La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Informatica Aziendale

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Informatica Aziendale"— Transcript della presentazione:

1 Informatica Aziendale
Prova di idoneità = Windows XP, Winzip, Word, Excel, PowerPoint (versione 2003/2007) (fuori corso prime 4 settimane) Corso 72 ore di 6 settimane diviso in 6 work packages: Prima settimana (12 ore)  febbraio Sistema operativo windows Software di compressione/decompressione (Winzip e WinRAR) Seconda - Quarta settimana (36 ore) febbraio   1-2 marzo    7-8 marzo Operazioni avanzate con la videoscrittura (Word ) Operazioni avanzate con le presentazioni (PowerPoint ) Operazioni avanzate con i fogli elettronici (Excel ) Quinta settimana (12 ore) marzo Gestione dei data base relazionali (Access ) Sesta settimana (12 ore) marzo Analisi statistiche di base con R (http://www.r-project.org/) e altri software. Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

2 Modalità d’esame Prova pratica al computer Durata 20 minuti circa
Possibilità di consultare libro e appunti durante l’esame Libri di testo: Riani M. (2002), Office XP e winzip senza sforzo, Pitagora Editrice Bologna. Appelli: 29 marzo 2012 ore 9.00 26 giugno 2012 ore 10.30 4 settembre 2012 ore 10.30 Studenti del CLAM iscritti al secondo anno come insegnamento caratterizzante (9 crediti) oppure può essere scelto da qualsiasi studente iscritto al secondo o al terzo anno come libero (9 crediti). Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

3 HARDWARE E SOFTWARE HARDWARE = la struttura fisicamente esistente del computer (componenti elettroniche che svolgono specifiche funzioni nel trattamento dell’informazione) SOFTWARE= le istruzioni che consentono all’hardware di svolgere i propri compiti Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

4 Software di base (compilatori e librerie)
Hardware Firmware Sistema operativo Software di base (compilatori e librerie) Software applicativo e di comunicazione Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

5 FIRMWARE FIRMWARE= componenti hardware preprogrammate per svolgere specifiche funzionalità Hardware + Software + Firmware+interrelazioni = architettura di un sistema di elaborazione dati Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

6 Periferiche principali
Mainboard Northbridge Southbridge CPU RAM Hard disk Raid VGA Alimentazione Lettori

7 Flusso dei dati e dei processi

8 MAINBOARD La mainboard è un elemento hardware presente in ogni PC che permette la comunicazione tra le periferiche, ram, cpu, ecc… Requisito fondamentale per ogni scheda madre è la capacità di sfruttare a pieno tutti gli elementi ad essa collegati. Per tale ragione deve avere dei parametri operativi maggiori o uguali a quelli delle periferiche collegate in modo da non generare “colli di bottiglia”

9 MAINBOARD

10 FRONT SIDE BUS (FSB)‏ Il Front Side Bus è il canale bidirezionale di dati attraverso il quale la CPU comunica con gli altri componenti del computer (passando per il North Bridge). Più e' elevato e maggiore e' la banda dati passante. PCI 33MHz, AGP 66MHz, PCI-X 133Mhz, RAM e CPU 1333MHz (sincrono o asincrono)‏

11 CPU (Central processing unit)‏
Tipicamente la CPU è l'Interprete del linguaggio macchina Acquisizione dell'istruzione: il processore preleva l'istruzione dalla memoria Decodifica: una volta che la word è stata prelevata, viene determinata quale operazione debba essere eseguita Esecuzione: viene eseguita la computazione desiderata. La stessa esecuzione delle istruzioni può essere suddivisa in passi più semplici, da eseguire in stadi successivi, come delle catene di montaggio (“pipeline'')

12 CPU (Central processing unit)‏
Principali produttori mercato consumer: AMD, Intel Frequenza di clock: moltiplicatore*FSB Frequenze e core correnti: Dual e Quad Core per AMD e Intel Frequenze reali di funzionamento 3,2 Ghz FSB da 2000MHz o 1600MHz

13 RAM (Random-Access Memory)‏
RAM è una memoria ad accesso casuale della tipologia più comune cioè a stato solido, a lettura-scrittura e volatile. La RAM viene utilizzata dalla CPU per “parcheggiarvi” dati di frequente utilizzo e di software in esecuzione. La quantità di RAM installata influenza le prestazioni del pc in modo rilevante. Una buona quantità di RAM evita il processo di SWAP su disco. Limite sistemi a 32bit 4Gb (3Gb allocati da utente). Sistemi 64bit W7 limitati a 192Gb.

