La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relazione a cura di: Anelli Federica Chiodelli Giulia Faroni Luca Gagliardi Gabriele Giusti Irene Pozzari Marta Rigolli Chiara Seghezzi Paola.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relazione a cura di: Anelli Federica Chiodelli Giulia Faroni Luca Gagliardi Gabriele Giusti Irene Pozzari Marta Rigolli Chiara Seghezzi Paola."— Transcript della presentazione:

1 Relazione a cura di: Anelli Federica Chiodelli Giulia Faroni Luca Gagliardi Gabriele Giusti Irene Pozzari Marta Rigolli Chiara Seghezzi Paola

2 RIFRAZIONE DELLA LUCE Quando un raggio di luce passa da un mezzo ad un altro (entrambi trasparenti), devia la sua direzione di provenienza, rifrangendosi. Langolo di incidenza i e langolo di rifrazione r sono connessi dalla seguente relazione: n 1,2 è una costante denominata indice di rifrazione assoluto

3 Per ogni materiale è stato definito un indice di rifrazione assoluto, considerando come primo mezzo il vuoto e come secondo mezzo il materiale interessato. n vuoto, mezzo = n mezzo A parità di angolo di incidenza i di un raggio di luce proveniente dal vuoto, la deviazione del raggio rifratto nel secondo mezzo aumenta allaumentare dellindice di rifrazione del secondo mezzo. DEFINIZIONE DI INDICE DI RIFRAZIONE ASSOLUTO INDICI DI RIFRAZIONE MEZZO INDICE INDICE Aria 1, Idrogeno 1, Ossigeno 1, Acqua 1,333 Alcol etilico 1,361 NaCl 1,53 Vetro Crown 1,520 Balsamo del Canada 2,419 Anidride carbonica 1, Acetone1,359 Azoto1, Quarzo amorfo 1,458 Elio1, Etere etilico 2,352

4 INVERTIBILITÀ DEL CAMMINO DELLA LUCE Esperimento: un raggio di luce proveniente da un mezzo 1 si rifrange in un mezzo 2 e qui viene intercettato da uno specchio piano, disposto in modo tale che la superficie riflettente sia perfettamente perpendicolare al raggio rifratto. Possiamo osservare che il raggio riflesso ripercorre esattamente il cammino del raggio incidente sia nel mezzo 2 che nel successivo mezzo 1.

5 lindice di rifrazione relativo alla rifrazione della luce da un mezzo 1 a un mezzo 2 è uguale allinverso dellindice di rifrazione relativo alla rifrazione dal mezzo 2 al mezzo 1. Moltiplicando membro a membro le due uguaglianze si ottiene: dalla quale: Sulla base di questo esperimento possiamo allora scrivere: rifrazione mezzo1- mezzo2: rifrazione mezzo2- mezzo1:

6 RELAZIONE TRA INDICE DI RIFRAZIONE RELATIVO E ASSOLUTO Esperimento: un raggio di luce proveniente dal vuoto ( n1 =1) attraversa due mezzi trasparenti e paralleli tra di loro, con indici di rifrazione assoluti pari a n 2 e n 3. Se il mezzo 4 nel quale finisce il raggio di luce è di nuovo il vuoto (n 1 =1) il raggio incidente e il raggio emergente dal quarto mezzo sono paralleli tra di loro.

7 Avvengono così 3 diverse rifrazioni: 1) tra il vuoto e il mezzo2: 2) tra il mezzo2 e il mezzo3: 3) tra il mezzo3 e il vuoto: Moltiplichiamo ora le tre equazioni precedenti: Tenendo conto che,, si ottiene: **

8 ANGOLO LIMITE E RIFLESSIONE TOTALE In una rifrazione tra due mezzi trasparenti con indice assoluto n 1 e n 2 tale per cui n 2 < n 1, si ottiene: Indicando con i langolo di incidenza del raggio che proviene dal mezzo1 e con r il corrispondente angolo di rifrazione si ha: Quindi: un raggio di luce che passa da un mezzo più rifrangente a un mezzo meno rifrangente (n 1 > n 2 ) si allontana dalla perpendicolare alla superficie di incidenza.

