La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Valli Chisone e Germanasca: Dalla miniera allecomuseo Dott.ssa Federica Fiore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Valli Chisone e Germanasca: Dalla miniera allecomuseo Dott.ssa Federica Fiore."— Transcript della presentazione:

1 Valli Chisone e Germanasca: Dalla miniera allecomuseo Dott.ssa Federica Fiore

2 Localizzazione Le Valli Chisone e Germanasca Situate a nord-ovest di Pinerolo, provincia di Torino, sono denominate le Valli Bianche perchè qui viene estratto il talco, il bianco delle Alpi.

3 Prali.Panorama estivo

4 Le Valli Valdesi Dal 1343 le Comunità locali di Briançon(carbone), del Queyras (rame), Argentière (argento), Valli Chisone, Susa ed Alta Varaita si organizzarono in forma autonoma e federata dando vita alla Republique des Escartons. Le radici della storia comune di queste vallate, è legata agli antichi legami religiosi e culturali della chiesa valdese. Attualmente la presenza valdese interessa sul versante francese Queyras e Freissinières e, su quello italiano, le valli del Pellice, del Chisone e del Germanasca

5 Costume Valdese

6 La sopravvivenza della valle legata al Talco Dal 1800, la ricerca, la "coltivazione", il trasporto del talco, hanno rappresentato per gli abitanti della valle una grande opportunità di lavoro, in alternativa allemigrazione, ed una notevole fonte di guadagno, sia pure a costo di condizioni di lavoro durissime e pericolose, col rischio di gravissime malattie professionali (la silicosi) e di una radicale trasformazione della economia agricola in economia prevalentemente industriale.

7

8 Le tappe del passato minerario 1927: il talco è proprietà demaniale e lo sfruttamento è assegnato alla Società Talco e Grafite Val Chisone Anni 60 ha inizio la fase di declino della attività mineraria in valle, prima con labbandono dei siti minerari periferici (Maniglia, Malzas, Envie, Sapatlé); poi con la drastica riduzione del numero dei dipendenti Anni 80 quando alla Società Talco e Grafite Val Chisone subentra la Luzenac Val Chisone, società leader nella produzione mondiale di talco con una quota di mercato del 47%, pari a un milione 200 mila tonnellate annue, di cui 700 mila tonnellate estratte in Europa (Austria, Francia, Italia, Spagna).

9 La Miniera Gianna

10 Lo sfruttamento del talco negli anni Novanta Nuovi e moderni metodi di lavoro: le gallerie si ampliano, spariscono i binari e la movimentazione interna ed esterna viene effettuata tutta su ruota gommata,i grossi lavori di apertura di nuove gallerie vengono affidati a ditte esterne, si apre a Pomeifré una nuova galleria di oltre due chilometri, diametro di cinque metri, accessibile quindi agli autocarri che raggiungono direttamente i cantieri di "coltivazione". Il numero dei minatori scende ulteriormente...

11 Lindustria del talco oggi... Attualmente 50 dipendenti (20 minatori) garantisce una produzione annua di t di ottimo talco, che rappresentano il 4% della produzione del Gruppo. Malgrado la quantità minima, la produzione rimane significativa grazie alla qualità del "Bianco delle Alpi, certificato ISO 9002 e utilizzato per prodotti di alta tecnologia che richiedono assoluta purezza: industria farmaceutica, cosmetica, alimentare, cartaria; della plastica, della gomma, delle vernici.

12 La Valle Germanasca agli inizi degli anni Novanta... Il numero dei minatori residenti in valle ammonta a poche unità, i cantieri di coltivazione sono concentrati nella zona di Crosetto e le stesse gallerie della Gianna e della Paola, per oltre 60 anni le principali della valle, stanno per essere abbandonate perché non più redditizie. Nei siti minerari periferici, a suo tempo abbandonati, le strutture esterne sono state tutte smantellate, le vecchie gallerie crollano, le mulattiere ed i sentieri, un tempo percorsi giornalmente da decine di minatori, sono invasi dal rigoglioso sottobosco e sono praticamente impercorribili.

13 Le radici del futuro Il percorso di valorizzazione comune è avviato nel 1994 e nel 1997 nellambito di una collaborazione transfrontaliera (Interreg I e II) con larea francese del Bianconnais e de lArgentière. E finalizzato alla conservazione del patrimonio minerario delle genti di questarea e alla promozione dello sviluppo socio-economico delle comunità locali.