14 HARD DISK è una tipologia di dispositivo di memoria di massa che utilizza uno o più dischi magnetici per l'archiviazione dei dati. Unità di misura della capacità: Gb Regime di rotazione in giri minuto: 5400, 7200, 10000, Tempo di accesso: ms Formati: 2,5” 3,5”, SSD Tipologie: IDE, SATA, SCSI, SAS.

15 Quante possibili combinazioni può rappresentare un byte?
BIT E BYTE BIT (binary digit) = unità di misura del linguaggio digitale, può assumere solo due stati: acceso 1, spento 0. BYTE = 8 bit è l’unità fondamentale dei computer Quante possibili combinazioni può rappresentare un byte? Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

16 Con 1 byte è possibile rappresentare 256 elementi (numeri)
. . . . . . . . . . . . =0 =1 = =255 Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

17 LE UNITA’ SUPERIORI AL BYTE
Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

18 Raffronto tra diverse memorie
Capacità di memorizzazione= quantità di dati che un supporto di memorizzazione è in grado di contenere Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

19 RAID (Redundant Array of Independent Disks)‏
è un sistema informatico che usa un insieme di dischi rigidi per condividere o replicare le informazioni. I benefici del RAID sono di aumentare l'integrità dei dati e/o le prestazioni e la tolleranza ai guasti rispetto all'uso di un disco singolo. Nel suo livello più semplice, il sistema RAID permette di combinare un insieme di dischi in una sola unità logica. In questo modo il sistema operativo, invece di vedere differenti dischi, ne vede solamente uno. .

20 RAID (Redundant Array of Independent Disks)‏
RAID standard RAID 0 (striping): I dati vengono partizionati in segmenti di uguale lunghezza e scritti su dischi differenti. La grandezza della partizione si chiama unità di striping. Quando la dimensione dei dati richiesti è superiore ad un'unità di striping, tali dati vengono distribuiti su più dischi e possono essere letti in parallelo aumentando le prestazioni. Riscio rottura. Capacità catena: 2n RAID 1 (mirroring): Il sistema RAID 1 crea una copia esatta (mirror) di tutti i dati su due o più dischi. Capacità catena: n/2

21 RAID (Redundant Array of Independent Disks)‏
RAID annidati RAID 0+1 RAID 1+0

22 VGA La VGA o scheda video gestisce la parte grafica del pc. La VGA può essere o intergrata nella mainboard (e ne divide le risorse) o dedicata. Le VGA dedicate si distinguono in AGP o PCI-Express. Tali schede video hanno un processore grafico (GPU) e un abbondante quantitativo di RAM, questa caratteristica fa sì che la grafica venga gestita in autonomia senza ricorrere all'aiuto della CPU e alla RAM di sistema

23 Power Supply Unit (Alimentatore)‏
Il crescere delle potenze specifiche dei PC a portato ad una sempre più ampio assorbimentoenergetico. Gli alimentatori sono passati in pochi anni da potenze di 250W a 600W con il bisogno di amperaggi sempre più stabili.

24 Per visualizzare la memoria di RAM e velocità del processore
Win Xp e VISTA Start | Tutti i programmi | Accessori | Utilità di sistema | (Microsoft) System Information Start | Esegui | Msinfo32.exe Dx su (Risorse del computer) Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

25 Per visualizzare la memoria di massa nelle varie unità
Selezionare l’unità, click dx del mouse/proprietà Oppure Dx del mouse su Risorse del computer /gestione/gestione disco E’ possibile modificare la lettera dell’unità Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

26 File system Struttura generale di un sistema operativo nella quale i file vengono denominati, memorizzati e organizzati Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

27 Diversi tipi di file system
FAT (file allocation table) = tabella o elenco predisposto da alcuni sistemi operativi per tenere traccia dello stato dei vari segmenti nel disco utilizzati per l'archiviazione dei file. FAT32 = evoluzione di FAT(migliora l’efficienza, max dimensione file =4.3 GIGA) NTFS = File system avanzato progettato specificamente per l'utilizzo all'interno del sistema operativo Windows  Supporta inoltre le applicazioni orientate agli oggetti, gestendo tutti i file come oggetti con attributi definiti dall'utente e dal sistema. Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

