La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 1 I sistemi elettorali in Italia a cura di Paolo Vidali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 1 I sistemi elettorali in Italia a cura di Paolo Vidali."— Transcript della presentazione:

1 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 1 I sistemi elettorali in Italia a cura di Paolo Vidali

2 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 2 Tipi di elezioni e sistemi elettorali Attualmente, in Italia, i sistemi elettorali in vigore sono differenziati per quasi ogni tipo di elezione: abbiamo un sistema proporzionale per le elezioni circoscrizionali (dei quartieri), un sistema maggioritario a turno unico per l'elezione del sindaco e del consiglio comunale nei paesi fino a abitanti, un sistema maggioritario a doppio turno per l'elezione del sindaco nei paesi con più di abitanti, con premio di maggioranza al secondo turno nell'elezione del consiglio comunale e possibilità di voto disgiunto (nella stessa scheda si può votare un sindaco ed una lista che non lo appoggia) sistema maggioritario a doppio turno per la provincia, ma senza voto disgiunto, sistema proporzionale con premio di maggioranza per le elezioni di Camera e Senato, con qualche differenza fra i due, sistema proporzionale con voto di preferenza per il Parlamento europeo e per i consigli circoscrizionali, Sistemi differenziati per le votazioni regionali.

3 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 3 I sistemi elettorali possono essere definiti come quel complesso di norme giuridiche che disciplinano le modalità attraverso le quali i membri di un corpo collegiale provvedono alla designazione di una o più persone a un determinato ufficio o a una certa carica. In altri termini, essi sono quel complesso di regole che governano la traduzione delle diverse preferenze individuali in voti e i voti in seggi. Due sono essenzialmente gli aspetti centrali che caratterizzano e distinguono ogni possibile sistema elettorale: le formule elettorali i collegi elettorali Sistemi elettorali

4 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 4 Le formule elettorali sono i criteri per trasformare i voti in seggi. Queste in concreto possono essere, e infatti nella realtà sono, molteplici. Tuttavia, per esigenze di classificazione, vengono tradizionalmente distinte in maggioritarie e proporzionali. I collegi o circoscrizioni elettorali sono le suddivisioni territoriali nell'ambito delle quali gli elettori ivi residenti sono chiamati a eleggere i propri rappresentanti. Se questi ultimi sono più di uno, e la competizione avviene dunque tra liste di candidati, il collegio si dirà plurinominale. Se invece gli elettori vengono chiamati a eleggere un solo rappresentante, il collegio si dirà uninominale. Formule e collegi elettorali

5 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 5 La formula maggioritaria, quasi sempre abbinata a una ripartizione uninominale, assegna il seggio posto in palio al candidato che ha vinto le elezioni riportando il maggior numero di voti (cioè la maggioranza semplice), oppure la metà più uno dei voti validamente espressi (vale a dire la maggioranza assoluta). In questo secondo caso (in Francia, ad esempio), se nessun candidato ottiene la maggioranza dei voti richiesta si procede a un secondo turno elettorale nel quale il seggio viene attribuito a chi ottiene la maggioranza semplice delle preferenze. Tutti i candidati che non vincono, non hanno diritto ad alcun seggio ed i voti da loro ottenuti vanno dispersi: per questa ragione ai diversi concorrenti converrà, per non correre il rischio di sprecare i voti che potrebbero ottenere, accordarsi secondo le rispettive affinità politico ideologiche e presentare candidature comuni. Il sistema elettorale maggioritario

6 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 6 Il primo effetto che i sistemi maggioritari tendono a provocare sul sistema politico è dunque quello della riduzione del numero dei partiti, fino a giungere, in alcuni casi, peraltro piuttosto rari, al bipartitismo. Un secondo effetto, strettamente collegato al primo, che le formule maggioritarie producono, è quello di indurre i candidati al moderatismo per conquistare gli elettori indecisi che si trovano al centro dello schieramento politico. Un terzo effetto, forse quello più rilevante, che tradizionalmente viene ascritto a queste formule quando riescono a promuovere la formazione di assetti bipartitici, è quello di facilitare l'alternanza al potere nonché la costituzione di governi la cui investitura avviene in sostanza direttamente dal corpo elettorale. Un quarto effetto, soprattutto laddove vi sia un sistema dei partiti fortemente frammentato, esse finiscono inevitabilmente per sottorappresentare le minoranze trasformando una maggioranza relativa in maggioranza assoluta. Un quinto effetto consiste nel possibile indebolimento di tutti quegli istituti di garanzia che sono presenti nel nostro ordinamento costituzionale e che poggiano in sulla previsione di maggioranze qualificate: modifiche costituzionali (art. 138), all'approvazione dei regolamenti parlamentari (art. 64) l'elezione parlamentare dei cinque giudici della Corte costituzionale oppure del presidente della Repubblica. Gli effetti del maggioritario