9 Se l'angolo l superasse i 90° tutta la luce si rifletterebbe, come se la superficie di separazione dei due mezzi fosse speculare. Questo fenomeno è detto riflessione totale e langolo l è chiamato angolo limite. Il valore di l si ottiene da questa relazione: sin l = =

10 sin l = Se il primo mezzo ha indice di rifrazione assoluto n e il secondo mezzo è il vuoto, la relazione diventa: Esiste un angolo limite per cui il raggio rifratto è radente alla superficie di separazione; per gli angoli maggiori il raggio rifratto manca e cè solo il raggio riflesso.

11 INDICE DI RIFRAZIONE RELATIVO, ASSOLUTO E VELOCITA DELLA LUCE Linterpretazione ondulatoria dellindice di rifrazione della luce ha il suo fondamento teorico nel principio di Huygens : un fronte che investe i punti di una superficie vibrante, rende questi a loro volta sorgenti di onde (onde secondarie) aventi la stessa frequenza dellonda primitiva. Linsieme di queste onde secondarie crea un inviluppo in corrispondenza del quale viene individuato il nuovo fronte donda delle perturbazione

12 Ogni punto generato dalla perturbazione diviene a sua volta sorgente di onde secondarie. Esse interagiscono tra loro e si sovrappongono lampiezza delle onde si annulla in ogni direzione tranne in quella di provenienza del fronte, e ai bordi del fronte stesso. Dunque: posto i langolo che la direzione dei fronti forma rispetto alla perpendicolare alla superficie rifrangente, i fronti rifratti formeranno (rispetto alla stessa retta) un angolo r per cui: dove v 1 e v 2 rappresentano la velocità delle onde rispettivamente nel primo e nel secondo mezzo.

13 n può essere anche espresso attraverso il rapporto tra le velocità di propagazione della luce nei due mezzi in cui si produce la rifrazione Grazie alla legge dellindice di rifrazione assoluto possiamo riscrivere la precedente uguaglianza:

14 1) sostituendo con la velocità della luce c nel vuoto: 2) 3) (da cui si ricava la legge del principio di invertibilità dei raggi)

15 Se si sostituisce v mezzo con ottenuto da possiamo riscrivere lequazione nel seguente modo: IL CAMMINO OTTICO Se un raggio di luce attraversa un mezzo materiale trasparente di spessore s e indice di rifrazione n, allora il tempo (t mezzo ) impiegato per attraversare il materiale sarà dato dalla relazione:

16 Cammino geometrico: distanza più breve tra due punti A e B (estremi del cammino) il tempo t mezzo impiegato da un fascio di luce per attraversare un mezzo trasparente è identico al tempo che impiegherebbe nel vuoto per percorrere il cammino cammino ottico della luce : cammino che la luce percorrerebbe nel vuoto nello stesso tempo in cui percorre il suo cammino geometrico in spazi occupati da materiali trasparenti

17 Consideriamo tre lastre realizzate con materiali trasparenti, di spessori s 1, s 2, s 3, e indici di rifrazione n 1, n 2, n 3. Il cammino ottico d di unonda luminosa che attraversa perpendicolarmente le lastre è dato dalla relazione: d = s 1 n 1 + s 2 n 2 + s 3 n 3 Grazie al concetto di cammino ottico, nel 1637, Fermat stabilì un criterio per dedurre la legge di rifrazione.