14 Il patrimonio culturale al servizio dello sviluppo locale Il processo, attualmente ancora in corso, è stato possibile grazie alla partecipazione di più attori, sia locali sia esterni al territorio di riferimento. (Regione, dalla Provincia, dalla Camera di Commercio Artigianato Agricoltura di Torino e dalla Comunità Montana Valli Chisone e Germanasca...). Un percorso difficile in quanto, allinizio, le testimonianze del lavoro nella miniera non erano né conosciute né tanto meno percepite dalla comunità locale come bene culturale e, quindi, come possibile risorsa su cui fondare azioni di sviluppo locale.

15 Interreg I: realizzazioni studi e ricerche di carattere conoscitivo, storico ed etnologico per inventariare le infrastrutture, i manufatti e le attrezzature dismesse e raccogliere le testimonianze visive ed orali ancora esistenti; ricerche di mercato relative alla domanda di prodotti di turismo culturale, finalizzata ad indirizzare ed organizzare l'offerta di visita turistica dei siti; redazione dei progetti esecutivi per l'adeguamento e la sistemazione di due gallerie (Paola e Gianna) e dei relativi fabbricati annessi per renderle agibili alla visita turistica, e per lallestimento di percorsi didattici in siti minerari di particolare interesse archeologico-industriale e paesaggistico-ambientale; predisposizione di strumenti per la comunicazione e pubblicizzazione delliniziativa quali: audiovisivo, depliant, ed una mostra documentaria e fotografica;

16 Interreg II - Nasce Scopriminiera: il museo della miniera Messa in sicurezza della galleria Paola per un tratto di quasi 2 Km. ed adeguamento alla normativa vigente per i luoghi aperti al pubblico ed alle esigenze turistico/culturali dei visitatori (illuminazione, luci di emergenza, interfono, uscite di sicurezza) Sistemazione dei parcheggi e degli accessi alla miniera Ristrutturazione fabbricati allimbocco della galleria. Una parte destinata alla fruizione turistica (esposizione museale, sala proiezione, biglietteria, bar-posto di ristoro, book shop ed informazioni turistiche, servizi igienici, attrezzeria per caschi mantelline lampade). Altri locali sono occupati da uffici, sale per mostre temporanee, archivio delle miniere (in via di allestimento).

17 Lideazione dellecomuseo regionale Nel 2000, la Comunità Montana, consapevole delle esperienze maturate, dei risultati ottenuti con Scopriminiera e del grado di integrazione della dinamica avviata sul proprio territorio, ha presentato alla Regione Piemonte un progetto-candidatura per la costituzione di un ecomuseo territorialelEcomuseo delle miniere e della Val Germanasca.

18

19

20 Listituzione dellecomuseo regionale Lecomuseo istituito formalmente nel 2003 ha come obiettivi: rafforzamento della valenza territoriale del processo favorire la partecipazione attiva della comunità locale valorizzare ed a mettere in rete altre risorse culturali ed ambientali integrare la tematica mineraria con le altre attività culturali e con i saperi degli abitanti – produttori della Val Germanasca.

21 Piano di avvio dellecomuseo, fase Ricerca, allinterno della Comunità Montana delle Valli Chisone e Germanasca della/e persone da utilizzare quale interfaccia relazionale con il territorio (animatore locale) Formazione degli animatori locali: modulo didattico di 16 ore sullargomento Mappe culturali (a cura del Laboratorio Ecomusei) modulo didattico di 10 ore sullargomento Mappe mentali Approfondimento di studi e riflessioni su animazione territoriale/gestione gruppi di studio/ecomusei/lettura ed interpretazione del paesaggio (a cura del gruppo del Laboratorio Ecomusei)

22 Piano davvio dellecomuseo, fase La seconda fase prevede invece la sperimentazione ristretta. Il territorio scelto per la sperimentazione è quello del Comune di Prali, in alta Val Germanasca. La sperimentazione si basa 4 momenti ed azioni, distinti ma coordinati ed intersecanti: Paesaggio Mappa mentale Mappa culturale Cooperazione

23 PAESAGGIO Gruppo di ricerca aperto alla popolazione e guidato da animatori locali sul paesaggio con lintento di ottenere una serie di fotografie, che fissino la realtà del territorio in determinate epoche storiche. Ogni fotografia sarà analizzata dal punto di vista materiale (iconografie, carte storiche, documenti darchivio) ma anche quale testimonianza dellinfluenza reciproca che ambiente naturale/costruito e di come gli abitanti percepiscono levoluzione del paesaggio.