7 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 7 Completamente diversa è invece la logica che ispira le formule proporzionali e i valori che queste, in linea di massima, intendono privilegiare. Esse non mirano a premiare il vincitore a scapito dei perdenti, ma a rispecchiare le diverse preferenze degli elettori: in ciascun collegio, necessariamente plurinominale, i seggi vengono assegnati alle diverse liste di candidati in proporzione ai voti che hanno ottenuto. Il sistema elettorale proporzionale

8 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 8 Avendo come obiettivo primario quello di soddisfare le esigenze della rappresentatività, le formule proporzionali, al contrario di quelle maggioritarie, consentono a tutte le molteplici istanze politiche presenti nella società di partecipare direttamente alla discussione parlamentare favoriscono la parcellizzazione del sistema politico, soprattutto se non sono corrette dqa una soglia di sbarramento non contribuiscono a formare maggioranze compatte e dunque favoriscono una certa instabilità dei governi, anche se non del quadro politico. Da qui la necessità, ormai largamente condivisa, di un premio di maggioranza Gli effetti del sistema elettorale proporzionale

9 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 9 Per quasi cinquant'anni i cittadini italiani hanno eletto i propri rappresentanti in parlamento mediante un sistema elettorale proporzionale. Il quadro internazionale (conflitto ideologico est-ovest) ha spinto verso il blocco dellalternanza al potere di partiti diversi, contribuendo a generare una democrazia bloccata o un bipartitismo imperfetto, in cui lopposizione, rappresentata per lo più da PCI, è rimasta estranea al governo politico nazionale Su questo sistema si è formato un pericoloso sistema che ha portato progressivamente alla crisi del sistema dei partiti, evidenziato dal controllo del voto La difficile transizione italiana

10 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 10 Da qui la proposta di modifica: - referendum elettorale del giugno 1991, che con il 95% di favorevoli ha ridotto da 4 a 1 le preferenze possibili - dal referendum del 18 aprile 1993, con il quale si rende maggioritaria la legge elettorale per il Senato, con l'obiettivo di una riforma elettorale complessiva, - le leggi 276 e 277 dell'1 e 2 agosto Per ambedue i rami del Parlamento il 75% dei seggi veniva assegnato con il sistema uninominale a un turno. Il restante 25% veniva attribuito con metodo proporzionale. La modifica della legge elettorale di Senato e Camera

11 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 11 Lesito delle ultime elezioni politiche

12 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 12 Su richiesta dellUDC il Parlamento ha recentemente modificato la legge elettorale per Camera e Senato. I punti salienti della nuova legge elettorale (14/12/2005) sono: Introduzione del proporzionale, con premio di maggioranza. Abolizione dei collegi uninominali: l'elettore voterà su una sola scheda. Le liste dei candidati saranno chiuse e le graduatorie indicate direttamente dai partiti stessi, senza possibilità di indicare voti di preferenza per uno dei candidati. Premio di maggioranza: viene garantito alla coalizione vincente un minimo di 340 seggi alla Camera dei Deputati. Per quanto concerne il Senato, tale premio è invece garantito su base regionale, in modo da assicurare alla coalizione vincente in una determinata regione almeno il 55% dei seggi ad essa assegnati.Camera dei DeputatiSenato I sistemi elettorali vigenti: Camera e Senato

13 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 13. Capo della forza politica: tale denominazione è usata per identificare il principale rappresentante o leader di una coalizione. Tutti i partiti che intendano "candidarsi a governare" devono depositare, contestualmente al contrassegno, il proprio programma elettorale ed indicare il capo della forza politica o, nel caso di partiti collegati in coalizione, il capo unico della coalizione. I sistemi elettorali vigenti: Camera e Senato