28 Visualizzare il file system utilizzato dal computer corrente
Dx del mouse sull’unità Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

29 MEMORIA VIRTUALE I file molto estesi possono eccedere la memoria disponibile Occorre, perciò, memorizzare parte dei dati e dei programmi non utilizzati fuori dalla memoria centrale Osservazione: la memoria virtuale porta ad una riduzione del costo totale del sistema Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

30 Per visualizzare o modificare la memoria virtuale
Dx del mouse su Risorse del computer| Proprietà|avanzate Pulsante Impostazioni prestazioni|avanzate Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

31 Altri tipi di memoria: LA CACHE
L’elaboratore trasferisce dati tra la CPU, il disco fisso e la memoria. Questa operazione richiede un certo tempo. Per velocizzare le operazioni si memorizzano i dati in una memoria ad alta velocità chiamata cache, localizzata tra la CPU e la memoria centrale Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

32 COME MONITORARE L’UTILIZZO DEL PROCESSORE E DELLA MEMORIA
CTRL+ALT+CANC Task manager (Gestione attività) Prestazioni (oppure, per aprire Task Manager Windows, fare clic con il pulsante destro del mouse su uno spazio vuoto sulla barra delle applicazioni, quindi scegliere Task Manager) Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

33 La porta USB (universal serial bus)
Permette di collegare fino a 127 dispositivi in serie E’ in grado di gestire tutti i dispositivi tranne quelli che trattano grandi quantità di dati (disco fisso, Cd-ROM, apparecchi video al alta prestazione) Utilizza tecnologia plug and play (Hot plugging) Distribuisce corrente (i dispositivi possono funzionare senza aver bisogno di un filo proprio) Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

34 Le porte USB e Firewire Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

35 Porta firewire Molto più potente della USB può collegare fino a 63 dispositivi Consente connessioni Internet ad alta velocità Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

36 PORTA E-SATA (per dischi esterni)
Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

37 PORTA HDMI (per monitor HD 1920x1080)
Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

38 COME CONTROLARE LO STATO DI UNA PERIFERICA
XP Start/pannello di controllo /strumenti di amministrazione/gestione computer/gestione periferiche Marco Riani - Informatica Aziendale II a.a

39 I DISPOSITIVI DI INPUT GLI STRUMENTI DI PUNTAMENTO (mouse, trackball, puntarore di gomma, touch pad) LA TASTIERA LO SCANNER GLI STRUMENTI DI RICONOSCIMENTO VOCALE Marco Riani - Informatica aziendale II

40 I driver Programma che consente a una periferica specifica, quale un modem, una scheda di rete o una stampante, di comunicare con il sistema operativo. Se ad esempio non si dispone di driver per porta seriale, non sarà possibile utilizzare un modem con Connessioni di rete per connettersi a una rete. I driver di periferica vengono automaticamente caricati all'avvio del computer per tutte le periferiche abilitate e vengono pertanto eseguiti in background. Marco Riani - Informatica aziendale II

41 Start, pannello di controllo, tastiera per personalizzare la digitazione
Marco Riani - Informatica aziendale II

42 Introduzione al software
Due categorie fondamentali di software: il software di sistema ed il software applicativo Marco Riani - Informatica aziendale II

43 SOFTWARE DI SISTEMA LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE
(servono per creare altri programmi) SISTEMI OPERATIVI (sono i programmi che fanno funzionare i vari componenti del computer e permettono all’elaboratore di interagire con l’utente) Marco Riani - Informatica aziendale II

44 SOFTWARE APPLICATIVO PROGRAMMI DI VIDEOSCRITTURA (word)
FOGLI ELETTRONICI (excel) PROGRAMMI DI PRESENTAZIONE (power point) PROGRAMMI DI GESTIONE DELLE BASE DATI (access) CREAZIONE DI PAGINE WEB (Front Page) Marco Riani - Informatica aziendale II

45 ALTRI SOFTWARE PROGRAMMI DI UTILITA’ (Winzip) ANTIVIRUS (Es. F-PROT)
PROGRAMMI DI BACK UP PROGRAMMI DIAGNOSTICI (Norton Utilities) Gestione delle immagini (PSP, PhotoShop) Sicurezza (PGP) Filmati e animazioni (FLASH) Marco Riani - Informatica aziendale II

