La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CLASSE 2°C E LIETA DI E LIETA DIPRESENTARVI:. Riferimenti storici 100 a.C. 100 a.C: le prime notizie in assoluto sullo spumante si hanno nei tre libri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CLASSE 2°C E LIETA DI E LIETA DIPRESENTARVI:. Riferimenti storici 100 a.C. 100 a.C: le prime notizie in assoluto sullo spumante si hanno nei tre libri."— Transcript della presentazione:

1 LA CLASSE 2°C E LIETA DI E LIETA DIPRESENTARVI:

2 Riferimenti storici 100 a.C. 100 a.C: le prime notizie in assoluto sullo spumante si hanno nei tre libri del Rerum rusticarum di Marco Terenzio Varrone, nelle Georgiche di Virgilio, e nel Naturalis bistoria di Plinio il Vecchio Terenzio Varrone

3 530 d.C: i re di Francia ed i personaggi dalto linguaggio incantati dal vino locale possedevano tenimenti e cantine, per poterne gustare a loro piacimento il buon vino Saint Rémi Riferimenti storici 530

4 Enrico IV 1500 : una vera e propria commercializzazione, anche oltre frontiera del vino della Champagne iniziò nella seconda metà del Cinquecento, con Enrico IV Riferimenti storici 1500

5 Dom Pierre Perignon Riferimenti storici : questi esperimenti culminarono ed ebbero come artefice massimo DOM PIERRE PERIGNON nato a SAINTE MENEHOULDE nel 1638 fattosi monaco a 19 anni, morto nellABBAZIA di HAUTVILLERS nel 1715 dove conservò, fino alla morte, la carica di CELLARIO ossia di cantiniere;

6 Riferimenti storici Dom Pierre Perignon Dom Pérignon mise appunto, nel 1668, un sistema di assemblaggio per lo champagne che diede la svolta e che ha distanza di IV secoli è ancora la base che forma le cuvée. Per essere tale uno champagne deve: Provenire dalla regione dello Champagne Nascere in zone selezionate come Pinot Sottostare a regole chiamate méthode champenoise

7 Riferimenti storici Dom Pierre Perignon Dom Pérignon non si limitò a migliorare la coltivazione delle viti, ma adottò la bottiglia in vetro robusto; inventò la flùte da champagne; adottò il tappo in sughero. Alle sue intuizioni, dunque, si deve la messa in punto di quel méthode champenoise

8 Era il 1729 quando Nicolas Ruinart fondò la prima Maison de Champagne, seguendo i consigli dello zio Dom Thierry Ruinart, monaco benedettino dell Abbazia di Hautvillers Riferimenti storici Ruinart Nicolas Ruinart

9 Risale quindi al 1729 la prima vendita dello Champagne Ruinart, come è scritto nella prima pagina del libro dei conti di questa impresa dove si legge testualmente: Nel nome di Dio e della Vergine abbia inizio il presente libro Riferimenti storici Ruinart

10 Tra le vedove del XIX è lei senzaltro, Nicole Barbe Ponsardin, la vedova di Francia più richiesta e corteggiata al mondo, questo perché produceva un vino molto conosciuto Riferimenti storici Ponsardin Nicole Barbe Ponsardin

11 Riferimenti storici Pommery Pommery Unaltra grande dama fu Pommery, Heidsieck, Perrier, che dipinta in suntuose vesti nere sembra ancora oggi controllare del suo dorato cornicione il risultato di quellimmenso, intelligente lavoro da essa dedicato al vino della gioia, della festa

12 Abbazia di Hautvillers Riferimenti storici 1670 In questa abbazia morì il monaco benedettino Dom Pérignon nel In questa sede, lui, mise a punto tutte le sue ricerche per migliorare la produzione e la fermentazione del vino

13 Pasteur : due grandi problemi rimanevano da risolvere: lo studio della fermentazione e la rottura delle bottiglie, che si aggirava sul 40%. Questi problemi vennero risolti da un farmacista, Chalons sur Marne e da Pasteur. i due definirono la dose di zucchero Riferimenti storici

