La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia delle Aziende, Pubbliche e Non Profit Le aziende non profit: introduzione e definizione dott. Fabio Monteduro Università degli Studi di Roma Tor.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia delle Aziende, Pubbliche e Non Profit Le aziende non profit: introduzione e definizione dott. Fabio Monteduro Università degli Studi di Roma Tor."— Transcript della presentazione:

1 Economia delle Aziende, Pubbliche e Non Profit Le aziende non profit: introduzione e definizione dott. Fabio Monteduro Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Giurisprudenza

2 dott. Fabio Monteduro 2 Le definizioni delle aziende non profit (1 di 2) Esistono diversi approcci definitori alle realtà non profit: –Approccio giuridico (sono non profit tutte quelle realtà a cui la legislazione attribuisce lassenza di scopo di lucro) –Approccio statistico (sono non profit tutte quelle realtà che posseggono alcuni requisiti oggettivi) –Approccio economico-aziendale (sono non profit quelle realtà che presentano forme di attenuazione della concorrenza nei mercati di acquisizione dei fattori produttivi e/o di collocazione dei prodotti)

3 dott. Fabio Monteduro 3 Le definizioni delle aziende non profit (2 di 2) Le definizioni/classificazioni sono sempre relative perché dipendono da chi propone una definizione e dalle finalità che esso si pone (differenze tra discipline) Non esiste una definizione più vera di unaltra ma solo definizioni più adatte a determinati scopi –Ad esempio utilizzando lapproccio giuridico individua con precisione una serie di fattispecie a cui è possibile applicare norme specifiche (agevolazioni fiscali, ecc.) ma non aiuta a fare comparazioni internazionali (ogni stato ha il suo sistema giuridico) né a capire il funzionamento economico

4 dott. Fabio Monteduro 4 Lapproccio giuridico NON PROFIT codice civile legislazione speciale legislazione fiscale Società di mutuo soccorso (L. 3818/1886) IPAB (L. 6972/1890, L. 328/2000) Organizzazioni di volontariato (L. 266/1991) Cooperative sociali (L. 381/1991) ONG (L.47/1987) Associazioni di promozione sociale (L. 383/2000) Imprese sociali (D.Lgs 155/2006) Fondazioni di diritto speciale (familiari, bancarie, scolastiche, di culto, liriche, militari) Associazioni Fondazioni Comitati Onlus (D.Lgs 460/1997)

5 dott. Fabio Monteduro 5 Lapproccio statistico Definizione basata sulle fonti di entrata (organ. privata+ non distribuzioni utili+ vendita di beni e servizi a prezzi inferiori al 50% dei costi di produzione) Definizione strutturale-operativa (formalità + stato giuridico privato + autogoverno+ divieto di distribuzione del profitto+ presenza di una certa quantità di lavoro volontario + non predominanza del fine politico o di culto) Definizione strutturale-funzionale (ai requisiti della definizione strutturale operativa aggiungono quello dellutilità sociale)

6 dott. Fabio Monteduro 6 Lapproccio economico aziendale (1 di 5) Le aziende non profit sono quelle che operano sia dal lato della domanda sia dal lato dellofferta in un ambiente di competizione limitata o assente. In molti casi acquisiscono alcuni fattori produttivi gratuitamente o a valori non di mercato (es. donazioni, volontariato, ecc.) e cedono beni e servizi sempre gratuitamente o a valori non di mercato (servizi sociali, sanitari, ecc.).

7 dott. Fabio Monteduro 7 PRODOTTI E SERVIZI output Processo RISORSE (input) Lapproccio economico aziendale (2 di 5) Lavoro Materiali Finanziamenti Cittadini Clienti beneficiari Relazioni di mercato /non di mercato

8 dott. Fabio Monteduro 8 PRODOTTI E SERVIZI output Processo RISORSE (input) Lapproccio economico aziendale (3 di 5) Lavoro Materiali Mezzi finanziari Clienti Mercati concorrenziali imprese Mercati concorrenziali

9 dott. Fabio Monteduro 9 PRODOTTI E SERVIZI output Processo RISORSE (input) Lapproccio economico aziendale (4 di 5) Lavoro Materiali Mezzi finanziari cittadini Aziende pubbliche Mercati non concorrenziali Livello di concorrenza 100% 10% tasse

10 dott. Fabio Monteduro 10 PRODOTTI E SERVIZI output Processo RISORSE (input) Lapproccio economico aziendale (5 di 5) Lavoro Materiali Mezzi finanziari cittadini Aziende non profit Mercati non concorrenziali Livello di concorrenza 30% 50% 10% donazioni volontariato

11 dott. Fabio Monteduro 11 Dal welfare state alla welfare society Stato (min. Tesoro) organizzazioni non profit Imposte contributi Produzione Servizi pubblici Donazioni volontariato Sussidi defiscalizzazione produzione, riallocazione advocacy