24 MAPPA MENTALE Azione realizzata con delle interviste informali a campione (valdesi e cattolici, giovani ed anziani, operatori turistici ed amministratori locali, residenti e villeggianti, …). Obiettivi: Rompere il ghiaccio e danno visibilità allanimatore, che comincia a conoscere e ad essere conosciuto Assemblare una ulteriore lettura del paesaggio; unafotografia del territorio e della sua interpretazione ad oggi Raccogliere dati per la realizzazione di un termometro di confronto fra progettualità alta e percezione locale Riportare dati, rispetto alle emergenze turistico- culturali significative,confrontabili con quanto emerso dalle analisi dello studio di fattibilità su musei ed ecomusei

25 1/MAPPE CULTURALI Azione che in realtà non ripercorrerà in toto liter seguito nella realizzazioni delle mappe culturali di stile anglosassone. Quello che è ripreso è soprattutto lidea di uno strumento di lavoro concertato, che con vivacità e spontaneità porti a rinsaldare i rapporti fra persone e luoghi. I soggetti coinvolti sono qui gli studenti della scuola materna, elementare e media del comune, chiamati a lavorare sullantica strada dellinverso, che ricollega Ghigo, Villa e le miniere della Paola.

26 2/MAPPE CULTURALI Tale sentiero, ancora oggi percorribile quasi per intero, sarà fonte di un lavoro a più facce, che potrà spaziare topografia e toponomastica, recupero dei saperi tradizionali (mulino ad acqua e forno per la calce) leggende ed ai miti, dalla storia valdese allepopea delle miniere Tutto il processo non sarà fine a se stesso, ma avrà come compito finale la realizzazione di un prodotto turistico da presentare alla comunità locale e da inserire stabilmente fra le proposte di Valle

27 Cooperazione Compito dellanimatore locale sarà quello di ricercare e far emergere le energie presenti sul territorio e non conosciute o non sfruttate, ma anche e soprattutto partecipare ad operazioni che mirino a migliorare le capacità organizzative e di collaborazione fra le varie entità locali. In questo caso si ipotizza quindi di coinvolgere quelle aggregazioni di persone già formate, ma che non necessariamente si occupano ora di operazioni a livello turistico-culturale. Chiesa Valdese (unione femminile, corale, riunioni quartierali) Centro Ecumenico di Agape Pro Loco Sci Club + Associaz. Maestri di sci CAI Val Germanasca

28 Piano di avvio ecomuseo- III Fase Rielaborazione delle conoscenze e dei dati acquisiti nella fase di formazione, ricerca e di animazione, nonché una valutazione delle ricadute prodotte a livello locale. Stesura di un report finale Tavolo di lavoro e discussione sui risultati con la Comunità Montana, Comuni coinvolti, Laboratorio Ecomusei, Provincia di Torino

29 Prospettive di ampliamento della rete ecomuseale il patrimonio delle fortificazioni il patrimonio culturale religioso (cattolico e valdese); i parchi naturali, le aree protette, i laboratori e i percorsi ambientali; i sistemi ecomuseali e i musei etnografici comprendenti anche: i. patrimonio collegato allarcheologia industriale; ii. arte rupestre e siti archeologici; la valorizzazione delle lingue minoritarie (soprattutto attraverso lattività sviluppata da bilbioteche, archivi e centri di documentazione); larte moderna e contemporanea ;

30 Prime valutazioni... Gli indicatori utilizzati per la valutazione del V.A.T. sono tratti dalle griglie di analisi suggerite da Il problema teorico. Verso una definizione operativa del concetto di Valore Aggiunto Territoriale D.Fanfano, D.Poli, (2002) e da Il modello di SLoT come strumento di analisi dello sviluppo locale –De Matteis( 2003 ) in SloT quaderno 3, Baskerville, Bologna, 2003.