46 Tipologie di software dal punto di vista legale
Software freeware Software shareware Software a pagamento Marco Riani - Informatica aziendale II

47 Software freeware Software che l'utente può utilizzare senza alcun pagamento. In molti casi il lavoro necessario per lo sviluppo del freeware trova la sua giustificazione nell’impiego di questo software come veicolo pubblicitario per ulteriori prodotti. Marco Riani - Informatica aziendale II

48 Due diverse categorie di freeware
Alcuni freeware (es. Linux) sono di pubblico dominio. Chiunque può applicarli senza alcuna restrizione In altri freeware resta tutelato il copyright dell’autore. In tal caso si deve richiedere esplicita autorizzazione prima di utilizzarli per i propri prodotti commerciali Marco Riani - Informatica aziendale II

49 Software shareware Alcune società, impossibilitate a competere con le grandi corporation, hanno scelto di commercializzare i loro prodotti fornendoli in prova gratuita come shareware e utilizzando Internet come veicolo preferito di distribuzione Marco Riani - Informatica aziendale II

50 Software shareware = software tutelato dai diritti d’autore (visualizzati sullo schermo quando viene avviato il programma) In alcuni casi l’utente può provare il software per un numero limitato di giorni. Una volta trascorsi, una specie di protezione ne blocca il funzionamento. Ad esempio Paint shop Pro Marco Riani - Informatica aziendale II

51 In altri casi non vi è alcun limite temporale all’utilizzo del prodotto, ma il pagamento della quota richiesta garantisce la consegna di funzionalità aggiuntive, la documentazione stampata, la notificazione delle versioni più aggiornate nonché l’autorizzazione ad impiegarlo all’interno dei prodotti commerciali (es. Winzip) Marco Riani - Informatica aziendale II

52 Marco Riani - Informatica aziendale II

53 Marco Riani - Informatica aziendale II

54 Attenzione: il numero di pixel contenuti in uno schermo e il numero di colori o gradazioni di grigio che possono essere visualizzati sono limitati dalla quantità di memoria video disponibile sulla scheda video Start, pannello di controllo, schermo per modificare le impostazioni dello schermo Marco Riani - Informatica aziendale II

55 LA GESTIONE DEI FILE Il sistema operativo ha la funzione di gestire i file contenuti nel disco fisso.

56 I file sono raccolti in cartelle (directories)
Le unità (A:, C: o D:) contengono diverse cartelle che possono a loro volta conternerne altre

57 La struttura di un disco

58 3 sono i requisiti essenziali per reperire i file
1) il nome 2) la cartella in cui è archiviato 3) L’unità di memoria in cui si trova Nome = nome + estensione L’estensione ha la funzione di identificare il formato del file o l’applicazione con cui è stato creato

59 VARI TIPI DI ESTENSIONE
1) .doc = documento elaborato con un programma di videoscrittura (WORD) 2) .xls = documento EXCEL 3) .ppt = documento POWER POINT 4) .mdb = documento ACCESS 6) .zip = programma di compressione (WINZIP)

60 Per reperire un file memorizzato in una cartella di un disco di memoria è necessario seguire un determinato percorso Ad esempio la dicitura C:\lettere\paolo.doc indica che il file paolo.doc è archiviato nella cartella lettere che si trova sull’unità C: il carattere \ separa i nomi delle cartelle anche nel caso in cui il file sia contenuto in una cartella contenuta a sua volta in un’altra cartella Es. C:\lettere\venditori\paolo.doc

61 Una parte del sistema operativo è costituita da un programma, detto programma di gestione dei file, che serve per la localizzazione e l’accesso alle cartelle e ai file presenti nell’elaboratore

62 Opzioni di visualizzazione

63 Ordinamento dei file nelle cartelle
Opzioni di visualizzazione

64 Creare il percorso C:\prova1\prova2
Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani Creare nuove cartelle Creare il percorso C:\prova1\prova2 questa è la mia nota Suggerimento: dopo aver selezionato l’unità “C:” click con il dx, nuova cartella

65 Argomento: operazioni generali sui file
Trovare sul disco fisso, (C:), il file mspaint.exe Trovare tutti i file di tipo “documento di testo” modificati nel 2004 che si trovano in C:\windows e non nelle sottocartelle

66 Suggerimento: “file salva ricerca”.
Argomento: cerca file Salvare il contenuto della precedente ricerca con nome pippo.fnd nella cartella C:\documenti Suggerimento: “file salva ricerca”.

