La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La PATOLOGIA MUSCULO-TENDINEA La PATOLOGIA MUSCULO-TENDINEA Molfetta L.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La PATOLOGIA MUSCULO-TENDINEA La PATOLOGIA MUSCULO-TENDINEA Molfetta L."— Transcript della presentazione:

1 La PATOLOGIA MUSCULO-TENDINEA La PATOLOGIA MUSCULO-TENDINEA Molfetta L.

2 Forme anatomo-cliniche Tendinopatie del corpo Entesopatie Tenosinoviti (acute) Peritendiniti (croniche) Borsiti Patologie degli sportivi

3 CARATTERIZZAZIONE ANATOMO-PATOLOGICA Tenosinovite flogosi guaina sinoviale Tendinopatia Inserzionale flogosi-degenerazione giunz.miotendinea e osteo-tendinea Peritendinite flogosi peritenonio Peritendinite- Tendinosi flogosi peritenonio e degenerazione Tendinosi pura fenom.primari degenerativi con aree di metaplasia osteocartilaginea Tenosinovite flogosi guaina sinoviale Tendinopatia Inserzionale flogosi-degenerazione giunz.miotendinea e osteo-tendinea Peritendinite flogosi peritenonio Peritendinite- Tendinosi flogosi peritenonio e degenerazione Tendinosi pura fenom.primari degenerativi con aree di metaplasia osteocartilaginea DEFINIZIONE ANATOMIA PATOLOGICA

4 Lesioni MUSCOLARI ACUTE - Indirette ( da IPERALLUNGAMENTO o SOVRACCARICO ) ELONGAZIONI DISTRAZIONI 1° (>5% fibre) DISTRAZIONE 2° o ROTTURA PARZIALE DISTRAZIONE 3° o ROTTURA TOTALE - Dirette (da CONTUSIONE) SUBACUTE ( da SOVRACCARICO in contrazione eccentrica ) CRONICHE ( da EVOLUZIONE PATOLOGICA di les.ac./subac. o fibrosi croniche ab initio) Lesioni MUSCOLARI ACUTE - Indirette ( da IPERALLUNGAMENTO o SOVRACCARICO ) ELONGAZIONI DISTRAZIONI 1° (>5% fibre) DISTRAZIONE 2° o ROTTURA PARZIALE DISTRAZIONE 3° o ROTTURA TOTALE - Dirette (da CONTUSIONE) SUBACUTE ( da SOVRACCARICO in contrazione eccentrica ) CRONICHE ( da EVOLUZIONE PATOLOGICA di les.ac./subac. o fibrosi croniche ab initio) EVOLUZIONE delle LESIONI MUSCOLARI FALDE LIQUIDE FIBROSI Post-traumatica MIOSITE OSSIFICANTE

5 LESIONI DA SOVRACCARICO TENDINEO-MUSCOLARE GRADO Dolore in attivita dur./dopo attiv. Per vari gg. continuo Soggettivo 6 sett. Inab.sport. remiss.spont. 2/6 sett. Notturno notturno Segni dolore diffuso dolore localiz. Tumefazione tumef./edema Clinici minima flog. Flogosi atrofia Danno Tissutale MICROTRAUMA MACROTRAUMA Guarigione risoluzione spontanea cicatrice permanente danno tissutale residuo

6 Sintomi DOLORE ( improvviso, vivo, trafittivo o crampiforme o contusivo) CONTRATTURA IMPOTENZA FUNZIONALE (parziale o totale) Segni DOLORE EVOCATO TUMEFAZIONE ECCHIMOSI LIMITAZ.FUNZIONALE EMARTRO Sintomi DOLORE ( improvviso, vivo, trafittivo o crampiforme o contusivo) CONTRATTURA IMPOTENZA FUNZIONALE (parziale o totale) Segni DOLORE EVOCATO TUMEFAZIONE ECCHIMOSI LIMITAZ.FUNZIONALE EMARTRO

7 LES.MUSC.INDIR. ELONGAZIONE DISTRAZIONE ROTTURA Dolore spontaneono + ++ Tumefazioneno Ecchimosino tardiva precoce Palpazione dolenzia diffusa dolente flutt./crepitio Contr.musc.attiva dolore +- dolore ++ dolore +++ Attivita sportiva possibile limitata impedita Dolore spontaneono + ++ Tumefazioneno Ecchimosino tardiva precoce Palpazione dolenzia diffusa dolente flutt./crepitio Contr.musc.attiva dolore +- dolore ++ dolore +++ Attivita sportiva possibile limitata impedita

8 Conflitto da frizione (tenosinoviti, borsiti, peritendiniti) Tendine nella sua guaina Gambaletto o contrafforte delle scarpe Rilievo o particolarità anatomiche (calcagno)

9 Eccesso di trazione (tendinopatie del corpo, entesiopatie) La ripetizione di sollecitazioni molto ampie o troppo ravvicinate determina uno scivolamento delle fibrille tra di loro, poi la rottura.