12 dott. Fabio Monteduro 12 Perché esiste il non profit? Ci sono varie teorie: fallimenti dello Stato (Weisbrod) Stato no capace produrre beni pubblici efficienza e qualità fallimenti del contratto (Hansmann) asimmetrie informative, fiducia altre teorie Imprese sociali come "strutture di incentivi (Borzaga) differenzia tra diverse tipologie organizzative di imprese non profit a seconda di chi sia il titolare del diritto di controllo (donatori, lavoratori o volontari, consumatori) e mette in evidenza che a ognuna di queste formule organizzative corrisponde una struttura di incentivi volta a ridurre eventuali comportamenti opportunistici Principio di reciprocità (Zamagni) una persona si impegna in azioni di volontariato perché si aspetta che laltro farà lo stesso

13 dott. Fabio Monteduro 13 Il volontariato organizzato Le caratteristiche del volontariato organizzato in Italia si desumono dalla Legge n. 266 del 11 agosto 1991: per attività di volontariato deve intendersi quella prestata in modo personale, spontaneo e gratuito, tramite lorganizzazione di cui il volontario fa parte, senza fini di lucro anche indiretto ed esclusivamente per fini di solidarietà (art. 2) La legge istitutiva individua tre elementi centrali: Gratuità: in nessun modo il volontario può essere retribuito. Vi può essere personale non volontario retribuito qualora necessario, ma in misura non prevalente. Solidarietà: in realtà sono previsti una molteplicità di settori di intervento che copre ogni iniziativa privata e fini non di lucro. Organizzazione: la legge fa riferimento a strutture stabili ed organizzate, privilegiando lazione organizzata a quella individuale e sporadica Se iscritte in un apposito registro regionale le OdV possono beneficiare di agevolazioni segue ….

14 dott. Fabio Monteduro 14 Nel 2003 lISTAT ha censito organizzazioni di volontariato (+ 15% rispetto al 2001; + 152% rispetto al 1995). Ulteriori caratteristiche che emergono dai dati sono (ISTAT 2003): il forte radicamento delle organizzazioni di volontariato nelle regioni settentrionali, anche se negli anni aumentano in misura relativamente più accentuata le unità presenti nel Mezzogiorno; la prevalenza relativa di piccole dimensioni organizzative, sia in termini di volontari attivi che di risorse economiche disponibili; nelle organizzazioni di volontariato sono impiegati circa dipendenti e volontari. La maggiore presenza, tra i volontari, è uomini in età compresa tra i 30 e i 54 anni, diplomati e occupati; la concentrazione relativa di unità nei settori della sanità (28%) e dellassistenza sociale (27,8%), I principali servizi sono: ascolto, sostegno e assistenza morale (offerto dal 19,9% delle organizzazioni) donazione di sangue (17,4%). servizi ricreativi e di intrattenimento (14,5%), accompagnamento e inserimento sociale (13,0%), … campagne di informazione e sensibilizzazione (11,8%), assistenza domiciliare (11,8%), trasporto anziani e disabili (11,4%), prestazioni di soccorso e trasporto malati (10,7%) … continua

15 dott. Fabio Monteduro 15

16 dott. Fabio Monteduro 16 La cooperazione sociale Le caratteristiche della cooperazione sociale si desumono dalla Legge n. 381/1991: Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini attraverso: a) la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi; b) lo svolgimento di attività diverse finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Nella Cooperativa Sociale si conciliano una serie di fattori: la mutualità, limprenditorialità, leconomicità, la solidarietà e la partecipazione attiva dellutente nella determinazione del servizio Beneficiano di agevolazioni (convezionamento con enti pubblici, regime tributario e contributivo, ecc.) segue ….

17 dott. Fabio Monteduro 17 Nel 2003 lISTAT ha censito cooperative sociali (+ 11,7% rispetto al 2001) Ulteriori caratteristiche che emergono dai dati sono (ISTAT 2003): prevalenza delle cooperative sociali di tipo A: 60,2% dei casi (3.707 unità) rispetto al 32,1% di cooperative di tipo B (1.979 unità), al 4% di cooperative ad oggetto misto (249) e al 3,6% di consorzi (224). si tratta di aziende labour intensive e più professionalizzate nel senso che rispetto alle organizzazioni di volontariato, sono meno caratterizzate dal lavoro volontario: Nelle cooperative sociali sono impiegati circa lavoratori retribuiti e non retribuiti. Il 70% circa delle risorse umane è costituito da donne. hanno natura imprenditoriale: dal punto di vista economico, le cooperative sociali registrano nel complesso circa 4,5 miliardi di euro di entrate (+ 13% rispetto al 2001; valore medio della produzione di euro per le cooperative di tipo A; di euro per cooperative di tipo B). hanno una più equilibrata distribuzione sul territorio nazionale rispetto alle organizzazioni di volontariato. fonti di entrata prevalentemente pubbliche: la maggioranza assoluta delle cooperative sociali (64,4%) registra entrate di origine prevalentemente pubblica e il 35,6% di fonte prevalentemente privata. la prevalenza del ricorso al finanziamento pubblico è relativamente più accentuata per le cooperative di tipo A (71,9%), mentre lo è meno per le cooperative di tipo B (50,4%) le cooperative localizzate nel Mezzogiorno mostrano quote di entrate di fonte prevalentemente pubblica (73,7%) superiore alla media nazionale … continua segue ….

