da centri di ricerca a imprese che aderiscono entrambi al polo * Fatturato minimo del soggetto gestore Obiettivi

17 Tabella 3 Polo Innovazione 1 a Fascia COSTI PER ANNO sem sem sem sem sem sem TOTALE % Aiuto non rimborsabile (b) Spesa massima di periodo(c) Polo Innovazione 2a Fascia COSTI PER ANNO sem sem sem sem sem sem TOTALE % Aiuto non rimborsabile (b) Spesa massima di periodo(c) Polo Innovazione 3a Fascia COSTI PER ANNO sem sem sem sem sem sem TOTALE % Aiuto non rimborsabile (b) Spesa massima di periodo(c)


Scaricare ppt "I POLI DI INNOVAZIONE REGIONALI Arch. Andrea Zei Firenze, 16 Dicembre 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google