La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL COSTO DEL TRANSESSUALISMO: La rinuncia alla procreazione Mariateresa MOLO, Chiara CRESPI, Alessandro LA NOCE, Valentina MINECCIA Centro Interdipartimentale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL COSTO DEL TRANSESSUALISMO: La rinuncia alla procreazione Mariateresa MOLO, Chiara CRESPI, Alessandro LA NOCE, Valentina MINECCIA Centro Interdipartimentale."— Transcript della presentazione:

1 IL COSTO DEL TRANSESSUALISMO: La rinuncia alla procreazione Mariateresa MOLO, Chiara CRESPI, Alessandro LA NOCE, Valentina MINECCIA Centro Interdipartimentale Disturbi dellIdentità di Genere-Molinette A.O.U. San Giovanni Battista Fondazione Carlo MOLO onlus Congresso Nazionale Congiunto Firenze, ottobre 2010

2 TRANSESSUALISMO Noto sin dalla antichità, descritto per la prima volta nel XIX secolo in testi scientifici Condizione oggi ufficialmente riconosciuta e tutelata nei suoi diritti - Diritti umani: Yogyakarta Corte Europea dei Diritti dellUomo - Salute sessuale: O.M.S., W.A.S. - Definizioni: DSM IV- TR, ICD 10

3 EVENTI SIGNIFICATIVI George/Christine Jorgensen (1951) Harry Benjamin: The Transsexual Phenomenon (1966) Harry Benjamin International Gender Dysphoria Association (1979), attualmente WPATH The Standards of Care for Gender Identity Disorders, Sixth Version, Febbraio 2001

4 Norme in materia di rettificazione di attribuzione di sesso. La legge non considera laspetto della genitorialità dopo RCS Legge 14 aprile 1982, n. 164 (in Gazz. Uff., 19 aprile, n. 106).

5 Art. 4. La sentenza di rettificazione di attribuzione di sesso non ha effetto retroattivo. Essa provoca lo scioglimento del matrimonio o la cessazione degli effetti civili conseguenti alla trascrizione del matrimonio celebrato con rito religioso. Si applicano le disposizioni del codice civile e della legge 1° dicembre 1970, n. 898, e successive modificazioni.

6 IDENTITA PERSONALE Identità sessuale Orientamento sessuale Identità di genere Immagine corporea Ruolo di genere

7 IDENTITA SESSUALE IDENTIFICAZIONE IMITAZIONE Reciprocazione: conferma di ciò che non si è Influenza del Sistema di attaccamento e delle caratteristiche delle figure di attaccamento: Dominanti, presenti, ammirate, temute, odiate M mascolinizzazione+defemminilizzazione femminilizzazione+demascolinizzazione F

8 IDENTITA DI GENERE Consapevolezza di appartenere ad uno dei due sessi (o essere ambivalente) sono un maschio / sono una femmina Produce un conseguente comportamento sessuale Senso di se stessi, unità e persistenza della propria individualità, particolarmente come esperienza di percezione sessuata di se stessi e del proprio comportamento Esperienza personale, interiore, di svolgere un ruolo legato al genere (Money, 1976)

9 IMMAGINE CORPOREA Caratteristiche fisiche e vissuto emotivo Dallintegrazione di input sensoriali afferenti si forma lo schema corporeo (sinestesia) e quindi la consapevolezza del proprio corpo. Lo schema corporeo si completa nellimmagine corporea, nella quale si integrano le emozioni e gli affetti ad esso collegati, insieme al riscontro sociale proveniente dagli altri. Limmagine corporea è un processo sociale legato ad accettazione e approvazione

10 Espressione pubblica, esteriore dellidentità di genere Tutto ciò che una persona dice o fa per indicare agli altri o a se stesso il grado della sua femminilità, mascolinità o ambiguità. Include anche il comportamento e la vita sessuale, ma non si limita ad esso. (Money 1975 ) Robert Mapplethorpe Autoritratto, 1980 Educazione, cultura, influenze sociali RUOLO DI GENERE

11 ORIENTAMENTO SESSUALE Istinto, emozioni, sentimenti Integrazione a livello ipotalamico (sottocorticale) Non attratto sessualmente Eterosessuale Omosessuale Bisessuale

12 SVILUPPO ATIPICO IDENTITA DI GENERE IN INFANZIA Remissione spontanea Omosessualità effeminata Transgenderismo – Travestitismo non feticista – Modificazione medico-chirurgica del corpo senza RCS – Transessualismo nelletà adulta (20%)

13 TRANSESSUALI Immagine corporea sesso opposto Ruolo di genere Orientamento sessuale omo in apparenza, in realtà eterosessuale Disgiunta funzione erotica e riproduttiva Immagine corporea: non rappresentazione mentale caratteri sessuali primari e secondari

14 MF MF Continuum M/F in cui ciascuno si situa, le generalizzazioni sono arbitrarie MtF: presenza di genitali maschili normali ma assenza di attività intrusiva, penetrativa (monta); atteggiamento e piacere ricettivo FtM: presenza di genitali femminili normali ma assenza di attività ricettiva (lordosi), impulso a quella penetrativa, non realizzabile

15 MtF Genitali anatomicamente normali, non accettati a livello psicologico Rifiuto della loro funzione, sia edonica che riproduttiva Accettato autoerotismo genitale solo se accompagnato da fantasia di essere la donna che viene penetrata dal genitale

