La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 CEREBROLESIONI, CEREBROPATIE E PARALISI CEREBRALI INFANTILI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 CEREBROLESIONI, CEREBROPATIE E PARALISI CEREBRALI INFANTILI."— Transcript della presentazione:

1 1 CEREBROLESIONI, CEREBROPATIE E PARALISI CEREBRALI INFANTILI

2 2 DEFINIZIONE DI CEREBROLESIONI ALTERAZIONI O MODIFICAZIONI DELLAPPARATO CEREBRALE, PROVOCATE DA CAUSE FISICHE, CHIMICHE O BIOLOGICHE.

3 3 CEREBROPATIE STATI MORBOSI DERIVANTI DALLE CEREBROLESIONI PARALISI CEREBRALI CEREBROPATIE CONSISTENTI IN UN COMPLESSO DI CONDIZIONI NEUROLOGICHE CHE CAUSANO PECULIARMENTE UN DEFICIT MOTORIO

4 4 LE CEREBROLESIONI,A SECONDA DELLA GRAVITA,DELLA LOCALIZZAZIONE,DELLESTENSIONE E DEL MOMENTO EVOLUTIVO IN CUI INSORGONO, DANNO LUOGO ALLE PARALISI CEREBRALI, CHE COMPORTANO AL SOGGETTO HANDICAP DI VARIA NATURA (MOTORI O MENTALI), OPPURE ALLE OLIGOFRENIE(DEFICIT MENTALI PIU O MENO GRAVI),O INFINE A QUADRI PATOLOGICI MISTI (IPOACUSIA,CECITA, EPILESSIA ECC…)

5 5 MONOPLEGIA O MONOPARESI EMIPLEGIA O EMIPARESI MONOPLEGIA O MONOPARESI UN SOLO ARTO RIMANE COLPITO EMIPLEGIA O EMIPARESI VENGONO COLPITI CONTEMPORANEAMENTE LARTO SUPERIORE E QUELLO INFERIORE DI UN SOLO LATO DEL CORPO

6 6 Le cause di PCI sono varie e rappresentano qualsiasi evento in grado di determinare lesioni cerebrali, intercorso a partire dal periodo embrionario fino alla fine del 1°-2° anno di vita.

7 7 Le cause sono sostanzialmente: Fattori prenatali (entro la 28ª sett. di gestazione): anossia fetale che compromette lapporto di sangue e di ossigeno al feto prematurità infezioni materne (toxoplasmosi, rosolia,…) malattie metaboliche materne (diabete) ittero (da isoimmunizzazione Rh) alterazioni cromosomiche malformazioni congenite Farmaci e radiazioni.

8 8 Fattori perinatali (dalla 28ª sett.di gestaz. al 10º giorno di vita): prematurità (distress acuto con sindrome anosso-ischemica; emorragia ventricolare o parenchimale), distocia da parto (danni per cause meccaniche e distress fetale acuto o subacuto) farmaci.

9 9 Fattori postnatali: alterazioni metaboliche infezioni (meningo-encefalite) traumi disidratazione

10 10 PARAPLEGIA O PARAPARESI DIPLEGIA O DIPARESI PARAPLEGIA O PARAPARESI VENGONO COLPITI SOLO GLI ARTI INFERIORI DIPLEGIA O DIPARESI VENGONO INTERESSATI CONTEMPORANEAMENTE I DUE ARTI SUPERIORI ED INFERIORI CON MAGGIORE INCIDENZA DEGLI ARTI INFERIORI RISPETTO AI SUPARIORI

11 11 TRIPLEGIA O TRIPARESI TETRAPLEGIA O TETRAPARESI O EMIPLEGIA BILATERALE TRIPLEGIA O TRIPARESI VENGONO COLPITI TRE ARTI TETRAPLEGIA O TETRAPARESI O EMIPLEGIA BILATERALE VENGONO INTERESSATI TUTTI E QUATTRO GLI ARTI

12 12 OCCORRE TENER PRESENTE CHE A SECONDA DELLE TIPOLOGIE LE PARALISI MOTORIE SI POSSONO CLASSIFICARE IN: IPOTONIA ATETOSI SPASTICITA ATASSIA RIGIDITA

