La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN ITALIA attualità Corso di Politica Economica, A.A. 2010-2011 Prof.ssa Cristina Brasili.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN ITALIA attualità Corso di Politica Economica, A.A. 2010-2011 Prof.ssa Cristina Brasili."— Transcript della presentazione:

1 1 OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN ITALIA attualità Corso di Politica Economica, A.A Prof.ssa Cristina Brasili

2 2 PERSONE IN CERCA DI OCCUPAZIONE O DISOCCUPATI possono essere suddivisi in base alla loro condizione dichiarata: -disoccupati in senso stretto -persone in cerca di prima occupazione -altre persone che cercano lavoro DEFINIZIONI UTILI ALLANALISI DELLOCCUPAZIONE E DELLA DISOCCUPAZIONE

3 3 OCCUPATO Aver effettuato una o più ore lavorative retribuite nella settimana di riferimento, indipendentemente dalla condizione dichiarataAver effettuato una o più ore lavorative retribuite nella settimana di riferimento, indipendentemente dalla condizione dichiarata avere unattività lavorativa avere unattività lavorativa aver effettuato una o più ore di lavoro non retribuite presso unimpresa familiare aver effettuato una o più ore di lavoro non retribuite presso unimpresa familiare DEFINIZIONI UTILI ALLANALISI DELLOCCUPAZIONE E DELLA DISOCCUPAZIONE

4 4 - PERSONE IN CERCA DI OCCUPAZIONE O DISOCCUPATI - FORZE DI LAVORO - NON FORZE DI LAVORO - PERSONE IN CERCA DI OCCUPAZIONE O DISOCCUPATI -i non occupati che dichiarano: * di essere alla ricerca di un lavoro * di aver effettuato almeno una ricerca di lavoro attiva * di essere immediatamente disponibili ad accettare un lavoro - FORZE DI LAVORO insieme degli occupati e delle persone in cerca di occupazione - NON FORZE DI LAVORO la parte rimanente della popolazione DEFINIZIONI UTILI ALLANALISI DELLOCCUPAZIONE E DELLA DISOCCUPAZIONE

5 5 TASSO DI ATTIVITA rapporto tra le persone appartenenti alle forze di lavoro e la popolazione di 15 anni e oltre TASSO DI OCCUPAZIONE si ottiene dal rapporto tra gli occupati e la popolazione di 15 anni e oltre TASSO DI DISOCCUPAZIONE si ottiene dal rapporto tra le persone in cerca di occupazione e le forze di lavoro INDICATORI PER LANALISI

6 6 N el 2010 il tasso di occupazione sarebbe dovuto arrivare al 70 % in Italia nel 2010 era siamo al 56,9% calato rispetto al 58% del 2006 per la crisi. siamo al 56,9%siamo al 56,9% Negli ultimi anni si era verificato il fenomeno dellaumento delloccupazione ma non il tasso doccupazione Obiettivi di Lisbona Consiglio europeo straordinario marzo 2000

7 7 Nel 2003 Occupazione +0,7% Nel 2003 crescita del PIL +0,2% PIL al costo dei fattori a prezzi costanti 1995 Disoccupazione sotto l8% nel 2003 minimo storico degli ultimi 10 anni ………….. pero Nel 2003 Occupazione +0,7% Nel 2003 crescita del PIL +0,2% PIL al costo dei fattori a prezzi costanti 1995 Disoccupazione sotto l8% nel 2003 minimo storico degli ultimi 10 anni ………….. pero Qual è la situazione attuale?

8 8 L a laurea inutile (2004) L a laurea inutile (2004) Daniele Checchi Tullio Jappelli Daniele Checchi Tullio Jappelli Più occupazione senza prodotto, un paradosso spiegato dagli immigrati (2005) Pietro Garibaldi Più occupazione senza prodotto, un paradosso spiegato dagli immigrati (2005) Pietro Garibaldi Pietro Garibaldi Pietro Garibaldi L'onda lunga degli immigrati (2006) Pietro Garibaldi Pietro Garibaldi Pietro Garibaldi

9 9 Larduo incontro tra donne e lavoro (2005) Chiara Saraceno Chiara Saraceno I lavoratori invecchiano le statistiche migliorano (2003) Pietro Garibaldi Gli occupati crescono leconomia no. Cosa succede al mercato del lavoro italiano? (2002) Pietro Garibaldi Gli occupati crescono leconomia no. Cosa succede al mercato del lavoro italiano? (2002) Pietro Garibaldi