14 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 14 Soglie di sbarramento: per ottenere seggi alla Camera ogni coalizione dovrà ottenere almeno il 10% dei voti nazionali; per ogni partito la soglia minima è al 4% se non coalizzati, al 2% se parte di una coalizione. Al Senato le soglie da superare a livello regionale, sono rispettivamente: il 20%, l'8% e il 3%. Il premio di coalizione o di lista regionale è volto a garantire, al Senato, la formazione di una maggioranza regionale, che disponga almeno del 55% dei seggi assegnati alla Regione. Tuttavia, non essendo previsto il raggiungimento di una soglia minima di consenso elettorale per ottenere il premio, il sistema non assicura la maggioranza assoluta dei seggi del Senato alla coalizione che ha conseguito più voti, per l'eventualità che i singoli premi regionali si neutralizzino a vicenda, né assicura che nei due rami del Parlamento si formi la stessa maggioranza. I sistemi elettorali vigenti: Camera e Senato

15 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 15 Minoranze linguistiche: Le liste delle minoranze linguistiche riconosciute coalizzate o non, potranno comunque accedere al riparto dei seggi per la Camera dei Deputati ottenendo almeno il 20% dei voti nella circoscrizione in cui concorrono. Per il Senato della Repubblica è stato previsto che 6 dei 7 seggi spettanti al Trentino Alto Adige/Sud Tirolo siano assegnati tramite collegi uninominali. Circoscrizione Estero: per eleggere i 6 senatori e i 12 deputati il sistema è proporzionale con liste concorrenti "non bloccate" (si possono infatti esprimere due voti di preferenza nelle ripartizioni della circoscrizione alle quali sono assegnati due o più deputati o senatori e un voto di preferenza nelle altre) si procede sulla base dei quozienti naturali e dei più alti resti. I sistemi elettorali vigenti: Camera e Senato

16 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 16 Sulla scia della stessa esigenza e della richiesta che proveniva dal Paese in merito ad una riforma del sistema politico e che portò allintroduzione del maggioritario nel 1993 (ora nuovamente sostituito dal proporzionale) la legge di elezione per i comuni viene modificata: La legge 81 del 1993 ha introdotto nel nostro ordinamento l'elezione diretta del sindaco e del presidente della provincia. La riforma posta in essere allora ha prodotto un profondo mutamento nel rapporto tra amministratori locali e cittadini-elettori, nella organizzazione stessa dell'ente locale e nel nuovo ruolo attribuito ai primi cittadini di comune e provincia sotto il profilo della responsabilità politica e nell'ottica di una più compiuta democrazia. La riforma dellelezione di Comuni e Province

17 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 17 LItalia partecipa al parlamento europeo con 87 membri. La loro scelta avviene secondo una legge elettorale assolutamente proporzionale. In base ad essa i membri italiani del parlamento europeo sono così distribuiti PPE-DEPSEELDRGUE-NGLVERDI-ALEUENEDDNI I sistemi elettorali vigenti: il Parlamento europeo Lo schema della distribuzione dei parlamentari europeischema

18 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 18 Nel febbraio del 1995 si è modificata la legge elettorale per le Regioni a statuto ordinario, introducendo il Tatarellum. Anche qui il sistema è misto, ma con una inversione: l80% dei consiglieri è eletto con formula proporzionale, sulla base di liste provinciali concorrenti, il 20% con formula maggioritaria, sulla base di liste regionali concorrenti. Ad ogni candidato Presidente della Regione sono associate delle liste di partiti, ma lelettore può esprimere un voto disgiunto, cioè votare: - solo il Presidente, - o una delle liste che lo appoggiano, il che comporta votare anche il Presidente, - o un Presidente e una lista diversa da quelle che lo appoggiano I sistemi elettorali vigenti: la Regione

19 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 19 Il quadro generale della elezione in Veneto: Il facsimile della scheda: Il sistema elettorale: I risultati: I sistemi elettorali vigenti: la Regione Veneto

20 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 20 Il Presidente della Giunta e la Giunta stessa sono eletti dal Consiglio e nel suo seno. Fino al 1990, i seggi in palio (da 30 a 80, a seconda del numero di abitanti della Regione) sono ripartiti in collegi o circoscrizioni corrispondenti all'ambito territoriale provinciale, in proporzione alla popolazione residente. In ciascuna circoscrizione i partiti presentano una lista di candidati. L'elettore può dare sia il voto di lista che la propria preferenza ad uno o più candidati della lista. La ripartizione dei seggi avviene secondo il metodo proporzionale. Le modifiche di natura maggioritaria sono: - l'introduzione di liste regionali capeggiate dal candidato designato alla Presidenza della Giunta; - la previsione di un premio di maggioranza alla lista (o coalizione di liste) che ottiene più voti a livello regionale; - una clausola di sbarramento in ragione della quale non sono ammesse alla ripartizione dei seggi le liste provinciali il cui gruppo abbia ottenuto, nell'intera regione, meno del 3 per cento dei voti validi, a meno che sia collegato a una lista regionale che ha superato la percentuale del 5 per cento; - la possibilità di esprimere una sola preferenza. I sistemi elettorali vigenti: la Regione Veneto