31 Valore Aggiunto Territoriale ( VAT ) di un sistema locale laccrescimento durevole del patrimonio, prodotto dalla messa in valore, integrata e relazionale, delle risorse ambientali, territoriali e socio-economiche, in forme che inducano crescita incrementale della società locale

32 Riflessività del sistema locale (networking, governance) Sviluppo di forme associative Costituzione della società a maggioranza di capitale pubblico LA TUNO Srl finalizzata alla valorizzazione locale. Sono soci 8 soggetti pubblici e 25 privati. Strumenti di governo del sistema Costituiti: un comitato di indirizzo, uno scientifico, 2 gruppi di lavoro con attori locali. Programmi di tipo concertato Fruizione di beni culturali – turistici: costituzione di itinerari con Comuni, Centro Culturale Valdese e altri musei. Relazioni organizzate ed economiche con: Pro Loco; Associazioni Culturali; Imprese del settore ricettivo e trasporti; Accompagnamenti (Associazioni di Guide Naturalistiche, Guide locali, operatori turistici)

33 Produzione di innovazione del sistema locale Innovazione di produzione di servizi e prodotti mediante la crescita del sapere contestuale Dipartimento di didattica ed interpretazione Programmi di interpretazione Creazione di gruppi di Guide del Territorio Organizzazione di eventi (teatro, concerti, mostre…) Progettazione (Leader+, Turismo- Culturale,…) Inclusione di nuovi attoriArtigiani e produzione oggettistica Aumento della qualità del servizio della ristorazione e utilizzo dei prodotti dellagricoltura locale Aumento del saper fare localeProgettazione per conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale Organizzazione di eventi: spettacoli teatrali, concerti, manifestazioni e mostre temporanee Gestione di beni culturali e attività turistiche Valutazione dei risultati e capacità riflessiva Comunicazione / marketing

34 Nuove capacità o potenzialità per lo sviluppo locale sostenibile Nuove figure professionali Dipendenti e guide: n° 25 (nella quasi totalità giovani e donne) di cui: - n° 1 direttore dellecomuseo - n° 2 esperti in interpretazione, progettazione didattica ed animazione - n° 1 rapporti con scuole e pubblico - n° 2 manutentori - n° 19 guide – animatori Nuove capacità per il riconoscimento delle forme e delle potenzialità del territorio da sviluppare Sono stati effettuati quattro corsi di formazione per tutti gli accompagnatori e per gli operatori turistici del territorio. Hanno partecipato ai corsi 60 persone. La comunità locale accresce la consapevolezza delle potenzialità delle proprie risorse.

35 Controllo delle relazioni esterne del sistema Creazione di agenzie di sviluppo e promozione Costituzione de LA TUNO Srl Creazione di reti e partnership con soggetti esterni Interreg – Rete transfrontaliera con la Francia. Minet - Rete internazionale del patrimonio minerario finalizzata allo scambio di competenze ed esperienze. Vi aderiscono siti di Francia, Spagna, Irlanda, Gran Bretagna ed Italia) il circuito italiano dei siti minerari riabilitati (In fase di costituzione) Circuito Tessera Musei di Torino Università di Torino Sistema regionale e provinciale degli ecomusei Capacità di acquisire finanziamenti per lo sviluppo locale Programmi UE Interreg, DocUP, Leader+; Raffaello, Cultura Fondi nazionali, regionali, provinciali e di fondazioni Dal da L.R. Ecomusei circa E /anno

36 Accrescimento del sistema economico locale Nuova occupazione, ricadute economiche dirette 5 gli attuali dipendenti della società La Tuno costituita per la gestione ed il funzionamento dellEcomuseo Scopriminiera; 20 collaboratori tra animatori - accompagnatori - guide (il totale degli occupati impiegati per un numero di giornate pari ad una annualità sono 10). Si è inoltre registrata la creazione di due unità produttive: 1 artigiano, che produce oggettistica lavorando il talco e la società che gestisce il bar- ristorante Il Ristoro del Minatore nella quale hanno trovato occupazione a tempo pieno altre 2 persone. Rricadute sullindotto, ricadute indirette Lla ristorazione, il ricettivo, i trasporti, lanimazione, la comunicazione, la commercializzazione e la visita di altri centri culturali. E stato stimato, cautelativamente, che le ricadute negli altri settori ammontino a circa E /anno. Incremento del patrimonio immobiliare Recuperati 1200 mq di superficie coperta in edifici ed oltre 3 Km di gallerie

37 Qualità Ambientale Miglioramento della qualità ambientale Risolte le criticità ambientali dovute ai siti minerari abbandonati e dimessi, con conseguente recupero del patrimonio naturale ed antropico: aree di pregio ambientale, sentieri,edifici industriali,… Investimenti ( E ) per la valori zzazione del patrimonio culturale.


Scaricare ppt "Valli Chisone e Germanasca: Dalla miniera allecomuseo Dott.ssa Federica Fiore."

Presentazioni simili


Annunci Google