La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La danza a otto delle api La dissimulazione 4 categorie mimetismo comportamento organizzato menzogna legata alla capacità di imparare dallesperienza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La danza a otto delle api La dissimulazione 4 categorie mimetismo comportamento organizzato menzogna legata alla capacità di imparare dallesperienza."— Transcript della presentazione:

1

2 La danza a otto delle api

3 La dissimulazione 4 categorie mimetismo comportamento organizzato menzogna legata alla capacità di imparare dallesperienza menzogna deliberata

4 MENTE sistema di conoscenze, regole e operazioni con le quali gli individui agiscono e interagiscono comprendendo i meccanismi attraverso cui la mente elabora la conoscenza si comprenderà la natura della comunicazione, e il ruolo che quella umana riveste rispetto alle restanti forme eliminando la mente lo scambio comunicativo diventerebbe analogo a quello tra due macchine, ma così facendo si perderebbe una caratteristica fondamentale

5 Variabilità ad un messaggio corrisponde un solo segnale, lo stesso sia per la sorgente (mittente) che per il destinatario (es. spia della benzina) conseguenze no menzogna no ironia no interpretazione no flessibilità no incomprensione no contesto

6 Modelli elementari messaggio mittente / destinatore destinatario (modello lineare - circuito della parole)

7 Modelli elementari (modello triadico)

8 Modello postale della comunicazione (MPC) sorgente --> codificatore --> canale --> decodificatore --> destinazione messaggio segnale ricevuto messaggio ricevuto rumore (modello matematico della comunicazione secondo Shannon e Weaver) Es. telefonata: sorgente = chi ha chiamato; codificatore = parte dellapparecchio che trasforma le onde sonore in oscillazioni della corrente elettrica; messaggio = Conversazione; canale = cavo elettrico; segnale = cambiamenti di tensione; Rumore = interferenze elettromagnetiche, rumore ambientale, resistenza dei cavi…

9 Il modello della comunicazione di Jakobson (1966) MITTENTE DESTINATARIO MESSAGGIO REFERENTE CODICE CANALE

10 Il funzionalismo canale/CONTATTO mittente messaggio destinatario contesto/REFERENTE codice funzione emotiva (espressiva) funzione fatica funzione poetica funzione referenziale funzione metalinguistica funzione conativa

11 La FUNZIONE in relazione al modello della comunicazione, per FUNZIONI si intendono i fini che si assegnano agli enunciati quando vengono prodotti ruolo che un unità svolge nella struttura [grammaticale dell enunciato ], nel quale ogni membro della frase è considerato come partecipe del senso generale della frase ogni relazione tra due termini (così come avviene in matematica) relazione che, in una struttura, sussiste tra gli elementi che ne fanno parte

12 il funzionalismo funzione emotiva (espressiva) funzione fatica funzione poetica funzione referenziale funzione metalinguistica funzione conativa canale/CONTATTO mittente me ssaggio destinatario contesto/REFERENTE codice

13 La funzione: definizione in relazione al modello della comunicazione, per FUNZIONI si intendono i fini che si assegnano agli enunciati quando vengono prodotti ruolo che un unità svolge nella struttura [grammaticale dellenunciato], nel quale ogni membro della frase è considerato come partecipe del senso generale della frase ogni relazione tra due termini (così come avviene in matematica) relazione che, in una struttura, sussiste tra gli elementi che ne fanno parte

14 Funzione emotiva : si concentra sul destinatore del messaggio (o emittente). L'emittente esprime attraverso il linguaggio la propria emotività, il proprio mondo interiore, il proprio modo di sentire le cose. La lingua diventa uno strumento di esteriorizzazione di sentimenti e stati d'animo. Esempi di funzioni Anch'io ho commesso un errore. Non ho mai usato la brillantina LINETTI

15

16 Funzione conativa (o persuasiva): si concentra sul destinatario. Si verifica quando l'emittente utilizza il linguaggio per cercare di convincere. può essere espressa come una supplica, una minaccia, un suggerimento o anche solo un'osservazione. Esigete MARSALA FLORIO Ristora, Rinfranca, Rinforza (1933) Rompete il ghiaccio col CINZANO rosso ( )

17 Funzione referenziale (o informativa): si concentra sul contesto. L'emittente, parlando, fornisce al ricevente delle informazioni che vanno spesso al di là del semplice significato delle parole che utilizza. Il loro significato deriva infatti da un insieme di fattori sociali, economici, politici… che possono riguardare la situazione comunicativa, i suoi presupposti, o anche lo stesso emittente. (es. la pronuncia può indicare la provenienza geografica di chi sta parlando; l'uso di un certo termine può fornire informazioni sullo status sociale e culturale del parlante più o meno giovane, più o meno colto, imbarazzato….). Con NELSEN PIATTI li vuol lavare lui

18 a partire dai primi anni 70 (Ducrot e Todorov) ci si avvia verso una concezione onnicomprensiva ed elastica di contesto/ referente ingloba conoscenze, precondizioni e regole per la comunicazione, nonché circostanze, eventi e processi, dati fisici, materiali, psicologici, connessi o presenti nellevento di discorso contesto situazionale e contesto culturale fattori sociologici fattori etnografici contesto verbale, situazionale (insieme di elementi non verbali significativi), sociologico, etnografico = insieme delle situazioni possibili IL contesto/referente

19 Funzione poetica: si concentra sul codice. Deriva dalla scelta particolare che l'emittente compie nel curare la forma con la quale esprimere il proprio messaggio. Questa scelta può andare dal genere letterario (problema dello scrittore: scrivo un romanzo? una poesia? uso endecasillabi? stile libero? ecc.), alla collocazione sintattica delle parole ("io amo te", "amo te, io", io ti amo", ecc.), all'attenzione rivolta per gli effetti sonori (ripetizioni, assonanze, ecc.), ecc.

20 Funzione metalinguistica: si concentra sul messaggio. si attua quando emittente e ricevente si concentrano sul significato e la forma del messaggio e, in generale, del linguaggio. Non ci vuole un pennello grande ma un grande pennello

21

22

23 Funzione fàtica: si concentra sul contatto. si rende esplicita, generalmente in presenza di un disturbo nella trasmissione del messaggio, o quando si presenta il problema del canale comunicativo.

24 Il funzionalismo lidea che lo scopo del mittente sia di trasmettere un messaggio chiaro e inequivoco al suo interlocutore, perché questo sia compreso esattamente, è decisamente semplicistica in rapporto alle concrete circostanze comunicative ciò nonostante questo modello è stato il punto di partenza degli studi di comunicazione e ancora oggi può essere ritenuto il pensiero semplice e generale che influenza il paradigma comunicativo almeno in potenza ogni atto comunicativo contiene tutti i fattori della comunicazione e ne comprende anche tutte le funzioni


Scaricare ppt "La danza a otto delle api La dissimulazione 4 categorie mimetismo comportamento organizzato menzogna legata alla capacità di imparare dallesperienza."

Presentazioni simili


Annunci Google