21 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 21 SISTEMI ELETTORALI Il 3-4 aprile 2005 gli elettori chiamati alle urne non hanno votato allo stesso modo nelle diverse Regioni, in forza dei diversi Statuti che le regioni si sono dati in questi ultimi anni. In 6 Regioni (Toscana, Emilia Romagna, Marche, Lazio, Puglia e Calabria) si è applicata la legge elettorale del '95, il Tatarellum, in tutto o in parte cambiata. Ecco un quadro sintetico delle novità che rendono il meccanismo di voto ormai diverso da Regione a Regione. PIEMONTE: Legge elettorale immutata: quindi elezione diretta del presidente, sistema proporzionale con premio di maggioranza e sbarramento del 3%. Immutato anche il numero dei consiglieri regionali, 60 anche nel nuovo Statuto. LOMBARDIA:LIMITE A CHI STRAVINCE L80% dei consiglieri eletto con il sistema proporzionale su base provinciale, e il 20% con il maggioritario, cioè con una lista di 16 nomi legata al candidato presidente, lista che viene assegnata come premio di maggioranza. Se la coalizione vincente ottiene più del 58% dei voti, il premio di maggioranza si dimezza: solo i primi otto nomi del listino vengono eletti. Viceversa, se la coalizione vincente non supera il 50% nemmeno con il premio di maggioranza, le vengono assegnati seggi fino ad arrivare almeno al 55%. In questo caso i consiglieri eletti non sono 80, ma possono arrivare a un massimo di 90. I sistemi elettorali vigenti: le Regioni

22 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 22 LIGURIA: STATUTO NUOVO MA LEGGE ELETTORALE VECCHIA - I liguri tornano alle urne con il Tatarellum: dovranno eleggere 32 dei 40 consiglieri regionali con il sistema proporzionale; gli altri 8 consiglieri (cioè il 20%), con il sistema maggioritario, cioè il premio assegnato al candidato presidente vincente. EMILIA ROMAGNA: ERRANI PREOCCUPATO DI STRAVINCERE - Lattuale maggioranza dellUnione, ora con 33 consiglieri (23 dal proporzionale e 10 dal listino) ha la singolare preoccupazione di non prendere troppi voti: infatti, se una coalizione elegge nel proporzionale il 50% o più dei 50 consiglieri previsti in aula, il listino viene ridotto a 5 eletti o meno. Per loro potrebbe tradursi in una differenza di 3 o più consiglieri in meno. TOSCANA: VIA LE PREFERENZE E SBARRAMENTO 2/3 PER OGNI SESSO - Nuova legge elettorale per i toscani: via il voto di preferenza ma arrivano le primarie (facoltative) per la scelta dei candidati. Si tratta di un sistema proporzionale con premio di maggioranza. Sulla scheda gli elettori troveranno l'elenco dei candidati alla presidenza della Regione, ognuno dei quali collegato ai partiti che lo sostengono. Questi ultimi presenteranno liste provinciali di candidati al Consiglio regionale (dove ogni sesso non può essere rappresentato da più dei 2/3 dei candidati). I sistemi elettorali vigenti: le Regioni

23 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 23 MARCHE: LEGGE ELETTORALE IN PARTE CAMBIATA - Si voterà con un mix tra vecchia legge nazionale e nuova legge regionale per il rinnovo del consiglio regionale. La novità più importante riguarda la presenza femminile, non quantificata ma obbligatoria, nel listino e nelle liste proporzionali, e la suddivisione in cinque circoscrizioni elettorali conseguente all'istituzione della nuova Provincia di Fermo. UMBRIA: AL VOTO CON LA LEGGE DEL '95 - Umbri alle urne con la legge del '95. La normativa prevede un listino con sei posti (compreso il candidato presidente della giunta): gli eletti del listino scattano in base alla percentuale di consensi ottenuta dalla coalizione. Oltre il 60%, vengono eletti solo 3 dei 6 componenti del listino. LAZIO: IL LISTINO SI COLORA DI ROSA - Legge elettorale in parte nuova nel Lazio. Aumenta il numero dei consiglieri (passano da 60 a 70); nel listino, di 14 candidati, dovranno essere obbligatoriamente presenti 7 donne e sarà assicurata la rappresentanza delle 5 province. Più donne - nel proporzionale in ogni lista non potrà esserci meno di un terzo di donne - e più soldi per la campagna elettorale visto che il budget per ogni candidato è stato aumentato da a euro, cui si aggiunge una somma di 0,03 centesimi (prima erano 0,01) per ogni elettore del collegio: i candidati nella provincia di Roma, ad esempio, potranno spendere fino a 120 mila euro. I sistemi elettorali vigenti: le Regioni

