La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA SFIDA COMUNICATIVA E SOCIALE DELLE SUBCULTURE GIOVANILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Lettere e filosofia, Scienze politiche, Giurisprudenza,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA SFIDA COMUNICATIVA E SOCIALE DELLE SUBCULTURE GIOVANILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Lettere e filosofia, Scienze politiche, Giurisprudenza,"— Transcript della presentazione:

1 LA SFIDA COMUNICATIVA E SOCIALE DELLE SUBCULTURE GIOVANILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Lettere e filosofia, Scienze politiche, Giurisprudenza, Ingegneria, Economia Corso di laurea interfacoltà in Comunicazione Innovazione e Multimedialità Relatore: Chiar.mo Prof. Mario Dossoni Tesi di laurea di Federica Mantovani /64 Anno accademico 2010/2011 Correlatore: Dott. Federica Da Milano

2 CULTURA: patrimonio intellettuale e materiale costituito da: Valori, norme, definizioni, concetti, linguaggi, simboli, segni, modelli di comportamento […] Simbolizzazione espressiva : arte, letteratura, teatro, musica […]

3 SUBCULTURA: cultura di un gruppo definibile subalterna, subordinata o di nicchia rispetto alla cultura dominante, in funzione della quale si caratterizza per essere una variante differenziata o specializzata. CONTROCULTURA: sottocultura portatrice di disvalori e di manifestazioni alternative rispetto alla cultura ufficiale. Sono definibili anche culture underground (sottosuolo) e sono generalmente più violente ed aggressive delle subculture.

4 SUBCULTURE GIOVANILI O YOUTH CULTURE Le culture giovanili sono il modo che una parte di giovani sceglie per differenziarsi dalla cultura generale, senza voler rimpiazzare le istituzioni, ma attraverso proposte di realtà nuove, abbracciate da chi rifiuta quelle convenzionali.

5 PERCHE NASCONO LE SUBCULTURE? sono un mezzo attraverso il quale un gruppo di giovani decide di differenziarsi dalla cultura generale e condivisa per attirare lattenzione su sé stesse, anche da parte dei media per proporre realtà culturali diverse, idee nuove per accrescere il valore della coesione e per concretizzare il concetto di gruppo.

6 IDEALI PROFONDI e OBIETTIVI PRECISI - Nuova modalità di consumo del tempo libero e nuovo modo di stare insieme - Tentativi di abbattere i limiti della morale comune e proposte di alternative plausibili rispetto alla cultura dominante - Sono portatrici di nuovi stili, mode, musica; hanno influenzato positivamente anche larte, la letteratura, i mass media e il cinema Sono passate 1000 generazioni dai rockabilli punk e capelloni i metallari i paninari e sorcini e ogni volta gli stessi casini perché i ragazzi non si fanno vedere sono sfuggenti come le pantere e quando li cattura una definizione il mondo è pronto per una nuova generazione – Jovanotti, Non mannoio

7 - Tratti distintivi sono: la condivisione e la coesione di gruppo, il senso di appartenenza, lapertura verso laltro e lo spirito libero - Sono volenterose, coraggiose, propositive, hanno voglia di esplorare e conoscere - Contro limmobilismo propongono linnovazione, il dinamismo, progettualità e coerenza - Le prime subculture hanno dato origine alle rivolte studentesche (la prima fu il Free Speech Movement) e i raduni, forme di protesta ancora in voga.