16 FtM Genitali anatomicamente normali, non accettati a livello psicologico Rifiuto del seno e del mestruo Non accettato lesser penetrati Impossibilità psichica di concepimento Funzione edonica del clitoride, assimilato al pene

17 RIASSEGNAZIONE CHIRURGICA DEL SESSO (RCS) Traguardo finale a cui aspirano tutti i transessuali RCS comporta lablazione delle gonadi e la ricostruzione di genitali esterni di aspetto compatibile al sesso desiderato La soddisfazione psicologica derivante dal fatto di poter vivere nel ruolo da sempre desiderato compensa le limitazioni insite nellintervento chirurgico

18 Body Image Scale Lindgreen e Pauly Scala Likert con valori da 1 (molto soddisfatto) a 5 (molto insoddisfatto) attribuiti alle varie parti del corpo, che comprendono anche: Seno, pomo dAdamo, scroto/vagina, pene/clitoride, barba, testicoli/ovaie-utero, peli TsTs TTs op C ___________________________________________________________________________________________________________ 3,762,261,461,90 M 2,462,181,941,71 F

19 RCS E PROCREAZIONE Con lintervento di RCS l'impossibilità psichica a procreare diventa fisica, effetto di castrazione. Facilitata la funzione edonica con l'acquisizione di un corpo congruente alla propria identità percepita.

20 ASPETTATIVE DELLE PERSONE TRANSESSUALI E LORO SODDISFAZIONE Studio condotto su 27 soggetti transessuali nel 1994

21 CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 20 MtF 7 FtM Età media MtF: 39 anni Età media FtM: 33 anni Valutazione a una media di 6 anni dopo RCS

22 ASPETTATIVE RICAVATE DAI COLLOQUI CLINICI Matrimonio, convivenza, regolarizzare ununione Farsi una famiglia, allevare figli, adottarli Avere una vita sentimentale, trovare un/una partner Sessualità più soddisfacente Aspetto fisico congruo Lavoro, libertà, rispetto

23 MtF (20 soggetti ) 10 desiderano farsi una famiglia 5 aspirano a svolgere un ruolo materno 1 non desidera figli Outcome dopo RCS: 60% matrimonio o convivenza 87% Qualità di Vita considerata abbastanza soddisfacente

24 FtM (7 soggetti) 5 Desiderio di famiglia 2 Ruolo paterno Nessuno lo rifiuta espressamente Outcome dopo RCS: Nessuno ha una relazione stabile 66% Qualità di Vita considerata abbastanza soddisfacente

25 ATTEGGIAMENTO DELLE PERSONE TRANSESSUALI VERSO LA PROCREAZIONE Studio condotto su 25 soggetti transessuali nel

26 CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 15 MtF 10 FtM Età media MtF: 39 anni Età media FtM: 33 anni Dati ottenuti durante la fase diagnostica in soggetti che richiedono RCS

27 ATTEGGIAMENTI RICAVATI DAI COLLOQUI CLINICI Concepire, procreare Farsi una famiglia, allevare figli, essere madre/padre Fecondazione assistita, crioconservazione, adozione, affidamento Non desiderio di figli

28 MtF (15 soggetti) 2 Concepire, procreare 8 Famiglia, figli, genitorialità (madre) 6 Adozione, 1 Affidamento 3 Non desiderano figli 1 Manifesto rifiuto per la crioconservazione

29 FtM (10 soggetti) 9 Famiglia, figli, genitorialità 6 inseminazione artificiale 1 Non desiderio di figli

30 50 Soggetti dopo RCS (almeno 2 anni) MtF (N=25) Single: 8 (32%) Sposate Conviventi Divorziate Vedove Figli: 3 FtM (=25) Single: 6 (24%) Sposati Conviventi Divorziati Vedovi: 1(2%) Figli: 0 17 (68%) 18 (24%)

31 E DUNQUE ? Allinizio del percorso lidea della procreazione e della genitorialità assume delle connotazioni idealizzate, come se essere realmente una donna od un uomo presupponesse necessariamente il desiderio di avere un figlio. Alla fine del percorso, dopo lintervento di RCS, tale desiderio nella maggior parte dei casi si fa meno urgente o scompare.

32 Dal 1997 al 2010 (18 volumi): sono stati pubblicati DUE soli articoli sul tema genitorialità The desire to have children and the preservation of fertility in transsexual women: a survey P. De Sutter, K.Kira, A. Verschoor and A. Hotimsky International Journal of Transgenderism Volume 6,numero 3, 2002

33 Parental alienation syndrome and the transsexual parent Richard Green International Journal of Transgenderism Volume 9,numero 1, 2006

34 QUALITA DI VITA RCS un effetto positivo sulla Qualità della Vita dei DIG, che non differisce da quella dei soggetti di controllo Rafforza lidentità sessuale ed il senso di appartenenza al genere

35 CONCLUSIONI:GENITORIALITÀ Il punto non è essere o non essere genitori transessuali ma essere o non essere dei buoni genitori. La questione dunque è: Cosa significa essere dei buoni genitori? I genitori transessuali possono essere dei buoni genitori?

36


Scaricare ppt "IL COSTO DEL TRANSESSUALISMO: La rinuncia alla procreazione Mariateresa MOLO, Chiara CRESPI, Alessandro LA NOCE, Valentina MINECCIA Centro Interdipartimentale."

Presentazioni simili


Annunci Google