67 Selezionare i file CTRL SHIFT TRASCINARE IL PUNTATORE DEL MOUSE

68 Copiare i file Spostare i file
Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani Copiare i file Suggerimento: dopo aver selezionato i file nella cartella di origine: modifica copia nella cartella di destinazione: modifica incolla Spostare i file questa è la mia nota Suggerimento: dopo aver selezionato i file nella cartella di origine: modifica taglia nella cartella di destinazione: modifica incolla

69 Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani OSSERVAZIONE Trascinare con il mouse nell’ambito della stessa unità (es. da C:\documenti a C:\lezioni) significa spostare Trascinare con il mouse nell’ambito di unità diverse (es. da C:\documenti a A:) significa copiare questa è la mia nota Trascinare con il mouse nell’ambito della stessa unità tenendo premuto il tasto Ctrl significa copiare

70 Argomento: collegamenti
Creare sul desktop un collegamento al file C:\programmi\spss\spsswin.exe Chiamare il collegamento: spss I collegamenti consentono di avviare rapidamente un'applicazione o di aprire rapidamente un file o una cartella senza dover individuare la loro posizione permanente con Esplora risorse. I collegamenti risultano particolarmente utili per le applicazioni, i file e le cartelle di utilizzo più frequente.

71 Click con il destro del mouse sul desktop, nuovo collegamento,
Modo 1 Click con il destro del mouse sul desktop, nuovo collegamento, Modo 2 Inserire il collegamento nella cartella C:\documents and settings\all users\desktop Oppure nella cartella C:\documents and settings\nome utente\desktop

72 Inf. az II a.a. 2006/07 Argomento: cancellazione di file o cartelle
M. Riani Argomento: cancellazione di file o cartelle Nella cartella C:\miei documenti cancellare definitivamente il file mouse4.txt Osservazione: cancella definitivamente = sposta il file nel cestino e cancella il file dal cestino

73 Impostare la seguente modalità:
Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani Impostare la seguente modalità: non spostare i file nel cestino ma cancella definitivamente i file quando si preme il tasto canc o si fa click sul pulsante elimina

74 Argomento: ordinamento
Ordinare per nome le voci del sottomenù programmi del menù avvio Suggerimento: click con il dx, ordina per nome

75 Suggerimento: andare in proprietà del desktop
Impostare lo screen saver “Campo stellare” specificando per il tempo che dovrà trascorrere prima che venga visualizzato lo screen saver: un minuto. Osservazione: uno screen saver visualizza messaggi oppure immagini in movimento che nascondono le informazioni sullo schermo. Lo screen saver viene avviato automaticamente se il computer rimane inattivo per un determinato periodo di tempo Suggerimento: andare in proprietà del desktop

76 Argomento: attributi dei file
I file hanno quattro attributi: 1) lettura (se il file è di sola lettura non può essere modificato o eliminato accidentalmente) 2) archivio (alcuni programmi effettuano il backup solo dei file che hanno l’attributo archivio) 3) nascosto (indica che il file non può essere visualizzato o utilizzato a meno che non se ne conosca il nome) 4) sistema (questi file sono necessari per la corretta esecuzione di windows) Visualizzare e assegnare i seguenti attributi al file C:\documenti\recover.txt: sola lettura

77 Argomento: visualizzazione file e cartelle
Nella visualizzazione dettagli impostare la seguente specificazione: “mostra i file nascosti” Suggerimento: strumenti, opzioni cartella, visualizzazione

78 Argomento: visualizzazione file e cartelle
Nella visualizzazione dettagli impostare la seguente specificazione: “mostra gli attributi dei file in visualizzazione dettagli” WXP: visualizza, scelta dettagli

79 Argomento: visualizzazione dei programmi nel menu Avvio
Aggiungere il programma Microsoft word al menu avvio Avvertenza: il programma Microsoft word parte utilizzando il file winword.exe

80 Suggerimento Creare un collegamento al file winword.exe in
C:\Documents and Settings\nome utente\Menu Avvio oppure nella cartella C:\Documents and Settings\All Users\Menu Avvio

81 Argomento: aggiungere un nuovo sottomenu
Aggiungere al menu start ”tutti i programmi” il nuovo sottomenu “nuovo menu”

82 Creare dentro C:\Documents and Settings\[nome utente]\Menu Avvio\Programmi oppure dentro C:\Documents and Settings\All Users\Menu Avvio\Programmi una nuova cartella chiamata “nuovo menu”