13 13 IPOTONIA LIPOTONIA SI CARATTERIZZA CON DISTURBI DEL SISTEMA MOTORIO ATETOSI FORMA PIU GRAVE DI IPOTONIA. CONTRAZIONI MUSCOLARI CHE RALLENTANO IL MOVIMENTO STESSO DI ORIGINE VOLONTARIA

14 14 SPASTICITA SPASTICITA LA SPASTICITA CONSISTE IN UN NOTEVOLE AUMENTO DEL TONO E DEI RIFLESSI MUSCOLARI. TALE IPERTONICITA PUO ASSUMERE CARATTERISTICHE DI COSTANZA E DI PERMANENZA NEL TEMPO. I MOVIMENTI DI QUESTO TIPO VENGONO DENOMINATI SPASMI E PREGIUDICANO IN MODO GRAVE LABILITA E LA COORDINAZIONE MOTORIA

15 15 ATASSIA ATASSIA LATASSIA PUO ESSERE DESCRITTA COME UNA SINDROME DA DEFICIT MOTORIO IN CUI SI OSSERVANO PRINCIPALMENTE INCOORDINAZIONE,MANCANZA DI EQUILIBRIO,EVENTUALE DEAMBULAZIONE CON ARTI INFERIORI RIGIDI,POSSIBILI DISTURBI DELLUDITO E DEL LINGUAGGIO

16 16 RIGIDITA RIGIDITA RAPPRESENTA UNA CONDIZIONE DI MOBILITAZIONE PASSIVA CHE SI CONFIGURA CON UNO SPASMO CRISTALLIZZATO NEL TEMPO. DI NORMA INTERESSA LA MAGGIOR PARTE DELLA MUSCOLATURA VOLONTARIA DEL CORPO. LA SINDROME COMPRENDE QUASI SEMPRE UN GRAVE DEFICIT MOTORIO

17 17 Modalità comportamentali Ipotonico: Il bambino ha uno sviluppo motorio ritardato, manifesta incertezza ed impaccio nei movimenti

18 18 Atetosico: Il bambino quando tenta di usare le mani,contemporaneamente gira la testa da un lato,mentre i muscoli facciali si contraggono,le braccia tremano,il tronco ruota e talvolta si muovono anche le gambe. Importante osservare lo stato posturale:persistenza del riflesso tonico asimmetrico del collo. Mancanza di equilibrio,se il bambino cade non riesce a mettere in fuori le braccia o addurre le gambe come i bambini normali. Il bambino atetosico a causa di spasmi muscolari che hanno la caratteristica di passare velocemente da un fascio muscolare allaltro non ha mai succhiato il pollice durante linfanzia.

19 19 Spastico: Spastico: Il comportamento del bambino si svolge in relazione al tipo di elegie presentate. Forme emiplegiche:il bambino tende a camminare sul calcagno con movimenti ondulatori della parte inferiore del corpo Ha un comportamento nervoso,instabile,ricerca lattenzione e dimostra immaturità e dipendenza oltre che iperattività e improvvisa,inspiegabile aggressività.

20 20 Interventi psico-pedagogici Psicologico Rapporto empatico ma con presentazioni di norme di comportamento definiteRapporto empatico ma con presentazioni di norme di comportamento definite Socializzazione (accettare e farsi accettare)Socializzazione (accettare e farsi accettare) Sollecitazione delle risorse residueSollecitazione delle risorse residue Rinforzo positivo e modificazioni di abitudini negative.Rinforzo positivo e modificazioni di abitudini negative. Valutazione cognitivaValutazione cognitiva Sostegno alla famiglia con coinvolgimentoSostegno alla famiglia con coinvolgimento

21 21 Pedagogico Contatto iniziale con linsegnante Evitare stimolazioni audio-visive intense Rapporto frontale Gestione da parte dellinsegnante di sostegno

22 22 Problemi familiari Le reazioni dei genitori Le caratteristiche emozionali degli stadi del dolore dei genitori alla nascita di un figlio con PCI sono state riassunte in 3 fasi (Gargiulo 1985): Shock, negazione, depressioneShock, negazione, depressione Ambivalenza, sensi di colpa, rifiuto e rabbiaAmbivalenza, sensi di colpa, rifiuto e rabbia Patteggiamento, accettazione ed adattamentoPatteggiamento, accettazione ed adattamento

23 23 Prima fase: Shock: iniziale reazione di oppressione e incredulità che si manifesta nell estraneazione dalle personali aspettative ed esigenze di contatto fisico con il figlio Negazione: con un comportamento di rifiuto dellevidenza, negazione della gravità dei problemi

24 24 Dolore e depressione: segna il passaggio dallo stato iniziale di shock e sgomento a quello della consapevolezza. La depressione segna il primo passo verso un adattamento dal figlio immaginato al figlio reale.si presentano reazioni sociali tipiche, isolamento, evitamento dei contatti sociali….