8 - Suggeriscono la creazione di nuove forme di comunicazione : Internet e i Social Network (Facebook in particolare), canali televisivi a loro dedicati come MTV, flash mob e street parade - Grazie al festival di Woodstock sono nati numerosi raduni di giovani entrati nella storia come il Monterey Pop Festival, La Summer of Love e altri ancora

9 GLI OGGETTI NELLE SUBCULTURE Gli oggetti sono resi sempre più portatori di significato in quanto stile di una subcultura. Comunicano con la loro presenza, la diversità di un gruppo e dei suoi componenti rispetto allideologia dominante. Lo stile della subcultura è carico di significato: sfida il mito del consenso, portando avanti una lotta tra discorsi differenti, fra definizioni e significati differenti allinterno dellideologia

10 METODI DI ESPRESSIONE La musica è una delle forme più antiche attraverso la quale i giovani si sono sempre espressi; nel corso del tempo si sono modificati, sono nati, nuovi generi musicali che danno libero sfogo alle emozioni e ai sentimenti delle subculture. Attualmente la televisione si occupa di dare spazio alle problematiche dei giovani che hanno quindi a disposizione un ulteriore mezzo per esprimersi. (Mtv è il canale che in assoluto dona più visibilità al mondo delle subculture giovanili). La volontà attuale dei giovani pare essere quella di modificare il proprio corpo attraverso piercing e tatuaggi(usanza ripresa dal mondo africano ad esempio).Così il tatuaggio può esprimere lappartenenza ad un gruppo o è semplicemente un simbolo di esperienze vissute.

11 Anche la moda è sintomo di espressione delle subculture che spettacolarizzano il costume, conferendogli personalità e innovazione. Si passa così dallo stile sgargiante degli hippy,agli abiti borchiati dei punk,dal nero dei dark al modernismo vintage. Tramite i flash mob un gran numero di persone riesce a muoversi simultaneamente in spazi pubblici, grazie allausilio di reti di comunicazione digitali, per compiere azioni insolite. La street parade, il più grande festival di musica techno che si tiene ogni anno a Zurigo, raduna giovani da tutto il mondo che ballano per le strade della città, seguendo i tir che trasmettono la musica.

12 IL RUOLO DELLE DONNE Spesso luniverso femminile appare solo come corollario nelle sottoculture, nonostante ci siano stati nel passato, esempi di donne – simbolo, come Joan Baez per il mondo Hippy. E necessario quindi che il mondo sub culturale riservi maggiore spazio alle donne e al loro spirito innovativo.

13

14 BEATNIK Il movimento Beat può essere considerato il primo vero esempio di cultura giovanile; nasce negli anni 50 ed è un movimento antimaterialista che getta le basi per la successiva sottocultura Hippy. I Beat volevano amare tutti gli aspetti della vita, e si proponevano con un abbigliamento trasandato, uno stile nomade e libero e i capelli molto lunghi (capelloni). Da ricordare laccampamento di New Barbonia a Milano, dove i giovani beat conducevano la loro vita in totale armonia e libertà.

15 HIPPY Movimento giovanile nato negli Stati Uniti nel corso degli anni Sessanta. I cosiddetti FIGLI DEI FIORI indossavano vestiti decorati con fiori e stoffe sgargianti e professavano ideali di pace e libertà sintetizzabili in slogan come Fate lamore, non la guerra oppure Mettete fiori nei vostri cannoni. La parola dordine per questo movimento era la ricerca sfrenata della libertà sempre rispettando i diritti umani e professando luguaglianza e la fratellanza col prossimo.

16 Mods Vs. Rockers Il termine Mod abbreviativo di modernism fa riferimento al movimento nato a Londra negli anni 50. Elementi significativi: moda, musica pop, look curato, scooter (Lambretta e Vespa). Il movimento dei Rockers nasce negli stessi anni dei mod ma a differenza loro non dava troppa importanza alla moda e al look salvo lattenzione per i capelli tenuti alti con la brillantina; preferivano jeans, giubbotti di pelle e le loro motociclette di grossa cilindrata.