83 Visualizzare la barra di avvio veloce
Dx del mouse sulla barra di avvio Barre degli strumnenti Avvio veloce

84 Inserire il collegamento a Microsoft word nella barra di avvio veloce
Modo 1: trascinare con il mouse Modo 2 Inserire il collegamento nella cartella: C:\Documents and Settings\nome utente\Dati applicazioni\Microsoft\Internet Explorer\Quick Launch

85 Argomento: Inviare rapidamente file o cartelle ad un’altra destinazione
Aggiungere alla voce di menu invia a: la cartella C:\prova e chiamare la nuova voce di menu “copia in prova” Suggerimento: inserire il collegamento nella cartella C:\Documents and Settings\marco\SendTo

86 Argomento: impostazioni internazionali
Utilizzare per tutte le applicazioni windows come simbolo di raggruppamento cifre la virgola e come separatore decimale il punto Suggerimento: pannello di controllo, impostazioni internazionali

87 Trasportare la barra del menu avvio nella parte alta dello schermo
Suggerimento: trascinare con il mouse dopo aver sbloccato la barra delle applicazioni

88 Argomento: Risparmio energia
Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani Argomento: Risparmio energia Specificare come periodo di inattività che deve trascorrere prima di spegnere il monitor (quando il computer è alimentato con la rete elettrica): 5 minuti questa è la mia nota Suggerimento: Avvio, pannello di controllo, risparmio energia

89 Argomento: dati recenti
Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani Argomento: dati recenti Rimuovere il contenuto del menu “dati recenti” Suggerimento: Start, Proprietà, Menu avvio, Personalizza, Avanzate questa è la mia nota In Xp i file recenti si trovano dentro C:\Documents and Settings\nome utente\recent

90 Argomento: creare una nuova barra degli strumenti
Aggiungere alla barra delle applicazioni tutti i file che si trovano nella cartella C:\exe Suggerimento: fare click con il pulsante destro sulla barra di avvio

91 Personalizzare la visualizzazione delle icone nell’area di notifica
Dx del mouse su start, proprietà, scheda barra delle applicazioni

92 Argomento: registrare un nuovo tipo di file con windows
Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani Argomento: registrare un nuovo tipo di file con windows Obiettivo: fare in modo che tutti i file che hanno estensione prn (file di testo formattati delimitati da spazio) vengano aperti automaticamente dal programma di videoscrittura notepad.exe Osservazione: con il programma excel è possibile salvare i file in formato prn questa è la mia nota Continua nella pagina seguente

93 Argomento: registrare un nuovo tipo di file con windows
Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani Argomento: registrare un nuovo tipo di file con windows Nella registrazione dei file che hanno come estensione prn scrivere come descrizione del tipo: “file di testo formattato delimitato da spazio” Specificare come operazione che deve essere associata al doppio click del mouse “apri” e come applicazione utilizzata per eseguire l’operazione “notepad.exe” questa è la mia nota

94 Attenzione: se una determinata estensione viene rimossa è necessario riavviare il computer

95 Argomento: deframmentazione dischi
Inf. az II a.a. 2006/07 M. Riani Argomento: deframmentazione dischi Osservazione: l’operazione di deframmentazione consiste nello spostare i dati sul disco finché i frammenti di uno stesso file sono riuniti nuovamente su tracce contigue Suggerimento: Start, Programmi, Accessori, Utilità di sistema. Utilità di deframmentazione dischi. questa è la mia nota

96 Argomento: controllare un disco
Lo strumento per il controllo del disco consente di cercare gli eventuali danni apportati ad un’unità. Quando viene effettuata la ricerca, il disco non può essere utilizzato. Il processo di controllo del disco può impiegare molto tempo nel caso in cui l'unità contenga molti file Suggerimento: selezionare il disco da controllare, dx del mouse, proprietà, strumenti, esegui scandisk

97 Argomento: esecuzione automatica
Avviare automaticamente il programma WORD all’accensione del computer Suggerimento: inserire un collegamento al file winword.exe in C:\Documents and Settings\All Users\Menu Avvio\Programmi\Esecuzione automatica

