La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Indagine Nazionale Placement: definizione dellUniverso di riferimento Paola Stocco, Roma 13 ottobre 2011 – Gruppo Nazionale Placement Isfol (Sala Auditorium)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Indagine Nazionale Placement: definizione dellUniverso di riferimento Paola Stocco, Roma 13 ottobre 2011 – Gruppo Nazionale Placement Isfol (Sala Auditorium)"— Transcript della presentazione:

1 Indagine Nazionale Placement: definizione dellUniverso di riferimento Paola Stocco, Roma 13 ottobre 2011 – Gruppo Nazionale Placement Isfol (Sala Auditorium) Roma, Corso dItalia n°33

2 Punti della presentazione Obiettivi dellIndagine Dati richiesti Informazioni pervenute Informazioni selezionate Dimensione delluniverso di riferimento

3 Obiettivi dellIndagine Dare una dimensione complessiva nazionale degli esiti occupazionali degli interventi finalizzati alloccupabilità Fornire alle Adg titolari di PO FSE la possibilità di quantificare gli indicatori di risultato comuni previsti nei Por Costruire una base dati nazionale che garantisca significatività regionale delle statistiche, adeguata per valutazioni di efficacia degli interventi e delle politiche basate su metodi di analisi controfattuale come richiesto da recenti orientamenti comunitari

4 Cosa è stato richiesto alle Adg I progetti di interesse per lIndagine sono: finanziati dal FSE (programmazione e 07-13) conclusi tra gennaio 2008 e dicembre 2009 corsi di formazione finalizzati alloccupabilità delle persone (cfr. Richiesta microdati regionali con lettera del MLPS prot. N. 17/VII/ del 26/07/2010)

5 Le tipologie di interesse (1/2) Work experience: tirocini, piani di inserimento professionale, borse di lavoro, lavori di pubblica utilità, altre forme di WE Formazione: allinterno dellobbligo formativo, post-obbligo formativo e post-diploma, istruzione e formazione tecnica superiore, apprendistato post-obbligo formativo, formazione finalizzata al reinserimento lavorativo, formazione per la creazione dimpresa

6 Le tipologie di interesse (2/2) Percorsi integrati: per linserimento lavorativo e per la creazione dimpresa Incentivi: alle persone per la formazione e per il lavoro autonomo; alle imprese per loccupazione e inoltre… Formazione continua, per avere unidea della dimensione di questa tipologia nel periodo scelto per lIndagine (annualità interessate dalla crisi occupazionale)

7 Cosa è arrivato Alcune Amministrazioni hanno inviato solo progetti rivolti alloccupabilità Altre hanno inviato lArchivio regionale completo Altre hanno inviato solo progetti conclusi nel periodo indicato nella nostra richiesta, anche se non corrispondenti alle tipologie di interesse Altre hanno inviato dati parziali o incompleti che hanno portato ad escluderle dallIndagine

8 Dimensione dellarchivio iniziale

9 Le informazioni selezionate (1/7) Selezione per fase Sono stati selezionati solo i progetti conclusi, dunque controlli su: –data inizio corso –data conclusione corso –se progetto pluriennale, controlli sul titolo ed esclusione delle prime annualità Selezione per durata Sono stati selezionati i progetti anche in base alla durata in ore del corso ( soglia=100 ore)

10 Le informazioni selezionate (2/7) Selezione per asse/misura/obiettivo specifico Sono stati esclusi i progetti specificatamente rivolti a gruppi svantaggiati, ovvero: asse B della vecchia programmazione asse III - inclusione sociale e obiettivo operativo b1 dellattuale programmazione gruppi vulnerabili: portatori di handicap fisico/mentale, detenuti ed ex-detenuti, tossicodipendenti ed ex tossicodipendenti

11 Le informazioni selezionate (3/7) Selezione per tipologie di progetto –No: formazione obbligo scolastico –No: formazione continua –No: orientamento –formazione permanente: in generale no; sì solo se il soggetto si dichiara disoccupato e se la durata del corso è superiore alle 100 ore

12 Le informazioni selezionate (4/7) Alcune specificità regionali: –In alcuni casi sono stati esclusi progetti già oggetto di indagini regionali –Per alcune Amministrazioni non era presente il CUP e non è stato possibile recuperare linformazione sulla tipologia di progetto –La tipologia alta formazione, inizialmente non inclusa, è stata successivamente inserita perché una regione, nel periodo considerato, ha finanziato solo questo tipo di formazione

13 Le informazioni selezionate (5/7) Selezione per caratteristiche dellutenza filtro sulletà per selezionare la fascia (interventi rivolti a giovani/adulti giovani) filtro sulla condizione occupazionale –sì: in cerca e inattivi –no: occupati –no: inattivi e studenti per la tipologia formazione permanente

14 Le informazioni selezionate (6/7) Procedura finale di coerenza su tutti i filtri applicati se la percentuale dei destinatari esclusi in un progetto è > del 60%, il progetto viene escluso se la percentuale dei destinatari esclusi in un progetto è < del 3%, vengono reintegrati tutti i destinatari del progetto

15 Le informazioni selezionate (7/7) Ulteriori controlli Individui contati una sola volta: –esclusi i soggetti duplicati allinterno di uno stesso progetto –se un individuo ha partecipato a più interventi è stato considerato una sola volta, prendendo lultimo intervento di interesse per lindagine Correttezza formale del codice fiscale (verifiche su: nome, cognome e data di nascita) Verifiche sui numeri di telefono (presenza/assenza telefono fisso/telefono cellulare; controllo e ricostruzione dellinformazione) Verifiche sugli indirizzi

16 Dimensione delluniverso di riferimento

17 Progetti e destinatari per tipologia di progetto

18 Grazie per lattenzione Paola Stocco tel:


Scaricare ppt "Indagine Nazionale Placement: definizione dellUniverso di riferimento Paola Stocco, Roma 13 ottobre 2011 – Gruppo Nazionale Placement Isfol (Sala Auditorium)"

Presentazioni simili


Annunci Google