18 Il principio di Fermat Il percorso che la luce compie per andare da un punto A ad un punto B dello spazio, è quello che richiede il minor tempo Il percorso che la luce compie per andare da un punto A ad un punto B dello spazio, è quello che richiede il minor tempo

19 Consideriamo una superficie s che separa due mezzi di indice di rifrazione rispettivamente raggio incidente, raggio rifratto e normale complanari percorso più breve = SB

20 Tempo di percorrenza dipende da n (poiché c varia nei due mezzi) dipende da n (poiché c varia nei due mezzi) per andare da S a H: per andare da S a H: per andare da H a B per andare da H a B t = direttamente proporzionale al cammino ottico (poiché c = costante) t = direttamente proporzionale al cammino ottico (poiché c = costante)

21 cammino ottico per un ipotetico cammino alternativo : cammino ottico della luce da S a B: cammino ottico della luce da S a B:

22 Cammino ottico: il percorso più breve Consideriamo: Consideriamo: = fronte donda piano cui appartiene = fronte donda piano cui appartiene la parallela a SH passante per : interseca il piano rifrangente s nel punto la parallela a SH passante per : interseca il piano rifrangente s nel punto Da tracciamo la parallela a HB fino a intersecare in il fronte rifratto passante per B Da tracciamo la parallela a HB fino a intersecare in il fronte rifratto passante per B

23 : fronte rifratto corrispondente al fronte incidente : fronte rifratto corrispondente al fronte incidente tempo impiegato per percorrere S H B = tempo impiegato per percorrere tempo impiegato per percorrere S H B = tempo impiegato per percorrere

24 Per i cammini ottici corrispondenti ai due tragitti vale allora la seguente relazione: per le proprietà dei triangoli rettangoli si ha: e perciò: da cui:

25

26 il percorso della luce, rifratta da una superficie piana, che segue la legge di rifrazione è quello più rapido il percorso della luce, rifratta da una superficie piana, che segue la legge di rifrazione è quello più rapido NB: il percorso più breve non è necessariamente quello con la minore lunghezza geometrica NB: il percorso più breve non è necessariamente quello con la minore lunghezza geometrica

27 studia il comportamento della luce in presenza di lenti si spiega con le leggi della rifrazione attraversando una lente un raggio luminoso viene rifratto e deviato: si compone così limmagine in una posizione diversa da quella naturale

28 lente: corpo delimitato da superfici curve che rifrangono la luce creando un immagine lente: corpo delimitato da superfici curve che rifrangono la luce creando un immagine asse ottico: retta passante per i centri delle calotte asse ottico: retta passante per i centri delle calotte fuoco: punto in cui converge un fascio di raggi che incidono sulla lente in direzione parallela allasse ottico fuoco: punto in cui converge un fascio di raggi che incidono sulla lente in direzione parallela allasse ottico

29 Le proprietà delle lenti sono osservabili se: il fascio di raggi incidente sulla lente ha una piccola apertura angolare; il fascio di raggi incidente sulla lente ha una piccola apertura angolare; i raggi di curvatura delle superfici sferiche della lente sono molto grandi rispetto al suo diametro; i raggi di curvatura delle superfici sferiche della lente sono molto grandi rispetto al suo diametro; la distanza fra le due superfici rifrangenti è molto piccola rispetto ai loro raggi di curvatura la distanza fra le due superfici rifrangenti è molto piccola rispetto ai loro raggi di curvatura

30 biconvesse: due calotte sferiche convesse rivolte luna in opposizione allaltra biconvesse: due calotte sferiche convesse rivolte luna in opposizione allaltra piano-convesse: una superficie convessa e una piana piano-convesse: una superficie convessa e una piana concavo-convesse: una superficie concava e una convessa concavo-convesse: una superficie concava e una convessa sono più spesse al centro e più sottili ai bordi possono essere: possono essere:

31 posto n lente > n mezzo fanno convergere il fascio di raggi paralleli in un unico punto (fuoco) posto n lente > n mezzo fanno convergere il fascio di raggi paralleli in un unico punto (fuoco) fuoco: posto dalla parte opposta rispetto a quella da cui provengono i raggi fuoco: posto dalla parte opposta rispetto a quella da cui provengono i raggi

32 possono essere:possono essere: biconcave: due calotte sferiche concave, poste luna in opposizione allaltra biconcave: due calotte sferiche concave, poste luna in opposizione allaltra menisco-concave: due superfici sferiche, una concava e una convessa menisco-concave: due superfici sferiche, una concava e una convessa piano-concave: una superficie piana e una concava piano-concave: una superficie piana e una concava sono più spesse ai bordi e più sottili al centro