98 Suggerimento: start, pannello di controllo, operazioni pianificate
LE OPERAZIONI PIANIFICATE Obiettivo: fare in modo che il computer dal 20 dicembre 2001, ogni giorno feriale alle ore 9.30, avvii automaticamente il programma Microsoft powerpoint Suggerimento: start, pannello di controllo, operazioni pianificate

99 Argomento: eliminare i file inutili (pulitura disco)
Pulitura disco permette di liberare spazio su una determinata unità. Vengono visualizzati i file temporanei, i file cache di Internet e i file di programma non necessari che possono essere eliminati. È possibile impostare pulitura disco per eliminare alcuni o tutti i file. Modo 1: start, tutti i programmi, accessori, utilità di sistema, pulitura disco Modo 2: selezionare il disco, dx del mouse, proprietà, generale, pulitura disco

100 Argomento: inserire nel documento caratteri speciali
Inserire nell’ultima riga del file C:\documenti\mouse1.txt i caratteri speciali ½ Ø ¾ Õ utilizzando lo stile ARIAL Suggerimento: start, programmi, accessori, utilità di sistema, mappa caratteri (verdana)

101 Creare un disco di ripristino ERD (emergency repair disk)
ERD= disco creato tramite l’utilità di back up, che contiene le informazioni sulle impostazioni di sistema di Windows correnti. È possibile utilizzare questo disco per ripristinare il sistema se risulta impossibile avviarlo o se i file di sistema sono stati danneggiati o cancellati. W2000: start, programmi, accessori, utilità di sistema, back up

102 PREMESSA Con questo programma si può creare un archivio in cui i file vengono memorizzati in formato compresso e saranno decompressi automaticamente al momento dell’apertura Osservazione: di norma un file si può ridurre del 50% nel caso di documenti di videoscrittura e fino al 90% nel caso di file grafici

103 L’operazione di compressione permette non solo di ottimizzare lo spazio di memoria disponibile, ma anche di rendere più semplice e veloce il trasferimento dei file all’interno di una rete Poiché l’invio di questo tipo di formato è più rapido, gran parte dei file grafici, sonori e video presenti in Internet sono compressi

104 L’immagine del dischetto è composta da 14x14 punti di 3 colori differenti
I colori sono: nero, grigio e verde

105 Rappresentazione normale Rappresentazione compressa
14N=quattordici pixel neri, G13N=un pixel grigio seguito da 13 neri *=le righe che non differiscono dalle precedenti Rappresentazione normale Rappresentazione compressa

106

107 Http://www.winzip.com (home page di winzip)
ESERCIZI SU WINZIP 11.1 Dove reperire winzip (home page di winzip)

108 Esercizio 1: Installare winzip 11.1
Osservazione: supponiamo di aver scaricato dalla rete il file winzip111.exe

109 Esercizio 1: creazione di un file zip
Creare nella cartella C:\documenti il file primo.zip contenente tutti i files presenti nella cartella C:\documenti (utilizzare compressione normale) Input= tutti i file dentro C:\documenti Output = il file C:\documenti\primo.zip

110 Modo1 (dopo aver aperto winzip)
file, new archive add (with wildcards) from documenti, Modo 2 (senza aprire winzip) selezionare tutti i file della cartella C:\documenti, dx del mouse add to zip,

111 Esercizio 2: Creazione di un file zip in un determinato percorso
Creare nella cartella C:\temp il file primo.zip contenente tutti i files presenti nella cartella C:\documenti (utilizzare compressione normale) Avvertenza: se la cartella C:\temp non esiste occorre crearla

112 Modo1 (dopo aver aperto winzip)
file, new archive add (with wildcards) from documenti, Modo 2 (senza aprire winzip) selezionare tutti i file della cartella C:\documenti, dx del mouse add to zip, C:\temp\primo

113 Dimensioni del file originali
Dimensioni dei file compressi Nome del file Percentuale di compressione

114 Esercizio 3: Estrarre un file zip
Estrarre tutto il contenuto del file C:\temp\primo.zip nella cartella C:\temp1\temp2 Avvertenza = non è necessario creare la cartella C:\temp1\temp2

115 Modo1 (dopo aver aperto winzip)
extract, C:\temp1\temp2 Modo 2 (senza aprire winzip) click con il dx sul file, extract to

