La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La classe seconda B istituto tecnico industriale statale Cristoforo Marzoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La classe seconda B istituto tecnico industriale statale Cristoforo Marzoli."— Transcript della presentazione:

1 La classe seconda B istituto tecnico industriale statale Cristoforo Marzoli

2 Dalla vendemmia alla preparazione del vino base.

3 La vendemmia Per fare un buon vino è importante innanzitutto che luva sia sana e matura. Il momento giusto della vendemmia varia a seconda della stagione, della varietà delluva, della posizione geografica del vigneto e del risultato che si vuole ottenere.

4 La vendemmia Infatti con la maturazione aumentano le sostanze estrattive e coloranti e il contenuto zuccherino delluva che determina lalcolicità del vino, mentre diminuisce la presenza di acqua e acidi.

5 La vendemmia Il grappolo va tagliato il più possibile vicino al frutto, per non avere parti legnose in eccesso. Contemporaneamente alla raccolta si può eseguire una sommaria mondatura, eliminando acini danneggiati, foglie e altre parte della vite.

6 La vendemmia Talvolta osservare lo stato del frutto non è sufficiente e bisogna ricorrere a sistemi di misurazione che permettono di stabilire con esattezza il contenuto di zuccheri delluva. Gli strumenti più utilizzati sono il rifrattometro e il mostimetro.

7 Anche le ore calde devono essere evitate, poiché si rischia che si attivino i processi di fermentazione indesiderati. La vendemmia

8 La macinazione Dopo la vendemmia luva deve essere pigiata prima possibile. Dalla pigiatura si ottengono il mosto e la vinaccia, che è la parte solida costituita da bucce, raspi e vinaccioli. Oggi questa fase viene svolta meccanicamente. Per ottenere vini rossi si possono utilizzare macchine che eseguono la semplice pigiatura, cosicché la vinaccia resta per qualche tempo a macerare nel mosto.

9 Altre macchine invece separano dal mosto i raspi: in questo modo si ottiene un vino più armonico. Ciò può avvenire per sgrondatura oppure pressando le uve o il pigiato. Le vinacce vengono poi ulteriormente spremute con i torchi per ottenere vino di seconda scelta nel caso della vinaccia fermentata, e mosto nel caso della vinaccia fresca. La macinazione

10 COMPOSIZIONE DEL MOSTO E DEL VINO

11 La preparazione del vino base

12 Per ottenere varie qualità di spumante, vengono mescolati vari vini, per esempio: 100% di Chardonnay; 80% Chardonnay + Pinot bianco o grigio; 85% di Pinot nero + 15% Pinot grigio; 100% di Riesling italico; 100% di Moscato bianco. Dosaggi

13 La trasformazione del mosto in vino Il vino base viene poi lasciato riposare in botti in legno o acciaio.

14 LA MATURAZIONE Alcune partite di vino (le migliori) sono affinate in barriques.


Scaricare ppt "La classe seconda B istituto tecnico industriale statale Cristoforo Marzoli."

Presentazioni simili


Annunci Google