La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IPS: Individual Placement and Support lesperienza italiana Angelo Fioritti – DSM-DP AUSL Bologna Corrado Cappa– DSM-DP AUSL Piacenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IPS: Individual Placement and Support lesperienza italiana Angelo Fioritti – DSM-DP AUSL Bologna Corrado Cappa– DSM-DP AUSL Piacenza."— Transcript della presentazione:

1

2 IPS: Individual Placement and Support lesperienza italiana Angelo Fioritti – DSM-DP AUSL Bologna Corrado Cappa– DSM-DP AUSL Piacenza

3 Background L1% della popolazione europea in età lavorativa è affetta da disturbi psicotici I tassi di disoccupazione di questa sottopopolazione variano in Europa tra il 61 ed il 95% In Inghilterra ci sono più persone con benefici pensionistici di invalidità che con il sussidio di disoccupazione.

4 Limportanza del lavoro Autostima Inclusione sociale Costi per la società Benefici della strutturazione del tempo quotidiano –Vari studi sugli ospedali psichiatrici –Esiti dellIPSS nei paesi in via di sviluppo

5 Condizione lavorativa utenti CSM In Emilia-Romagna nel 2007 su utenti –Occupati 35.2% –Disoccupati 14.1% –Casalinghe 9.2% –Studenti 4.1% –Pensionati invalidità 7.0% –Pensionati di anzianità 22.1% –Altro 8.3% Programmi di FTL (3,66% utenti) con 16.3 prestazioni allanno in media

6 Il Piano Attuativo Salute Mentale Inserimenti lavorativi come area qualificante del sistema di comunità, coordinato dagli EELL. Ruolo attivo dei servizi sanitari nel sostenere le abilità della persona nel raggiungimento e mantenimento della attività lavorativa

7

8 Il lavoro migliora lesito della schizofrenia Osservazioni macro-economiche: Più ricoveri durante periodi di crisi economica Esiti peggiori durante la Grande Depressione Esiti migliori in G.B. nel che nel Esiti migliori nei villaggi del Terzo Mondo Esiti migliori per le persone con maggiore scolarità nei paesi industrializzati

9 Strategie per linserimento lavorativo Centrate sul sostegno alle abilità individuali –Mainstreaming –Responsabilizzazione individuale –Empowerment –Sostegno –Motivazione Centrate sulla creazione di opportunità –Specializzazione –Responsabilizzazione sociale –Riserva –Tutela –Formazione

10 Strategie per linserimento lavorativo Centrate sul sostegno alle abilità individuali –Ricerca autonoma –Orientamento –Agenzie interinali (progetti speciali) –Supported Employment –Individual Placement and Support –Microcredito Centrate sulla creazione di opportunità –Borse lavoro (A, B, C…) –Tirocini, contratti formazione-lavoro –Ins. Cooperative B –Collocamento obbligatorio (l. 68) –Simulazione e creazione dimpresa Varie progettualità intermedie (PARI)

11 Programma Pari DGR 346/08 Disposizioni per lattuazione di interventi di stabilizzazione occupazionale Coprogettazione: RER, Province, Comuni, AUSL, UEPE Categorie svantaggiate (alcol-TD, ex-detenuti, persone con DM, monogenitori) Azioni: Incentivi per lassunzione, assegni formativi, sostegno al reddito Strumenti: segnalazioni al mondo del lavoro, attestazioni di presa in carico, contratto individuale

12 Strategie di creazione di opportunità PRO –Formazione –Responsabilizzazione sociale –Riserva –Tutela –Protezione CONTRO –Complesso –Molti soggetti Utenti, famiglie, operatori sanitari, cooperazione, formatori, tutori, datori di lavoro, Centri per lImpiego, Comuni, OOSS –Lento –stigmatizzante –Eccessiva protezione –Demotivante

13 Strategie di sostegno alle abilità individuali PRO –Mainstreaming –Responsabilizzazione individuale –Empowerment –Semplicità –Motivazione –Soddisfazione –Costi –Flessibilità CONTRO –Richiede abilità –> Stressante –Timori di famiglie ed operatori –Porta girevole nel mondo del lavoro

14 Riabilitazione Train and place – programmazione –Superamento dei deficit –Training skills –Occupazioni e formazione in ambito protetto Place and train – ricerca del lavoro nel libero mercato –Trovare un lavoro e poi sostenere il paziente, formarlo sul campo –Supported employment –Individual Placement and Support IPS

15 Efficacia dei programmi di riabilitazione e inserimento lavorativo Review di Lehman (1995): Nessun effetto sulloccupazione a lungo termine sino agli anni 1970 Nessun miglioramento nei lavori competitivi sino allintroduzione del supported employment negli anni 1990 Dopo il 1990: Lavoro ordinario: Meta-analisi di 11 studi (Crowther 2001) Supported employment: 34% Riab. lavorativa standard : 12% Analisi di 13 studi (Bond 2004) Supported employment: 40-60% Riab. lavorativa standard : 20%