24 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 24 ABRUZZO, CAMPANIA E BASILICATA: ALLE URNE CON IL TATARELLUM - In Abruzzo il sistema di voto prevede una sola novità: tra i candidati, sia nelle liste provinciali che nel listino, alle donne spetta una quota del 30%. Tutto immutato nelle altre due Regioni. PUGLIA: VIA IL LISTINO, ARRIVA PREMIO E SBARRAMENTO A 5% - La nuova legge elettorale ha abolito il listino, sostituito con il premio di maggioranza che consente al presidente eletto di ottenere per la sua coalizione 13 consiglieri eletti tra i gruppi di liste a lui collegate. Inoltre è previsto lo sbarramento del 5% dei voti validi per lassegnazione dei seggi alle coalizioni. In ogni lista nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore ai 2/3 dei candidati. CALABRIA: SBARRAMENTO AL 4% PER LISTE - Lo prevede la legge elettorale approvata lo scorso primo febbraio. È stata inoltre introdotta una soglia di sbarramento del 5% per le coalizioni. Il sistema elettorale regionale è proporzionale per i suoi 4/5 (40 seggi sul totale dei 50 indicati nello Statuto) e si basa su liste di candidati in circoscrizioni provinciali. I sistemi elettorali vigenti: le Regioni

25 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 25 La legge che disciplina le elezioni comunali (legge 81 del 25 marzo 1993) ha riformato anche lelezione del consiglio provinciale e del Presidente della Provincia. E un sistema elettorale a doppio turno con premio di maggioranza Ciascuna lista dichiara il proprio appoggio a un candidato Presidente, e costituendo il raggruppamento del candidato Presidente Al primo turno risulta eletto il candidato che ha ottenuto la maggioranza assoluta (50% dei voti + 1) Ad ogni partito è associato il nome di un candidato consigliere (collegio uninominale) Non è possibile esprimere un voto disgiunto tra Presidente e partito che non lo sostiene Qualora nessun candidato Presidente ottenga la maggioranza assoluta, si procede al ballottaggio (15 giorni dopo) tra i due candidati più votati al primo turno Al raggruppamento del candidato vincitore vengono attribuiti il 60% dei seggi Il restante 40% viene distribuito con la formula proporzionale In ogni lista risultano eletti i candiati che hanno ottenuto la migliore percentuale di voti nella propria lista I sistemi elettorali vigenti: la Provincia

26 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 26 I sistemi elettorali vigenti: la Provincia

27 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 27 La legge che disciplina le elezioni comunali (legge 81 del 25 marzo 1993) differenzia tra comuni a seconda della popolazione : se la popolazione è inferiore ai abitanti il sistema è maggioritario (vince chi ha preso più voti e il suo raggruppamento ottiene i 2/3 dei seggi), se superiore a doppio turno con premio di maggioranza. E il caso di Vicenza, il cui consiglio è di 40 consiglieri Ciascuna lista dichiara il proprio appoggio a un candidato Sindaco, e costituendo il raggruppamento del candidato Sindaco Ad ogni lista è possibile esprimere la preferenza per un candidato consigliere tra quelli presenti nella lista votata E possibile esprimere un voto disgiunto tra Presidente e partito che non lo sostiene Al primo turno risulta eletto il candidato che ha ottenuto la maggioranza assoluta (50% dei voti + 1): egli ottiene così il 60% di seggi in Consiglio comunale Qualora nessun candidato Sindaco ottenga la maggioranza assoluta, si procede al ballottaggio (15 giorni dopo) tra i due candidati più votati al primo turno: in questo caso possono apparentarsi al raggruppamento dei due candidati altre liste Al raggruppamento del candidato vincitore vengono attribuiti il 60% dei seggi Il restante 40% viene distribuito con la formula proporzionale In ogni lista risultano eletti i candidati che hanno ottenuto la migliore percentuale di voti nella propria lista I sistemi elettorali vigenti: il Comune