18 dott. Fabio Monteduro 18 prevalenza della componente sociale rispetto a quella sanitaria: il 58,5% delle cooperative di tipo A opera nel campo dellAssistenza sociale. La vocazione socio-assistenziale risulta relativamente più marcata nelle regioni del Mezzogiorno. il 20,7% nel settore dellIstruzione e ricerca il 13,2% nel settore della Cultura, sport e ricreazione il 7,6% opera nella Sanità rispetto alla gamma di servizi offerti dalle cooperative di tipo A i più diffusi sono: assistenza domiciliare (erogata dal 36,2% delle cooperative di tipo A; più frequente al centro-Sud), assistenza in residenze protette (offerta dal 34,1% delle cooperative di tipo A; più frequente al Nord) prestazioni di ricreazione, intrattenimento e animazione (32,3%). nel corso del 2003 le cooperative sociali di tipo A hanno offerto servizi a più di utenti (+ 13,8% rispetto al 2001) rispetto al tipo di utenza, le categorie più numerose sono i minori (30,4%), gli utenti senza specifici disagi (26,4%) e gli anziani non autosufficienti (10,3%). … continua

19 dott. Fabio Monteduro 19 Le Fondazioni Caratteristiche principali: enti dotati di personalità giuridica che consistono di un patrimonio devoluto ad un fine specifico fissato nello statuto (patrimonio per uno scopo) Possono essere di tipo erogativo (erogano fondi) ma in genere sono tipo operativo, producono cioè servizi (ricerca, sanità, servizi sociali, ecc.) Le fondazioni erogative sono in genere enti di con poco personale, ma finanziariamente solidi e patrimonializzati Le fondazioni operative sono enti con un numero consistente di personale, con un capitale che si aggira intorno ai

20 dott. Fabio Monteduro 20 Le Fondazioni di origine bancaria Caratteristiche principali: Sono state definite come patrimonio alla ricerca di uno scopo ricercano spesso un partner progettuale e/o operativo. Nel 2005 le Fondazioni hanno complessivamente erogato 1.372,9 milioni di euro (115,7 milioni solo in sanità), attraverso interventi. Limporto medio per iniziativa è di euro. Destinazione delle erogazioni: arte, attività e beni culturali (30,6%), volontariato, filantropia e beneficenza(21,5%), educazione, istruzione e formazione (11,0%), ricerca scientifica e tecnologica (10,7%), salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa (8,4%), sviluppo locale ed edilizia popolare locale(6,5%) assistenza agli anziani (3,7%)

21 dott. Fabio Monteduro 21 Uno sguardo di sintesi (1) Tutto il non profitSolo sanità non profit Numero di organizzazioni Numero dipendenti (3% forza lavoro) Numero volontari Volume delle entrate36 miliardi di euro7,1 miliardi di euro % di finanziamento pubblico 12,9%39,9%

22 dott. Fabio Monteduro 22 Il ruolo delle aziende non profit 1.Ruolo di advocacy 2.Ruolo di ri-allocazione di risorse 3.Ruolo produttivo

23 dott. Fabio Monteduro 23 Il ruolo delle aziende non profit : esempio Segue …

24 dott. Fabio Monteduro 24 Il ruolo delle aziende non profit : riallocazione delle risorse (esempi) Nel 2002, 32 miliardi destinati alla ricerca

25 dott. Fabio Monteduro 25 Il ruolo delle aziende non profit : riallocazione delle risorse (esempi) principale polo privato di finanziamento della ricerca sul cancro Nel 2002 AIRC e FIRC, insieme, hanno destinato oltre 44 milioni di euro alla ricerca italiana su temi oncologici.

26 dott. Fabio Monteduro 26 Il ruolo delle aziende non profit : riallocazione delle risorse (esempi)


Scaricare ppt "Economia delle Aziende, Pubbliche e Non Profit Le aziende non profit: introduzione e definizione dott. Fabio Monteduro Università degli Studi di Roma Tor."

Presentazioni simili


Annunci Google