16 Riab. lavorativa tradizionale Il modello Addestra ed inserisci (Train and place) è nato per le persone con disabilità fisiche I pz sono inviati ad agenzie specifiche che fanno la selezione, addestrano, inseriscono ed escono dopo dalla gestione del caso Pochi operatori dei servizi di riabilitazione

17 Supported employment Gli operatori: identificano dei posti di lavoro selezionano e formano SUL POSTO inseriscono e forniscono supporto sostituiscono la persona con un altro lavoratore quando è scompensata e non può andare a lavorare Il supporto lavorativo si riduce gradualmente, ma è disponibile a tempo indeterminato

18 Principi dellIndividual Placement and Support (IPS) Selezione basata sulla scelta del pz Il servizio relativo al lavoro è integrato con il trattamento Loccupazione competitiva è lobiettivo Rapida ricerca del lavoro La ricerca del lavoro è basata sulle preferenze del paziente Supporto a tempo indefinito Vi è una attenta pianificazione dei benefici

19 IPS – Individual Placement and Support Novità nel campo della riabilitazione lavorativa Primo format di intervento sul lavoro codificato come trattamento psicosociale Primo format manualizzato Primo format sottoposto a verifica empirica mediante studi randomizzati

20 Principi dell'IPS Processo guidato dalle scelte della persona Supporto integrato nel trattamento Obiettivo occupazione competitiva Rapida ricerca Basata sulle preferenze della persona Supporto a tempo indeterminato

21 IPS - Metodologia Intervento gestito da uno specialista IPS della riabilitazione al lavoro che persegue come obiettivi: Instaurare una buona relazione di fiducia con il cliente Stabilire assieme a lui mete lavorative raggiungibili Formulare un piano personalizzato Assistere direttamente e personalmente il paziente nella ricerca, nellottenimento e nel mantenimento della posizione lavorativa Evitare i corsi di formazione preliminari Lavorare in stretta collaborazione con i Centri di Salute Mentale e con i Servizi Sociali.

22 Il Progetto EQOLISE MODELLI A CONFRONTO Enhancing Quality Of Life Implementing Supported Employment 6 centri: Londra (UK) Rimini (I) Ulm (D) Zurich (CH) Groeningen (NL) Sofia (BUL)

23 EQOLISE 50 pazienti per ogni centro Diagnosi di schizofrenia o disturbo bipolare Età anni Non inseriti nel mercato del lavoro negli ultimi due anni Desiderano lavorare

24 EQOLISE 50 pazienti 25 pazienti IPS Trattamento ordinario 2 anni Valutazione degli esiti ogni 6 mm per 18 mm

25 Scopo del progetto Confrontare lefficacia del modello IPS con quelli riabilitativi standard Confronto USA – EU Confronto tra Paesi EU Esiti su impieghi, costi, funzionamento clinico e sociale, soddisfazione dellutente. Inferenze su quali variabili legate al paziente ed al contesto (servizi e ciclo economico) favoriscono interventi tradizionali o lIPS

26 Valutazione degli esiti Persone entrate nel mondo del lavoro regolare Giornate di lavoro svolte nel mondo del lavoro regolare Psicopatologia Soddisfazione e QOL Disabilità Uso dei servizi di ricovero

27 Strumenti OPCRIT PANSS CSSRI-EU GROENINGEN SOCIAL DISABILITY SCH. LANCASHIRE QUALITY OF LIFE PROFILE CAN HADS HELPING ALLIANCE SCALE JOB PREFERENCES INTERVIEW INDIANA JOB SATISFACTION SCALE

28

29

30

31 L'efficacia dell'IPS

32

33 Giorni lavorati, per trattamento

34 Hanno lavorato almeno un giorno

35 15 (34.9%) 5 (45.5%) 3 (42.9%) 0 (.0%) 7 (87.5%) 0 (.0%) 0 (.0%) Vocational 16 (18.8%) 8 (36.4%) 1 (11.1%) 0 (.0%) 6 (37.5%) 1 (7.1%) 0 (.0%) IPS Total n=128 Sofia n=33 Groningen n=16 Zurich n=14 Rimini n=24 Ulm n=25 London n=16 Service Table 16: Worked in informal labour market n (%) of those who obtained employment

36 Variabili ambientali

37 USA ed Europa: le differenze Cultura del lavoro – USA: hire and fire. – Europa: protezione e stabilità del posto di lavoro Cultura del Welfare – Benefici ai soggetti deboli più alti in Europa – Con molte diversità in Europa