28 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 28 Come si vota al Comune

29 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 29 Secondo la legge 142 del 1990 in tutti i comuni capoluogo di provincia e comunque nei comuni con più di abitanti vengono istituiti i Consigli circoscrizionali. A Vicenza sono eletti con sistema maggioritario, a turno unico, con premio di maggioranza, Ogni elettore, oltre al presidente, può indicare un voto di preferenza per un consigliere. E possibile il voto disgiunto. E' proclamato presidente il candidato che ottiene il maggior numero di voti. Alle liste collegate al presidente eletto sono assegnati 12 seggi, alle altre liste 8 seggi. I seggi sono ripartiti proporzionalmente ai voti ottenuti dalle singole liste. A Vicenza I Consigli circoscrizionali sono 7 ogni Consiglio è composto da 20 membri dura quanto il Consiglio comunale ha competenze, per lo più consultive, su schemi di bilancio comunale, urbanistica, piani commerciali. I sistemi elettorali vigenti: la Circoscrizione

30 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 30 Come si vota Come si fa lo spoglio Come si calcola il risultato

31 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 31 Cosa serve per votare tessera elettorale (con ubicazione e numero di sezione) documento di identità valido … idee chiare sul voto

32 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 32 Come si vota Ci si presenta al seggio e ci si registra consegnando documento e tessera elettorale Di ottiene dal Presidente scheda e matita Si va in cabina, si apre la scheda ( o le schede), si vota, e le si richiude nello stesso modo Si consegnano matita e scheda/e

33 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 33 Come si vota al Comune LA TESSERA ELETTORALE (lucido) LA SCHEDA ELETTORALE

34 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 34 Come si vota al Comune

35 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 35 Come si fa il riscontro Il Seggio è composto da 6 persone: un presidente, un segretario, 4 scrutatori Ogni votante viene riportato in un apposito registro A chiusura delle votazioni: si contano le schede residue e si calcolano le schede utilizzate si controlla la corrispondenza tra schede e votanti Si spediscono allufficio elettorale i registri di corrispondenza e le schede residue

36 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 36 Come si fa lo scrutinio Uno scrutatore, estratto a sorte, avrà il compito di estrarre le schede dallurna Gli altri membri del seggio costituiscono 2 gruppi che eseguono parallelamente le stesse Il Presidente agita lurna e poi la apre Lo scrutatore designato estrae una scheda alla volta e la consegna al Presidente, che legge il nominativo del Sindaco indicato, della lista eventualmente indicata e delleventuale preferenza attribuita Passa la scheda allo scrutatore che annota questi elementi nel registro dello scrutinio Il Segretario proclama ad alta voce i voti riportati Un terzo scrutatore pone la scheda in una scatola apposita. E nulla la scheda che non contiene alcun voto o che non ha il bollo o la firma di uno scrutatore del seggio La nullità del livello inferiore non pregiudica quella del livello superiore, mentre avviene il contrario

37 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 37 Come si calcola il risultato A Vicenza il consiglio comunale è composto da 40 consiglieri Ciascuna lista dichiara il proprio appoggio a un candidato Sindaco, costituendo il raggruppamento del candidato Sindaco Ad ogni lista è possibile esprimere la preferenza per un candidato consigliere tra quelli presenti nella lista votata E possibile esprimere un voto disgiunto tra Presidente e partito che non lo sostiene Al primo turno risulta eletto il candidato che ha ottenuto la maggioranza assoluta (50% dei voti + 1): egli ottiene così il 60% di seggi in Consiglio comunale Qualora nessun candidato Sindaco ottenga la maggioranza assoluta, si procede al ballottaggio (15 giorni dopo) tra i due candidati più votati al primo turno: in questo caso possono apparentarsi al raggruppamento dei due candidati altre liste Al raggruppamento del candidato vincitore vengono attribuiti il 60% dei seggi Il restante 40% viene distribuito con la formula proporzionale In ogni lista risultano eletti i candidati che hanno ottenuto la migliore percentuale di voti nella propria lista

38 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 38 Come si calcola il risultato Gli ultimi risultati elettorali nelle votazioni per il Comune Comune Una simulazione di Una simulazione di voto Un esempio di votazione

39 febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 39 I sistemi elettorali in Italia a cura di Paolo Vidali


Scaricare ppt "Febbraio 2008Liceo scientifico G.B.Quadri - Vicenza 1 I sistemi elettorali in Italia a cura di Paolo Vidali."

Presentazioni simili


Annunci Google