14 1860 :CARLO GANCIA inizia la sua attività vinicola a Canelli e produce il primo spumante italiano brut metodo classico Riferimenti storici 1860 Carlo Gancia

15 1863 : FRANCESCO CINZANO prende in affitto le reali Cantine di Santa Vittoria DAlda ed il primo spumante risale al 1886 Riferimenti storici 1863 Francesco Cinzano

16 1867 : FRANCESCO CONTRATTO fonda lomonima casa Vinicola. Riferimenti storici 1867 Giuseppe Contratto

17 1868 : ANTONIO CARPENE dà il via alla Carpenè Malvolti Riferimenti storici 1868 Antonio Carnape

18 1877 : EMANUELE GUERRIERI DI MIRAFIORI, fonda lo stabilimento della Mirafiori Vini dItalia nei tenimenti di Fontanafredda Riferimenti storici 1877 Vittorio Emanuele II

19 1902 : GIULIO FERRARI inaugura la produzione dello Spumante omonimo Ferrari metodo classico Riferimenti storici 1902 Giulio Ferrari

20 1960 : GUIDO BERLUCCHI fondò a Bornato in Franciacorta (BS) la Berlucchi Spumanti Riferimenti storici 1960 Guido Berlucchi

21 Riferimenti Franciacorta Osservando dallalto la Franciacorta e la zona del lago dIseo (o Sebino) si nota un anfiteatro morenico formatosi allepoca della glaciazione della terra (era geologica Secondaria e Terziaria) per opera di un grande ghiacciaio che, proveniente dalla Val Camonica, subito dopo la conca del lago si divise in due rami: uno piccolo a occidente e uno molto più grande e più importante a oriente. Il ghiaccio, ritirandosi, depositò un alto strato di morena formato da sabbia, limo e ciottoli che in seguito diede origine ad una serie di dolci e tondeggianti colline. Con il nome di Franciacorta si identifica un territorio collinare situato in Lombardia e costituito dai territori parziali o totali di 19 comuni della provincia di Brescia.

22 Riferimenti Franciacorta Non Dosato (Pas Dosè, Dosage Zéro, Nature); particolarmente secco, eccezionale per impronta e per pungenza delle bollicine, esprime profumi floreali caratteristici, ottenuto senza aggiunta di sciroppo, ma solo di vino. Ottimo aperitivo. Extra Brut (zucchero fino a 6 grammi/litro): asciutto, ideale come aperitivo e fuori pasto. Ottimo con stuzzichini salati, tartine delicate e torte di verdure al forno. Brut (zucchero inferiore a 15 grammi/litro): secco, ideale come vino da tutto pasto, si abbina ottimamente a risotti, a piatti di pesce e a carni bianche. Si consiglia di non accompagnarlo con dessert dolci. Extra Dry (zucchero da 12 a 20 grammi/litro): secco e delicato indicato per torte salate e verdure al forno. Sec, Dry (zucchero da 17 e 35 grammi/litro): secco ma leggermente morbido, è indicato per formaggi molli, piccanti e tipo gorgonzola o taleggio; ottimo con gelati e dessert non dolci. Demisec (zucchero da 33 e 55 grammi/litro): rotondo, intensamente profumato, morbido e vellutato, si accompagna molto bene con i dessert; prediletto con piccola pasticceria Franciacorta Satèn brut Il Satèn è una delle massime espressioni dellarmonia, del piacere e del gusto del Franciacorta.

23 Cantine Produzione Franciacorta ANTICA CANTINA FRATTABARONE PIZZINIBELLAVISTA BERLUCCHI FRATELLIBOSCHI CA' DEL BOSCOCAVALLERIFERGHETTINAIL MOSNELLO SPARVIEREMONTORFANO DE FILIPPO RICCI CURBASTRO UBERTIVILLA IL DOSSO


Scaricare ppt "LA CLASSE 2°C E LIETA DI E LIETA DIPRESENTARVI:. Riferimenti storici 100 a.C. 100 a.C: le prime notizie in assoluto sullo spumante si hanno nei tre libri."

Presentazioni simili


Annunci Google