25 25 Seconda fase Ambivalenza: lalternanza di speranza e frustrazione genera sentimenti ambivalenti nei genitori, che possono giungere fino al punto di desiderare, in modo più o meno consapevole, la morte del figlio. Questo sentimento, insieme ad altri, è accompagnato da profondi sensi di colpa a cui rispondono con una totale dedizione

26 26 Rifiuto: si può manifestare evitando la condizione di disabilità, rifiutando ogni tipo di trattamento perché incurabile,affidandolo ad una istituzione, rispondendo alle necessità fisiche ma non a quelle emotive e psicologiche, escludendolo dalla vita familiare Sensi di colpa: è la più frequente e quella più difficile da rimuovere. La necessità di riparare al danno porta a ridurre il bambino alla sua patologia

27 27 Rabbia: la negazione viene sostituita con sentimenti di ostilità e risentimento soprattutto verso i medici. I genitori oscillano tra lautocolpevolizzazione e lattribuzione esterna della responsabilità. Problemi familiari e isolamento sociale

28 28 Patteggiamento: è uno degli stadi finali delladattamento e corrisponde allindividuazione di alcune condizioni nel progresso dello sviluppo del figlio cui vincolare il proprio impegno. Accettazione e adattamento: è la fase più attiva nella ricerca di una soluzione Terza fase

29 29 Il mondo affettivo del bambino con PCI Le specifiche disabilità possono influenzare lo sviluppo delle prime interazioni emozionali e sociali tra genitori e figlio. Un bambino con handicap ha difficoltà ad organizzare la propria esperienza e ciò rende più difficile ai genitori comprendere e dare significato a ciò che egli sta vivendo.

30 30 Lespressione emozionale può essere alterata dalle limitazioni fisiche al punto che il genitore ha difficoltà a interpretare le emozioni del figlio, non riuscendo così a dare sollievo allo stato di disagio anche solo attraverso lo sguardo o il sorriso Si rompe la spontaneità della relazione precoce con la madre, che tende ad essere iperstimolante, iperprotettiva o rifiutante, delegante. Si inseriscono inoltre presto nella relazione nuove figure (medici, fisioterapisti, logopedisti, …), per cui il bambino è sempre nelle mani di qualcuno.

31 31 La presenza e lesperienza di una figura capace di tollerare stati emotivi dolorosi aiuta il bambino a sentire che questi possono essere vissuti, sperimentati e superati. Questo gli permette di formarsi un suo equipaggiamento interno che lo aiuta a tollerare il dolore e combattere contro le difficoltà.

32 32 Quindi interiorizzare la funzione di contenimento dei genitori fornisce un supporto interno che rende il bambino capace di crescere emotivamente, diventando meno dipendente dallaiuto esterno.

33 33 Le Figure Importanti: Personale Sanitario: riabilitazione, Docenti: abilitazione, Genitori: per la continuazione dei programmi educativi e riabilitativi.

34 34 difficoltà di analisi e sintesi percettiva difficoltà di rappresentazione distorsioni percettivo-motorie e relazionali difficoltà a progettare atti motori complessi difficoltà di sviluppare strutture logiche ridotta variabilità delle strategie cognitive scarsa autonomia apprendimento comportamento Insufficienze :

35 35 Linsegnante : 1.Considerare quali sono i punti di forza e di debolezza presenti nel soggetto (PEI) 2.Capire di che cosa il soggetto ha effettivamente bisogno, 3.Rafforzare l'autostima, 4.Favorire la crescita di una personalità autonoma, che gli permetta di servirsi delle proprie capacità per raggiungere la massima autonomia. Il bambino disabile, tende a rimanere dipendente dalle figure di riferimento, questo in parte per immaturità affettiva ed in parte per una combinazione di ansia ed insicurezza.