116 Esercizio 4: Estrarre un solo file contenuto dentro un file zip

117 Modo1: facendo doppio click sul file ex2.xls si apre excel. File salva con nome permette di salvare il file in qualunque cartella Modo 2: selezionare il file, click con il dx, extract to Modo 3: trascinare il file nella cartella di destinazione

118 Esercizio 5: Aggiungere nuovi files ad un file zip
Aggiungere al file C:\temp\primo.zip i files C:\windows\mouse.txt e C:\windows\ltremove.exe Suggerimento: add to recently used zip files

119 Esercizio 6: Aggiungere nuovi files ad un file zip conservando il path
Aggiungere al file C:\temp\primo.zip i files C:\windows\mouse.txt e C:\windows\ltremove.exe conservando l’informazione sulla cartella d’origine Suggerimento: opzione “save full path info”

120 Esercizio 7: Estrarre un file zip in cui sono presenti files che contengono informazioni sulla cartella di provenienza Estrarre il file C:\temp\primo.zip nella cartella C:\pippo1\pippo2 Osservazione: i files aggiunti con il percorso \windows: vengono estratti nella sottocartella C:\pippo1\pippo2\windows

121 Domanda Il file A:temp.zip contiene file zippati utilizzando l’opzione “store full path info” Il loro percorso è \uti\editor Se dopo aver fatto click su extract estraggo questi file in C:\temp100, dentro quale cartella vengono estratti questi file?

122 Esercizio 8: zippare solo i files che presentano una determinata estensione
Nella cartella C:\prova creare il file ultimo.zip ed aggiungere ad esso tutti i files contenuti nella cartella documenti che hanno estensione .wav Suggerimento: utilizzare add with wildcards e *.wav

123 Esercizio 9: zippare solo i files che presentano l’attributo archivio
Suggerimento: utilizzare l’opzione include only if archive attribute is set

124 Esercizio 10: spostare i file in un archivio zippato
Spostare tutti i file contenuti nella cartella C:\ documenti nel file C:\documenti\sposto.zip Suggerimento = selezionare i files, add to zip, selezionare l’opzione move

125 AVVERTENZE SULLE OPZIONI
Add = aggiunge tutti i file selezionati nel file zip Freshen = aggiorna tutti i file che sono presenti nel file zip ma non aggiunge file nuovi Update = aggiorna tutti i file che sono presenti nel file zip ed aggiunge file nuovi Move = sposta i file selezionati all’interno dell’archivio

126 Esercizio 11: creare un file zippato eseguibile
Partendo dal file C:\temp\ultimo.zip, creare il file ultimo.exe, specificare come cartella di default dove estrarre il file topolino. Suggerimento: selezionare il file, tasto dx del mouse, create self extractor P. 26

127 Esercizio 12: creare un file zippato con una password
Creare il file C:\documenti\ultimo.zip, contenente tutti i file inseriti nella cartella C:\documenti ed assegnare al file ultimo la password di protezione “arpa” Suggerimento: encrypt p. 28

128 Anno Il segno + (* nella versione 9 e 10) alla fine di ogni file inserito in un archivio zippato indica la protezione da password

129 Esercizio 13: zippare su più file
Zippare tutti i files presenti nella cartella C:\documenti in C:\documenti\temp\temp.zip. Suddividere il file zip in parti da 300KB

130 Esercizio 14: inserire commenti in un file zippato
Inserire nel file C:\documenti\ultimo.zip il seguente commento “questo file contiene i le informazioni che mi ha dato Pippo”. Suggerimento: view, comment

131 Esercizio 15 separare un file zippato
Separare il C:\documenti\ultimo.zip in più archivi zip Suggerimento: actions, split

132 I job (dalla versione 10- solo versione PRO)
Esercizio: zippare tutti i collegamenti inseriti dentro i Preferiti di Windows Explorer nella sottocartella “My winzZip files” della cartella di sistema “Documenti”.

133 Creare un nuovo job file
Creare un nuovo job file nel desktop denominato prova.wjf che zippi tutti i file presenti nella cartella C:\documenti nel file di destinazione C:\temp\mio.zip

134 Esercizio 16: rimuovere il programma winzip
In generale per rimuovere un programma: start, impostazioni, pannello di controllo, installazione applicazioni, installa/rimuovi Winzip prevede la procedura di rimozione Suggerimento: start, programmi, winzip, uninstall winzip


Scaricare ppt "Informatica Aziendale"

Presentazioni simili


Annunci Google