33 posto n lente > n mezzo fanno divergere il fascio di raggi paralleli posto n lente > n mezzo fanno divergere il fascio di raggi paralleli fuoco: posto dalla stessa parte dalla quale provengono i raggi di luce; è virtuale fuoco: posto dalla stessa parte dalla quale provengono i raggi di luce; è virtuale

34 p e q = distanza delloggetto e dellimmagine dal centro della lente p e q = distanza delloggetto e dellimmagine dal centro della lente n = indice di rifrazione del materiale della lente n = indice di rifrazione del materiale della lente e = raggi di curvatura delle superfici che definiscono geometricamente la lente e = raggi di curvatura delle superfici che definiscono geometricamente la lente (segno positivo per la lente concava (segno positivo per la lente concava segno negativo per la lente convessa) segno negativo per la lente convessa)

35 distanza focale (f): distanza del fuoco dal centro della lente distanza focale (f): distanza del fuoco dal centro della lente focale: distanza dalla lente alla quale un raggio, in origine parallelo all'asse ottico, interseca l'asse dopo essere stato deviato dalla lente focale: distanza dalla lente alla quale un raggio, in origine parallelo all'asse ottico, interseca l'asse dopo essere stato deviato dalla lente

36 Dalla formula dei punti coniugati per una lente sottile: Dalla formula dei punti coniugati per una lente sottile: immaginando il fascio di raggi proveniente da una sorgente posta a distanza infinita dalla lente, poniamo p = ; immaginando il fascio di raggi proveniente da una sorgente posta a distanza infinita dalla lente, poniamo p = ; indicando con f la distanza focale si ottiene quindi: indicando con f la distanza focale si ottiene quindi: Poiché il rapporto tende a zero si ricava: Poiché il rapporto tende a zero si ricava:

37 potere diottrico: rapporto tra focale e potenza (udm = metri); fornisce il numero di diottrie della lente potere diottrico: rapporto tra focale e potenza (udm = metri); fornisce il numero di diottrie della lente potenza lenti convergenti: segno positivo potenza lenti divergenti: segno negativo potenza lenti convergenti: segno positivo potenza lenti divergenti: segno negativo

38 La posizione dellimmagine che una lente fornisce può essere determinata: con la formula con la formula con un metodo grafico che utilizza le proprietà dei raggi che si rifrangono in una lente sottile con un metodo grafico che utilizza le proprietà dei raggi che si rifrangono in una lente sottile

39 Si utilizzano in particolare le proprietà di tre raggi rifratti: un raggio parallelo allasse ottico si rifrange passando per il fuoco; un raggio parallelo allasse ottico si rifrange passando per il fuoco; un raggio passante per il fuoco viene rifratto parallelamente allasse ottico un raggio passante per il fuoco viene rifratto parallelamente allasse ottico un raggio che passa per il centro di curvatura della lente non viene deviato un raggio che passa per il centro di curvatura della lente non viene deviato

40 Sfruttando queste proprietà, si possono ottenere diverse costruzioni grafiche di immagini Lente divergente qualunque sia la posizione delloggetto AB rispetto alla lente, limmagine AB è virtuale, diritta e rimpicciolita Lente convergente loggetto AB è posto a sinistra della lente fra il fuoco F e il suo centro C; limmagine AB che si forma si trova a sinistra della lente, è reale, capovolta e ingrandita

41 Si prenda in esame un punto oggetto qualsiasi: il raggio A passa per il centro della lente e non viene deviato il raggio A passa per il centro della lente e non viene deviato il raggio B giunge alla lente parallelo all'asse e passa poi per F1 il raggio B giunge alla lente parallelo all'asse e passa poi per F1 il raggio C passa per F2 ed esce dalla lente parallelo all'asse il raggio C passa per F2 ed esce dalla lente parallelo all'asse Questi tre raggi di luce si incontrano formando un punto- immagine L'immagine che si forma è capovolta