36 36 Inserimento Integrazione Autonomia

37 37 Adottare modalità e materiale didattico adeguato per il raggiungimento degli obiettivi Sviluppare un ascolto empatico con il bambino disabile Essere pazienti: Non si deve inondare il bambino con richieste o azioni. Bisogna concedere al bambino lo spazio e il tempo per agire o per rispondere. Valorizzare il bambino: È necessario fare attenzione e dare importanza alle sue richieste e ai suoi commenti. Interventi sul disabile :

38 38 Imparare a pensare secondo il suo sviluppo cognitivo: es. il suo deficit motorio può non influire sulla capacità di astrazione ma può influire sulle proprie azioni, può quindi ostacolare un processo mentale, può rendere difficile o impossibile una certa esperienza. Incrementare la collaborazione con i genitori, Curare e coordinare gli interventi volti alla socializzazione, alla formazione, alla qualificazione.

39 39 Lambiente: proporre un ambiente gratificante in cui i ragazzi si sentano protagonisti, La motivazione: come stimolo per ogni apprendimento. Scegliere motivazioni reali e non fittizie. Il coinvolgimento: farli partecipi nelle scelte e nella gestione delle attività. Testimoniare il loro ruolo: fargli assumere un ruolo centrale nelle varie attività e riconoscerlo esplicitamente. Complimentarsi solo se è stato veramente bravo, altrimenti potranno insorgere in lui una sfiducia nel giudizio degli adulti e delle confusioni che vanno evitate.

40 40 Dare Fiducia: li stimola ad avere maggior iniziative e coraggio nel fare le cose. Molte volte la mancanza di fiducia nelle proprie possibilità è una conseguenza diretta delle scarse opportunità offerte dalla famiglia, scuola, società. Un atteggiamento di questo tipo, impedisce alla persona di scoprire realmente cosa è o non è in grado di fare, Essere Gentili: rivolgersi al bambino in modo gentile, li aiuta a capire che laltro si aspetta che si comportino altrettanto e nello stesso tempo gli si offre un modello positivo da imitare.

41 41 Essere Fermi: di fronte a un problema di comportamento il corpo docente dovrà accordarsi su una linea comune da tenere con fermezza ogni volta che si manifesta il comportamento indesiderato. Comunicare gli obiettivi che deve raggiungere per diventare Ragazzo in gamba, a volte anche visualizzandoli. Utilizzare Strategie e/o Strumenti: che possono facilitare l'esecuzione dei compiti. Fargli rispettare le regole del gruppo : il conoscere e luniformarsi alle regole gli consente di diventare un membro effettivo,

42 42 Superare i pregiudizi socio-culturali: Il bambino disabile deve essere sempre considerato al pari degli altri, Adattarsi alle caratteristiche della persona diversamente abile: va insegnato ai compagni come trattare le differenze e come interagire positivamente con il bambino disabile, Sviluppare il processo di socializzazione: con le esperienze di solidarietà si riduce il rischio di organizzazione di personalità rigida ed aggressiva. La ricerca ha evidenziato, che una buona integrazione, aumenta le capacità di tipo cognitivo, relazionale, emotivo e di problem solving sia per il disabile sia per i suoi compagni. Intervento sulla classe :

43 43 Cerebrolesi si nasce, autonomi si diventa ….. se accanto si hanno figure adeguatamente formate e informate.

44 44 Problemi di apprendimento Attenzione: insorgere dellattenzione Mantenimento dellattenzione (conoscenza dei tempi di applicazione)Attenzione: insorgere dellattenzione Mantenimento dellattenzione (conoscenza dei tempi di applicazione) Classificazione degli stimoli a seconda del gradiente motivazionale (intensità degli stimoli e percettività)Classificazione degli stimoli a seconda del gradiente motivazionale (intensità degli stimoli e percettività) Osservazione dei tempi di reazione psicomotoria e tempi di reazione percettivaOsservazione dei tempi di reazione psicomotoria e tempi di reazione percettiva

45 45 FINE


Scaricare ppt "1 CEREBROLESIONI, CEREBROPATIE E PARALISI CEREBRALI INFANTILI."

Presentazioni simili


Annunci Google