10 10 Quali erano le proposte di De Michelis? Disoccupazione: 1.-Problema risolvibile al Nord in 10 anni 2.-Problema gravissimo al Sud Flessibilità e job creation attraverso 1.Elevazione dellobbligo scolastico 2.Introdurre le fasce dorario

11 11 Meriti e difetti del piano occupazionale di De Michelis La parte analitica è sostanzialmente corretta: La parte analitica è sostanzialmente corretta: coglie la gravità del problema del Mezzogiorno. Anche a posteriori le stime sono buone però Gli strumenti operativi previsti sono assolutamente insufficienti per il Mezzogiorno Gli strumenti operativi previsti sono assolutamente insufficienti per il Mezzogiorno. Le misure ancora una volta favoriscono lo sviluppo della grande impresa del Centro-Nord.

12 12 Negli anni dal 1951 al 1972 si è privilegiato laumento della produttività rispetto ad una politica delloccupazione Negli anni dal 1951 al 1972 si è privilegiato laumento della produttività rispetto ad una politica delloccupazione infatti essa non è mai stato un obiettivo prioritario della politica economica italiana, successivamente se ne è tenuto un po più conto quindi…. Strumenti utilizzati: a)Svalutazione della lira b)Estensione della Cassa integrazione guadagni c)Fiscalizzazione degli oneri sociali d)Aumento delloccupazione nella pubblica amministrazione

13 13 Il 13 MARZO 2002 il Governo Berlusconi propone Art. 18 Il giudice è tenuto a reintegrare il lavoratore licenziato senza giusta causa nelle aziende con più di 15 dipendenti Legge Biagi (1) approvata il 10 febbraio 2003 (Legge 30/2003 "Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro").Legge 30/2003 Decreto attuativo delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro -10 settembre 2003 Articolo 69 co.co.co

14 14 Quale riforma per la legge Biagi (2006)Massimo Pallini Marco Leonardi Massimo Pallini Marco Leonardi Pallini Marco Leonardi

15 15 ISTAT-Occupazione non regolare - Occupati interni -Posizioni lavorative -Unità di lavoro Per tipologia regolari e non regolari Per branche di attività economica Nace-Rev1 Per posizione nella professione

16 16 ISTAT-Occupazione non regolare ISTAT-Occupazione non regolare La misura delloccupazione non regolare nelle stime di contabilità nazionale Anni

17 17 ISTAT-Occupazione non regolare Quali settori coinvolti dal lavoro non regolare? Tasso di irregolarità era nel Agricoltura: 22,2% (20,9% nel 2001) 2.Industria: 5,9% (7,4% nel 2001) 3.Servizi: 13,9% (15,8% nel 2001)

18 18 ISTAT-Occupazione non regolare Tavola Occupati totali - Peso degli occupati non regolari sul totale degli occupati regolari e non regolari (in %).

19 19 ISTAT-Occupazione non regolare

20 Mercato del lavoro creati circa 2milioni di posti di lavoro, andati quasi esclusivamente a stranieri; Di questi, il 40% circa sono posti precari o part-time; Picco occupati a giugno 2008 con 23,5 milioni, ultimo rilevamento è di 2,1 milioni; Disoccupati : -400mila unità. Quota giovani pari a 26,4%, media UE: 19,7% Inattivi : -200mila unità. In totale 14,8 milioni Tasso occupazione: 57,5%; media UE 65% Lavoro nero è stabile a quota 2,5 milioni, pari a circa l11% degli occupati La forza lavoro potenziale italiana è calata di quasi 1,5 milioni di persone.

21 Gen 2000 Giu 2001 Giu 2001 Giu 2006 Giu 2006 Giu 2008 Giu 2008 Mar 2010 Mar 2010 Giu 2010 Centro Sinistra Centro Destra Centro Sinistra Centro Destra Totale Occupati Tempo Indeterminato Tempo Determinato Autonomi Gen 2000 Giu 2001 Giu 2001 Giu 2006 Giu 2006 Giu 2008 Giu 2008 Mar 2010 Mar 2010 Giu 2010 Centro Sinistra Centro Destra Centro Sinistra Centro Destra Totale Occupati Tempo Indeterminato Tempo Determinato Autonomi Occupazione creata dai diversi Governi -iv-il-bluff-del-lavoro.html