10 Lo squilibrio può essere dovuto a: un eccesso di forze (fattori estrinseci) una minore resistenza del tendine (fattori intrinseci)

11 Fattori estrinseci Lallenamento Il suolo Le scarpe Fattori iatrogeni

12 Fattori intrinseci Letà La lunghezza e lestensibilita muscolo-tendinea Le cause anatomiche IL contesto metabolico La fatica

13 Lallenamento Aumenta il volume e la resistenza del tendine, ma può essere aggressivo in certe condizioni : Variazioni brutali del ritmo Debutto sportivo tardivo Ripresa dopo inattività Super allenamento Mancanza di riscaldamento

14 Il suolo La durezza del suolo favorisce ed amplifica la trasmissione dei traumi La durezza del suolo favorisce ed amplifica la trasmissione dei traumi Le scarpe Controllo della pronazione Libertà avampiede / retropiede Libertà del tendine dAchille

15 Incidenza della forma della scarpa sul retropiede nei movimenti laterali (Hoffmann 1997)

16 La iatrogenesi - Fluorochinoloni - Infiltrazioni di corticosteroidi - Isotretinoine - Steroidi anabolizzanti…... aumentando la rigidità tendinea (rottura ad un debole allungamento) Miles-1992,Inhofe-1995 accrescono lo squilibrio muscolo-tendineo

17 Età Modificazioni strutturali e biochimiche (perdita di acqua e fibre elastiche) (perdita di acqua e fibre elastiche) Minore resistenza meccanica Minore adattamento allallenamento

18 La brevità e la mancanza di estensibilità muscolo-tendinea Gli allungamenti sono la base essenziale della prevenzione di base

19 Le anomalie anatomiche e biomeccaniche Deviazioni assiali Squilibrio agonisti- antagonisti Sindrome da iperpronazione

20 Il contesto metabolico La disidradazione Lacidificazione del centro Modifica il comportamento del tendine La fatica La tetanizzazione muscolare impedisce il rilassamento

21 Tendinopatie del corpo Entesopatie Tenosinovite (acuta) Peritendiniti (croniche) Borsiti Trattamento delle tendinopatie achillee Trattamento delle tendinopatie achillee Dipende dalla forma clinica e dalleziologia

22 Trattamento delle tendinopatie del corpo tendineo Riposo relativo per 4-6 settimane Vietati corsa e salti Sport in scarico da iniziare in tempi brevi Rieducazione per mesi Stretching Potenziamento muscolare Rispetto della legge anti doping: nessuna competizione, nè allenamenti) No infiltrazioni di Corticoidi

23 Correzione di una sindrome da iper-pronazione : Correzione di una sindrome da iper-pronazione : Scarpe o plantari Programmazione dellallenamento Scarpe/suolo

24 (unicamente in caso di fallimento del trattamento conservativo) * Exeresi della lesione intra-tendinea (fibro-calcificazioni) * Tenolisi (Kwist 1980) * Osteotomia del calcagno * Pettinatura"Peignage" * Rinforzo per trasferimento tendineo (« augmentation ») Trattamento chirurgico del tendinopatie del corpo tendineo

25 Buoni risultati Buoni risultati : Shepsis (94) : 66% Rolf (97): 76% Escissione delle lesioni ± tenolisi Escissione delle lesioni ± rinforzo (ribaltamento del tricipite) Buoni risultati Nelen (1989) con rinforzo : 87 % exeresi semplice: 73 % Il peignage (pettinatura) del tendine ± escissione delle lesioni Buoni Risultati ottenuti nelluomo: % (cattivi risultati nelle scissioni insufficenti ed in caso di lesioni inveterate)

26 Trapianto vascolarizzato con il peroneo medio (MOYEN 1981) - Tenolisi ( ablazione del paratendine ipertrofico salvo la parte anteriore) - Incisione longitudinale del tendine - Escissione del tessuto macroscopicamente anormale (disorganizzato, duro, nodulare ) - Dissezione del Peroneo corto - La metà é isolata (con il peduncolo vascolare prossimalmente) - Il tendine é passato sotto il peduncolo surale - ed introdotto « en inlay » nel tendine dAchille Gesso 5 settimane, carico a 3 settimane

27 Tenosinovite acuta Frizione del tendine / guaina Scarpe a collo alto Dolori ed inspessimento diffuso del tendine Crepitazioni Trattamento TrattamentoRiposoGhiaccioFANS Eliminazione del conflitto

28 Peritendinite Fibrosi peritendinea Riempimento delle gole retromalleolari Cattivo scivolamento pelle/tendine Opacizzazione del triangolo di Kager TRATTAMENTO A.I. steroidei Ultrasuoni Massage di scollamento Infiltrazioni nello spazio pre achilleo

29 Malattia di Haglund "calcagno gobbo " Conflitto tra il contrafforte della scarpa e la zona di inserzione del tendine d'achille Angolo postero-superiore del calcagno troppo sporgente Soggetti giovani Predominanza femminile

30 Borsite retro - achillea Borsite – pre-achillea Tendinopatia d'inserzione dell'Achille

31 Radiografie di profilo in carico Angolo di Fowler e Philip ( 44° - 69°) « Parallel Pitch Lines » di Henegan e Pavlov « Angolo di Pitch » (inclinazione calcaneare < 20°) « Angolo totale » (Fowler e Philip + Angolo di Pitch ) Angolo di Chauveaux 62° Angolo di Philip - Fowler angolo di Djian Inclinazinone del calcagno Certe misure precise hanno valore in caso di rare indicazioni chirurgiche

32 Angolo di CHAUVEAUX (1990) = Inclinazione del calcagno = deformazione post. Del calcagno normale < 10°

33 Teno-borsite Eliminazione del conflitto con le scarpe Stiramenti Tallonniera di sopra-elevazione A.I. in generale e in locale No infiltrazioni Trattamento medico difficile, chirurgico pure !


Scaricare ppt "La PATOLOGIA MUSCULO-TENDINEA La PATOLOGIA MUSCULO-TENDINEA Molfetta L."

Presentazioni simili


Annunci Google