17 EMOMETALLARITAMARRI I giovani Emo sono sentimentali ed introspettivi e manifestano le proprie emozioni, quasi sempre negative, come malinconia, tristezza e depressione con atti che possono sfociare nellautolesionismo e nel suicidio. Labbigliamento è riconducibile agli skater, ma il tratto distintivo sono i capelli neri e lisci con lunghe frange e occhi truccati sempre di nero. Sottocultura giovanile nata a Milano che si caratterizza per lossessione per la musica rock, hard rock e heavy metal. Sono apolitici, il loro stile è incentrato sugli eccessi soprattutto nellabbigliamento: chiodo, jeans, anfibi, capelli lunghi e tatuaggi in vista. I giovani appartenenti a questa sottocultura sono facilmente individuabili per il loro modo di atteggiarsi,per il tipo di abbigliamento,per la musica prediletta e per il gergo che utilizzano.Amano infatti lhouse e la techno,sono spesso volgari nelle proprie espressioni e indossano canotte,gioielli vistosi e spesso occhiali da sole anche di sera e nei locali. Questa subcultura mira allapparire principalmente essendo sostanzialmente priva di contenuti profondi.

18 SUBCULTURE GIOVANILI E DEVIANZA Alcune subculture però, si qualificano per essere particolarmente violente ed aggressive. Queste si esprimono perciò attraverso atti che potremmo definire DEVIANTI La devianza vera e propria riguarda gli aspetti comportamentali del soggetto, che per disagi legati allambito familiare o scolastico ad esempio, esce dalle norme condivise e dal buon senso comune.

19 BANDE e GANG Le bande giovanili o gang sono un preoccupante fenomeno sociale dei nostri giorni. Aggressioni a barboni, atti di bullismo contro un compagno più debole, furti di cellulari, insulti a coetanei, sono forme di violenza che si ripetono quotidianamente; atti che, per la loro frequenza e diffusione, diventano un fenomeno sociale. I giovani devianti spesso si riunisco prendendo anche il nome di branco. Essi ad un certo punto decidono di passare dalla trasgressione tollerabile al reato vero e proprio. Il branco segue spesso anche riti di iniziazione (tagliarsi i capelli a zero, compiere quel determinato atto di teppismo), porta segnali di appartenenza (lo stesso giubbotto, lo stesso cappellino, lo stesso orecchino), frequenta lo stesso bar. Si può quindi parlare in questi specifici casi di subculture giovanili violente o devianti.

20 COME SI ESPRIMONO I DEVIANTI? A differenza delle precedentemente citate subculture giovanili, i giovani devianti o appartenenti a subculture violente/delinquenti si esprimono frequentemente attraverso: RAVE PARTYUSO DI DROGHE La nascita dei rave (feste illegali con musica elettronica) risale agli anni 80. Migliaia di giovani si radunano in fabbriche abbandonate, capannoni, aperta campagna, e danno vita a feste che durano anche per giorni interi. Un rave illegale mette in scena vari elementi: -Affronto della proprietà privata attraverso loccupazione -Attacco alle forme di produzione commerciale (discoteche, denaro) -Consapevolezza e condivisione comune -Uguaglianza tra le diversità -Uso di droghe I legami tra devianza e assunzione di droghe possono essere talvolta molto stretti. Studi recenti hanno osservato il mutamento delle tipologie di droghe assunte dai giovani nei diversi periodi storici, associando tali sostanze allaumento della violenza.

21 CONCLUSIONI Attualmente la società è sempre più aperta ad accogliere le subculture giovanili. Sono fenomeni profondi, che esulano dalla semplice esteriorizzazione di elementi materiali e commerciali e dalla spettacolarizzazione di sé stesse. Nel processo di individualizzazione, che caratterizza la modernità, ogni giovane, potenzialmente, potrebbe essere un portatore di subculture. Molte subculture vogliono diffondere il proprio spirito positivo e delle idee per il futuro ed è per questo che la società dovrebbe dialogare con loro, senza per questo essere indulgenti con quelle che sono portatrici di disvalori e di forme di devianza.


Scaricare ppt "LA SFIDA COMUNICATIVA E SOCIALE DELLE SUBCULTURE GIOVANILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Lettere e filosofia, Scienze politiche, Giurisprudenza,"

Presentazioni simili


Annunci Google