22 Le prossime tabelle e i grafici vengono da: ISTAT comunicato stampa del 30 novembre 2010 Occupati e disoccupati Ottobre 2010 (stime provvisorie) 0_00/testointegrale pdf Per ulteriori dettagli si rimanda al volume: Istat. La rilevazione sulle forze di lavoro: contenuti,metodologie, organizzazione. Roma: Istat, (Metodi e norme, n. 32) e al sito Istat:

23 Occupati e disoccupati. Ottobre 2010, dati provvisori

24 Tasso disoccupazione (ott 2009-ott. 2010) ( Dati destagionalizzati, valori percentuali – dati provvisori)

25 Popolazione Inattiva anni (Dati destagionalizzati, valori assoluti in migliaia di unità – dati provvisori )

26 Occupati (Dati destagionalizzati, valori assoluti in migliaia di unità – dati provvisori)

27 Persone in cerca di Occupazione ( Dati destagionalizzati, valori assoluti in migliaia di unità – dati provvisori )

28 Popolazione per condizione e sesso. Ottobre 2010 Dati destagionalizzati provvisori.

29 Tasso di occupazione, disoccupazione e inattività per Sesso

30 GLOSSARIO Forze di lavoro: comprendono gli occupati e le persone in cerca di occupazione. Occupati: comprendono le persone di 15 anni o più che nella settimana di riferimento: hanno svolto almeno unora di lavoro in una qualsiasi attività lavorativa che preveda un corrispettivo monetario o in natura; hanno svolto almeno unora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente; sono assenti dal lavoro (ad esempio, per ferie o malattia). I dipendenti assenti dal lavoro sono considerati occupati se lassenza non supera tre mesi, oppure se durante lassenza continuano a percepire almeno il 50 per cento della retribuzione. Gli indipendenti assenti dal lavoro, ad eccezione dei coadiuvanti familiari, sono considerati occupati se, durante il periodo di assenza, mantengono lattività. I coadiuvanti familiari sono considerati occupati se assenza non supera tre mesi. Persone in cerca di occupazione: comprendono le persone non occupate tra 15 e 74 anni che: hanno effettuato almeno unazione attiva di ricerca di lavoro nelle quattro settimane che precedono la settimana di riferimento e sono disponibili a lavorare (o ad avviare unattività autonoma) entro le due settimane successive; oppure, inizieranno un lavoro entro tre mesi dalla settimana di riferimento e sarebbero disponibili a lavorare (o ad avviare unattività autonoma) entro le due settimane successive, qualora fosse possibile anticipare linizio del lavoro. Inattivi: comprendono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle non classificate come occupate o in cerca di occupazione. Tasso di attività: rapporto tra le persone appartenenti alle forze di lavoro e la corrispondente popolazione di riferimento. La somma del tasso di attività e del tasso di inattività è pari al 100 per cento. Tasso di occupazione: rapporto tra gli occupati e la corrispondente popolazione di riferimento. Tasso di disoccupazione: rapporto tra le persone in cerca di occupazione e le corrispondenti forze di lavoro. Tasso di inattività: rapporto tra gli inattivi e la corrispondente popolazione di riferimento. La somma del tasso di inattività e del tasso di attività è pari al 100 per cento. Dato destagionalizzato: dato depurato dalla stagionalità. Variazione congiunturale: variazione rispetto al mese precedente. Variazione tendenziale: variazione rispetto allo stesso mese dellanno precedente. Settimana di riferimento: settimana a cui fanno riferimento le informazioni raccolte, in generale quella precedente lintervista. Mese di riferimento: mese composto dalle settimane, da lunedì a domenica, che cadono per almeno quattro giorni nel mese di calendario. i Per ulteriori dettagli si rimanda al volume: Istat. La rilevazione sulle forze di lavoro: contenuti, metodologie, organizzazione. Roma: Istat, (Metodi e norme, n. 32) e al sito Istat:

31 Per largomento Occupazione vanno letti attentamente gli articoli estratti dal quotidiano elettronico La Voce e i tre documenti dellIstat a cui si fa riferimento nelle slide.


Scaricare ppt "1 OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN ITALIA attualità Corso di Politica Economica, A.A. 2010-2011 Prof.ssa Cristina Brasili."

Presentazioni simili


Annunci Google