42 è definito come il rapporto tra le dimensioni lineari AB dellimmagine e quelle AB delloggetto: è definito come il rapporto tra le dimensioni lineari AB dellimmagine e quelle AB delloggetto: con semplici considerazioni geometriche è dimostrabile che: con semplici considerazioni geometriche è dimostrabile che:

43 Si deduce quindi che: se limmagine è capovolta se limmagine è capovolta se limmagine è diritta se limmagine è diritta

44 Modelli corpuscolare e ondulatorio a confronto Il fenomeno della rifrazione può essere spiegato per mezzo di due modelli: corpuscolare: che non fornisce, però risultati quantitativamente corretti corpuscolare: che non fornisce, però risultati quantitativamente corretti ondulatorio:che fornisce linterpretazione più corretta ondulatorio:che fornisce linterpretazione più corretta

45 Premessa La rifrazione è prodotta da una forza attrattiva F, agente sui corpuscoli di luce, diretta verso il mezzo più denso (più rifrangente).(Newton) e F hanno lo stesso verso e F hanno lo stesso verso F agisce lungo la normale, la velocità del corpuscolo in direzione tangenziale non cambia F agisce lungo la normale, la velocità del corpuscolo in direzione tangenziale non cambia

46 Il seno dellangolo acuto è una funzione crescente: Il seno dellangolo acuto è una funzione crescente: il raggio luminoso dovrà propagarsi con velocità maggiore nel mezzo più denso ( ) il raggio luminoso dovrà propagarsi con velocità maggiore nel mezzo più denso ( ) al passaggio nel mezzo denso, il raggio rifratto si avvicina alla normale ( ) al passaggio nel mezzo denso, il raggio rifratto si avvicina alla normale ( ) Viceversa, se ne allontana entrando nel mezzo più denso Viceversa, se ne allontana entrando nel mezzo più denso

47 Il modello corpuscolare prevede un aumento di velocità al passaggio in un mezzo più denso.

48 Modello Corpuscolare Quando un corpuscolo luminoso giunge al confine tra un mezzo e laltro, viene attratto dal più denso, incrementando la componente verticale della propria velocità. la velocità nel corpuscolo-luce nel mezzo più denso deve essere maggiore che in quello meno denso. la velocità nel corpuscolo-luce nel mezzo più denso deve essere maggiore che in quello meno denso.

49 La forza F agisce perpendicolarmente alla superficie di separazione producendo una variazione di velocità nella stessa direzione.

50 Modello Ondulatorio Con questo modello si poneva in evidenza come il passaggio dei fronti da un mezzo allaltro e il mutamento della direzione di questi con avvicinamento alla perpendicolare al piano di incidenza comportassero una diminuzione della velocità e non aumento. Da dimostrazione poi: quindi

51 I segmenti e sono percorsi nello stesso intervallo di tempo ma con velocità differenti, il che provoca la variazione della direzione del fronte donda.

52 Osservazioni Conclusive Insufficiente lanalisi della riflessione per sostenere un modello piuttosto che laltro Insufficiente lanalisi della riflessione per sostenere un modello piuttosto che laltro Contributo di Focault, a sostegno della teoria di Huygens Contributo di Focault, a sostegno della teoria di Huygens Diffrazione Diffrazione abbandono della teoria corpuscolare abbandono della teoria corpuscolare Einstein (premio Nobel) e gli studi sulla radiazione Einstein (premio Nobel) e gli studi sulla radiazione La luce esibisce talvolta carattere ondulatorio, talvolta carattere corpuscolare. La luce esibisce talvolta carattere ondulatorio, talvolta carattere corpuscolare. Sono aspetti complementari ed entrambi necessari per la descrizione completa dei fenomeni.

53 Grazie Grazie per lattenzione per lattenzione


Scaricare ppt "Relazione a cura di: Anelli Federica Chiodelli Giulia Faroni Luca Gagliardi Gabriele Giusti Irene Pozzari Marta Rigolli Chiara Seghezzi Paola."

Presentazioni simili


Annunci Google