38 Importanza del lavoro nella cultura Amartya Sen: per tutto il 20° secolo : Gli USA hanno tollerato livelli relativi di povertà che avrebbero spazzato via qualsiasi governo europeo I governi europei hanno tollerato livelli di disoccupazione che avrebbero spazzato via qualsiasi governo statunitense

39 Decommodificationmarkets Social stratification BG – Bulgaria; IT – Italy; DE – Germany; SW – Switzerland; NT – Netherlands; UK - UK 2005 Welfare State Classification Liberal:UK Conservative Corporatist: DE, IT, SW Social Democratic: NT UK – less decommodification (more services supplied through the market and private providers). NT – less decommodification DE – less decommodification BG – Closes fit to conservative model at the current time

40 Living situation alone (+/-child) partner (+/- child.) living with parents living with other relatives living with others children.+ other relatives London35 (70%) 7 (14%) 5 (10%) 1 (2%) 2 (4%) 0 Germany17 (32.7%) 6 (11.5%) 25 (48.1%) 3 (5.8%) 1 (1.9%) 0 Italy6 (11.5%) 7 (13.5%) 28 (53.8%) 2 (3.8%) 9 (17.3%) 0 Switzerlan d 26 (50%) 5 (9.6%) 3 (5.8%) 5 (9.6%) 3 (5.8%0 10 (19.2%) Netherland s 28 (53.8%) 2 (3.8%) 4 (7.7%) 018 (34.6%) 0 Bulgaria9 (16.7%) 15 (27.8%) 26 (48.1%) 2 (3.7%) 02 (3.7%) Total121 (38.8%) 42 (13.5%) 91 (29.2%) 13 (4.2%) 33 (10.6%) 12 (3.8%)

41 State Benefits YES NO London 44 (88%)6 (12%) Germany40 (76.9%)12 (23.1%) Italy29 (55.8%)23 (44.2%) Switzerland48 (92.3%)4 (7%) Netherlands46 (88.5%)6 (11.5%) Bulgaria41 (75.9%)13 (24.1%) Total248 (79.5%)64 (20.5%)

42 Effect of risk of benefit trap on risk difference

43 Effect of long-term unemployment rate on outcome

44

45 PROGETTO TIPS 2011 TRAINING ON INDIVIDUAL PLACEMENT & SUPPORT

46 SediassegnatisegnalatiavviaticolloquiAssunti (+ interr. ) Interruzioni/ sospensioni note Piacenza Parma1414 (+8) Reggio E Buona integrazion e con agenzia Modena ricovero BO SG (tirocini o) 3 con invalidità Bologna Z con invalidità Imola Ravenna Cambio operatore ausl Forlì Cesena con invalidità TOTALE (11)21 BO Casale cchio (+1)13 con invalidità BO Nani con invalidità BO Z (Terry)8 Ferrara Porto magg44442 Dati riferiti al I° semestre 2011

47 Dati aggiornati al DSM-DP Piacenza SedeAssegnatiSegnalatiAvviatiColloquiAssuntiLavoro senza contratto Interruzioni PC

48 In sintesi Le attività di inserimento lavorativo riguardano oltre utenti allanno (6% dellutenza CSM, 20% degli utenti con DMGP, 25 % di quella formalmente disoccupata) Le risposte coinvolgono una grande quantità di professionisti di diversi enti ed estrazione Le offerte e la loro organizzazione sono variabilissime da territorio a territorio, spesso su base distrettuale Non esiste una definizione condivisa dei diversi tipi di offerta La filosofia istituzionale, a responsabilità sociale è largamente predominante Linserimento nel mercato del lavoro è minoritario.

49 Verso una strategia di sistema Necessità di precisare e differenziare lofferta di servizi Ampliare lempowerment dellutente Stabilire schemi di intervento temporali

50 Verso una strategia di sistema Necessità di differenziare lofferta dei servizi –Nessun intervento da solo supera il 40% di successo –Sommando più interventi le probabilità aumentano –Lintervento giusto per la persona giusta Il 70% degli utenti affetti da disturbi mentali gravi vuole lavorare (Drake)

51 Verso una strategia di sistema Aumentare lempowerment dellutente: –Scarso potere predittivo degli operatori –Atteggiamento protettivo di operatori e famiglie –Il fallimento non è una tragedia (dipende) –Per ogni cittadino il percorso lavorativo è fatto di successi e fallimenti –Lasciare la guida del percorso allutente è riabilitativo

52 Verso una strategia di sistema Stabilire schemi di intervento temporali –Potrebbe essere meglio cominciare sempre da schemi di supporto alle abilità –Non giudicare a priori sul livello di funzionamento –Concordare con lutente quando passare a proposte più protette –Tenere sempre alta laspettativa.

53 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "IPS: Individual Placement and Support lesperienza italiana Angelo Fioritti – DSM-DP AUSL Bologna Corrado Cappa– DSM-DP AUSL Piacenza."

Presentazioni simili


Annunci Google